If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La sfortunata spedizione del Regio Sommergibile “Giacinto Pullino” di Fabio Vitale

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MAR ADRIATICO
parole chiave: Nazario Sauro, smg. Pullino
.

Il 10 agosto di ogni anno ricorre l’anniversario della morte di Nazario Sauro, ufficiale della Regia Marina Militare italiana, patriota irredentista che, a seguito di una missione di guerra, fu catturato nel 1916 dagli austriaci, accusato di alto tradimento e quindi impiccato. Un grande patriota  che, come tante figure storiche non sempre è citato nei libri di storia.

figura 2

Nazario Sauro

In una visione solo italiana, sembra quasi che coloro che hanno dato la vita per il nostro Paese debbano essere condannati al silenzio, quasi che sentimenti come l’amore patrio ed il coraggio eroico (e non quello dei disperati) siano valori da cancellare. Sebbene in tempo di pace ci sia bisogno di professionisti e non di eroi, coloro che hanno sacrificato la loro vita per ideali puri, scevri da ogni interesse personale, devono essere posti come esempi di virtù per le nuove generazioni.

Questo bell’articolo di Fabio Vitale, storico della subacquea, raccontando anche le ultime ore di questo eroe dell’irredentismo italiano, con perizia e cura storica, riassume la storia della sfortunata missione del Regio Sommergibile Pullino, della sua tragica fine e del successivo complesso recupero, operato da due palombari italiani, Giacomo Varesco (o Varisco) e Francesco Culiat.  

Una notte oscura
Tutto ebbe inizio in una notte tra il 30 e il 31 luglio del 1916, una notte nera come la pece e per di più interessata da una bassa foschia conseguente ai piovaschi che ad intermittenza spesso interessavano quel tratto di mare antistante il golfo del Quarnaro. Questo rendeva la navigazione in superficie del sommergibile “Giacinto Pullino” estremamente difficile.
In torretta, il tenente di vascello Nazario Sauro, era spasmodicamente concentrato nel suo compito di ufficiale di rotta per guidare il sommergibile Pullino ed il suo equipaggio nel golfo del Quarnaro. Non era un caso. Nato in Istria da una famiglia italiana, Sauro divenne marinaio e a 20 anni era già ufficiale della Marina austro-ungarica e quindi un esperto conoscitore di quelle coste. Con l’entrata in guerra dell’Italia, Sauro si arruolò volontario nella Regia Marina, dove ottenne il grado di tenente di vascello di complemento. La missione del regio sommergibile prevedeva un’incursione bellica su Fiume ma la fortuna non gli arrise.

figura 3

Il Regio Sommergibile “Pullino” in navigazione

Il Regio Smg. Pullino era comandato dal tenente di vascello Ubaldo degli Uberti ed aveva un equipaggio di diciotto uomini. Poco dopo la mezzanotte, tra lo scoglio della Galiola e l’isola di Unie, il sommergibile urtò di prua una secca, proprio a sessanta metri dalla costa. Con il cuore in gola e la percezione di essere precipitati nel giro di un secondo in una situazione disperata, furono tentate tutte le manovre possibili ma il sommergibile non dette segno di disincaglio.

figura 4

Nazario Sauro qualche ora prima dell’esecuzione.

Alle prime luci dell’alba si decise di abbandonare il mezzo dopo averlo sabotato e aver distrutto i codici segreti di comunicazione. L’equipaggio sbarcò sul vicino faro, che ovviamente era spento a causa delle attività belliche, e requisì un barcone a vela dagli allibiti guardiani.

L’idea era di raggiungere le coste italiane per mettersi in salvo. Nel frattempo Nazario Sauro si allontanò da solo su un battellino, cercando di raggiungere l’Istria, la sola speranza concreta di salvarsi. Sapeva che se fosse stato catturato, essendo istriano per lui sarebbe stata la fine. Gli Austriaci consideravano infatti gli irredentisti istriani alla stregua di traditori. Purtroppo due siluranti austriache catturarono sia Nazario Sauro che il resto dell’equipaggio che fu poi imprigionato a Pola. Il resto della storia è noto. Nazario Sauro, riconosciuto come istriano, fu processato e condannato all’impiccagione per alto tradimento, il 10 agosto 1916, per aver indossato i panni del nemico.

Alla moglie Nina scrisse una straziante lettera che terminava dicendo:
Cara consorte, insegna ai nostri figli che il loro padre fu prima italiano, poi padre e poi uomo. Nazario.” parole che si commentano da sole. NDR

L’equipaggio del Sommergibile “Giacinto Pullino” viene fatto sbarcare sul molo carboni di Pola, dopo essere stato catturato dagli Austriaci in seguito all’incaglio del natante allo scoglio della Galiola. da https://archivioirredentista.wordpress.com

I tentativi di recupero del sommergibile
Gli Austriaci provarono a recuperare il sommergibile cercando di tirarlo dalla secca ma, per motivi mai chiariti, questo affondò durante i loro tentativi. In seguito, venne tentato un nuovo recupero, utilizzando un discreto numero di mezzi: due pontoni, due torpediniere, due siluranti, bettoline e barche appoggio palombari. A Venezia questi movimenti non sfuggirono al Comando Dipartimentale che decise di dare battaglia per ostacolare il recupero. Fu così dato ordine al regio sommergibile Argo di recarsi insidiosamente sul posto dove si stavano eseguendo i tentativi di recupero. L’ordine era di impegnare e cercare di affondare più mezzi possibili. L’attacco dell’Argo fu sicuramente temerario e dimostrò la sconfinata fiducia riposta in questo nuovo mezzo. In effetti, fu un’azione temeraria ma anche molto fortunato. Il suo attacco non produsse danni alle navi austriache, che furono mancate dai suoi siluri, ma la confusione che fece fu tale che gli Austriaci reputarono di essere attaccati da più sommergibili e ritennero prudente ritirare la squadra di recupero a Lussin piccolo.

Il recupero
Tredici anni dopo quella fatidica notte del 1916, rinvenendo i piani austriaci di recupero del “Pullino” negli archivi dell’arsenale di Pola, il generale Ferruccio Boscaro decise di organizzare una spedizione per il suo recupero che in quel periodo aveva un grande valore simbolico per l’Italia. Furono approntati i mezzi navali dalla piazzaforte di Pola e il 19 settembre del 1929 il convoglio si mise in navigazione per la Galiola.  Una volta raggiunto il luogo stimato dove doveva giacere il relitto, si immersero i palombari Giacomo Varesco (o Varisco) e Francesco Culiat. Il sommergibile si trovava su un fondale di 56 metri, una profondità allora ai limiti del possibile, e col senno del poi le operazioni d’individuazione del relitto non furono certo esenti da rischi. Una volta individuato si decise di imbracare il relitto a prua e a poppa. Culiat si immerse a poppa e cominciò il suo lavoro, durato un’ora e mezza, per l’imbragatura e il fissaggio dei cavi.

nazario-sauro-cartolina-commemorativa-del-recupero-del-sommergibile-pullino-gallola-quarnaro-pola-28-febbraio-1931-2 (1)

Bisogna dire che questo sistema di recupero poté funzionare perché il R. Smg. Pullino in immersione dislocava “solo” 405 tonnellate. Qualche decennio dopo, alla vigilia del successivo conflitto, le maggiori dimensioni dei sommergibili non poterono più prevedere il loro recupero a mezzo pontoni ma si dovettero approntare altri sistemi di salvataggio. Per ironia della sorte, come spesso accade nelle attività di recupero subacqueo, non appena fu raggiunto l’interno del porto di Pola, nel tentativo di far risalire il sommergibile fino alla quota di dieci metri e rendere così possibile l’immissione in uno dei bacini del Cantiere Scoglio Olivi, uno dei grossi cavi del pontone si spezzò e il sommergibile riaffondò su un fondale di trenta metri. Ci vollero altre ore di lavoro per i palombari Varesco e Culiat per poterlo riagganciare e portarlo quindi in secco in uno dei bacini di carenaggio. Una storia di palombari e di coraggio ancora poco conosciuta.

 

La torretta del regio sommergibile Pullino venne esposta come monumento nel cortile interno del Ginnasio-Liceo “Carlo Combi” di Capodistria che, per breve tempo, aveva annoverato Nazario Sauro tra i propri studenti. In seguito all’occupazione jugoslava dell’Istria, al termine della Seconda Guerra Mondiale, il 7 settembre 1952, il basamento del monumento fu smantellato dagli Slavi e la torretta portata in fonderia.

.

vitale fabioFabio Vitale
Storico della subacquea

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 427 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share