If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un allarme dallo spazio: l’innalzamento dei mari potrebbe cancellare le prime grandi città asiatiche entro il 2050

livello medio
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: SRTM, DEM

Secondo uno studio pubblicato sulla rivista Nature, l’aumento del livello dei mari potrebbe interessare entro il 2050 molte più regioni di quanto calcolato precedentemente, minacciando di cancellare alcune delle più grandi città asiatiche costiere.
.

.
Grazie alla possibilità di calcolare in maniera più accurata l’elevazione del suolo tramite i satelliti, è stato scoperto che le misure per stimare gli effetti dell’innalzamento del livello del mare erano state troppo ottimistiche. Per quanto sopra è stato stimato che circa 150 milioni di persone vivono in regioni che saranno al di sotto della linea di alta marea entro la metà del secolo.

Facciamo un passo indietro 
Prima del 2009 un’impresa internazionale, detta Shuttle Radar Topography Mission (SRTM) creò un modello digitale di elevazione (DEM) su una scala quasi globale, dai 56 °S ai 60 °N, per generare un database topografico digitale ad alta risoluzione.

La Shuttle Radar Topography Mission era un progetto internazionale guidato dalla U.S. National Geospatial-Intelligence Agency (NGA) e dalla U.S. National Aeronautics and Space Administration (NASA). Si avvaleva di un sistema radar modificato installato a bordo dello Space Shuttle Endeavour durante gli undici giorni della missione STS-99 del febbraio 2000. I dati topografici di elevazione erano ottenuti grazie a due antenne radar: la prima posizionata nello spazio di carico dello Shuttle, l’altra alla fine di un braccio di 60 metri che si estendeva dallo Shuttle nello spazio.

La tecnica impiegata era conosciuta come Interferometric Synthetic Aperture Radar.

.
I modelli di elevazione ricavati dai dati dello SRTM vengono ancor oggi usati dai Geographic information system (GIS). Possono essere liberamente scaricati tramite internet ed il loro formato di file è supportato da parecchi programmi software.

Vediamo ora di comprendere che cos’è un modello digitale di elevazione
Un modello digitale di elevazione, noto come DEM dall’inglese Digital Elevation Model,  è la rappresentazione della distribuzione delle quote di un territorio, o di un’altra superficie, in formato digitale.
.

dati LIDAR convertiti in DEM

.
Il modello digitale di elevazione viene in genere prodotto in formato raster associando a ciascun pixel l’attributo relativo alla quota assoluta. I modelli più raffinati sono in genere realizzati attraverso tecniche di telerilevamento che prevedono l’elaborazione di dati acquisiti attraverso un sensore montato su un satellite, un aeromobile (LIDAR) o una stazione a terra.

Le immagini raster sono descritte da un array o da una mappa di bit all’interno di una griglia rettangolare di pixel o punti. Nel campo dei Sistemi informativi territoriali o GIS (Geographical Information System), la locuzione è usata per indicare la tipologia di dato che viene impiegata nella loro rappresentazione cartografica digitale. Con i dati raster il territorio viene riprodotto attraverso una matrice di pixel di forma quadrata o rettangolare. A ciascun pixel è associato un attributo che definisce le caratteristiche dell’elemento rappresentato. Ad esempio in un modello digitale di elevazione a ciascun pixel è associato il valore della quota sul livello del mare in quel punto. La dimensione dei pixel è inversamente proporzionale alla precisione della carta.


Un aiuto per valutare gli effetti dei cambiamenti climatici

Gli scienziati erano a conoscenza che la distorsione verticale positiva nei dati di elevazione derivati dalla Shuttle Radar Topography Mission (SRTM) della NASA poteva causare in determinate aeree una sostanziale sottovalutazione dei rischi di alluvione costiera. Con il metodo CoastalDEM è stata utilizzata una rete neurale artificiale per eseguire l’analisi di regressione dell’errore verticale. Usando dati LIDAR, come verità di base, è stata corretta la rete neurale su campioni di dati statunitensi da 1 a 20 metri di altitudine secondo SRTM, valutando i risultati con ampi set di test effettuati negli Stati Uniti e in Australia.

LIDAR (acronimo dall’inglese Light Detection and Ranging o Laser Imaging Detection and Ranging) è una tecnica di telerilevamento che permette di determinare la distanza di un oggetto o di una superficie utilizzando un impulso laser.

Utilizzando il CoastalDEM si è stimato che un totale di 110 milioni di persone vivono oggigiorno al di sotto del livello di alta marea e 250 milioni in aree che potrebbero allagarsi annualmente, valori estremamente preoccupanti che smentiscono le stime precedenti di 28  e 65 milioni.

Superfici di inondazione permanenti previste da CoastalDEM e SRTM in base alla proiezione mediana 2100 a livello del mare. Le località includono (a) il Pearl River Delta, in Cina; (b) Bangladesh; (c) Jakarta, Indonesia; e (d) Bangkok, Tailandia. Le aree basse isolate dall’oceano vengono rimosse dalla superficie di inondazione mediante l’analisi dei componenti collegati. I corpi idrici attuali derivano dal set di dati del corpo idrico SRTM. Le aree grigie rappresentano la terra ferma. Le etichette degli assi indicano latitudine e longitudine – dallo studio citato

.
Ma a cosa è dovuta questa differenza di stime?

Le misure standard di elevazione che si ricavano dai satelliti fanno fatica a differenziare il vero livello del suolo dalle cime di alberi o edifici, per cui si è dovuto ricorrere all’intelligenza artificiale per determinare il tasso di errore e correggerlo. Molte le regioni che saranno colpite dall’innalzamento dei mari. Ad esempio, il Vietnam dove è emerso che gran parte di Ho Chi Minh City, centro economico della nazione, è destinato a scomparire. Le proiezioni non tengono conto della futura crescita della popolazione o della terra persa a causa dell’erosione costiera. Il sud del Vietnam potrebbe quasi scomparire e più di 20 milioni di persone, quasi un quarto della popolazione, vivono attualmente in terreni che saranno inondati.
.

CoastalDEM contro SRTM per paese. Ogni punto rappresenta un paese e la sua posizione corrisponde alla popolazione attuale totale stimata sulla terra al di sotto del livello medio dell’acqua più alto previsto nel 2100  usando CoastalDEM (asse y) rispetto a SRTM (asse x). Il valore globale totale è designato con il punto rosso. Differenze molto grandi in genere indicano ampie aree pianeggianti collegate idrologicamente all’oceano sotto CoastalDEM, ma non sui dati SRTM. da studio citato

.
In Tailandia, oltre il 10 percento dei cittadini vive attualmente su terreni che probabilmente saranno inondati entro il 2050, rispetto all’un percento secondo la tecnica precedente. La capitale politica e commerciale, Bangkok, è un’area particolarmente in pericolo. Stessa cosa vale per l’India. Le nuove proiezioni suggeriscono che gran parte di Mumbai, capitale finanziaria ed una delle più grandi città del mondo, è a rischio di essere spazzata via dal mare. In particolare, il suo centro storico è particolarmente vulnerabile essendo stato costruito su una serie di isole. In Cina a Shanghai, uno dei motori economici più importanti dell’Asia, le inondazioni minacceranno il cuore della città e molte altri agglomerati urbani circostanti. Secondo Marco Anzidei, senior researcher presso l’Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia, nei prossimi 80 anni nella laguna veneta si potranno raggiungere 82 cm di livello medio marino più alto di oggi con massimi di oltre un metro. Se si aggiunge un livello di marea come quello avvenuto nel novembre 2019 ci sarà un mare più alto di oltre 2.2 metri.

Ma questo che cosa comporterà?
Come abbiamo premesso, i nuovi dati mostrano che centinaia di milioni di persone vivono già in luoghi che si trovano al di sotto della linea di alta marea. Queste aree sono protette da dighe ed altre barriere che potrebbero non essere sufficienti nei prossimi anni. Sebbene le grandi aree metropolitane dovranno investire rapidamente grandi somme, per creare barriere idonee al contenimento dell’innalzamento dei mari, dovremo comunque considerare che queste misure difensive non potranno essere risolutive ma solo mitigare il problema. Benjamin Strauss, uno degli autori dello studio, ha offerto nello studio l’esempio di New Orleans, una città sotto il livello del mare che è stata devastata nel 2005 quando i suoi ampi argini e protezioni fallirono durante l’uragano Katrina. 
.

New Orleans dopo il passaggio dell’Uragano Katrina

.
I fenomeni migratori conseguenti all’innalzamento dei mari potrebbero innescare, o aggravare, i conflitti regionali, creando di conseguenza delle spinte di pressione demografiche che potrebbero non essere sostenibili per i Paesi vicini. Per capirci non si tratterebbe di contenere un centinaio di migranti economici ma milioni, senza una casa e affamati … anche perché i campi saranno inesorabilmente allagati e non più coltivabili.

In altre parole, l’avanzamento delle acque comporterà la perdita di centri abitati e la distruzione irreversibile delle economie locali, favorendo lo sviluppo di instabilità sociale e politica nelle regioni colpite, fenomeno che da un lato potrebbe innescare conflitti armati, aumentando la probabilità del terrorismo, dall’altro la generazione di epidemie difficilmente contenibili.

Non si tratta quindi solo di un problema ambientale ma anche umanitario, di sicurezza e sanitario. Vale la pena di pensarci troppo?

Andrea Mucedola

 

Riferimento
Kulp, S.A., Strauss, B.H. New elevation data triple estimates of global vulnerability to sea-level rise and coastal flooding. Nat Commun 10, 4844 (2019) doi:10.1038/s41467-019-12808-z

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 104 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share