If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Surfing the waves: la storia del surf

livello elementare
.
ARGOMENTO: CONOSCERE IL MARE
PERIODO: NA
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: surf

Le immagini dei cavalieri delle onde fanno sempre sognare. Uno sport ma anche una filosofia di vita che si perde nei millenni, in una cultura lontana che unisce forse come nessuna l’Uomo alla natura.

La pratica del surf, conosciuta come heʻe ʻana in lingua hawaiana, fu riportata nel diario di bordo della HMS Endeavour da Joseph Banks durante la sosta a Tahiti. Banks era estremamente curioso ed annotava, disegnando tutto ciò che osservava, gli usi e costumi degli indigeni. Il diario di bordo della spedizione è ancora oggi uno dei manoscritti più significativi per comprendere quel viaggio ai confini del mondo effettuato dal Capitano James Cook dal 1768 al 1771.

HMS Endeavour. Joseph Banks nella prima spedizione di Cook riportò numerose informazioni sui costumi dei popoli che incontravano tra le isole.

Niente di meglio che leggere direttamente le pagine in cui Banks raccontò le spericolatezze degli indigeni sulle onde cavalcando delle tavole di legno che a lui sembrarono vecchie canoe. 

Era il 29 maggio 1769 … Banks scrisse sul diario di bordo:
in our return to the boat we saw the Indians amuse or excercise themselves in a manner truly surprizing. It was in a place where the shore was not guarded by a reef as is usualy the case, consequently a high surf fell upon the shore, a more deadfull one I have not often seen: no European boat could have landed in it and I think no Europaean who had by any means got into [it] could possibly have saved his life, as the shore was covered with pebbles and large stones. In the midst of these breakers 10 or 12 Indians were swimming who whenever a surf broke near them dived under it with infinite ease, rising up on the other side;

but their chief amusement was carried on by the stern of an old canoe, with this before them they swam out as far as the outermost breach, then one or two would get into it and opposing the blunt end to the breaking wave were hurried in with incredible swiftness. Sometimes they were carried almost ashore but generaly the wave broke over them before they were half way, in which case the[y] dived and quickly rose on the other side with the canoe in their hands, which was towd out again and the same method repeated.

We stood admiring this very wonderfull scene for full half an hour, in which time no one of the actors attempted to come ashore but all seemed most highly entertained with their strange diversion.

Un gioco che aveva qualcosa di mistico. Un sfida al grande oceano di quei popoli che erano in grado di muoversi su lunghe distanze su piccole canoe seguendo il sorgere  e il tramonto delle stelle. Co il senno del poi, la percezione di Banks fu esatta. Il surf era parte centrale dell’antica cultura polinesiana, ancora precedente all’arrivo di Cook. Il capo villaggio (Ali’i) era tradizionalmente il surfista, diremmo oggi, più abile della comunità, e possedeva la migliore tavola fatta con il miglior legno. Era un’attività di nicchia perché solo la classe dirigente aveva le migliori spiagge e le migliori tavole, mentre gli altri indigeni non vi erano nemmeno ammessi.

Ma la capacità di surfare dava la possibilità ai membri della tribù di crescere socialmente. I migliori potevano ottenere prestigio dalla loro capacità di cavalcare le onde e assurgere a livelli sociali superiori. A Tahiti e Samoa il surf era un passatempo popolare che veniva spesso usato anche come parte dell’addestramento dei guerrieri. Invece alle Hawai’i assunse un ruolo spirituale e si radicò nel tessuto stesso della religione e della cultura locale. Questa attività era comune in tutto il Pacifico dalle Samoa fino a Tonga.

Ma dove ebbe origine?
E’ noto che la pratica di cavalcare una tavola sull’onda fu praticata anche dalla civiltà pre-inca (cultura Mochica/Moche) circa 2000 anni fa e continuò nella cultura Chimu. Queste piccole imbarcazioni venivano utilizzate dal popolo Mochica ed erano chiamate “Caballitos de Totora“. Sebbene i Mochica li usassero anche per scopi di pesca, è anche possibile che fossero usati per divertimento, come sembra da alcune scoperte archeologiche.

Caballitos de Totora

Ancora oggi i Caballitos de Totora sono utilizzati dai pescatori locali. La civiltà dei Mochica-Chimu usava però una specie di pagaia per spostarsi quindi il Caballito de Totora, sotto un certo aspetto, si collocava tra un surf e lo stand-up paddle boarding. Come abbiamo accennato, gli antichi hawaiani non consideravano il surf una semplice attività ricreativa, come viene vista oggi, e lo avevano integrato nella propria cultura considerandolo a tutti gli effetti una forma artistica e mistica. Si riferivano a questa capacità come lui`e nalu che può essere tradotto come “onda scorrevole“. Gli Hawaiani pregavano gli dei per avere protezione e forza per intraprendere i viaggi nel potente oceano. Per ingraziarsi gli dei i surfisti facevano appello al kahuna (sacerdote) che li aiutava con una preghiera. Prima di entrare nell’oceano, il sacerdote aiutava i surfisti (principalmente della classe superiore) in una cerimonia spirituale che precedeva la costruzione della tavola da surf.

.Gli Hawaiani selezionavano quindi con cura tre tipi di alberi: il koa (Acacia koa), lʻulu (Artocarpus altilis) e il wiliwili (Erythrina sandwicensis). Una volta selezionato il legno più adatto, il surfista avrebbe scavato l’albero e posto un pesce in una buca come offerta agli dei. Alcuni artigiani selezionati della comunità avevano il compito di lavorare il legno, colorare e preparare la tavola per il surfista.

La tradizione descrive tre forme primarie di tavola: ʻolo, kikoʻo e alaia. Lʻolo era una tavola spessa nel mezzo che si assottigliava gradualmente verso i bordi. Il kikoʻo aveva una grande lunghezza da 370 a 550 cm e richiedeva una grande abilità di manovra per surfare fra le onde. La tavola alaia aveva invece dimensioni minori (circa 275 cm) ma non era meno complessa da manovrare.

Dopo il primo contatto con il mondo occidentale, la cultura hawaiana fu costretta a cambiare. Gli Europei erano ossessionati dall’esplorazione e dalla colonizzazione del Pacifico e definirono le isole come macchioline di terra in un mare lontano. Il loro apporto fu drammatico: diffusero le malattie occidentali e li colonizzarono in malo modo, distruggendo gran parte della loro cultura indigena. Furono costruite le piantagioni e iniziò l’immigrazione forzata di altri popoli per potervi lavorare. Gli Hawaiani, mescolati con lavoratori provenienti dall’Asia, furono messi al lavoro nelle piantagioni di zucchero e i missionari protestanti tentarono di eradicare le loro credenze tradizionali. Insieme alla soppressione della cultura tradizionale vi fu anche quella del surf, spesso vista dai missionari come un’attività frivola, a volte oscena. In breve, solo pochi Hawaiani riuscirono a conservare  i costumi dei loro antenati.

All’inizio del ventesimo secolo il surf fu riscoperto da un uomo con un nome decisamente particolare, “Duke Paoa Kahinu Mokoe Hulikohola Kahanamoku“, chiamato più semplicemente Duke che oggi è riconosciuto come il capostipite del surf moderno.

Duke era un bagnino sulla spiaggia di Waikiki, vincitore olimpico di nuoto, beach boy e surfista su quella spiaggia che divenne presto una ricercata destinazione turistica dove l’antica arte del surf iniziò a rinascere in popolarità. I turisti americani videro i locali fare surf ed incuriositi vollero provare quello strano sport. Sembra che nel 1866 ci provò anche lo scrittore Mark Twain, anche se con scarsi risultati. Jack London lo provò durante la sua visita a Waikiki, e in seguito scrisse con entusiasmo un saggio intitolato “A Royal Sport” che fu pubblicato nell’ottobre 1907. Nel 1908 Alexander Hume Ford fondò l’Outrigger Canoe e il Surfing Club, la prima organizzazione moderna sviluppata per promuovere il surf. Questa attività era inizialmente solo per gli uomini bianchi e le donne non furono ammesse fino al 1926. Gli hawaiani locali fondarono un loro club nel 1911, chiamato Hui Nalu, che significa il club delle onde.

Quando le notizie di questo nuovo sport iniziarono a diffondersi, i locali di Waikiki iniziarono a tenere lezioni e dimostrazioni per i turisti. Questa era la base dei Waikiki Beach Boys, hawaiani per lo più nativi che frequentavano la spiaggia, facevano surf ogni giorno e insegnavano ai ricchi turisti della costa come cavalcare le onde. Waikiki era anche conosciuta come terra di confine delle Hawaii, un luogo in cui convergevano le differenze e le norme sociali diventavano spesso fluide. Un ambiente rilassato, quasi uno stile di vita che aveva il suo centro di gravità intorno alla spiaggia.

.
I gruppi di surfisti alle Hawaii, e in seguito in Australia, California e Sudafrica, gettarono le basi per la moderna cultura del surf in tutto il mondo. Chi lo pratica afferma di non poter descrivere la sensazione incredibile di scivolare in equilibrio su una tavola lungo una parete d’acqua, diventando un tutt’uno con la forza della natura. Tutto il resto non conta … Che dire se non Aloha.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 142 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share