If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La storia del pirata Black Sam Bellamy di Aaronne Colagrossi

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: pirateria

 

La sua carriera durò pochissimo, era conosciuto come una sorta di Robin Hood dei mari, dalla figura alta, forte, con una folta capigliatura nera (da cui Black Sam), amante dei vestiti e della democrazia a bordo. Ma era anche un ottimo tattico, persino con due navi al comando, catturando ben cinquantatré navi ma trattando sempre con grande rispetto i comandanti vinti e gli equipaggi.

ritratto di Mary Hallet, che venne poi chiamata la strega di Wellfleet

Ma chi era Black Sam Bellamy?
Ultimo di sei figli, Samuel Bellamy viene alla luce il 23 febbraio 1689 nella regione inglese del Devon; la madre muore di parto. Il ragazzo entra giovanissimo tra le file della Royal Navy e combatte in molteplici battaglie. Nell’anno 1715 il futuro Black Sam giunge nel Nuovo Mondo, nel Massachusetts, dove si innamora di una bella ragazza, Maria Hallet.

Intorno a questa ragazza circolano varie storie, la cui veridicità è dubbia. Il nome pare fosse Maria e pare avesse sedici anni, ma altri riportano che fosse molto più grande di età, addirittura già sposata. Comunque andarono le cose, agli inizi del 1716 Sam Bellamy lascia il Massachusetts e si reca in Florida con un gruppo di avventurieri per cercare i tesori di un galeone spagnolo affondato l’anno precedente, ma senza successo tuttavia; viaggia con un tale di nome Pelsgraves Williams, un filibustiere. Nel frattempo Maria Hallet risulta incinta di Sam e da alla luce il piccolo in un fienile, ma il bambino muore in circostanze non ben chiare e  la Hallet viene imprigionata per omicidio ed esiliata.

Le prime azioni 
Sam non demorde e si unisce con Williams alla ciurma del pirata inglese Benjamin Hornigold sulla Marinne. Hornigold tuttavia è restio ad attaccare navi battenti bandiera inglese, se vogliamo per un senso patriottico, e viene deposto dal comando della Marianne a seguito di una votazione tra i membri. Il pirata e i suoi seguaci, tra cui il futuro Edward Teach “Barbanera“, decidono quindi di lasciare la nave.

Sam Bellamy, dopo regolare elezione da parte dei novanta uomini di equipaggio, prende il comando della Marianne. L’abominevole democrazia dei pirati (come la definiscono in Europa) ha fatto ancora una volta il suo corso. Bellamy cattura un’altra nave, la Sultana, facendola diventare l’ammiraglia della sua piccola flotta, il comando della Marianne passa invece a Pelsgraves Williams ed i due pirati cominciano a solcare le acque oceaniche, come squali in cerca di prede. Nei primi mesi del 1717 un altro pirata lascia la flotta di Bellamy, si tratta del francese Olivier Levasseur, detto La buse (La poiana), per intraprendere una carriera diversa.

La Whydah

Nella primavera del 1717 Black Sam avvista nel Canale Sopravvento (Windward Passage, tra Cuba e Hispaniola), la Whydah Gally. La nave è comandata da Lawrence Prince, un ex pirata olandese che in passato aveva servito con Henry Morgan. Prince, ormai ritiratosi dalla filibusta, ha un contratto di comando per trasportare la nave, il suo tesoro e 367 schiavi africani dal Regno di Whydah (attuale Benin) sino in Giamaica, attraverso l’oceano Atlantico.

Black Sam Bellamy insegue la Whydah per ben tre giorni, infine Prince si arrende ammainando la sua bandiera. Bellamy non gli torce un capello, anzi gli da la Sultana e gli permette di rientrare in Inghilterra. Bellamy si rende conto che le stive della nave appena catturata sono ricchissime: oro, indaco, corteccia di cinchona (un rimedio per la malaria), avorio e altri beni preziosi. Il pirata decide di apportare delle modifiche alla Whydah; la nave pesa trecento tonnellate, è lunga 31 metri ed è armata con diciotto cannoni; Sam Bellamy rimuove una sezione della nave e monta altri dieci cannoni. 

Due mesi pieni di attività
Due mesi dopo la cattura della ricca Whydah, Bellamy e Williams decidono di rientrare a Boston. Lungo le coste del Maine catturano altri piccoli vascelli, poi continuano la rotta per Boston. Williams vorrebbe fare una sosta a Rhode Island, per una visita alla famiglia ma Bellamy vuole andare da Maria Hallet a Boston. Black Sam Bellamy non ci arriverà mai! Il 26 aprile del 1717 la nave del giovane pirata s’inabissa nelle acque di Cape Cod, a causa di una tempesta molto violenta; in un anno di scorrerie e arrembaggi il capitano e la sua ciurma di vagabondi hanno accumulato una fortuna paragonabile a centoventi milioni di dollari di oggi.

Argento recuperato dal relitto

 

Una fine misteriosa e drammatica
Black Sam e i suoi uomini sono diretti a Boston per quello che forse è un ritiro definitivo dal mondo crudele della pirateria, ma la grande nave non arriverà mai a destinazione. Quindici minuti dopo la mezzanotte gli alberi si spezzano, facendo capovolgere la Whydah. Su 145 uomini di equipaggio, 143 perdono la vita, di questi 103 vengono recuperati sulle spiagge dagli abitanti e ricevono degna sepoltura in un luogo sconosciuto, scoperto solo nel 2018. Anche la Marianne affonda quella notte, si salvano solo sette marinai. Dei nove membri superstiti, sei verranno impiccati per pirateria a Boston, uno verrà ridotto in schiavitù e due saranno lasciati liberi perché giudicati lavoratori senza colpe.

Processo ai superstiti

Sulle ragioni della sua fine nacquero molte leggende e superstizioni come quella che vuole Mary Hallet responsabile del naufragio. In quella notte di tregenda, con venti tempestosi, lampi e tuoni, gli abitanti del villaggio dissero di averla vista in piedi sulle scogliere, agitando le mani e lanciando una maledizione contro Sam che combatteva impotente la tempesta. In questo articolo potrete trovare altri particolari.

C’era una volta un pirata…
Veniamo ai nostri giorni. Nel 1984 Black Sam Bellamy torna ancora a far parlare di sé.  L’esploratore Barry Clifford annuncia di aver scoperto il relitto della Whydah e parte del suo tesoro, tra cui 180 sacchi da 23 chilogrammi di sterline britanniche, oltre a oro e avorio. Insomma: un vero tesoro dei pirati. Il relitto giace in soli 4.3 metri d’acqua lungo la costa, in un banco di sabbia. Nel 1985 Clifford ritrova la campana della nave, segno inequivocabile della Whydah. L’incisione infatti riporta “The Whydah Gally 1716“. Viene fondato un museo e la Whydah torna ai fasti di un tempo grazie alle scoperte di archeologia marina che la coinvolgono.

La campana della Whydah Gally – 1716

 

Ma che fine ha fatto Black Sam?
Nel 2018 viene scoperta una fossa comune a due passi dal sito del relitto, sono passati 301 anni dopo quella tragica notte. Le ossa hanno subito processi diagenetici con i sedimenti circostanti di sabbia fine e conglomerati marini su una scarpata. Un corpo in particolare è stato preso in analisi dai ricercatori, anzi … un femore. I dati del DNA sono stati confrontati con un parente di Bellamy vivente nel Devon, arrivato con tanto di documento che ne attesta la parentela con la madre del pirata. Ma il risultato è stato negativo; il femore analizzato appartiene a un uomo di razza asiatica, cosa non rara in quanto era cosa comune la multietnicità degli equipaggi pirata e quello di Black Sam Bellamy non era da meno.

Resti della fossa comune fusi con sabbia e conglomerati

 

Le ricerche nella fossa comune continuano e gli archeologi stanno facendo analizzare molte ossa che hanno confermato la morte violenta dei marinai. Nella fossa sono state ritrovate anche armi, tra cui una pistola ricca di decorazioni che potrebbe essere appartenuta a Black Sam in persona. Sarà la sua? La ricerca continua.

 

Aaronne Colagrossi
Scopri la mia trilogia di romanzi sui pirati su www.colagrossiromanzi.it
Guarda la presentazione della mia trilogia

 

 

Fonti articolo: Wikipedia, The Telegraph, Vanillamagazine

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 105 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share