If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Elementi di malacologia di Pamela Baiocchi – parte I – da Nautilus

conchiglie,-pietre-199321

Generalità
La malacologia è la branca della Zoologia che studia i molluschi; la differenziazione degli esemplari si basa, mediamente, attraverso l’osservazione dei carapaci e delle parti molli. La branca della malacologia che si occupa delle sole conchiglie si definisce invece Concologia. 

Quando i caratteri esterni dei molluschi, soprattutto quelli conchigliari, non sono sufficienti alla loro determinazione, gli studiosi di malacologia devono servirsi dell’indagine microscopica. La determinazione avviene mediante l’osservazione al microscopio del loro apparato riproduttivo e dell’apparato masticatorio. Con il termine conchiglie si definiscono generalmente gli “scheletri” dei molluschi (per l’esattezza gli esoscheletri).

Da un punto di vista tassonomico, i  Molluschi appartengono al Regno Animale e si dividono in cinque classi principali:

 POLIPLACOFORI               

 
GASTEROPODI

gasteropodi

BIVALVI


SCAFOPODI   

 CEFALOPODI

seppia-

Iniziamo la nostra descrizione dei molluschi con una classe non molto attraente :

POLIPLACOFORI
I molluschi  di questa classe hanno la conchiglia  formata da piastre articolate e collegate lungo i bordi dal perinoto, che altro non e che una piegatura del mantello. Difficile reperire esemplari spiaggiati di questa  classe dato che con la morte del mollusco questo si sfalda in placche che possono essere osservate tra il detrito.

La specie più comune nel Mar Mediterraneo e’ il Chitone Olivaceus Spengler, 1797, che vive attaccato alle pietre anche nella zona di marea. Quante volte lo avete visto senza sapere che si trattava di un … mollusco.

GASTEROPODI

La parola gasteropodo deriva dal greco gastèr, stomaco, e podòs, piede, per indicare gli animali che si spostano sul fondo del mare strisciando sul proprio … stomaco (come le comuni lumache terrestri). Precedentemente erano anche indicati col nome di univalvi, per differenziarli dai bivalvi. La conchiglia degli appartenenti a questa classe può essere interna quanta esterna all’animale ed è formata da un unico pezzo. Vivono sia in acque dolci che in quelle salate e salmastre e sono quindi animali marini o terrestri.
Sulle spiagge sono facilmente reperibili nel detrito o fra le sabbie, in particolari quelli che che vivono in gruppi molto numerosi.

Tra i più comuni la Aporrhais  pespelecani (Linnea, 1758), che e’ nota anche come Aporrhais pespelecani 001.JPG“piede di pellicano” caratterizzata da una conchiglia che misura dai 3 ai 5 cm dalla caratteristica forma con espansioni a piede palmato. Gli esemplari giovani presentano un labbro dritto e tagliente. La sua colorazione varia dal bruno chiaro alle tonalità di giallo. È una specie molto comune nelle acque fredde e temperate del Mediterraneo e dell’Atlantico nord orientale e vive nei fondali sabbiosi e fangosi del piano infra-litorale. Un’altra conchiglia molto comune e’ la Turritella.

Turritella communis Risso 1826

Una conchiglia facilmente riconoscibile per la sua forma estremamente slanciata ed a punta che si avvolge elegantemente intorno ad un asse. I “giri” hanno una sezione tondeggiante, la sua base è convessa e la struttura appare piuttosto marcata. La scultura della conchiglia è formata da diverse spirali sottili e continue intersecate da leggerissime strie di accrescimento. Il colore varia dal bruno chiaro al rosato. Lungo le spiagge sabbiose si ritrovano esemplari della Neverita josephiniae.

Si tratta di un  mollusco caratterizzato da una conchiglia di 20–35 mm, a forma naticoide, con una spira poco elevata ed una base ampia dove l’ombelico è quasi del tutto coperto da un grosso e vistoso callo di colore bruno.

Neverita josephinia 001.JPG

Neverita josephiniae Risso, 1826

L’opercolo è corneo e viene ruotato all’indietro di 180° verso la conchiglia quando l’animale esce dal guscio. Il mollusco è caratterizzato da un colore bianco limpido con un piede circolare piuttosto grande che si estende anche superiormente a ricoprire quasi interamente il guscio. La parte frontale dell’animale presenta due piccoli tentacoli (o antenne), non necessariamente sempre estro-flessi.

Tradizionalmente i gasteropodi vengono suddivisi in quattro  sottoclassi:

Prosobranchi
Sono gasteropodi dotati di branchie che sono situate nella parte anteriore del corpo. Hanno conchiglie a forma di spirale (spiralate) e mostrano una torsione del sacco dei visceri con spostamento della cavità palleale in avanti. Quasi tutti i prosobranchi possiedono la radula, un organo retrattile tipico dei molluschi usato per la rimozione del cibo dal fondale. Si tratta di un nastro chitinoso, ricoperto da varie file di dentelli duri e ricurvi che poggia su una base cartilaginea. Quest’organo, e’ presente nelle chiocciole, nelle patelle, nei nudibranchi e nei molluschi come i calamari dove viene utilizzato per fare a pezzi la preda prima che raggiunga l’esofago. La radula ha una grande importanza per l’identificazione delle varie specie, essendo molto diversificata, e fuoriesce dalla cavità buccale del mollusco per raschiare il substrato, staccando piccole particelle organiche che vengono poi ingerite e digerite.

File:Prosobranchia varios 004.jpg

Opisthobranchi
sono  gasteropodi dotati di branchie situate nella parte posteriore del corpo. Tra di essi i bellissimi nudibranchi e le Aplysie (lepri di mare). Gli opistobranchi sono ermafroditi e la fecondazione avviene anche simultaneamente tra individui diversi; le uova vengono deposte in caratteristiche ovature a spirale che possono essere comunemente osservate sul fondo. Una volta schiuse, i giovani opistobranchi sono muniti di conchiglia (veliger) e, dopo aver condotto una breve vita planctonica, passano a quella bentonica, perdendo la conchiglia o facendola regredire. La conchiglia è ridotta oppure è interna o addirittura assente (quando presente è spiralata ed opercolata) e manca il sifone. L’assenza totale della conchiglia deriva dal fatto che negli Opistobranchi il mantello è regredito e la cavità palleale è scomparsa. I Molluschi Opistobranchi sono molto  studiati perché produttori di numerosi metaboliti secondari e sostanze repellenti usate a scopo difensivo che interessano  la ricerca biomedica. Sono noti resti fossili di opistobranchi di 300 milioni di anni.

Polmonati
sono forse l’ordine di gasteropodi più famoso; i più comuni sono le chiocciole terrestri ma vi sono forme legate esclusivamente all’ambiente marino come alcune patelle polmonate.
Possono avere un aspetto simile agli acquatici prosobranchi, ma essendosi adattati principalmente alla vita terrestre presentano numerose differenziazioni. Hanno un paio di occhi, alla base dei tentacoli sul capo, oppure possono avere occhi all’estremità di una ulteriore coppia di tentacoli. La cavità palleale (lo spazio interno che si trova tra il pallio e la conchiglia) viene a scomparire ed al suo posto si origina una struttura fortemente vascolarizzata (polmone) regolata da una porzione muscolare detta pneumostoma. La loro conchiglia è priva di opercolo che viene sostituito da secrezioni mucose.

Gymnomorpha,
sono gasteropodi non in possesso di conchiglia. Si tratta di circa 300 specie terrestri e marini tipicamente ermafroditi di dubbia collocazione tassonomica in quanto i ricercatori li considerano appartenenti sia al phylum dei Platelminti oppure facenti parte dei Pulmonata, mentre altri  li ritengono una sottoclasse a se stante degli  Opistobranchi.

p054_1_00L’aspetto di questi animali è riconducibile a due tipi fondamentali:
1) organismi allungati simili a vermi rivestiti di spicole calcaree che misurano pochi millimetri e che assomigliano molto ai turbellari, con cui un tempo erano classificati
2) organismi appiattiti e verrucosi che misurano da pochi mm a 1-2 cm.

I Gymnomorfi hanno un’organizzazione corporea molto semplice dato che sono sprovvisti di conchiglia, opercolo, branchie e cavità nel mantello per cui, per l’assunzione di ossigeno, si servono di cavità respiratorie secondarie che si formano nella parte posteriore del loro corpo; alcune specie sono anche dotate di antenne antero-cefaliche, che portano occhi rudimentali in posizione apicale.
I Gymnomorfi marini vivono perlopiù fra le alghe, che raschiano con l’apparato radulare e nei fondali algo-detritici e sabbiosi, dalla battigia sino a notevoli profondità; varie specie sono però predatrici e utilizzano la radula per colpire e uccidere le piccole prede di cui si cibano, che in genere fanno parte dello psammon.

BIVALVI
I bivalvi, detti anche lamellibranchi, comprendono circa tredicimila specie per lo più marine. Essi presentano un guscio con due valve laterali, in genere simmetriche, unite da una cerniera mobile interna alla valva e dai legamenti. 

cuore-edule-02
Le valve si chiudono per azione di uno o due muscoli adduttori. Questi ultimi sono formati da fasci muscolari lisci e striati in grado di muovere le valve velocemente e permette a queste di rimanere serrate per lungo tempo senza grande dispendio energetico. La mobilità degli adulti è limitatissima e presentano adattamenti alla vita sedentaria bentonica con un piede non adatto alla locomozione, ma, in alcune specie che vivono semisepolte nel sedimento marino, viene usato per scavare. La morfologia del piede, la muscolatura e la pressione dell’emolinfa coadiuvano l’inserimento dell’animale nella sabbia.

Alcuni bivalvi sono in grado di muoversi: i pettini (Pecten jacobaeus) che aprendo e chiudendo le due valve della conchiglia, producono flussi d’acqua che li fanno muovere a balzi. Sono animali filtratori, il cui capo non è differenziato ed il sistema nervoso notevolmente semplificato. La cavità del mantello corrisponde allo spazio tra le due parti dell’animale aderenti alle valve. Essa è attraversata da un flusso d’acqua che permette la respirazione e la nutrizione. Le particelle alimentari sono trattenute da branchie lamelliformi. I muscoli che serrano le valve (derivanti dal piede) hanno la capacità di “cristallizzarsi” in modo da tenerle bloccate senza consumare energia. La maggior parte dei bivalvi è a sessi separati.

I Bivalvi sono senza ombra di dubbio le conchiglie più  facilmente reperibili in spiaggia, magari in valve spaiate, ed anche le più conosciute per il notevole interesse alimentare e commerciale. Basti pensare al commercio  e consumo di vongole, mitili ed ostriche. Questa classe è caratterizzata esclusivamente molluschi acquatici. La conchiglia e’ composta da due valve, più o meno simmetriche fra loro, tenute  insieme da una cerniera costituita da un sistema complesso, fatto di dentini, lamelle, fossule, ecc.
Alcuni si muovono liberamente, come le “vongole”, altri si fissano a concrezioni rocciose tramite il bisso ( ad esempio i mitili, detti anche cozze, e la Pinna nobilis), altre ancora si cementano al substrata come le ostriche che sono appartenenti al genere Ostrea caratterizzato da una conchiglia tondeggiante ricoperta di lamelle squamose ondulate. Le due valve sono disuguali e quella inferiore, alla quale è ancorato l’animale, è più grande ed incavata della superiore.

ostriche-belon

fine prima parte

print

(Visited 519 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share