If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Rinnegati Cristiani: l’Olandese che divenne Murad Reis di Gabriele Campagnano

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: pirateria

Tra il XVI e il XVIII secolo buona parte delle fortune marittime dell’Impero Ottomano furono dovute alla presenza di un gran numero di rinnegati cristiani che esercitavano la guerra di corsa in nome (spesso neanche in quello) del Sultano.

La maggior parte di questi rinnegati cristiani erano stati catturati da ragazzi nel corso di spedizioni degli schiavisti barbareschi, alcuni invece avevano preferito una vita da avventurieri e tagliagole in terra straniera piuttosto che uniformarsi ai dettami della società europea. Qui sotto tratteremo brevemente le imprese di uno di loro. Il 20 giugno 1631 si verifica il più devastante raid dei corsari barbareschi nelle isole Britanniche. Una flotta proveniente dal porto barbaresco di Salè prende terra in Irlanda e saccheggia il villaggio di Baltimora, riportando in Nord Africa 108 schiavi.

Jan Janszoon van Haarlem, un corsaro olandese, divenne Murad Reis

A guidarla c’è Jan Janszoon van Haarlem, un corsaro olandese catturato dai Turchi nel 1618, quando ha già 48 anni, e convertitosi all’Islam prendendo il nome di Murad Reis il Giovane. Solo quattro anni prima del raid irlandese, Murad Reis ha condotto una rocambolesca spedizione in Islanda che gli ha fruttato quasi 400 schiavi. Grazie al suo attacco a sorpresa, Murad Reis torna a Salè con un numero compreso tra 110 e 230 schiavi. Molti di loro finiscono a remare nelle galere fino alla morte, mentre le donne finiscono negli harem ottomani e nordafricani. Solo tre Irlandesi fanno ritorno a casa, quindici anni dopo, grazie al riscatto pagato dai loro familiari.

Le capacità di Murad Reis sono ben chiare già poco dopo il suo arrivo a Salé, in seguito alla morte del suo comandante Suleiman Reis (un altro olandese, precedentemente noto come De Veenboer). Diventa, di fatto, il fondatore della Repubblica corsara di Salè (dalla romana Sala Colonia), che si sta conformando come un porto franco per corsari, assassini e rinnegati del Mediterraneo.

Salè all’inizio del XVII secolo

L’Enciclopedia Treccani (ed.1936) dedica una voce, concisa ma esauriente, alla storia di Salé. Ve la ripropongo qui di seguito.
Salé era stata una ricca città commerciale frequentata dai mercanti musulmani e cristiani. Accolse, come Rabat, un gruppo numeroso di profughi andalusi dopo il 1610, e da allora rivolse tutta la sua attività alla pirateria. Eretta dal 1627 a stato indipendente, in repubblica aristocratica, le sue sorti furono strettamente unite a quelle di Rabat, che viene persino chiamata Nuova Salé. I corsari di Salé, cioè di Salé e Rabat, erano temuti da tutte le nazioni cristiane; e ciò attirò sulle due città ripetuti bombardamenti (1629, 1635, 1680). Ma durante il sec. XVIII la pirateria divenne più difficile e meno attiva e Salé, che d’altronde le sabbie avevano isolata dall’estuario, perdette ogni importanza marittima. Ora è una tranquilla città di borghesi colti e di artigiani, presso i quali sopravvivono interessanti industrie, specialmente la fabbricazione delle stuoie di giunco con decorazioni molto sobrie.

A Salé, Murad Reis può contare su una flotta di 18 navi. Dal 1631 al 1635, riesce a effettuare numerose razzie nelle isole del Mediterraneo Occidentale (Sicilia, Sardegna, Baleari, Corsica). Oltre ai raid, Murad Reis è un discreto diplomatico, avvantaggiato dalla conoscenza di parecchie lingue. In queste vesti, ha un ruolo importante nella stipula del Trattato Franco-Marocchino del 1631 tra Re Luigi XIII e il Sultano Abu Marwan Abd al-Malik II.

La sua fortuna, però, viene meno proprio nel 1635, quando viene catturato dai Cavalieri di Malta. Si trova lì Pierre Dan, un frate francese che organizza spedizioni in Nord Africa per riscattare gli schiavi cristiani nei primi decenni del Seicento. Proprio lui è testimone della reazione popolare ad Algeri quando arriva la notizia della cattura di Murad Reis:
Ho visto più di cento donne che si lanciavano in strada disordinatamente per andare a consolare la moglie di quel corsaro rinnegato. Gareggiavano a chi si disperava e si doleva di più, non senza lo spargimento di lacrime (vere o finte), come è loro costume in queste occasioni impreviste e fatali.

Per cinque anni, Murad Reis rimane nelle prigioni dei Cavalieri. Alla fine, nel 1640, viene rilasciato (dietro riscatto, come accadeva spesso ai prigionieri di entrambe le parti) o liberato con un’incursione dei suoi sodali. Murad ha appena compiuto 70 anni e non ha più la forza di prendere il comando di una flotta corsara. Il Sultano del Marocco gli conferisce dunque il titolo di governatore della fortezza di Oualidia, dove può ritirarsi con una buona rendita. Nel dicembre dello stesso anno, il nuovo console olandese fa il suo ingresso nel porto di Salè e chiede di poter incontrare Murad Reis, che arriva poco dopo con il suo seguito. Incredibile a dirsi, il console ha portato con sé la prima figlia di Murad, Lysbeth, nata nel 1596.

Quando padre e figlia si vedono, dopo tanti anni, scoppiano a piangere e si abbracciano. Lysbeth decide di rimanere con il padre a Oulidia fino alla morte di quest’ultimo, nell’agosto del 1641. Stando alle fonti, Murad Reis muore nel suo letto. Un suo biografo scrive, letteralmente: “è morto in modo molto brutto“, forse per fare riferimento a un male particolarmente doloroso.

Gabriele Campagnano

Diplomato al Liceo Classico Francesco Vivona di Roma e laureato in Giurisprudenza (indirizzo storico-comparatistico), ha esercitato la professione di legale d’azienda prima di dedicarsi alla comunicazione e al marketing digitale. La sua passione principale è sempre stata la storia. Ha letto Storia di Roma Antica, di M. Grant, a soli 7 anni, e da allora non si è più fermato.

In tutto, la sua biblioteca storica digitale conta più di 4.000 titoli.
Ha scritto più di 250 articoli e tre libri:

– Storia della Presa di Famagosta (2014)
– I Padroni dell’Acciaio (2017)
– Zodd. Alba di Sangue (2018)

È il fondatore e presidente di Zhistorica e Necrosword
www.zweilawyer.com

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 103 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

24 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share