If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Studio delle praterie di Posidonia oceanica tra Capo Vado e Capo Noli: analisi diacronica e influenza dei fattori idrodinamici tramite l’applicazione di un modello previsionale di Alice Oprandi

alice oliprandi

L’utilizzo delle risorse naturali da parte dell’uomo sta aumentando a livello globale, generando pressioni che alterano la struttura ed il funzionamento degli ecosistemi. Cambiamenti inaspettati a livello di ecosistema stanno dunque diventando sempre più frequenti e risulta difficile capire se alla base di tali fenomeni ci siano cause naturali o antropiche. Gli ecosistemi marini costieri sono particolarmente sensibili al cambiamento globale. Le praterie di fanerogame marine sono ecosistemi “chiave” ed in particolar modo la specie endemica Posidonia oceanica, la più importante fanerogama del Mediterraneo, sta sperimentando un allarmante declino nell’ultimo quarto di secolo. Le praterie in regressione spesso vengono ricolonizzate da sostituti (un’altra fanerogama marina endemica, la Cymodocea nodosa, o una specie di alghe del genere Caulerpa) portando ad un cambiamento di fase che vede la comparsa di zone di matte morta all’interno della prateria, le quali possono poi essere ricolonizzate da sostituti a minore capacità “ingegneristiche” rispetto a P. oceanica.

cymodocea_nodosa-11

Cymodocea nodosa

Come impone la Marine Strategy, recente normativa europea in fatto di conservazione dell’ambiente marino, lo stato degli ecosistemi marini deve essere valutato tramite il confronto con condizioni di riferimento che possono essere definite per mezzo di:

a. Dati storici
b. Aree incontaminate
c. Modelli predittivi.

La letteratura ha dimostrato che i dati storici spesso non sono affidabili, che non esistono aree del pianeta da potersi considerare ancora incontaminate e che la sola applicazione di modelli predittivi non è sufficiente per una corretta gestione della fascia costiera.
Per questo motivo è necessario un approccio multidisciplinare. In questo studio io ho utilizzato due dei metodi suggeriti dalla Marine Strategy, i dati storici ed un modello previsionale nato recentemente, in grado di definire la posizione naturale del limite superiore delle praterie di P. oceanica, per studiare l’evoluzione nel tempo  delle praterie in Mar Ligure, tra Capo Vado e Capo Noli.

posidonia-oceanica

posidonia oceanica

Per quest’area esiste una serie storica di dati che copre un periodo di circa 20 anni, raccolti tramite transetti subacquei. Il modello previsionale è stato applicato per la prima volta a dei dati storici, al fine di determinare le condizioni di riferimento delle praterie di P. oceanica. Nell’estate 2012 transetti subacquei perpendicolari a riva sono stati effettuati in ognuna delle praterie che si estendono davanti al litorale di Bergeggi Noli e Spotorno, per raccogliere i seguenti dati:
profondità, tipo di substrato, morfologia della prateria e l’estensione lineare di cinque descrittori (P. oceanica viva, matte morta, sabbia, Cymodocea nodosa, Caulerpa cylindracea).

Per valutare la regressione spaziale del cambiamento del limite superiore della prateria è stato applicato il modello previsionale proposto da Vacchi et al. (2014).
Secondo questo modello si possono distinguere tre zone all’interno della prateria di bergeggiPosidonia oceanica lungo il profilo della spiaggia sommersa:
zona a, tra la linea di riva  e la profondità di breaking, dove si può trovare, sporadicamente, solo la matte morta;
zona b, tra la profondità di breaking e la profondità di chiusura, dove le praterie sono spesso in cattive condizioni, con un ricoprimento ridotto di P. oceanica viva e la costante comparsa di matte morta;
zona c, oltre la profondità di chiusura, dove la prateria prospera. In condizioni naturali il limite superiore dovrebbe trovarsi nella zona b.

La prateria di Noli ha mantenuto un buono stato di conservazione e salute durante gli ultimi 20 anni con un limite superiore posizionato sempre entro il range delle condizioni di riferimento. Al contrario, la prateria di Bergeggi ha sperimentato un grande declino nel tempo accompagnato da un cambiamento di fase. Già da quanto riportato nei dati più antichi, il limite superiore della prateria era al di fuori delle condizioni di riferimento; tuttavia gli ultimi anni mostrano segni di recupero.

Status of Posidonia oceanica meadows between Capo Vado and Capo Noli: diachronic analysis and influence of hydrodynamic constrains through the application of a predictive model.
Human use of ecosystem resources and services is increasing worldwide, generating pressures that alter ecosystem structure, functioning and provision of services.
Unexpected ecosystem changes are becoming frequent, and is even more difficult to understanding if, at the base of these phenomena, there are natural or anthropogenic causes. Coastal marine ecosystems are particularly sensitive to global change. Seagrass meadows are key coastal ecosystems and especially the endemic species Posidonia oceanica, the most important seagrass in the Mediterranean Sea, which is experiencing an alarming decline in the last quarter of century. Regressed meadows have been shown to be often re-colonized by substitutes (either another seagrass Cymodocea nodosa, or algal species genus Caulerpa), leading to an ecosystem phase-shift from the highly engineering P. oceanica throughout the earliest appearance of dead matte and to the establishment of substitutes having a lower engineering capacity than P. oceanica itself.

prateria posidoniaAs the recent EU Directive Marine Strategy imposed, the status of marine ecosystems has to be assessed through comparison with reference conditions, which can be defined by means of:
1. ancient data;
2. pristine areas;
3. predictive models.
Literature has proved that ancient data are often not very reliable, that do not exist areas to be considered as pristine anymore and that application of predictive models alone is not sufficient to a correct coastal management. Thus, a multidisciplinary approach is necessary. In this study I combined ancient data and a predictive model recently proposed to define natural position of P. oceanica meadow upper limit to study evolution over time of meadows in the Ligurian Sea, between Capo Noli and Capo Vado. For this area historical series of data spanning a period of 20 years, collected through underwater depth transects were available. The predictive model has been applied, for the first time, to the historical data, in order to determine the reference conditions of P. oceanica meadows. In summer 2012, an underwater transect perpendicular to the shoreline was dived for each meadows extended in front of the coast of Bergeggi, Noli and Spotorno, to collect the following data: depth, type of substrate, morphology of the meadow, and the linear extent of five descriptors (living P. oceanica, dead matte, sand, Cymodocea nodosa, Caulerpa cylindracea). To evaluate the spatial regression of the upper limit change of the meadow, the predictive model proposed by Vacchi et al. (2014) was applied.
According to this model, three distinct zones can be recognised within the P. oceanica meadows down the profile of the submerged beach: zone a, between the shoreline and the breaking depth, where only dead matte is occasionally found; zone b, between the breaking depth and the closure depth, where meadows are often in poor condition, with reduced cover of living P. oceanica and constant occurrence of dead matte; zone c, beyond the closure depth, where meadows flourish. Under natural conditions, the upper limit should generally lie in zone b. The meadow of Noli maintained a generalized good status during the last 20 years, with its upper limit always positioned within the range of reference conditions. On the contrary, the meadow of Bergeggi experienced a great decline through time, accompanied by a phase-shift. Already from the oldest data the upper limit of this meadow was positioned out from the range of reference conditions; however, in the last years, it has been showing signs of recovery.

print
(Visited 110 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share