If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il recupero e la conservazione di Ivan Lucherini

Le varie fasi dello scavo archeologico ed  il recupero dei ritrovamenti
Qualsiasi scavo subacqueo archeologico, se condotto in termini scientifici corretti, affianca al lavoro di documentazione sui rapporti intercorrenti fra le varie Unità Stratigrafiche (che si individuano durante il recupero degli oggetti costituenti il relitto 1) anche il recupero dei materiali e la loro conservazione.
archeo 2
Lo scavo è di fatto, una demolizione del sito di rilevanza archeologica e diviene quindi fondamentale documentare la giacitura dei reperti, nei modi e procedure già illustrate in precedenza. Il recupero di oggetti e reperti, deve essere svolto considerando che tali manufatti, sono stati immersi per lungo tempo nell’acqua e questo ne ha indebolito la struttura.Considerate queste premesse passiamo quindi ad analizzare materiale per materiale quali possono essere le procedure migliori per effettuare un recupero valido dal punto di vista scientifico. Il condizionale che ho inserito nella frase precedente sta a significare che è mia ferma convinzione affermare che il lavoro dell’archeologo subacqueo sia, in linea di principio, un work in progress riguardo a procedure, metodi, sistemi e che l’inventiva umana, l’ingegno, la solerzia nel voler risolvere problemi concreti, adattandosi a situazioni diverse, caso per caso, sia la miglior panacea per risolvere i molteplici problemi che si presentano al riguardo di quanto qui descritto.

archeo 4Dopo aver suddiviso il cantiere in quadrati, avendone asportato il primo sedimento che lo copriva; dopo aver documentato tutta la fase con rilievi, misurazioni e disegni; passiamo a rimuovere i piccoli oggetti che si presentano alle evidenze dello strato superficiale. Ogni piccolo oggetto, che sia una piccola brocca, un corredo di bordo, una manovra dell’imbarcazione o altro, dovrà essere rinchiuso in un piccolo sacchetto di plastica che contenga anche un foglio di acetato che evidenzi l’U.S. a cui appartiene, la data del recupero, la numerazione progressiva. Riguarda al trasporto verso la superficie non ci sono particolari procedure se non la normale cautela al riguardo della fragilità dei reperti. In un organizzato cantiere di scavo archeologico subacqueo, per oggetti più pesanti e voluminosi, si possono adottare ceste metalliche che aiutino a portare i reperti fino alla superficie piuttosto che imbracature che ne possano compromettere l’integrità.


archeo 3
Un altro metodo efficace è l’utilizzo della barella, un ausilio facilmente realizzabile, mediante l’adozione di un telo robusto con dei passanti su due lati paralleli dello stesso, dove inserire due tubazioni in acciaio o ferro zincato in cui a loro volta, verranno inserite le cime da collegare ai palloni di sollevamento o alla gru in superficie 2.
archeo 7
Tale strumento risulta perfetto per il recupero di anfore, statue, parti dello scafo che possono, durante il sollevamento fino alla superficie, subire fratture dovute a metodi scorretti di recupero.
Ndr. Nella foto a lato viene utilizzato un quadrato realizzato con tubolari nel quale viene inserita una rete a maglie larghe per la tenuta dell’oggetto da sollevare. Notare la posizione dei subacquei  che accompagnano l’oggetto verso la superficie per evitare la sua fuoriuscita dalla barella.
Il recupero delle ancore
Particolare cura si rende obbligatoria nel recupero di anfore e dei vasi ceramici in genere, cercando di non impugnare mai le anse, anche se originalmente preposte a questo, ma maneggiando con cura il reperto, ponendo massima attenzione anche all’eventuale contenuto, che potrà essere, in superficie, oggetto di studio e di eventuale scavo stratigrafico interno 3. Ovviamente mai, tassativamente mai, issare a bordo un anfora o un vaso ceramico insufflando al suo interno aria che la alleggerisca, correremmo il grave pericolo di far esplodere il reperto ceramico creando un grave nocumento. 

archeo 8
Ceppi d’ancora in piombo, per le loro caratteristiche di consistenza e robustezza 4, potranno essere issate a bordo del pontone o dell’imbarcazione di assistenza anche attraverso una imbracatura e un sollevamento verticale con dei palloni di recupero, avendo cura di effettuare l’imbracatura in modo che il successivo sollevamento veda il ceppo d’ancora in posizione verticale 5.Ancore ammiragliato, generalmente in ferro hanno invece bisogno di maggior attenzione. Il ferro subisce in acqua una vera aggressione che in poco tempo lo elimina di fatto nella sua consistenza originale. Quello che noi troviamo è solo un involucro di materiale che deriva dalla scomposizione chimica del ferro e ne delinea la sua conformazione in un involucro vuoto in cui all’interno, attraverso una radiografia, è possibile individuare la forma originale. Si deve procedere con un impacchettamento dell’ancora, con pali di legno legati alla struttura, come se si trattasse di un arto umano fratturato, un lavoro questo che supporti gli sforzi tangenziali sull’affusto e sulle marre, quindi deporre il tutto in una cesta in rete capiente o in una barella e quindi salpare a bordo con l’utilizzo dei palloni di sollevamento 6
archeo 6
Anche i lingotti in piombo che solitamente facevano parte del corredo di bordo delle imbarcazioni, possono essere recuperati come i ceppi di ancora sempre in piombo, attraverso imbracature accurate. I dolii sono recuperati agevolmente attraverso l’utilizzo di reti robuste che distribuiscono lo sforzo in maniera uniforme.  Il principio generale si può rendere, nel concetto che ogni oggetto sia recuperato attraverso l’utilizzo di opportune strutture atte a preservare eventuali rotture dovute a fratture preesistenti o a rotture causate da tensioni durante il sollevamento del materiale. Tali strutture vanno pensate, progettate e realizzate, solo l’esperienza sul campo forma la conoscenza.
I primi trattamenti

Concluderò il discorso sui primi trattamenti dei materiali da adottare quando escono dall’acqua. E’ opportuno lasciare se possibile, ogni materiale in acqua dolce, che aiuti a disciogliere i sali contenuti, quindi è necessario immergere tutto in grandi vasche piene. Una asciugatura veloce, magari al sole, dei reperti sarebbe foriera di danni incalcolabili. Particolare attenzione ai ferri che se esposti all’aria si disintegrano velocemente. E’ in questo caso, opportuno immergere gli oggetti in ferro in una soluzione di acqua e carbonato di sodio al 5% in contenitori di polietilene o acciaio 7. I metalli contenenti rame saranno a loro “agio” in una soluzione di acqua e sesquicarbonato al 5%8. Il piombo presente a bordo degli antichi relitti sotto forma di lingotti ma anche di tubazioni, scandagli, lastre di rivestimento e contro marre non deve essere lavato e/o immerso in acqua dolce deionizzata o distillata perché in queste condizioni è soggetto a corrosione.

archeo 10

Per tutti i materiali organici, come ad esempio il legno, occorre assolutamente prevenire il disseccamento pena la dissoluzione, un primo immediato trattamento è l’immersione in acqua dolce con soluzioni funghicidi che preservino il materiale per qualche tempo, considerando che tali reperti sono di estrema importanza per l’eventuale datazione effettuata con il carbonio 14. Quanto veloce sarà la presa in consegna dei reperti recuperati, da parte dei tecnici del restauro, esperti nel trattamento dei materiali, tanto meglio sarà per la preservazione del materiale e il successivo studio a tavolino.

 

ivan luccheriniIvan Lucherini
archeologo professionista

istruttore subacqueo effettua da anni corsi di archeologia subacquea
il recupero e la conservazione  originariamente pubblicato su www.sottacqua.info dicembre 2008

 

Note dell’autore
1 
Ci concentriamo in questo contributo, sul recupero subacqueo nell’ambito di relitti di navi antichi non dimenticando però tutto il lavoro dell’archeologo subacqueo concernente altre strutture come porti e manufatti dell’uomo nei secoli passati
2 Nel caso si disponesse di tale struttura
3 Durante il recupero di anfore fenicio-puniche nello stagno di Santa Gilla, nei pressi di Cagliari, si effettuò uno scavo stratigrafico che pose evidenza sulla pratica cartaginese della macellazione e trasporto di ovi-caprini in anfore ceramiche
4 E’ noto come il piombo non subisca, nella prolungata immersione sottomarina, problemi di sorta, al contrario del più nobile ferro
5 Cfr E.Felici -Archeologia subacquea – metodi, tecniche e strumenti- 2002 Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato Roma pag 205
6 Meglio tanti piccoli palloni che solo due grandi. Si divide così lo sforzo distribuendolo su più ampie superfici
7 Cfr E.Felici 2002 pag 219
8 ibidem
print
(Visited 255 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share