If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Aria di vacanze? Attenzione al pesce pietra e pesce scorpione di Klarida Hoxha

livello elementare
.
ARGOMENTO: MEDICINA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: punture, veleno

 

scorfano, credit andrea mucedola

La famiglia Scorpaenidae include una vasta gamma di pesci caratterizzati dalla capacità di trafiggere la pelle e iniettare una sostanza tossica tramite vari tipi di spine. Dopo le razze, essi sono responsabili del più comune avvelenamento in ambiente acquatico. Sfortunatamente, questa famiglia di pesci ha una confusa varietà di nomi comuni, che tende a ostacolare un’accurata identificazione medica, la classificazione e la comprensione dell’avvenimento. Da un punto di vista medico è utile suddividere la famiglia Scorpaenidae in tre gruppi distinti, in base alla struttura dell’organo velenoso ed alla loro tossicità.

Questi tre gruppi funzionali includono diversi animali che  rappresento con i pesci più rappresentativi:

Pterois

Pterois o pesce scorpione. Possiede una testa relativamente piccola, la bocca grande, gli occhi sporgenti, spesso sormontati da due escrescenze (presenti anche intorno al mento). La fronte è alta, il dorso curvo, mentre il ventre poco pronunciato. Il corpo si restringe verso il peduncolo caudale, che precede una coda piuttosto larga, tondeggiante. I primi raggi della pinna dorsale e di quella anale sono in realtà aculei veleniferi, ben eretti dal pesce quando è in situazione di pericolo. L’apparato velenifero consiste in 12-13 aculei sulla pinna dorsale e 3 in quella anale, tutti composti da aculei cavi collegati a una ghiandola velenifera; i raggi delle pinne pettorali sono aculei pieni, non velenosi.  La livrea, anche se differente da specie a specie, è tendenzialmente bruno-rossastra e bianca. da wikipedia


Scorpaena

Scorfani. Possiedono spine più corte e più spesse con grandi ghiandole velenifere e una puntura più potente (ad esempio, scorfano), Vi sono molte specie di cui alcune molto pericolose. Ne esistono molte specie che sono diffuse in tutti i mari del pianeta. Tipicamente hanno un corpo tozzo, con occhi e bocca molto grandi. Buona parte degli Scorpenidi possiede spine velenose lungo il dorso che li rendono animali potenzialmente pericolosi per l’Uomo. Per scoprirne di più visitate questo articolo – credit andrea mucedola

Synanceia – Stout

Sinancea è un pesce d’acqua salata appartenente alla famiglia Synanceiidae. È il pesce più velenoso al mondo e può risultare letale per l’uomo. Possiede spine potenti con ghiandole velenifere molto sviluppate e una puntura potenzialmente mortale (ad esempio il pesce pietra). Lesioni e avvelenamenti sono riportati sia nell’ambiente naturale (ad esempio, per contatto accidentale con i subacquei ed pescatori), o nell’ambiente domestico (da parte di acquariofili marini incauti).


Fisiopatologia
Comune alla famiglia Scorpaenidae sono 12-13 spine dorsali, due spine pelviche e tre spine anali. Ogni colonna vertebrale è associata a una coppia di ghiandole velenifere. Una guaina integumentare sfusa copre ciascuna colonna vertebrale. La guaina viene spinta lungo la spina dorsale causando la compressione delle ghiandole del veleno situate alla base delle spine. Il veleno allora viaggia dalle ghiandole attraverso depressioni anterolaterali nelle spine e nella ferita, in un modo analogo a quello di un avvelenamento da razza. Le spine pettorali, mentre spesso ornate e come piume, sono innocue. La tossicità del veleno è dovuta a proteine ​​antigene e termolabili ad alto peso molecolare. Il trattamento si basa sulle caratteristiche termo-labili proposte di queste proteine.

Epidemiologia Internazionale
Questa grande famiglia è diffusa in tutte le regioni tropicali, subtropicali e temperate. Alcune specie si trovano addirittura nelle regioni polari. Non sono disponibili stime accurate sulla frequenza internazionale degli avvelenamenti da Scorpaenidae; tuttavia, non sono rari. Mentre i mari tropicali contengono la maggior parte delle specie, le acque temperate dell’Indo-Pacifico, dell’India, del Sud Africa, dell’Australia, delle Filippine, della Cina, del Giappone e degli Stati Uniti sono la patria di molti Scorpaenidae velenosi.

Storia
Dolore localizzato immediatamente insopportabile e invalidante a carico del pesce pietra. Questo dolore può diffondersi fino a coinvolgere l’intero arto e i linfonodi regionali, con un picco intorno ai 60-90 minuti e una durata fino a 12 ore se non trattato. Un lieve dolore successivo può persistere per giorni o settimane. I sintomi meno severi, anche se estremamente dolorosi, si osservano in seguito ad avvelenamento da scorfano e pesce scorpione.

Esame fisico
La gravità di avvelenamento dipende da molteplici fattori tra cui le specie incriminate, il numero di punture, l’età e la salute sottostante della vittima. Le punture di Scorpaenidae sono progressivamente più gravi dal Pterois (pesce scorpione) al Scorpaena (scorfano) fino al Synanceia (pesce pietra).

Lesione da puntura
L’avvelenamento classico rivela una o più ferite da puntura, ciascuna scolorita da un anello circostante di tessuto cianotico bluastro. Edema, eritema e calore successivi possono interessare l’intero arto, anche se raramente si manifesta in necrosi tissutale in assenza di infezione secondaria. La formazione della vescicola, in particolare delle mani, può essere seguita da rapido slough del tessuto, cellulite circostante. Possono essere presenti effetti sistemici (ad esempio nausea, debolezza muscolare, dispnea, ipotensione).

puntura causata da un Pterois (lionfish)

Cura preospedaliera
L’assistenza preospedaliera deve affrontare il riconoscimento della lesione come potenziale avvelenamento, rimozione delicata delle spine visibili, pressione diretta per controllare il sanguinamento, somministrazione di analgesia e trasporto per la valutazione medica definitiva. Il riconoscimento di gravi sintomi sistemici e l’istituzione tempestiva di appropriate procedure salvavita, come la rianimazione cardiopolmonare (CPR) e il trattamento dell’anafilassi, dovrebbero essere di primaria importanza nell’assistenza preospedaliera.

Debridement (sbrigliamento) della ferita
La delicata rimozione manuale delle spine evidentemente sporgenti impedisce ulteriori penetrazioni o rotture. Con una corretta anestesia, la rimozione chirurgica delle spine incorporate è indicata quando sono in prossimità di articolazioni, nervi o vasi. Superfici ponderali possono richiedere la rimozione delle spine per prevenire il dolore cronico. Irrigare sempre abbondantemente dopo un’adeguata anestesia.

Tecnica ad immersione con acqua calda
Il trattamento termico è ampiamente raccomandato come trattamento iniziale efficace per gli avvelenamenti da Scorpaenidae, così come echinodermi, razze e altre lesioni velenose della spina dorsale. L’arto interessato deve essere immerso in acqua non più calda di 114ºF o 45ºC Fare attenzione a non infliggere ustioni posizionando un arto insensibile (a seguito di anestesia locale o diminuita sensibilità a causa di dolore) in acqua bollente. L’anestesia locale o regionale, se disponibile, è un mezzo suggerito di analgesia aggiuntiva.

Analgesia

I metodi di analgesia raccomandati variano a seconda del riferimento citato e vanno dalle tecniche di immersione all’anestesia locale o regionale agli analgesici parenterali. La maggior parte dei riferimenti suggerisce che la terapia iniziale consiste nell’immersione in acqua calda non bollente (limite superiore di 114ºF o 45ºC) dopo la rimozione delle spine e della guaina visibili, al fine di inattivare i componenti termolabili del veleno che potrebbero altrimenti causare una grave reazione sistemica. L’anestesia locale o locale adiuvante offre numerosi benefici che non sono conferiti dalle tecniche di immersione con analgesia. Oltre all’assenza del rischio di lesioni termiche, un’analgesia affidabile, pronta e prolungata consente il debridement simultaneo della ferita. Possono essere necessari analgesici e / o sedativi per i pazienti che hanno ferite difficili da immergere o anestetizzare, o per le persone che manifestano significative reazioni d’ansia.

Principi di gestione delle ferite
I principi di gestione delle ferite includono l’identificazione di materiale estraneo, debridement adeguato, profilassi antitetanica e referral appropriato per frammenti conservati che non sono facilmente accessibili. Anche se le spine raramente si rompono nel la pelle, il debridement delle spine libere dovrebbe essere intrapresa prontamente, perché le spine conservate continuano ad invecchiare. Le strutture incorporate devono essere tirate verso l’esterno con una pinza per evitare di romperle. Gli ultrasuoni e la radiografia semplice possono aiutare a localizzare i frammenti trattenuti, molti dei quali richiedono un rinvio per la considerazione della rimozione operativa (ad es. vicinanza a nervi, vasi, articolazioni, superfici portanti). I frammenti trattenuti agiscono come corpi estranei, causando infiammazione e finendo per essere incapsulati in granulomi, che possono portare a ritardata guarigione e infezioni secondarie. La profilassi del tetano è indicata in tutti i pazienti che hanno subito lesioni traumatiche marine e che hanno una storia di immunizzazione insufficiente o incerta.
.

Klarida Hoxha
Laureata in Infermieristica presso l’Università di Bologna, sede di Faenza, nel 2012 ho ottenuto il Master biennale di primo livello in Vulnologia a Torino e nel 2014 il Master in Coordinamento e Management delle professioni sanitarie. E’ attualmente Dirigente nazionale della Associazione Italiana Ulcere Cutanee (AIUC) e della Società Italiana Medicina Subacquea e Iperbarica (SIMSI).

 

Bibliografia
http://www.espertidivulnologia.it/2018/01/04/aria-di-vacanze-attenzione-al-pesce-pietra-e-pesce-scorpione/
https://emedicine.medscape.com/article/770764-overview

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 242 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share