If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Teoria dell’organizzazione, un’applicazione per gruppi subacquei scientifici

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA 
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: metodo

Abbiamo spesso parlato di Metodo … in un approccio moderno organizzativo la creazione di un metodo è fondamentale per ridurre individualità organizzative che provocano maggiori spese nei sempre più risicati budget degli Enti di ricerca. Questo breve articolo fornisce una soluzione per inquadrare le attività subacquee all’interno di strutture di ricerca complesse. Prenderò come riferimento il Scientific Diving A General Code of Practice UNESCO 9231026410” che descrive i livelli organizzativi, basati sul modello manageriale anglosassone, per l’impiego di operatori subacquei in attività di supporto ai gruppi di ricerca. 

Premesso che un modello organico rigido con validità assoluta non esiste o, quanto meno mal si adatta in un campo operativo soggetto a variabili difficilmente prevedibili o programmabili a priori, descriverò un esempio di organizzazione a più livelli studiato per Enti di ricerca di medie dimensioni.

Va premesso che i livelli nella struttura possono avere diverse collocazioni, a volte con responsabilità parallele. Ovviamente se la struttura si riduce, molte delle funzioni sono accorpate fra gli elementi organizzativi. In questo caso l’esperienza manageriale e professionale degli individui fa la differenza.

Non ultimo, non parlerò delle qualificazioni dei subacquei e di standard di formazione. L’argomento è ancora molto discusso in campo internazionale e richiede ancora molte concertazioni, specialmente in Italia, per arrivare ad una suddivisione dei compiti adeguata. Sebbene un passo avanti in tal senso sia stato effettuato dalla Regione Sicilia c il problema dovrebbe essere affrontato a livello nazionale dove esistono ancora figli e figliastri. Il pericolo è di creare delle normative che pongano limiti troppo rigidi ed uccidere la ricerca subacquea effettuata su bassi fondali da molte categorie professionali (biologi, geologi ed archeologi). Questi professionisti, per ovvi motivi, non possono e non devono essere sottoposti a limiti e prescrizioni di impiego eccessive. Capiamoci, pur nella convinzione che la sicurezza non sia mai troppa, l’impiego di certe apparecchiature mal di adatta ad un lavoro scientifico, rendendo impossibile per i ricercatori di operare.

Inquadramento degli elementi organizzativi nei livelli

IMG_4548Nella teoria della  scienza dell’organizzazione i livelli manageriali di una struttura complessa sono nidificati in catene al fine di ottimizzare le risorse disponibili. Come premesso la struttura di seguito descritta è adattata alla gestione delle risorse umane e tecniche di coloro che operano in campo subacqueo. Ovviamente una rappresentazione verticale della struttura può subire delle modifiche legate alla disponibilità di risorse umane (ma anche, sic, finanziarie). 

I livello Direttore o Capo di un Dipartimento (ad esempio di un’università o di un politecnico)
Il Direttore è il responsabile della struttura di ricerca e fornisce, nei lineamenti direttivi dell’anno accademico, gli obiettivi da raggiungere. A seconda della sua anzianità o importanza può presiedere un comitato (detto Comitato di Controllo) che è il suo diretto interlocutore per la pianificazione delle attività subacquee. Essendo una funzione manageriale di alto livello può non richiedere una specifica preparazione per la parte subacquea ma deve essere in possesso di adeguate capacità di comando, coordinamento e controllo delle risorse, maturate con una necessaria esperienza pregressa.

II livello Comitato di Controllo
I membri del Comitato sono manager di esperienza specifica che non sono necessariamente coinvolti  nelle attività di ricerca ma hanno il compito di verificare le problematiche relative alla sicurezza ed alla condotta delle operazioni, di provvedere all’esame delle richieste di assegnazione dei fondi necessari e dopo una comune interdisciplinare valutazione autorizzano le campagne di ricerca proposte dai Project leader. Nonostante non sia necessario, una conoscenza delle problematiche relative all’impiego di nuclei di operatori subacquei, questa  può consentire una migliore comprensione e valutazione dei progetti. Il Comitato si avvale della figura del Diving Officer quale consulente esperto nella materia specifica.

III livello Diving Officer
è il responsabile verso il Comitato di Controllo di tutte le attività subacquee dell’Ente in oggetto. E’ membro consultivo del Comitato in qualità di “esperto di settore” e risponde della sicurezza, dell’addestramento del personale e dell’impiego dei mezzi e delle risorse assegnate per le campagne. E’ consigliabile che sia in possesso di un’adeguata preparazione subacquea e può, qualora necessario e se in possesso di requisiti professionali, partecipare attivamente al lavoro in mare in qualità di Chief Diver.

III livello Project leader
Sono i responsabili dei vari Dipartimenti/Sezioni dell’ente di ricerca che richiedono il supporto di team subacquei per la condotta delle proprie ricerche. Anche se non necessario, è consigliabile una loro abilitazione all’immersione per far si che possano comprendere in maniera adeguata le problematiche relative all’impiego degli operatori.

dsc_8237-1

IV livello Chief Diver
E’ un subacqueo in possesso di qualificazioni professionali adeguate, specializzato nel campo dell’immersione scientifica presso una idonea e riconosciuta struttura scuola equivalente; deve essere in anche possesso di adeguata esperienza sul campo sviluppata all’interno di gruppi di ricerca. E’ il diretto responsabile della sicurezza e dell’addestramento dei subacquei permanentemente o temporaneamente assegnati al team e risponde direttamente al Diving Officer di ogni mancanza del proprio personale alla normativa in vigore.  Riceve dal Project Leader le richieste di lavoro/supporto subacqueo e ne valuta l’impatto sotto il profilo della sicurezza e dell’efficacia.

IV livello Chief Scientist
In qualche caso può coincidere con il Project Leader; è il responsabile scientifico sul posto della campagna di ricerche. Qualora non fosse abilitato, delega gli aspetti inerenti l’impiego dei subacquei al Chief Diver. Organizza il lavoro scientifico richiedendo giornalmente al Chief Diver tutte le attività subacquee.

V livello Dive Master/Supervisore delle immersioni
E’ il sostituto naturale del Chief Diver. Viene scelto fra gli operatori subacquei con maggiore esperienza per coordinare le attività subacquee in accordo con le disposizioni del Chief Diver.  Se la figura del Chief Scientist coincide con quella del Chief Diver, la presenza di un Dive Master/Supervisore delle immersioni nel team diventa obbligatoria. Deve essere abilitato al primo soccorso ed alla somministrazione di Ossigeno.

V livello Chief Medical
E’ il responsabile dell’assistenza medica del personale subacqueo in loco. Se è presente una camera di decompressione deve essere supportato da personale abilitato alla sua conduzione.

V livello Chief Maintenance
Provvede alla manutenzione e gestione dei materiali comprese le stazioni di ricarica dei gas.

VI livello Scientific Diver / Operatore tecnico subacqueo scientifico
E’ un operatore abilitato all’immersione scientifica in possesso di adeguato training svolto presso Enti o Scuole riconosciute. Dipende direttamente dal Chief Diver a cui risponde dell’osservazione delle norme di sicurezza e di antinfortunistica.

Ricevuta la richiesta di impiego del team, il Chief Diver prepara una “lista della spesa” in merito ai materiali ed ai mezzi necessari per l’esecuzione del progetto. Tale elenco, opportunamente motivato, dovrà essere presentato durante la riunione preliminare di fattibilità, da tenersi almeno trenta giorni prima della data presunta di inizio della campagna.

Nella fase preparatoria alla riunione, dovranno essere approfonditi tutti gli aspetti tecnici e di impiego tenendo conto della documentazione storica in possesso, della finalità della campagna, della tempistica disponibile e dell’organizzazione del team di ricerca sia per la parte subacquea sia per quella terrestre.

In particolare andranno valutati ed elencate le seguenti necessità:
per la parte subacquea
materiali
personale
sicurezza
pericoli
per la parte terrestre
analisi oceanografica
sistemi di comunicazione
sistemi di analisi dei dati raccolti
mezzi (in particolare con specifica menzione alle capacità delle imbarcazioni disponibili)
logistica generale (alloggio, vettovagliamento)
supporto medico.

IMG_4487In sede di riunione, dopo aver discusso i vari aspetti, dovrà essere redatto un verbale riassuntivo che descriva in maniera adeguata i punti sopra elencati esprimendo in maniera chiara decisioni ed azioni seguenti. Il verbale dovrà contenere una mappa dettagliata dell’area di futura operazione con elementi valutativi meteo marini statistici relativi al periodo in cui si intende portare avanti la ricerca.

Al termine della preparazione del dossier, il Chief Scientist/Project leader porterà la proposta al Comitato di controllo per le necessarie autorizzazioni. Una volta ottenute, partirà la fase operativa della campagna comprendente:
la verifica dell’area di lavoro (ricognizione) se non già effettuata;
– il trasferimento sul sito;
– l’inizio delle ricerche;
– il termine delle ricerche;
– l’analisi dei dati in sede;
– la compilazione del rapporto finale contenente i risultati della campagna.

IMG_1183Coordinamento interdisciplinare
Qualora la ricerca venga effettuata in coordinamento con altri team operanti nella stessa zona sarà necessario coinvolgere nella riunione preliminare i rappresentanti dei vari gruppi allo scopo di evitare interferenze e ridurre eventuali spese gestionali (ad esempio noleggio dei mezzi, sistemi ed apparecchiature che possono essere condivise). La condivisione delle risorse è sensibile e va valutata attraverso matrici di costo efficacia per evitare squilibri a favore dell’uno o dell’altro.

L’importante è mantenere il controllo della situazione ed applicare il buon senso.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 211 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share