If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Decompressione all’italiana by SIMSI di Pasquale Longobardi

livello elementare
.
ARGOMENTO: MEDICINA IPERBARICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: na
parole chiave: subacquea, medicina, decompressione, algoritmi

 

foto di Claudio Ziraldo

Nel 2016 i ricercatori Martin DJ Sayer, Elaine Azzopardi e Arne Sieber testarono sette computer subacquei in camera iperbarica (nell’area riservata ai soci SIMSI troverete il lavoro scientifico completo con i dati di tutte le prove effettuate).

Tabella 1: confronto tra tre computer impostati su diversi livelli di sicurezza, testati con compressione in camera iperbarica. E’ riportato il tempo di decompressione visualizzato nei punti indicati in figura 1, relativamente a due immersioni ripetitive, alla profondità massima di 30 metri, con intervallo di superficie di un’ora.

 

Nella Tabella 1 ho confrontato tre computer impostati su diversi livelli di sicurezza, testati con compressione in camera iperbarica. E’ riportato il tempo di decompressione visualizzato nel display nei punti indicati in figura 1 per due immersioni ripetitive alla profondità massima di 30 metri, con intervallo di superficie di un’ora.

Figura 1 Punti dove è stato visualizzato il tempo di decompressione indicato dai computer indicati in tabella 1, relativamente a due immersioni ripetitive, alla profondità massima di 30 metri, con intervallo di superficie di un’ora.

In risalita dalla seconda immersione, all’arrivo ai 15 metri (punto G), con impostazione minimale per la sicurezza (Personal Setting P0, Personal Factor PF0, livello microbolle MB0) il computer Uwatec Galileo Sol consente 13 minuti in curva di sicurezza; Mares Icon HD 12 minuti; Suunto D9 2 minuti.

Incrementando un poco il fattore di sicurezza (P1, PF1, MB1) il computer Uwatec Galileo Sol consente 8 minuti in curva di sicurezza; Mares Icon HD è al limite della curva di sicurezza (0 minuti); Suunto D9 richiede 13 minuti di decompressione.

Con un fattore di sicurezza più elevato (P2, PF2, MB5) il computer Uwatec Galileo Sol richiede 11 minuti di decompressione; Suunto D9 26 minuti; Mares Icon HD è in modalità profondimetro (non consente il calcolo della decompressione perché il debito di azoto accumulato nella immersione precedente lo ha portato fuori range di calcolo).

In una reale immersione, il subacqueo dovrebbe ridurre il tempo di fondo evitando che il debito decompressivo spinga il suo computer fuori range di calcolo.

Sembra che, in generale, i computer applichino un solo moltiplicatore (gradiente) che, in base al fattore di sicurezza, impostato inizialmente, e al tempo trascorso in immersione, aumenta la penalizzazione del tempo di decompressione. La penalizzazione, quindi, non è correlata a eventuali errori in risalita.

In figura 2 sono riportati i grafici rispettivamente per Uwatec Galileo Sol e Suunto D9.

Figura 2. Grafico di correlazione lineare tra la durata dell’immersione (in minuti) e la penalizzazione in decompressione (in minuti), in rapporto al fattore di sicurezza inizialmente impostato nel computer.

Quando il subacqueo risalga oltre 1,5 metri oltre la profondità indicata dal computer per la sosta, Uwatec (e, pare, Suunto) riduce automaticamente il livello microbolle impostato (MB) consentendo il prosieguo dell’immersione con un minore fattore di sicurezza rispetto a quello inizialmente desiderato (effetto cascata).

Per il Suunto D9 la differenza tra le impostazioni di sicurezza RGBM 50% e 100% si nota solo nelle immersioni multiday ripetitive dove RGBM 50% consente un maggiore tempo di fondo a parità di tempo totale di decompressione.

Nei computer che consentono di modificare manualmente l’altitudine (Mares e Suunto), la variazione di tale parametro equivale a quella della impostazione dei fattori di sicurezza. Quindi l’impostazione altitudine va attivata solo quando realmente ci si immerga in alta quota. In modalità aria arricchita in ossigeno (“nitrox”), i computer hanno il profilo di decompressione più sicuro (conservativo) solo quando si usino pressione parziali dell’ossigeno di circa 1,4 bar. Per miscele “nitrox” più leggere il computer è più permissivo (meno decompressione).

Per attualizzare l’ informazione, oggi (2019) il mercato propone Mares Genius, Suunto DX, Uwatec G2 e HUD. La Dive System, eccellenza italiana che supporta attivamente i progetti SIMSI, ha ideato il computer ix3m (extreme) che consente di visualizzare già sul fondo la eventuale penalizzazione che sarà proposta dal computer durante la risalita (vedi figura 3). Questo permette al subacqueo di gestire l’immersione in base al proprio stato di benessere e considerando i compagni di immersione (particolarmente utile per gli istruttori e guide subacquee).

Figura 3. Il computer Dive System ix3m consente di visualizzare sul fondo (terzo tasto verso destra) la saturazione dei compartimenti in modo da prevedere la penalizzazione applicata al tempo di decompressione durante la risalita. Tanti più compartimenti raggiungeranno la barra orizzontale della pressione parziale dell’azoto (giallo) o dell’elio (verde), virando da giallo in rosso, tanto più lunga sarà la decompressione. Qualora il subacqueo desideri decompressioni brevi dovrà staccarsi dal fondo quando i primi compartimenti veloci vireranno al rosso.


SIMSI
suggerisce di utilizzare computer (come Dive System ix3m tech, iDive Color tech) che consentano di impostare due gradient factor. Il gradient factor low (GF Low) definisce la profondità (in metri) della prima sosta di sicurezza. Il gradient factor high (GF High) definisce quanto ampia (in minuti) debba essere la penalizzazione della decompressione.

Dive System RATIO® iX3M Computer

Per entrambi i gradient factor, maggiore è il valore impostato (più vicino al 100%) più vicina alla superficie sarà la prima sosta profonda e minore sarà la durata della penalizzazione (meno tempo in decompressione).

Attualmente (2019) SIMSI consiglia di impostare i valori GF low 50, GF high 80. In sintesi, è necessario conoscere come si comporta il computer subacqueo che utilizziamo e saper ben gestire l’impostazione dei fattori di sicurezza.

 

I computer subacquei compartimentali prevedono un maggiore tempo di fondo e meno decompressione rispetto ai modelli RGBM. Il subacqueo deve conoscere l’effetto cascata che, in alcuni computer, può automaticamente ridurre il fattore di sicurezza inizialmente impostato. Il fattore di sicurezza Uwatec più alto (MB5) corrisponde a un fattore di sicurezza minimo per Suunto (PF1). Mares Icon HD appare più penalizzante di Suunto D9 per la decompressione nell’immersione ripetitiva. E’ fortemente raccomandato l’utilizzo di computer che consentano di impostare due gradient factor (low e high), come Dive System ix3m tech e iDive Color tech.

In base alle considerazioni che finora abbiamo analizzato, come scegliere il giusto fattore di sicurezza?
Qualora il subacqueo sia a maggior rischio di incidente da decompressione (per sospetto o accertato forame ovale pervio FOP, per condizioni fisiche non ottimali o per una immersione con stress decompressivo) ci sono due diversi approcci: quello anglosassone e quello italiano. L’approccio anglosassone è penalizzare la decompressione per ridurre l’innesco delle bolle. Ad esempio, la South Pacific Underwater Medicine Society (SPUMS) e l’ United Kingdom Sports Diving Medical Committe (UKSDMC) nel loro documento di posizionamento sul Forame Ovale Pervio (FOP) suggeriscono:
– riduzione dei tempi di immersione;
– limitare le profondità di immersione;
– evitare le immersioni ripetitive;
– preferire le immersioni con aria arricchita in ossigeno (“nitrox”) mantenendo i computer impostati sulla decompressione in aria;
– aumentare la durata delle soste di sicurezza o il tempo di decompressione.  vedi rife. 2

Invece, i medici italiani (intendo la SIMSI) considerano che il subacqueo sia sottoposto, sul fondo e durante la risalita, a un processo infiammatorio che dipende dalle bolle e, principalmente, dallo stato di benessere, dalla forma fisica, dallo stato di allenamento del subacqueo. Preferendo ridurre al minimo, durante la risalita, la esposizione all’infiammazione si suggerisce di impostare il computer sui valori minimi di sicurezza (vedi figura 4) e ridurre le cause della infiammazione.

Questo è possibile tramite:
– un’alimentazione sana, equilibrata tra sostanze acidofile (carboidrati, proteine) e basiche (frutta, verdura, acqua bicarbonato calcica come Sangemini);

– un’attività fisica regolare;

– l’utilizzo di antiossidanti laddove l’organismo sia in stress ossidativo (come Aros Base della Staros che supporta la ricerca SIMSI – una compressa al giorno per due mesi);

– evitando sforzi durante la risalita in barca o a riva e intervalli di superficie inferiori alle due ore.

 

Io sono orgogliosamente italiano (oltre che Presidente della SIMSI). Il mio computer è impostato con gradient factor low 50, high 80 e qualora utilizzi computer che consentano di impostare un solo fattore di sicurezza scelgo quello più basso possibile (P0, PF0 o MB0). Curo l’alimentazione (frutta e verdura abbondante, acquistata preferibilmente dal contadino), cerco di totalizzare almeno 8 mila passi al giorno, mi sottopongo a controllo medico annuale e il mio indice di rischio per incidente da decompressione è di un incidente ogni 984 immersioni (per me sufficiente).

Pasquale Longobardi
Presidente Società Italiana di Medicina Subacquea e Iperbarica

 

 

 

 

Bibliografia
– Sayer MDJ, Azzopardi E, Sieber A. User settings on dive computers: reliability in aiding conservative diving. Diving and Hyperbaric Medicine 2016;46 No. 2.
– Smart D, Mitchell S, Wilmshurst P, Turner M, Banham N. Joint position statement on persistent foramen ovale (PFO) and diving: South Pacific Underwater Society (SPUMS) and the United Kingdom Sports Diving Medical Committee (UKSDMC). Diving Hyperb Med. 2015;45:129-31.
– Spisni E, Marabotti C, De Fazio L, Valeri ME, Cavazza E, Brambilla S, Hoxha K, L’Abbate A e Longobardi P. A comparative evaluation of two decompression procedures for technical diving using infl ammatory responses: compartmental versus ratio deco. Diving and Hyperbaric Medicine, 2017; 47 No. 1

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 869 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share