If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Tentativo di interdizione al passaggio di una nave mercantile inglese a Hormuz di Andrea Mucedola

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOPOLITICA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO INDIANO – GOLFO PERSICO
parole chiave: Iran, traffico mercantile, petrolio

 

HMS Montrose durante un’operazione di scorta, fonte UK Min. DeF. – foto di repertorio AP

C’era da aspettarselo. L’incidente è avvenuto solo un giorno dopo che il presidente iraniano, Hassan Rouhani, aveva tuonato  sui media, avvertendo la Gran Bretagna di “ripercussioni” non specificate per il sequestro avvenuto la settimana scorsa da parte britannica di una superpetroliera iraniana.  Come ricorderete, giovedì 4 luglio 2019, la marina reale britannica ha fermato e sequestrato la petroliera iraniana Grace 1 in transito nello Stretto di Gibilterra. Secondo le autorità britanniche, la nave stava trasportando 300.000 tonnellate di greggio in Siria, violando le sanzioni europee contro la Siria. Rouhani ha condannato il sequestro e Zarif, ministro degli Esteri iraniano, ha negato che la superpetroliera appartenesse all’Iran, affermando che chiunque fosse proprietario della spedizione petrolifera e della nave potesse perseguire il caso attraverso vie legali. Di fatto l’Iran ha convocato l’ambasciatore britannico per quella che ha definito una “intercettazione illegale” della nave da parte della Marina britannica, quindi un atto di pirateria.

Il fatto
Vediamo di capire che cosa è successo ad Hormuz. Giovedì 11 luglio tre unità navali iraniane hanno tentato, senza successo, “di impedire il passaggio” di una nave commerciale britannica, la British Heritage, in transito nello Stretto di Hormuz.

la petrolifera della BP British Heritage

La British Heritage appartiene al gigante petrolchimico britannico British Petroleum, comunemente noto come BP. La sua flotta comprende la petroliera Century Class, una delle più grandi petroliere di petrolio greggio in grado di trasportare fino a un milione di barili di petrolio alla volta. Il ministero della Difesa britannico (UKMOD) ha riferito che una nave da guerra della Royal Navy, la fregata HMS Montroseè stata costretta a posizionarsi” tra le navi iraniane e la petroliera per evitare comportamenti aggressivi da parte dei pasdaran.

fregata HMS Montrose

Secondo quanto comunicato, l’HMS Montrose, che stava scortando la British Heritage,  ha emesso “avvertimenti verbali alle imbarcazioni armate iraniane, che poi si sono allontanate“, aggiungendo che Londra è “preoccupata per questa azione e continua a sollecitare le autorità iraniane” al fine di mitigare la tensione nella regione. L’azione della HMS Montrose è stata quindi sufficiente, evitando di ricorrere alla forza, ed il mercantile ha proseguito il suo cammino attraverso lo Stretto di Hormuz, una via d’acqua vitale che collega il Golfo Persico con il resto del mondo attraverso il Golfo di Oman.

Ovviamente, il Governo britannico, che mantiene una forza navale nel Golfo Persico,  è molto preoccupato per questa azione e continua a sollecitare le autorità iraniane a mitigare la situazione nella regione.

Le autostrade del mare, rappresentazione del traffico mercantile che, inevitabilmente, si concentra in aree marittime ristrette, definite choke point. Queste aree sono estremamente sensibili perché una loro chiusura porterebbe a sconvolgimenti significativi delle economie dei Paesi industrializzati

Come spesso abbiamo raccontato sulle nostre pagine, ben un terzo delle forniture petrolifere mondiali passa attraverso lo stretto ogni anno. Un choke point sensibile che vede coinvolti interessi occidentali e delle grandi potenze economiche orientali. Un area sensibile e estremamente semplice da interdire sia direttamente attraverso mezzi navali sia con l’utilizzo occulto di mine ed ordigni navali. La delicatissima situazione di confronto con l’Iran per il nucleare ha spesso spinto Teheran a minacciare il blocco del traffico mercantile, fattore che causerebbe danni di miliardi di dollari per le compagnie petrolifere.

Sembrerebbe che la British Heritage sia stata intercettata da “navi veloci” iraniane, piccole imbarcazioni armate in dotazione alla Guardia Rivoluzionaria per controllo delle acque territoriali ma anche per azioni discutibili di interdizione o disturbo della navigazione di navi commerciali provenienti dal Golfo Persico, in transito nello Stretto di Hormuz.

La Guardia rivoluzionaria iraniana ha ovviamente negato le accuse, affermando che se avesse ricevuto ordini di sequestrare le navi in transito lo avrebbe fatto immediatamente. L’agenzia di stampa semi-governativa Fars ha rilasciato una dichiarazione della Guardia rivoluzionaria iraniana  sottolineando che “non ci sono stati scontri con navi aliene“, specialmente battenti bandiera britannica. Il ministro degli Esteri iraniano Mohammad Javad Zarif ha respinto le accuse britanniche come “inutili“, affermando che le affermazioni “sono state fatte per creare tensione“, ha riferito l’agenzia.

La Russia, nel frattempo, che ha appoggiato l’Iran nella situazione di stallo con l’Occidente per il suo programma nucleare, ha accusato gli Stati Uniti dell’incidente. Secondo i media russi, “la situazione è molto preoccupante“, ha detto il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov. “Le ragioni sono chiare: questo è il corso intenzionale e premeditato di Washington per esacerbare le tensioni“.

Il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha dichiarato ai giornalisti di essere a conoscenza del fatto che “si presume che si sia verificato un simile incidente“, ma anche della posizione di Teheran che nega che sia avvenuto. Secondo Peskov è quindi necessario assumere una maggiore moderazione nel Golfo Persico, al fine di non esacerbare la situazione che è già molto complessa. In sintesi, quest’incidente ha di fatto segnato l’ultima escalation di tensioni continue nel Golfo Persico a seguito del ritiro unilaterale del presidente Trump degli Stati Uniti dall’accordo nucleare del 2015 tra l’Iran e le potenze mondiali. La prudenza  è d’obbligo e la diplomazia deve fare il suo corso per evitare che la situazione degeneri.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 87 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share