If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Nelle acque gelide del Nord, incendio a bordo del sottomarino nucleare Losharik

livello elementare
.
ARGOMENTO: MARINA MILITARE
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ARTICO
parole chiave: sottomarini, incidenti, marina russa

 

Le news mondiali hanno mostrato nei giorni scorsi delle immagini drammatiche che hanno richiamato alla memoria l’incidente del sottomarino russo Kursk, avvenuto il 12 agosto del 2000. Come ricorderete il Kursk, un moderno sottomarino a propulsione nucleare, impegnato in una esercitazione nel Mar Glaciale Artico, a causa di un’esplosione subì gravi danni e sprofondò con il suo equipaggio negli abissi. 

Il 1 luglio 2019, durante una non chiara attività in mare, il misterioso sottomarino nucleare AS 12 “Losharik” ha subito un incidente che avrebbe potuto avere conseguenze altrettanto drammatiche. Il battello, nonostante un grave incendio scoppiato presumibilmente a bordo, è riuscito però alla fine a riemergere . Purtroppo 14 marinai sono morti per l’inalazione dei fumi  generatisi all’interno dello scafo. Il presidente russo  Vladimir Putin ha definito l’incidente “una grande perdita“, ed ha immediatamente convocato il ministro della difesa, Sergei Shoigu.

Hero of Russia, captain 1st rank Dolanski Denis Vladimirovich
Hero of Russia, captain 1st rank Filin, Nikolai Ivanovich
Captain of 1st rank  Abankin Vladimir Leonidovich
Captain of 1st rank  Andrey Vladimirovich
Captain of 1st rank Konstantin Anatolyevich Ivanov
Captain 1st rank Oparin Denis Aleksandrovich
Captain 1st rank Somov, Konstantin Yurievich
Captain 2nd rank Avdonin Aleksandr Valerievich
Captain 2nd rank Danilchenko Sergey Petrovich
Captain 2nd rank Soloviev, Dmitry Aleksandrovich
Medical corps Lieutenant Colonel  Vasilyev Alexander Sergeevich;
 Captain 3rd rank  Kuzmin, Victor S
 Captain 3rd rank  Suhinichi Vladimir G.
 Lieutenant  Dubkov Mikhail Igorevich

Nonostante le dichiarazioni rilasciate dai portavoce russi rimangono dei dubbi sull’evento. Una cosa alquanto strana, che non può non saltare all’occhio, è che i quattordici militari russi coinvolti non erano semplici marinai ma, come vedete dalla tabella,  ufficiali di alto rango, di cui alcuni anche decorati. Forse il loro sacrificio ha permesso di evitare un incidente nucleare con conseguenze catastrofiche.

Per quale motivo erano presenti a bordo tanti Ufficiali superiori? Era forse una commissione di verifica per qualche nuovo test?
Mosca ovviamente non si sbottona. D’altronde il battello non è un sottomarino qualsiasi ma uno dei più moderni mezzi subacquei spia della Marina russa. Secondo l’agenzia di stampa indipendente RBC e il giornale Novaya Gazeta, il sottomarino coinvolto è il famoso battello a propulsione nucleare AS 12 “Losharik“, progettato negli anni ’80 ed entrato in servizio nel 2003.

Ma che cosa ha di tanto speciale questo battello nucleare, apparentemente senza armi a bordo e con un equipaggio di soli 25 uomini che si dice possa operare a profondità superiori a 2000 metri di profondità?
Come per il sottomarino nucleare NR 1 della US Navy vi sono fonti che ne ipotizzano un uso decisamente particolare: l’intercettazione dei cavi di comunicazione che solcano gli oceani per spionaggio o per eventuali operazioni di sabotaggio. Non ci sarebbe da meravigliarsi, in un mondo in cui le comunicazioni sostengono le nostre economie, questo tipo di attacco potrebbe causare danni economici importanti. Pensate che su questi cavi in fibra ottica viaggiano ogni giorno telefonate, e-mail, e miliardi di euro in transazioni finanziarie.

Sebbene i Russi dichiarano di impiegare questi sottomarini per ricerche batimetriche e ricerche oceaniche, Bryan Clark, un ex ufficiale della marina statunitense esperto di operazioni sottomarine, ha dichiarato a Business Insider  che “… se stanno facendo ricerche sul fondo del mare con un sottomarino militare, probabilmente sono anche in grado di interdire o interrompere il cablaggio sottomarino o altre infrastrutture, come i gasdotti“. Questa tipologia atipica di sottomarini potrebbero anche essere usata per installare, rimuovere o distruggere sensori di ascolto sonar nelle profondità degli oceani. 

Cosa è successo al Losharik?
La versione ufficiale russa è che l’incendio è avvenuto mentre il battello stava conducendo delle indagini batimetriche – ovvero di misura della profondità del fondo marino. Un’attività idrografica che normalmente non richiede grandi mezzi. Perché allora utilizzare addirittura un sottomarino nucleare? Mosca non ha fornito alcuna informazione specifica sul tipo o sul modello della sottomarino, dicendo solo che i dettagli sono coperti da “segreto di stato” (fonte AFP). Secondo l’agenzia Reuters, le autorità norvegesi hanno riferito di non aver rilevato alcuna radiazione anomala dopo l’incidente. Ma non sono mancate le polemiche; un sito non governativo, critico verso Putin (sempre secondo Reuters), si sarebbe lamentato delle scarse informazioni rilasciate che avrebbero dovuto colmare l’incertezza legata ad un potenziale pericolo di emissioni radioattive a seguito dell’incidente.

Ma vediamo di mettere insieme le varie informazioni
Sembrerebbe che l’incendio a bordo del Losharik si sia verificato nel Mare di Barents alle 20:30 circa di lunedì 1 luglio 2019. L’Autorità norvegese per la protezione dalle radiazioni (NRPA) ha dichiarato che a seguito di un’esplosione di gas, tra l’altro confermata dalle autorità russe, avvenuta all’interno del sottomarino (fonte AFP) è scaturito l’incendio. La NRPA, preoccupata da un possibile inquinamento radioattivo, ha richiesto conferma che a bordo del sottomarino sia presente un reattore nucleare. Inutile dire che non vi sono state risposte.

Un comunicato del Ministero della Difesa russo, rilasciato dal servizio di notizie TASS, ha affermato che quattordici componenti dell’equipaggio sono morti “in acque russe territoriali a seguito di inalazione di prodotti di combustione a bordo di una sottomarino designato per lo studio del fondo marino … nell’interesse della marina russa“. Inoltre risulterebbe che ci siano stati 5 o 6 feriti. Sembrerebbe che il fuoco sia scoppiato durante l’esecuzione di misurazioni oceanografiche ed è stato poi estinto dalle azioni di “auto-sacrificio” dell’equipaggio per evitare danni collaterali maggiori. Affermazione che fa presupporre un’azione disperata portata avanti dai quattordici ufficiali periti nell’incidente.

Vero o falso sarà difficile da dimostrare e la versione ufficiale, presentata dalle autorità russe, presenta ancora  non pochi lati oscuri.

i 14 ufficiali russi scomparsi sul Losharik

Tanti misteri
Prima di tutto, perché sulla nave vi erano così tanti ufficiali di grado elevato? L’unica spiegazione è che si trattasse di una dimostrazione tecnica di qualche nuova apaprecchiatura e che qualcosa sia andato storto. Essendo stati dichiarati 14 decessi, compreso il Comandante, perché il sottomarino non ha effettuato un emersione di emergenza? Il battello è invece riemerso circa un’ora dopo l’inizio dichiarato dell’incendio .. anche questo è poco credibile in quanto nessun battello subacqueo cercherebbe di soffocare un incendio in profondità in quanto, in caso di fallimento, non ci sarebbe il tempo per evacuare l’equipaggio.

Non ultimo sembrerebbe che per rimorchiare il sottomarino (peso stimato di 1600 tonnellate) siano stati necessari due rimorchiatori ed una nave da guerra. Questo potrebbe far pensare che aree interne siano state allagate nel disperato tentativo di spegnere l’incendio oppure che il Losharik, nel momento dell’emergenza, fosse ancora agganciato al sommergibile madre e che l’incendio abbia in realtà interessato entrambi i battelli.

Il Losharik è poi rientrato alla base militare di Severomorsk, nella penisola di Kola, al di sopra il Circolo polare artico, ironia della sorte la stessa base dove aveva servito il sottomarino Kursk, che affondò con tutto il suo equipaggio nel Mar di Barents nell’agosto del 2000 dopo la presunta esplosione di un siluro. Per quanto di conoscenza, l’incendio del Losharik segue quello avvenuto nel 2008 a bordo del sottomarino Nerpa, che provocò la morte di 20 persone a causa di un malfunzionamento del sistema anti incendio nel Mar del Giappone.

Mentre il Nerpa ed il Kursk erano sottomarini di attacco, il Losharik è ufficialmente un battello per ricerche oceanografiche profonde sotto il controllo della Direzione delle ricerche del Cremlino. La sua architettura interna è curiosa. L’analisi delle immagini satellitari mentre si trovava in un bacino di carenaggio a Severomorsk lo conferma e mostra che lo scafo è costituito da sette sfere.

Come sappiamo gli scafi sferici sono spesso usati in battelli subacquei oceanografici (pensate ad esempio ai batiscafi) che devono operare a grandi profondità perché consentono una resistenza maggiore rispetto ai cilindri normali. Questo comporta che, sebbene sia lungo circa 70 metri, lo spazio interno del Losharik è molto inferiore rispetto ad altri sottomarini con dimensioni simili, e tutte le paratie sono state realizzate, per motivi idrodinamici, necessariamente curve. Le sfere, del diametro di sei metri, sono costruite in lega di titanio e contenute all’interno di uno scafo esterno aerodinamico che dà l’aspetto di un sottomarino regolare.

Il Losharik fu impostato nel 1988, entrando in servizio nel 2003 come sottomarino nucleare per operazioni profonde, con compiti oceanografiche ma anche particolarmente adatto per azioni di spionaggio e sabotaggio. Come alcuni suoi predecessori le limitate dimensioni non consentono di operare a lungo per cui si appoggiano ad un sottomarino madre, appositamente modificato che trasporta il messo in area di operazioni per poi recuperarlo a termine missione.

 

Per tale motivo sono stati modificati due sottomarini (il primo appartenente alla classe Delta III e l’altro alla Delta IV, il BS-64 Podmoskovye) che trasportano sotto lo scafo il sottomarino spia. E si trattava proprio del BS-64 Podmoskovye che si trovava in vicinanza del Lashorik al momento dell’incidente.

Forse non sapremo mai la verità, ma possiamo avere un doveroso pensiero a quei marinai che hanno perso la loro vita nelle gelide acque del Nord, forse per evitare danni maggiori all’ambiente.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 214 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share