If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Solo sul fondo: un dramma nelle fredde acque dell’Atlantico di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEI COMMERCIALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: offshore, incidente, campana

 

.
Per Chris Lemons quel martedì doveva essere solo un giorno come un altro al suo posto di lavoro, anche se il suo ufficio non ha sedie o scrivanie e Chris, invece di giacca e cravatta, indossava un casco da palombaro ed una muta. Lemons infatti è un subacqueo commerciale professionista che lavora in saturazione sul fondo del mare del Nord. Insieme a Dave Yuasa e Duncan Allock, Chris fa parte di un team di sommozzatori che lavorano in saturazione per la Bibby Offshore sulle infrastrutture subacquee del campo di idrocarburi chiamato Huntington, circa 115 miglia ad est di Petrhead (Scozia).
.

.

La profondità di lavoro è di circa 100 metri per cui gli operatori operano in saturazione al fine poter lavorare più a lungo sul fondo. Al termine del loro turno eseguono un’unica lunga decompressione di 4 o 5 giorni, evitando  quindi le decompressioni per ogni sessione di lavoro. Per questo motivo all’inizio di un turno di lavoro, di circa 30 giorni, i subacquei entrano in una camera iperbarica dove vengono progressivamente pressurizzati ad una profondità equivalente a quella alla quale dovranno operare e vi rimangono fino al termine del turno. In pratica passeranno un mese in un ambiente molto ristretto, senza alcuna privacy (per motivi di sicurezza ci sono telecamere anche nel bagno), respirando una miscela di ossigeno ed elio. Sebbene sia uno dei lavori più pericolosi e faticosi è anche il più pagato che un subacqueo possa fare (a volte mille dollari al giorno). Una attrattiva per molti ma … lo stipendio non ripaga mai i rischi e gli sforzi,  ed occorre passione e motivazione per resistere allo stress ed alla fatica.
.

Raccontiamo oggi una storia che ha dell’incredibile
Il 18 settembre 2012 le condizioni meteorologiche sono impegnative con 35 nodi di vento ed onde dai 6 ai 10 metri ma nulla di eccezionale per il Mare del Nord e nulla che la nave di supporto Bibby Topaz non sia in grado di gestire. La Topaz è specificatamente costruita per operazioni subacquee in saturazione ed è dotata di un moderno sistema di posizionamento dinamico; un computer aziona automaticamente una serie di propulsori, mantenendo la nave in posizione senza la necessità di agganciarsi ad un campo boe ancorate.
.

nella campana

La procedura è la solita: i sommozzatori passeranno dalla camera iperbarica ad una campana subacquea che verrà calata dalla nave alla profondità operativa. A questo punto due di loro, Chris and Dave, usciranno per iniziare a lavorare su una struttura utilizzata per il trasporto di gas e petrolio. Lo scopo del lavoro è relativamente semplice: sostituire alcune valvole e condutture. I due subacquei sono collegati alla campana da un ombelicale che fornisce la miscela respiratoria, garantisce le comunicazioni audio/video e permette la circolazione di acqua calda nella muta per resistere alle temperature molto basse, attorno ai quattro gradi Celsius a quella profondità. Il terzo operatore, Duncan, ha il compito di controllare gli ombelicali dall’interno della campana.

Un intervento di routine ma …
Tutto procede come previsto finché, dopo circa 45 minuti dall’inizio delle operazioni, il supervisore, che opera dalla Topaz, ordina repentinamente ai sommozzatori di rientrare nella campana perché la nave ha perso il suo posizionamento a seguito di un problema del computer. In pochi minuti la campana, e con essa i sub, vengono trascinati via dalla nave alla deriva. Dave si ritrova sollevato dal fondo ed inizia a rientrare nella campana; l’ombelicale di Chris invece rimane impigliato nella struttura ed in pochi istanti si spezza. Chris è ora solo, senza comunicazione, senza acqua calda e, soprattutto, senza gas respiratorio.  Anni di addestramento ed esperienza permettono a Chris di rimanere calmo; per prima cosa apre una bombola di bail-out che gli garantirà circa dieci minuti di autonomia.

Normalmente questo tempo è più che sufficiente per rientrare nella campana ma, questa volta, Chris non ha più un posto dove andare, la campana è ormai lontana, persa nel buio liquido del mare. Chris si posiziona sul tetto della struttura a circa undici metri dal fondale marino; la sua unica speranza è che i compagni possano localizzarlo. I minuti passano veloci, inesorabili, e la riserva di gas è presto esaurita. Chris si adagia alla piattaforma e perde i sensi.

immagine di Chris ripresa dal ROV

.

Nel frattempo sulla Topaz si lavora freneticamente e finalmente il sistema di posizionamento dinamico riprende a funzionare, la nave ritorna sul punto d’immersione ed un ROV viene immediatamente lanciato per aiutare nella ricerca; sono passati oltre trenta minuti da quando l’ombelicale di Chris si è spezzato.

le fasi dell’evento

.
Grazie al trasmettitore acustico automatico indossato da Chris, il ROV lo localizza rapidamente. L’altro sommozzatore, Dave, esce dalla campana e raggiunge il suo compagno svenuto; per prima cosa ristabilisce la fornitura di gas respiratorio e subito dopo riesce a trasportare Chris all’interno della campana. Una volta rimosso il casco, Chris appare senza vita, cianotico e freddissimo. Duncan inizia subito le procedure di rianimazione e, tra lo stupore di tutti, Chris riprende a respirare.
.

back to work

.
Chris Lemons
non solo sopravvive senza alcun danno ma ritornerà a lavorare in saturazione dopo appena tre settimane dall’incidente. Vi sono varie opinioni su come Chris sia sopravvissuto e queste includono un forte stato ipotermico che avrebbe ridotto il metabolismo e quindi protetto le funzioni cerebrali. Fattore non trascurabile la miscela respiratoria aveva un’elevata pressione parziale di ossigeno e aveva contribuito ad una iper-ossigenazione dei tessuti.

Su questa incredibile storia è stato recentemente prodotto un documentario “Last breath” che può essere visto in streaming su diverse piattaforme online.

.

Giorgio Caramanna
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting
Giorgio è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.
.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 1.167 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share