If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Plastica: non aspettare che qualcuno risolva il problema, sii protagonista del tuo futuro

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: plastica

 

Ormai è risaputo, gli oceani del pianeta sono diventati un enorme bidone di rifiuti per ogni tipo di plastica. Sebbene i problemi ambientali e di salute associati all’inquinamento plastico sono sotto gli occhi di tutti, riconosciuti da lungo tempo, le azioni per mitigare questo inquinamento sono ancora limitate. E’ stato valutato che circa il 10% di tutti i rifiuti solidi è composto da macro e micro plastiche, ma oltre l’80% dei rifiuti che vengono in qualche maniera abbandonati contengono in qualche percentuale plastiche.

invasi dal PET

Il successo di questi materiali è legato alle loro caratteristiche, ancor oggi uniche. Sono economici, leggeri, resistenti alla corrosione e con elevate proprietà di isolamento termico ed elettrico. Questa versatilità ha di fatto rivoluzionato la nostra vita. Hanno anche contribuito alla nostra salute e sicurezza, basti pensare il grande impiego nel mondo della sanità, nella distribuzione dell’acqua potabile, nel confezionamento asettico degli alimenti.
A questi indubbi vantaggi vanno aggiunti gli aspetti economici con spese minori in termini di trasporto dei beni. Non sorprende che, con una popolazione in continua espansione e il nostro standard di vita in continuo miglioramento, la produzione di plastica sia aumentata da 0,5 a 260 milioni di tonnellate all’anno dal 1950, necessitando oggi oltre l’8% della produzione mondiale di petrolio.

 

testimone del nostro tempo … ci sono aree del mondo in cui sono gli umani ad essere circondati dalle plastiche

E pensiamo che negli anni ’60 meno dell’1% dei nostri rifiuti era composto di plastica questa evoluzione, o devoluzione, è stata importante. I problemi fondamentali sono legati alla gestione dei rifiuti. Non tutte le plastiche sono infatti riciclabili ed i tempi di biodegrabilità possono arrivare a millenni. Inoltre, il loro uso è ancora legato a periodi di vita relativamente brevi; pensiamo alle stoviglie monouso, alle bottiglie di PET per le bevande e ad altri prodotti a vita breve che vengono eliminati definitivamente entro un anno dalla produzione. Una percentuale significativa è quella composta dalle buste di plastica. E’ stato calcolato che una percentuale dello 0,3 % della produzione di plastica finisce nell’oceano dove, grazie alla loro leggerezza e durabilità, galleggiano fino a quando per motivi fisici o chimici si rompono in pezzi sempre più piccoli così “che possono essere consumati dal più piccolo animale marino alla base della rete alimentare “, secondo quanto menzionato già nel 2009 da un rapporto del Programma delle Nazioni Unite per l’ambiente (UNEP 2009).

Gli ambienti marini salini e l’effetto di raffreddamento del mare allungano i tempi di biodegradabilità e la persistenza di detriti di plastica è fortemente dimostrata dal fatto che ritroviamo plastica dall’Artico alle profondità delle fosse delle Marianne. Le grandi correnti oceaniche convogliano questi ammassi in vortici infernali dove la vita lentamente scompare, creando di fatto delle zone morte. La galleggiabilità di molti materiali plastici comporta che possono essere trasportati facilmente dalle correnti oceaniche attraverso i bacini oceanici. Tale inquinamento si estende dai poli all’equatore fino alle isole più remote.

un vortice dell’oceano Pacifico composto in maggior parte da plastiche osservato dallo spazio

Anche nel mar Mediterraneo sono state ritrovate aree marine con un’alta densità di rifiuti plastici; in quelle aree il rapporto plastica plancton è di 6 a 1. La quantità è tale da rendere improbabile la possibilità di raccoglierla per poi poterla gestire a terra. Poco probabile ma non impossibile. Iniziative sono sorte in tutto il mondo in una lotta contro il tempo che vede privati, associazioni e consorzi uniti per contenere tale emergenza.
L’impatto sulla vita marina è drammatico. I corpi di quasi tutte le specie marine, di dimensioni variabili dal plancton ai mammiferi marini ora contengono plastica. Il sessanta per cento delle reti utilizzate per il campionamento del plancton di superficie nell’Oceano Atlantico occidentale e nei Caraibi occidentali dal 1986 al 2008 contenevano detriti di plastica di diverse dimensioni.

Le materie plastiche sono state ritrovate nei nidi degli uccelli o sono indossati dai granchi eremiti al posto delle conchiglie, sono presenti negli stomaci delle tartarughe, dei cetacei e degli uccelli marini. Oltre la pericolo di ingestione esiste anche quello di intrappolamento che porta questi animali a sicura morte dopo conseguenti riduzioni del movimento e della capacità di alimentazione, e lacerazioni, ulcere e morte.

Che cosa fare?
Il fattore tempo è fondamentale. Non possiamo continuare a indignarci e nello stesso tempo continuare a comportarci in maniera non virtuosa. Si ritiene necessario agire sulle cause, attraverso un’educazione ambientale obbligatoria in tutte le scuole di ogni ordine e grado per i cittadini del III millennio, ma non solo. L’educazione deve essere perpetuata nei Circoli, Associazioni sportive e nei luoghi di comunione. In contemporanea, va svolto da parte delle Forze preposte uno sforzo congiunto per reprimere severamente comportamenti, che possiamo definire criminali, da parte di coloro che volontariamente abbandonano i rifiuti senza pensare al futuro delle nuove generazioni. Se da un lato è un fattore generazionale,  e vogliamo sperare che le prossime generazioni saranno migliori, ci dobbiamo domandare se saranno ancora in tempo per sopravvivere?

Basta poco per creare un nuovo futuro.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 61 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share