If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le guerre turco veneziane del XVII-XVIII secolo – parte I – di Gianluca Bertozzi

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVII – XVIII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Venezia, Ottomani

Nella maggior parte dei libri di storia italiani sembra che dalla battaglia di Lepanto al Risorgimento gli Stati italiani non abbiano mai partecipato a conflitti se non come vittime impotenti di invasioni straniere. Questo trascura completamente l’operato degli eserciti sabaudi che abbarbicati sulle alpi e nelle pianure piemontesi ebbero un ruolo di rilievo, sebbene sproporzionato alle dimensioni del Paese, nelle guerre del XVII e XVIII secolo, e la terribile serie di guerre Turco veneziane che si svolsero tra la metà del 1645 ed il 1718 di cui parlerò in questo breve saggio.

 

La guerra di Candia, anche nota come quinta guerra turco-veneziana, fu un conflitto combattuto da Venezia e dai suoi alleati contro l’Impero ottomano per il possesso dell’isola di Creta, il più grande e più ricco tra i possedimenti veneziani d’Oltremare. La guerra di Candia durò dal 1645 al 1669 e fu combattuta non solo sull’isola ma anche sul Mar Egeo ed in Dalmazia. Creta fu conquistata dagli Ottomani nei primi anni di guerra ma la piazzaforte di Candia, capitale dell’isola, resistette con successo per 22 anni, il più lungo della storia. In questo contesto storico i Veneziani, stremati dal lungo assedio,  pensarono di usare la peste per sconfiggere l’Impero Ottomano. Ben presto la guerra si spostò anche sul mare dove si svolsero numerosi scontri navali in cui Venezia mantenne la superiorità sui mari vincendo numerose battaglie navali. In realtà mancò il suo obiettivo principale ovvero il blocco dello stretto dei Dardanelli che avrebbe impedito agli Ottomani di rifornire le truppe turche presenti a Creta.  Gianluca Bertozzi affronta in questo breve saggio questo importante periodo della storia navale mediterranea

Candia
Il conflitto più lungo e duro tra la piccola Repubblica di Venezia e l’enorme e potente impero turco fu il conflitto per Candia che, scoppiato nel 1645, si concluderà solamente 24 anni più tardi, nel 1669. Un conflitto che costò un numero spropositato di vite da ambedue le parti: circa 130.000 furono i morti per i Turchi e 29.000 per i Veneziani. 

“IN CERTAMINE PRIMA”.. prima nella battaglia, era il motto della nave del grandissimo Condottiero veneto Marc’Antonio Bragadin. Un delizioso dipinto conservato nel Museo Correr, Venezia, illustra lo scontro navale, che lo vide protagonista, nella guerra di Candia.

Se per terra la superiorità turca era schiacciante per mare era un’altra storia e di fatto la marina Veneziana, con un impressionante serie di vittorie, guadagnò all’esercito numerose campagne assicurando regolari rifornimenti ad un fronte lontano ben 1900 chilometri dalla madrepatria e ponendo un blocco navale allo stretto dei Dardanelli che di fatto tagliò spesso i rifornimenti alle truppe turche sull’isola di Candia.

Per meglio comprendere lo sforzo sostenuto dalla repubblica di Venezia e le dimensioni delle battaglie sostenute bisogna considerare che nel XVII secolo in media una galeazza imbarcava 500 uomini e 34 cannoni, un vascello 450 uomini e 60 cannoni, una semplice galea 300 uomini e 7 cannoni. Questo vuol dire che nel 1656 nello stretto dei Dardanelli la sola flotta veneta imbarcava 24000 uomini e 1950 cannoni. Un numero enorme per un piccolo stato come la Serenissima; basti pensare che ad Abukir si affrontarono 13 vascelli inglesi (962 cannoni) e 13 vascelli e 4 fregate francesi (1200 cannoni) mentre nella celebrata battaglia di Trafalgar la flotta inglese affrontò con 27 vascelli 4 fregate (2148 cannoni 17256 uomini) i 33 vascelli e le 5 fregate franco spagnole (21580 uomini e 2656 cannoni).

battaglia tra Veneziani e Olandesi contro i Turchi nella base di Focchies (attuale Foça, 1649) dipinto di Abraham Beerstratenm, 1656

L’ammiraglio veneziano Giacomo da Riva, il 12 maggio del 1649 nelle acque di fronte a Focchies, affrontò con 19 navi ben 72 galee, 20 navi e 10 maone (galeazze per i turchi) ottomane. Nella sconfitta i Turchi persero 10 vascelli e 4 maone. Quando nel 1651 la flotta turca trovò nuovamente il coraggio di prendere il mare venne intercettata nelle acque di Paros da quella veneziana guidata da Alvise Tommaso Mocenigo. Quest’ultimo, a capo di una flotta di 28 vascelli, 6 galeazze e 24 galee, affrontò la flotta turca, forte di 53 galee, 6 maone e 55 vascelli (di cui però solo 37 armati), sconfiggendola in uno scontro che durò dal 7 al 10 luglio del 1651.

A quest’ultima battaglia parteciparono, in veste di semplici capitani, molti di coloro che si distingueranno negli anni successivi come: Lazzaro Mocenigo, Lorenzo Marcello e Francesco Morosini. Nella battaglia i Turchi persero sedici navi e una maona. Sfortunatamente nessuna delle 72 galee turche venne catturata o affondata. In questo modo rimaneva in mano turca il principale strumento per continuare a traghettare rinforzi a Creta.

Quando el leon alza la coa tutte le bestie sbasa la soa motto della Serenissima legato al fatto che la Repubblica di Venezia in seguito adottò sui loro stendardi due varianti del leone, ovvero quella di pace, con il libro aperto e la coda abbassata e quello portato in guerra con il libro chiuso e la coda alzata. Da ciò i marinai veneziani amavano affermare con orgoglio che (in dialetto veneto) quando il leone di San Marco alzava la coda, e quindi entrava in guerra, tutte le altre bestie (con riferimento ai simboli delle insegne nemiche) abbassavano la loro per paura. Questa versione pittorica è ancora usata nel jack della Marina Militare italiana in cui il leone ha la coda alzata.

Il 17 maggio 1654 la flotta turca si presentò ai Dardanelli per forzare il blocco, preparata a dar battaglia e non solo per cercare di forzare il blocco navale. Forte di quaranta galee, sei maone e trenta navi, trovò ad attenderla la flotta veneziana guidata da Iseppo Dolfin e da Daniele Morosini, con sedici navi, due galeazze e varie galee.

Lo scontro che ne seguì fu estremamente caotico ma possiamo dire che, a uscirne vincitori, furono i Turchi che riuscirono alla fine a forzare il blocco. Gli Ottomani persero nella battaglia 1000 uomini, 2000 feriti, un vascello bruciato, sette galee affondate, tre gravemente danneggiate e molte altre danneggiate e dieci galere che dovettero essere disarmate perché rese inutilizzabili dal combattimento

Ma le cose cambiarono già l’anno successivo quando Lazzaro Mocenigo inflisse una nuova sconfitta alla flotta ottomana composta da 60 galee, 3 maone, 30 Navi e 45 galeotte. Era il 21 giugno del 1655 ed i Veneziani, che disponevano di 24 galee, 6 galeazze e 25 Navi a vela quadra, si impadronirono di tre sultane (grandi vascelli) in perfetto stato, che furono poi inviate a Venezia come trofeo, mentre quasi tutte le altre navi a vela andarono perdute per incendio o per incaglio.

Complessivamente perirono diecimila ottomani e furono catturati cinquecento prigionieri contro solo duecento morti e altrettanti feriti tra i Veneziani. 

Battaglia dei Dardanelli (1656) Pieter Casteleyn – Legermuseum, Delft

fine parte I
Gianluca Bertozzi

Fonti
L’Esercito veneziano e la difesa di Candia 1645-1669
Il costo di una vittoria mancata Laureando Roberto Vaccher
Wikipedia Il blocco dei Dardanelli
1654-1657 “Arremba San Marco!” di Lanfranco Sanna

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 364 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share