If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Check list nelle attività subacquee di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: na
AREA: DIDATTICA
parole chiave: check list

Nel 1935 un modello sperimentale di aereo, che divenne poi il famoso B-17 “Fortezza volante”, precipitò subito dopo il decollo perché i piloti avevano dimenticato di attivare lo sblocco del timone di coda e degli alettoni durante le procedure di preparazione al volo. A seguito del grave incidente ci si rese conto che i nuovi aerei erano divenuti molto più complessi da operare senza un’applicazione metodica delle procedure. Il nuovo velivolo necessitava di un numero di azioni da effettuare durante le diverse fasi di volo che superava la capacità di esecuzione basata sulla sola memoria. Divenne perciò necessario creare delle liste da usare come guida. Il concetto di checklist era nato; questo venne in seguito ulteriormente sviluppato negli anni ed applicato in tutte le situazioni dove gli operatori devono confrontarsi con sistemi complessi.

Metodo
I subacquei operano in un ambiente difficile e mutevole e devono affidarsi ad una serie di sistemi che necessitano di essere predisposti ed utilizzati in modo corretto, per garantire la loro sopravvivenza in immersione. Sebbene se ne parli in tutti i corsi di insegnamento, l’uso delle checklist viene spesso ignorato sulla base dell’esperienza. Niente di più errato. Un approccio metodico e standardizzato riduce il carico sulla memoria e consente di immergersi in sicurezza e con maggiore efficienza.

esempio di check list. La preparazione delle check list deve essere accurata .. ad esempio il compilatore della check list di base che vediamo potrebbe avere dimenticato i calzari ed i ricambi di emrgenza

Tipologie
Analizziamo ora le diverse tipologie delle liste di controllo che possono essere impiegate in funzione delle diverse necessità, partendo dalla più semplice:

la lista della spesa
i vari punti della lista sono raggruppati in categorie. Un tipico uso è quello per una checklist dell’attrezzatura subacquea da preparare. Ad esempio una sezione della lista può riguardare la muta, maschera, pinne, cappuccio, guanti; un’altra includerà gli erogatori, il GAV, le bombole, il computer subacqueo e così via. L’idea è di raggruppare le varie attrezzature secondo una logica di appartenenza ad una specifica categoria in modo da rendere più semplice seguire la checklist;

lista sequenziale
le azioni devono essere eseguite secondo un ordine definito. Un subacqueo può usare questo sistema nell’assemblare e configurare l’attrezzatura. Ad esempio di solito il GAV deve essere connesso alla bombola prima degli erogatori;
 
lista iterativa
le azioni devono essere ripetute. Questa checklist può essere usata durante i controlli pre-immersione; i due compagni di immersione controlleranno le reciproche attrezzature ripetendo perciò due volte la checklist;

lista diagnostica
segue un diagramma di flusso ed è utile come guida per operazioni complesse che non vengono effettuate molto spesso come ad esempio localizzare e risolvere un malfunzionamento dell’attrezzatura durante la fase di configurazione pre-immersione.

A loro volta le checklist possono dividersi in normali” e “di emergenza”.
Una checklist normale è ad esempio quella usata durante i controlli pre-immersione. In caso di emergenza il problema si complica  in quanto non si ha il tempo per accedere ad una lista scritta; in questo caso è necessario addestrarsi preventivamente al fine di essere in grado di eseguire le necessarie azioni secondo una sequenza prestabilita. In questo caso l’addestramento è fondamentale e la sequenza delle azioni deve essere appresa durante le fasi di istruzione iniziali.

Esistono anche checklist di contingenza che consentono al subacqueo di avere a disposizione profili di immersioni alternativi, ovvero già pronti nel caso si debbano cambiare i parametri di immersione (tempo, profondità, gas decompressivi) o di un malfunzionamento del computer subacqueo. La loro utilità è apprezzabile quando il subacqueo, sotto stress, deve si trova a dover effettuare i conteggi necessari per ricalcolare il profilo di immersione. In questo caso una lista di contingenza può ridurre gli errori e salvare la vita.

Durante le fasi addestrative si possono utilizzare checklist più complesse e dettagliate al fine di spiegare meglio le fasi critiche e migliorare il processo di apprendimento. Queste liste non sono da utilizzarsi nelle fasi operative, per evitare un sovraccarico di dettagli. La forma più semplice di checklist è scritta su di un foglio o una lavagnetta in plexiglass che ne consente l’uso anche durante le immersioni subacquee. Se si prevede di doverla leggere sott’acqua bisogna avere cura di usare caratteri e colori che rimangano chiaramente comprensibili anche in scarse condizioni di luce e visibilità.

Checklist elettroniche sono utilizzate in sistemi più complessi come i rebreather. In questo caso le varie fasi di controllo e configurazione vengono elencate sullo schermo del computer che controlla l’elettronica del rebreather. Non ultimo, molto spesso per attivare il sistema è necessario che il subacqueo confermi tutti i punti della lista, questo per evitare di omettere alcuni controlli.

Ma come eseguire la nostra check list?
Il metodo più comune di effettuare una checklist è configurare il sistema secondo quando imparato e successivamente leggere i vari punti della stessa verificando la correttezza delle azioni assieme al suo compagno d’immersione; in risposta, quest’ultimo dovrà confermare lo stato del sistema. Utilizzando questa procedura si inseriscono ridondanze multiple a vantaggio della sicurezza dell’immersione.

E’ molto importante che durante l’esecuzione della checklist il subacqueo eviti di distrarsi.
In caso di una forzata interruzione la checklist dovrebbe essere re-iniziata da capo per evitare di omettere qualche punto. Sembra una banalità ma il modo migliore per imparare ad usare le checklist è di utilizzarle spesso e, possibilmente, fin dall’inizio dei corsi di preparazione ed addestramento.

Purtroppo l’uso delle checklist da parte della comunità subacquea sportiva è ancora limitato nonostante studi e ricerche abbiano provato che il loro uso può ridurre l’incidenza di errori gravi del 36%; ossia più di un terzo di questi errori potrebbero essere evitati semplicemente dedicando pochi minuti a controllare in modo sistematico la propria attrezzatura e la correttezza dei piani d’immersione.

Quale che sia la checklist utilizzata il subacqueo deve essere sempre ben consapevole che, pur essendo questa un’ulteriore difesa contro gli errori, conoscenza ed esperienza sono sempre fondamentali per immergersi in sicurezza.

Giorgio Caramanna

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 188 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share