If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Il ritrovamento dei coralli bianchi in Mar Ligure di Andrea Peirano

livello elementare 
.

ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: na
AREA: MAR LIGURE
parole chiave: coralli duri, cold water corals, Madrepora oculata, Lophelia pertusa 

Madrepora oculata

I coralli bianchi, noti nell’ambiente scientifico anche con l’acronimo CWC o Cold Water Corals, sono un insieme di specie formata da coralli duri e gorgonie che danno origine ad ecosistemi profondi molto particolari, presenti in ogni parte del mondo e che si possono ritrovare anche a oltre 1000 metri di profondità.

Lophelia pertusa

Nel Mar Mediterraneo, i coralli bianchi annoverano, tra le specie più conosciute, la Madrepora oculata e la Lophelia pertusa entrambi coralli duri, di aspetto arborescente i cui ventagli possono superare il metro di altezza. Queste due specie hanno un limite termico caratteristico di sopravvivenza e si ritrovano in acque la cui temperatura è inferiore a 12°C. A riprova che la temperatura rappresenta un fattore limitante per la specie Lophelia pertusa, che in Mediterraneo è stata ritrovata a partire da profondità di circa 600 m, in Norvegia forma colonie estese osservabili già a profondità di 40 metri.

La presenza di queste colonie, là dove abbondanti, ha dato origine nel corso dei millenni a veri e propri accumuli o banchi, formati nella loro parte basale dai residui fossili dei rami morti e sepolti nel sedimento. Questi banchi possono formare estensioni lunghe chilometri e il loro spessore o altezza dalla base della formazione, può raggiungere le decine di metri.

 

Coralli bianchi
I coralli bianchi rappresentano delle vere e proprie barriere coralline che, come le affini barriere tropicali (reef) annoverano una biodiversità impressionante con centinaia di specie tra sessili (fissate al fondo) e vagili. In tal modo queste barriere a coralli bianchi sono vere oasi di vita che si ergono sui fondali profondi deserti e fangosi. L’effetto di concentrazione e di attrazione per pesci e crostacei fanno di questi reef i luoghi ideali per la pesca a strascico pratica che però distrugge irrimediabilmente i coralli con reti e divergenti. Per questo motivo nel Mare del Nord alcuni siti sono stati vietati a tale tecnica di pesca.

La ricerca dei coralli bianchi nel Mediterraneo
Per quanto riguarda i nostri mari la presenza di coralli bianchi è conosciuta da tempo; tuttavia è solo da una decina di anni che la ricerca sulle caratteristiche biologiche dei fondali oltre i 100-200 metri di profondità sta progredendo, accumulando segnalazioni e ricerche sugli ambienti profondi.

In questo particolare ambito, l’occasione di poter esplorare i fondali del Mar Ligure è stata offerta, nel biennio 2013-2014, da una convenzione tra ENEA e Marina Militare che ha permesso di concentrare le ricerche sui coralli bianchi della zona del Canyon del Levante Ligure, al largo delle Cinque Terre. La ricerca è iniziata con una raccolta preliminare di informazioni effettuata dai ricercatori del centro ENEA di ricerche marine di La Spezia.

Presso il Museo di Storia Naturale di Genova sono stati ritrovati i primi reperti di Madrepora oculata raccolti nella zona di interesse che risalivano al 1920. Le informazioni storiche hanno evidenziato inoltre come pezzi di corallo profondo fossero stati raccolti tramite dragaggio nel 1957 dalla nave ‘Calypso’ del mitico comandante Cousteau nel Golfo del Tigullio, non molto lontano dalla zona di interesse.

Ma l’attenzione dei ricercatori si è concentrata soprattutto sulla prima vera cartografia dei fondali che riportava la localizzazione dei banchi a coralli. Tale cartografia era stata redatta nel 1967 dal 1° tenente di vascello Nicola Fusco che aveva avuto il compito di preparare degli opuscoli e carte da pesca per una collana edita dal Ministero della Marina Mercantile.

E’ proprio sulla base di tale cartografia e sulla base dei reperti di corallo raccolti dai pescatori a strascico di Santa Margherita Ligure e dai pescatori con palamiti di Monterosso al Mare che si sono svolte nel 2013 e 2014 le campagne di ricerca nella zona del Canyon di Levante. Grazie al programma ‘dual-use’ della Marina Militare e alla collaborazione con l’Istituto Idrografico della Marina di Genova sono state programmate delle campagne di prospezione con le navi oceanografiche Ammiraglio Magnaghi e nave Aretusa che, con l’ausilio di Side Scan Sonar e sonar Multibeam hanno permesso di eseguire una cartografia di dettaglio dell’area del Canyon di Levante e dei banchi cartografati dal Fusco nel 1967.

I primi rilevamenti sui banchi hanno evidenziato subito una situazione compromessa, con molteplici ‘strisciate’ di reti a strascico, situazione poi confermata visivamente dall’immersione nel 2013 di un ROV modello Pluto Gigas in dotazione alla Nave cacciamine Milazzo. Attraverso le telecamere dei ROV si è potuto constatare che i coralli sui banchi, posti a circa 400-500 metri su un fondo piatto e regolare, erano stati completamente distrutti dalle reti a strascico e oramai dal fondale fangoso emergevano solo piccoli frammenti morti.

Nonostante l’amarezza causata da questa scoperta, nell’anno successivo fu deciso di spostare l’attenzione sui fianchi del canyon, quelli che in teoria dovevano risultare più protetti dall’azione delle reti a strascico. Nel luglio del 2014, dopo un’attenta rilettura di tutte le zone monitorate precedentemente fu programmata la discesa del ROV Pegaso, in dotazione alla sezione Palombari del COMSUBIN di La Spezia, su una zona ritenuta degna di attenzione.

Con il supporto di Nave Leonardo, il ROV, munito di un sistema sonar (Blue View) ha individuato da subito delle possibili emergenze nel punto indicato dai ricercatori, a circa 100 metri di distanza dal punto di calata. Dopo cinque minuti, quando le telecamere del ROV hanno inquadrato i primi rami di corallo, caratterizzati da un bianco abbagliante, all’interno del piccolo container dove erano riuniti i piloti del ROV ed i ricercatori è esploso un grido di esultanza; finalmente era stata trovata la prova che Madrepora oculata esisteva ancora. L’entusiasmo poi è aumentato nel corso della successiva ora di esplorazione, quando il ROV ha navigato intorno e sopra a tre banchi che si affacciano sul canyon e ha mostrato coperture dense di corallo, con rami che arrivavano a misurare più di un metro.

E’ stata veramente una buona notizia; si è dimostrato che il corallo bianco è riuscito a sopravvivere in tale area e, grazie alla sua vitalità è tuttora capace di colonizzare le aree intorno ai banchi, arrivando a formare piccole colonie su resti di relitti metallici o addirittura a ricoprire alcune delle tante lenze di palamiti sparse all’intorno. Questo ritrovamento di coralli bianchi nel Mar Ligure si è sommato a quelli a quelli effettuati da altri Istituti e centri ricerca in tutti i mari italiani, dal Mar Adriatico, al Mar Ionio, in Sardegna, nel Golfo di Napoli e nel Tirreno, evidenziando l’importanza della limitazione dello sfruttamento di aree profonde che si sono iniziate ad esplorare solo in questi ultimi anni.

 

Andrea Peirano
Il dottor Peirano, ricercatore scientifico subacqueo,  ha svolto importanti ricerche sulle fanerogame marine, con particolare riferimento alla Posidonia oceanica ed agli aspetti legati allo sviluppo e crescita della pianta, anche in funzione di impatti di origine antropica e naturali. Nel 1998 partecipa alla campagna Ifremer in Liguria per il monitoraggio dell’alga invasiva Caulerpa taxifolia. Dal 2005 al 2007 è responsabile, come Enea, del progetto Interreg 3b-Posidonia sulla standardizzazione delle metodiche per lo studio di P. oceanica. Compie studi sulla biologia e accrescimento del corallo mediterraneo Cladocora caespitosa anche in relazione ai cambiamenti climatici. Effettua monitoraggi sui popolamenti coralligeni con particolare interesse alla messa a punto di metodiche non distruttive (foto e video) utilizzabili in immersione. Dal 1991 al 2014 effettua il monitoraggio e studi sulla Posidonia oceanica e sul Coralligeno del Parco Nazionale delle Cinque Terre. Nel novembre-dicembre 2015 partecipa alla XXXI spedizione italiana in Antartide nell’ambito del progetto ICE-LAPSE effettuando rilevamenti subacquei in immersione. Dal 2003 è responsabile del gruppo subacqueo del Centro Enea di S. Teresa di La Spezia. Ha al suo attivo 122 pubblicazioni di cui 44 su riviste internazionali.

Contatti:
ENEA – Marine Environment Research Centre
Forte di S. Teresa Via S. Teresa s/n 19032 
Pozzuolo di Lerici Lerici (La Spezia) – Italy

+039 0187 978296
andrea.peirano@enea.it

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 250 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

14 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share