If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Avvento e caduta del potere marittimo romano – parte I

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: dal II SECOLO AVANTI CRISTO 
AREA: MEDITERRANEO
parole chiave: Roma, Cartagine, potere marittimo
.

Il potere di Roma sul mare
Nel II secolo avanti Cristo Roma, avendo raggiunta una stabilità politica con le popolazioni limitrofe, si rese conto che per estendere la propria egemonia politica ed economica sui Paesi rivieraschi del Mediterraneo avrebbe dovuto ottenere il controllo dei mari circostanti. Ciò avrebbe permesso di debellare sia i numerosi pirati presenti lungo le coste della penisola sia di porre un limite all’incontrastata supremazia marittima cartaginese.

II secolo avanti Cristo – Roma assume il controllo dell’Italia centrale e si spinge verso Sud. E’ l’inizio dell’espansione romana nel Mar Mediterraneo. Solo Cartagine è in grado di opporsi alla sua potenza.

Cartagine grazie alla sua abilità politico – commerciale, sostenuta da una flotta imponente, dominava all’epoca buona parte delle coste occidentali del Mediterraneo, esercitando un vero e proprio controllo del traffico mercantile. Il popolo cartaginese, di origini fenicie, grazie ad un’esperienza marinara secolare, inviava le sue navi sulle rotte di tutto il Mediterraneo, oltrepassando le mitiche Colonne  d’Ercole verso nord fino all’odierno Portogallo e verso Sud lungo le coste dell’attuale Marocco. Per proteggere i propri traffici marittimi dai pirati greci ed etruschi, Cartagine si era munita di una flotta imponente, composta da cinquecento quinqueremi, veloci e ben armate, condotte da abili ed esperti marinai. Ad una flotta efficiente corrispondeva un supporto logistico tramite le numerose colonie in Sardegna ed in Sicilia che erano dotate di magazzini ed attrezzati cantieri navali.

kothon di Motya

kothon di Motya, Sicily

Un tipico esempio di tali strutture è ancora visibile sull’isolotto di Motya, nello Stagnone a nord di Marsala che, seppure distrutto nel IV Secolo avanti Cristo da Dionisio, tiranno di Siracusa, conserva ancora l’antico bacino di carenaggio (kothon) usato dalle navi fenicie.

Situazione politica nel III secolo a.C.
Tuttavia per meglio comprendere gli eventi che portarono alla prima guerra punica bisogna risalire alla situazione politica della penisola italica del terzo secolo. I Romani, avevano sconfitto nel 290 a.C. i Sanniti ed i Sabini, ultimi alleati della Lega italica composta anche da Etruschi, Lucani ed Umbri, e per ampliare il proprio “spazio vitale” e le proprie risorse economiche, si spinsero verso il Sud della penisola.

Con una brillante mossa strategica, Roma inviò alcune navi nello Ionio per soccorrere la città ionica di Thurii, insidiata dai Lucani, attraversando il confine proibito di Capo Colonne. Tale limite geografico era stato stabilito nel 303 a.C. in un trattato di amicizia e mutua non interferenza con una delle città più ricche della Calabria greca, Tarentum, l’odierna Taranto. Dell’episodio Appiano di Alessandria racconta di dieci triremi romane che, al comando del Console Cornelio, dopo aver oltrepassato Capo Colonne, si erano dirette in ricognizione nella rada di Taranto. Un primo nucleo navale era stato creato nel 348 a.C., dopo la cattura delle triremi degli Anziati, e dal 312 a.C. era stata creata una struttura navale in mano ai Duumviri navali (Duumviros navales), incaricati dell’allestimento e della logistica della flotta. Le navi utilizzate per la missione furono probabilmente delle triremi adattate al trasporto delle truppe e delle armi necessarie per portare soccorso alla città costiera di Thurii (Livio).

La beffa di Taranto … come Roma  trovò un motivo per espandersi verso Sud … la nascita della flotta romana

Appiano ci riporta che alla vista delle navi Romane, i cittadini di Taranto intenti ad osservare uno spettacolo teatrale insorsero in armi distruggendo ben quattro triremi e catturandone una. La risposta romana non si fece attendere. Il Console Emilio, sebbene impegnato nella guerra contro i Sanniti, fu richiamato dal Senato e gli fu ordinato di invadere il territorio di Taranto. I Tarantini, non essendo in possesso di un esercito capace di opporsi ai Romani, chiesero aiuto a Pirro, re dell’Epiro. Tale abitudine non era nuova agli abitanti della città che in passato avevano già ricorso a condottieri greci per la loro sicurezza nel 314 con Alessandro il molosso d’Epiro e nel 302 con Cleonimo lo spartano. La campagna militare fu sanguinosa per ambedue le parti e terminò tragicamente nel 275 a.C. presso Malevento (l’odierna Benevento), lasciando l’Urbe padrona incontrastata di tutta la penisola.

Sicilia
Roma, vedendo ormai così vicina la ricca Sicilia, decise che era giunto il momento di impossessarsene (Floro). Nel 267 a.C., nonostante la presenza della flotta cartaginese, attraversarono lo stretto in soccorso dei Mamertini, una tribù di mercenari campani, assediati dalle truppe di Gerone di Siracusa.

 

Non possedendo un numero sufficiente di navi da guerra, i Romani allestirono delle pesanti zattere e delle vecchie triremi da carico sequestrate a Locri ed a Taranto.

I primi mezzi da sbarco furono pesanti zattere per il trasporto di soldati  e vecchie triremi, mezzi ancora insufficienti per contrastare la flotta punica

I Siracusani, incapaci di opporsi ad un esercito così agguerrito, si ritirarono disordinatamente, incalzati dalle legioni romane. Tale situazione di estrema tensione precipitò con l’assedio di Agrigento e la caduta delle città costiere della Sicilia occidentale. Un’azione provocatoria che Cartagine, di fronte allo sconfinamento romano nella sua area di influenza, non poteva trascurare. Rapidamente Cartagine decise di potenziare la sua flotta in Sicilia, stanziandola al largo di Capo Peloro.

Akragas
Dopo la caduta di Agrigento (262 a.C.) il Senato Romano incominciò ad accarezzare l’ipotesi di potersi impossessare di tutta la Sicilia, in modo da creare uno stato cuscinetto tra l’area di influenza Cartaginese e quella Romana. Ma eisteva in gap tecnologico e culturale tra i potenti Cartaginesi ed i Romani. Sebbene la tattica terrestre romana non avesse uguali, in mare le lente e poco manovriere triremi romane non potevano competere con le agili quinquiremi Cartaginesi. Uno scontro in mare sarebbe stata una tragedia annunciata. Per Roma la battaglia doveva svolgersi a terra.

Intanto il generale Annibale il Vecchio, comandante supremo delle forze navali e terrestri cartaginesi, sfruttando la superiorità marittima, potè così sbarcare truppe e rifornimenti alle spalle delle forze dell’Urbe, contribuendo a mantenere una situazione di stallo tra le due forze.

Nascita del potere marittimo romano
Solo allora Roma si rese conto della necessità di dover sviluppare una flotta navale in grado di competere con quella punica e di assicurare il controllo delle acque circostanti la Sicilia. Fu un fortuito incidente ad una pentera avversaria, arenatasi lungo le coste orientali sicule, a fornire la possibilità di acquisire il “Know-how” necessario alla costruzione di una vera e propria Marina da guerra.

Come da una nave arenata, Roma si costruì una flotta potente ed addestrata

Polibio racconta che i Romani costruirono, imitando la struttura della nave catturata, una flotta composta da più di 100 quinquiremi; nel frattempo, sotto la guida di esperti navigatori greci, addestrarono i propri equipaggi costruendo a terra delle impalcature in legno del tutto simili ai posti di manovra di bordo. In altre parole, dei veri e propri “simulatori di manovra” dove i rematori (remiges) vennero preparati alle varie andature di navigazione.

Trapani_Museo_Pepoli_Il_Rostro_2012_07

Rostro di nave romana della battaglia delle Egadi 241 a.C. , Trapani Museo Pepoli

I soldati dell’Urbe, abituati ad una guerra prevalentemente terrestre, avevano poca esperienza di guerra navale e gli stessi Comandanti erano per lo più liberti che impiegavano le tattiche navali tramandate dalla tradizione greca. La tecnica di combattimento prevedeva lo speronamento delle unità nemiche grazie al potente rostro prodiero, preceduto da veloci manovre di aggiramento ravvicinato degli scafi avversari per causarne la rottura dei remi.

la nave di Marsala

Dopo un primo sfortunato evento nelle acque antistanti Lipari, in cui il comandante della flotta romana Gneo Cornelio Scipione fu fatto prigioniero da Annibale (anche se con l’inganno), il Console Caio Duilio, Comandante della fanteria, assunse il pieno Comando della flotta. Resosi conto della limitata esperienza navale degli equipaggi ideò una rivoluzionaria attrezzatura marinaresca che cambio le regole del gioco nel combattimento in mare, “il corvo”.

Il corvo aveva il duplice scopo di colmare l’insufficiente capacità di manovra delle navi romane e di favorire un tipo di guerra più congeniale per le sue truppe trasformando le due piattaforme in una sola. 

I “corvi” erano costituiti da pesanti passerelle uncinate che permettevano alla nave attaccante di unirsi solidamente a quella attaccata, creando delle solide piattaforme di combattimento. I soldati romani potevano così arrembare la nave nemica, ormai incapace di manovrare, con le stesse regole del combattimento terrestre (Tito Livio).

Per mezzo di questa geniale invenzione, nel 260 a.C. con la grande vittoria navale di Milazzo, Roma conquistò il potere marittimo delle acque circostanti la penisola e pose le basi del suo impero sui mari ma, soprattutto cambiò il modo di fare la guerra in mare … era nato l’arrembaggio.


fine I parte

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 251 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share