If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un mondo di ali sommerse parte I di Stefano Berutti

livello elementare 
.

ARGOMENTO: RELITTI
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: relitti, aerei

Il relitto di un SM-79 uno dei più popolari bombardieri della Regia Aeronautica durante la WW2. Basati in Grecia la loro missione era quella di fare delle incursione sul Mar Rosso e nel lato orientale del Mediterraneo. Questo esemplare probabilmente fu abbattuto nel 41 e fu ritrovato a largo della città di Kas, IL Savoia Marchetti si trova a 61 metri di profondità e nel complesso è ancora in buono stato di conservazione. I motori sono ancora distinguibili ed uno è leggermente spostato in avanti, separato dal resto della fusoliera, probabilmente a causa del violento  impatto. 

La maggior parte dei relitti aeronautici sono stati localizzati nelle località in cui avvennero gli scontri e le battaglie più intensi e cruenti della seconda guerra mondiale. Solo per citarne alcune, le battaglie aeronavali tra giapponesi e americani per il controllo delle isole del Pacifico, come alle Isole Marianne, Iwo Jima ed Okinawa, il cui esito fu decisivo proprio grazie al consistente impiego dell’arma aerea da parte dei contendenti. Forse l’area che presenta più relitti aeronautici è l’arcipelago di Truk, situato ad oriente delle Filippine, a 7° di latitudine nord. Truk fu teatro di violenti scontri ed è uno dei cimiteri di navi e aerei più spettacolari, un vero e proprio museo sottomarino  ed una  “manna” per i subacquei appassionati di relitti.

il relitto di uno Zero giapponese nelle acque di Truk

 

Questo arcipelago della Micronesia, caposaldo giapponese nel Pacifico durante la seconda guerra mondiale, grazie alla sua conformazione naturale, era considerato pressoché inespugnabile tanto da essere soprannominato la “Gibilterra” del Pacifico. Quando nel 1943 gli americani pianificarono il piano per la sua conquista si pensò ad un attacco con soli aerei, per distruggere le fortificazioni nemiche, gli aeroporti e le forze di terra al fine di ridurre le perdite nello sbarco successivo. L’impiego massivo delle forze aeree per preparare l’area allo sbarco divenne una tattica una tattica vincente che cambiò le regole della guerra in mare.

L’operazione Hailstone fu un massiccio attacco aereo americano effettuato  il 17 e 18 febbraio 1944 con centinaia di velivoli tra bombardieri, aerosiluranti e caccia contro la base aeronavale giapponese di Truk. I giapponesi previdero l’attacco americano e di conseguenza non vi erano unità da battaglia pesanti quando gli americani attaccarono. Comunque le perdite patite dai giapponesi furono pesantissime: circa 270 aerei di vario tipo  furono abbattuti e molti distrutti al suolo. L’attacco eliminò di fatto una base nemica, strategica per i nipponici, isolandola fino al termine della guerra. Il grande impiego di mezzi usati dagli americani venne visto come una vendetta dopo l’attacco a Pearl Harbor. 

Il 16 febbraio 1944 incominciò l’operazione “Hailstone”.
Durante la notte la flotta navale americana, formata da nove portaerei, sei corazzate, diversi incrociatori e cacciatorpediniere, si avvicinò a Truk. All’alba del 17 febbraio 72 caccia “Hellcat” si alzarono in volo e puntarono contro la fortezza giapponese.

La battaglia che ne scaturì fu la più cruenta che la storia ricordi; ogni trenta secondi un aereo precipitava in fiamme. Poche ore dopo decollarono dalle portaerei americane anche i bombardieri “Dauntless” e gli aerosiluranti “Avenger” che compirono una trentina di incursioni, ognuna delle quali, venne stimato fu più violenta rispetto all’attacco giapponese a Perl Harbour.

US Aircraft crash © Mike Gerken: Evolution Underwater Imaging

Alla fine della battaglia, oltre alle fortificazioni giapponesi, risultarono distrutti complessivamente 416 aerei ed affondate dalle 40 alle 60 navi (il vero numero non fu mai dichiarato). Il 15 agosto 1945 l’avamposto giapponese di Truk, stretto d’assedio e allo stremo delle forze, capitolò definitivamente.

laguna di Truk. il più grande sacrario sottomarino esistente

Negli anni successivi l’arcipelago micronesiano rimase completamente chiuso per consentire le operazioni di bonifica della laguna. Oggi Truk è stata dichiarata zona di rilevante interesse storico e nulla di quanto si trova nei suoi fondali può essere asportato. I relitti della laguna costituiscono un vero e proprio museo sommerso, meta prediletta di subacquei di tutto il mondo.

il recupero del Messerschmitt Bf 109

Ritrovamenti eccezionali
Un relitto aereo importante fu quello di un Messerschmitt Bf 109, costruito nel 1939 e sopravvissuto alla Battaglia di Francia e alla Battaglia d’Inghilterra, il velivolo fu inviato sul  fronte russo. Di questo aereo è noto il nome del pilota, Wulf-Dietrich Widowitz, e le cause del suo abbattimento. Il velivolo fu colpito dal fuoco sovietico ed il pilota riuscì a dirigersi verso un lago ghiacciato dove tentò un atterraggio di fortuna. Widowitz sfuggì al relitto che rimase intatto sul fondo del lago dopo il suo quasi perfetto atterraggio di emergenza. Lì rimase intatto per più di sei decenni, fino a quando non fu finalmente recuperato nel 2003. Una miriade di fori di proiettile erano visibili sulle ali del velivolo e negli stabilizzatori orizzontali, mentre un grosso danno, causato da un colpo di cannone antiaereo,  era presente alla radice dell’ala destra.

Messerschmitt Bf 109 fuori dall’acqua

Il Messerschmitt Bf 109, nonostante tutto, era in buone condizioni ed il suo carrello era ancora in grado di sostenere il peso dell’aereo, dopo essere stato sollevato e messo a terra dalle squadre di recupero.

il sollevamento del Brewster F2A Buffalo

Un altro recupero eccezionale fu quello di un Brewster F2A Buffalo,  ritrovato nelle gelide acque di un lago artico nei pressi di Murmansk, in Russia, unico esemplare del genere (intatto) sopravvissuto al mondo. L’aereo era stato costretto a fare un atterraggio di emergenza su un lago ghiacciato dopo essere stato colpito dal fuoco nemico. Il suo pilota, l’asso finlandese Lauri Pekuri, era stato coinvolto in un combattimento aereo sopra l’aeroporto sovietico di Sekehe, vicino a Murmansk. Pekuri aveva già abbattuto due Hurricane Hawker russi prima di essere abbattuto. Il pilota dell’asse, dopo l’atterraggio, uscì dal Brewster e riuscì a tornare alle sue linee. 

L’aereo, che aveva sfondato il ghiaccio, si immerse rapidamente e restò sul fondo del lago Big Kolejärvi, fino a quando fu ritrovato e recuperato nel 1998 dopo una ricerca di quattro anni. Lo scafo era ancora in eccezionali condizioni e fu inizialmente esposto al Museo dell’Aviazione della Finlandia Centrale prima di essere trasferito al Museo dell’Aeronautica Navale di Pensacola, in Florida dove può essere ammirato.

E il Mediterraneo?
Nel mar Mediterraneo i relitti sono distribuiti su una superficie decisamente più vasta.  Tuttavia è possibile individuare alcune zone che per concentrazione di relitti di velivoli risultano particolarmente interessanti per l’archeologia aereonautica.

Lockeed P-2 Neptune

Iniziamo con la zona di mare circostante le isole di Malta, Gozo e Comino, teatro di attacchi furiosi durante la guerra, dove giacciono numerosi relitti aeronautici della seconda guerra mondiale di ogni nazionalità: inglesi, italiani, tedeschi e americani. Per scelta delle autorità locali, ad una musealizzazione dei velivoli è stato preferito il mantenimento degli stessi in loco. Una scelta guidata anche da un interesse turistico, per fornire ai tanti subacquei che si recano in quelle acque una attrazione in più. Fra di essi un Lockeed P-2 Neptune (noto come P2V nella US Navy), un aereo da pattugliamento anti sommergibili costruito dagli Stati Uniti.  L’aereo in rientro verso Malta precipitò  in mare presso l’aereoporto di Luqa (ora Malta International), presumibilmente a poche miglia dal sito in cui è stato poi ritrovato. Il P-2 si trova a circa 100 piedi (30 m) di profondità e, dopo il ritrovamento, fu deciso di non recuperarlo e renderlo una attrazione turistica per i subacquei. 

Bristol Blenheim

Il P-2 non è l’unico relitto aereo di Malta. Nelle sue acque può essere osservato il relitto di un bombardiere leggero bimotore di circa 13 metri di lunghezza con una apertura alare di 17,2 metri. Il 13 dicembre 1941, durante una missione a Cefalonia in Grecia, fu attaccato e danneggiato da un aereo nemico italiano. Il Bristol Blenheim riuscì a tornare a Malta ma il pilota dovette ammarare. Il relitto si trova a circa 500 metri da Xrobb l-Ghagin, sulla costa orientale di Malta, ad una profondità di 42 metri su un fondale di sabbia. Le ali del bombardiere ed i motori radiali sono per lo più intatti ed uno presenta ancora un’elica piegata dall’urto con l’acqua. Manca la copertura della cabina di guida e la fusoliera posteriore si è staccata ma si trova a pochi metri di distanza dal relitto principale. 

Anche la zona intorno all’isola di Pantelleria e la costa meridionale della Sicilia sono particolarmente interessanti per la ricerca dei velivoli. La conformazione del fondale e la non eccessiva profondità, che non supera mai i cinquanta metri fino a 20 chilometri dalla costa, ne facilita la scoperta. Particolarmente interessante sono anche la costa calabra intorno a Reggio Calabria, il golfo di Salerno e la zona antistante Anzio e Nettuno, quest’ultima teatro dello sbarco alleato del 1944 e nelle cui acque poco profonde giacciono ancora numerosi velivoli. 

A Santa Caterina di Nardò, in provincia di Lecce (Puglia) giace da oltre 60 anni il relitto di un aereo tedesco Junker 88, situato a circa 35 metri di profondità. Largo circa 20 metri e lungo, il relitto è ancora in ottimo stato di conservazione. Fu scoperto negli anni 2000.

Proseguendo verso nord abbiamo il tratto di mare compreso tra la Corsica e la costa Toscana, interessato nel periodo bellico da un intenso traffico aereo diretto verso il centro Europa, e  l’Adriatico lungo la costa da Pescara fino a Manfredonia,  dove erano tra l’altro collocate numerose basi aereonautiche.

Vedremo in un prossimo articolo tre ritrovamenti che portarono a tentativi di recupero più o meno di successo in quelle acque nazionali.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 172 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share