If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

L’incredibile polpo, questo sconosciuto di Andrea Mucedola

 

livello elementare

 

ARGOMENTO: BIOLOGIA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: polpo, cefalopodi, octopus

 

Intelligente, robusto, adattabile, mimetico … ma di chi stiamo parlando?
Non si tratta di un super eroe dei fumetti, stiamo parlando di sua maestà il polpo. Il suo comportamento e le sue caratteristiche sono tali che nel tempo hanno conquistato il cuore di molti subacquei. Esistono anche club nel mondo che lo hanno eletto come mascotte.

Il mio rapporto con i polpi, da pescatore ad amico, cambiò un estate di trent’anni fa a Punta Izzo, Augusta. Stavo facendo una passeggiata subacquea lungo costa quando vidi in una cavità della roccia una pallina gialla, delle dimensioni dei pallini usati nel gioco delle bocce. Per curiosità, allungai il braccio per prenderla quando un tentacolo di un piccolo polpo si allungò verso la pallina afferrandola per poi stringersela a se … iniziò così un gioco “di prendi e togli” che durò fino alla fine dell’aria della mia bombola. Non so se il polpetto si divertì ma di certo cambiò il mio modo di vedere questo intelligente animale capace, come vedremo, di fare cose straordinarie. Vi ho incuriosito? Scopriamo allora insieme alcuni dei suoi incredibili super poteri.

Un sistema nervoso straordinario
Il polpo possiede un sistema nervoso ben sviluppato così come complessi organi sensoriali. I suoi occhi, per esempio, sono simili ai nostri e possiedono un’iride, pupilla, lente e retina. Il polpo ha un’eccellente vista che gli consente di avvistare la preda e raggiungere il punto giusto per afferrarla. Il suo cervello è proporzionalmente grande quanto il cervello di alcuni uccelli e mammiferi. Mostra un alto livello di organizzazione che gli consente di coordinare i suoi incredibili movimenti e di modificare il suo aspetto grazie alla sua capacità mimetica ottenuta con rapidi cambiamenti di colore dei cromatopori. Una funzionalità incredibile che è erroneamente attribuita al suo cervello. In realtà i tre quinti del sistema nervoso del polipo sono distribuiti tra le sue otto forti e flessibili “braccia” che gli possono consentire di eseguire complesse operazioni come l’apertura del tappo di un barattolo ma anche di combattere efficacemente contro gli altri predatori.

E tutto questo grazie alla mancanza delle ossa e delle articolazioni che, in un ambiente scabro come il fondo marino sarebbero solo di impaccio. Grazie a questa sua illimitata capacità si allunga, si stringe per poi scattare in avanti con una gamma di movimento quasi infinita. Secondo alcuni studiosi ogni tentacolo possiede un proprio sistema nervoso indipendente. Sembra che ci avvenga con una forma di delega da parte del cervello mentre il tentacolo possa essere in grado di decidere esattamente come eseguire l’ordine.

Gli scienziati hanno testato questo separando i nervi nelle braccia da quelli nel corpo e nel cervello e poi dando degli stimoli. Sorprendentemente, le braccia hanno risposto al “solletico” proprio come avrebbero fatto in un polpo sano. I polpi usano i loro tentacoli per tutto: dalla caccia all’accoppiamento. Non fatevi ingannare dal suo movimento strisciante e lento sul fondo. Il nostro amico se necessario può raggiungere velocità di 40 chilometri all’ora.

Parliamo del suo magico occhio
Abbiamo detto che è molto simile al nostro ma c’è qualcosa di più da sapere … la sua struttura è talmente complessa che i produttori di fotocamere li hanno studiati come modello per migliorare i loro obiettivi. Un esempio? Fino a poco tempo fa, a causa della curvatura dell’obiettivo di una fotocamera, l’immagine poteva risultare fuori fuoco ai bordi. Per correggere questo problema, le fotocamere con diversi obiettivi a seconda delle esigenze. I fotografi sanno quanto questo incida nelle loro tasche. Studiando la struttura del suo occhio gli scienziati hanno scoperto che è composto da diversi strati sottili di densità multiple per meglio focalizzare la luce. Grazie a questa scoperta è stato possibile creare un obiettivo fotografico in grado di produrre immagini chiare e a basso costo.

Nuova casa? No Problem
Il polpo trascorre gran parte della sua vita solitaria in una tana che abbandona in genere nelle ore notturne per cacciare. Per ragioni non chiaramente comprese, sembrerebbe che periodicamente, ogni settimana o due, il polpo cerchi una nuova tana.

Se questo avviene pe necessità di nuovi territori di caccia o per la sua sicurezza non è chiaro; di fatto il polpo ricerca una fessura sotto una roccia o all’interno di oggetti abbandonati sul fondo del mare da adattare per le sue necessità. In particolare, nella stagione dell’accoppiamento, mostra un certo senso … estetico, disponendo all’ingresso un piccolo giardinetto di conchiglie e sassi colorati per attirare l’attenzione della femmina. D’altronde anche per loro vale il principio che l’occhio vuole la sua parte.

Quando si avventurano fuori dalla tana, in genere i polpi camminano spostandosi grazie ai lunghi e potenti tentacoli le cui file di ventose, poste sul lato inferiore, gli consentono di scivolare rapidamente, facendo presa sul fondo del mare. Una cosa straordianria è che la loro funzione non è solo di facilitare il movimento dell’animale ma anche di scoperta.  Sembra che ognuna possieda fino a 10.000 neuroni che gli consentono di saggiare il terreno alla ricerca di nuove fonti di nutrimento. In caso di pericolo, il polpo può scattare in avanti a velocità molto elevate, risucchiando acqua attraverso il suo mantello e, successivamente, espellendola dal suo sifone con forza. Per confondere l’avversario può spruzzare dal sifone dell’inchiostro nero, usato in funzione difensiva come una cortina fumogena. Usando questo metodo “a reazione” il polpo può anche cambiare direzione puntando l’imbuto in un modo diverso per evitare ostacoli o altri predatori.

Un predatore intelligente
Il polpo è un predatore astuto ed utilizza tecniche differenti per catturare e poi consumare le sue prede. I tentacoli lunghi e flessibili sono ideali per raggiungere e catturare nelle fessure del fondale gamberi e granchi. La sua capacità di adattarsi (non avendo ossa) a qualsiasi forma gli consente di infilarsi in piccoli spazi per catturare piccoli pesci e molluschi. Una volta catturati li porta al suo apparato boccale dove riesce a spaccare anche i gusci delle conchiglie, utilizzando un becco duro e retrattile simile a quello di un pappagallo. Questo becco è particolarmente utile sia per rompere gusci dei molluschi sia per lacerare la carne dei pesci. Accanto al becco si trova la radula, un organo simile ad una lingua che il polpo usa per raschiare l’animale dal guscio una volta che il guscio viene aperto.

Ma non è finita. Qualora necessario ha anche un organo coperto di denti, chiamato papilla salivare, che può usare per perforare il guscio delle conchiglie. La secrezione corporea della papilla erode fino a bucare il guscio e quindi indebolisce la preda in modo che possa essere poi consumata più facilmente. Non ultimo, uno dei metodi preferiti dai polpi per catturare le prede nel volume è quello di avvolgerle tra i suoi tentacoli, come se li catturasse con una rete.

Come per il suo straordinario occhio, i tentacoli del polpo sono un buon modello tecnologico per gli ingegneri per come creare un braccio robotico forte ma flessibile, estremamente utile in quelle situazioni di emergenza che richiedano di poter operare con decisione ma anche con estrema delicatezza.

In sintesi, il polpo, questo animale straordinario, non è solo un amico con cui giocare sul fondo ma anche un modello biologico per nuovi sviluppi tecnologici. Non a caso chi lo scopre … non lo evita.

 

  

 

Andrea Mucedola
foto dell’autore copyrighted

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 287 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share