If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La navigazione dei popoli arabi del Golfo Arabico nel Medioevo

livello elementare

 

ARGOMENTO: NAUTICA E NAVIGAZIONE
PERIODO: XV SECOLO
AREA: GOLFO PERSICO – OCEANO INDIANO
parole chiave: navigazione, Ahmad bin Majid, Fawa’d-Usl Ilm al-Bahrwa-al-Qawaidah (Il libro dei benefici dei principi della navigazione marittima), Kitab al-Fawa’id, isharat, kamal

 

il Kamal

Nel mio ultimo servizio in Golfo Persico, localmente ancora chiamato Golfo Arabico, ho avuto modo di visitare il bellissimo museo di Al Manama, Bahrain, e di apprendere la storia della navigazione in quel mare orientale che fu per secoli controllato da marinai arabi. Essi si spingevano con i loro antichi Dhow lungo la costa orientale dell’Africa, fino a Malindi in Kenya, creando basi commerciali dove vendevano merci pregiate. Una cosa curiosa è che tutti i naviganti di quei mari venivano chiamati dagli Indiani con il nome “Arabi”, un qualcosa di simile di quanto era avvenuto un millennio prima, nel Mediterraneo, quando i naviganti venivano genericamente chiamati Fenici.

Questi audaci navigatori commerciavano nel Medioevo spezie e prodotti pregiati con musulmani, ebrei e cristiani ma anche con i grandi regni dell’India come quello del Zamorino di Kalikut. Un commercio che andò avanti per secoli fino al 1498, ovvero all’arrivo in quei mari di un portoghese, Vasco da Gama. I portoghesi compresero immediatamente l’importanza di quelle rotte commerciali; pur non avendo basi di appoggio, essi possedevano degli alleati importanti, le loro canne da fuoco, che spezzarono il monopolio degli arabi e gli permisero di aprire un commercio fiorente tra l’Europa e l’India.

Ma come navigavano gli Arabi del golfo arabico nel Medioevo?

Ahmad bin Majid

In quell’epoca gli Europei navigavano in alto mare osservando il sole, mentre gli Arabi usavano principalmente le stelle per determinare la loro posizione. La loro conoscenza era tramandata per generazioni dal capitano della nave, il Mu’allim, ai loro figli. Di fatto essi venivano addestrati praticamente all’uso dei pochi strumenti disponibili, un insegnamento che doveva però restare segreto. Il testo madre sulla navigazione araba fu scritto da Ahmad bin Majid. Esso venne redatto sotto forma di brevi scritti per facilitarne la memorizzazione. Il segreto fu svelato, per cosi dire, quando Vasco De Gama si avvalse di un pilota locale (molto probabilmente un musulmano indiano del Gujerat) che si era formato sui testi di Ahmad bin Majid. Tra i suoi numerosi libri sull’oceanografia, il Fawa’d-Usl Ilm al-Bahrwa-al-Qawaidah (Il libro dei benefici dei principi della navigazione marittima) è considerato uno dei migliori. Ahmad scrisse anche il Kitab al-Fawa’id (Libro delle lezioni sulla fondazione del mare e della navigazione) raccogliendo in brevi composizioni la sua esperienza di navigatore e quella di suo padre, nonché la tradizione di generazioni di marinai dell’Oceano Indiano. Ahmad fornisce molte informazioni, parlando del metodo in uso nell’Oceano Indiano per la “grigliatura” del cielo notturno: lo zodiaco lunare. È basato su 28 ripartizioni del cielo corrispondenti a 28 stazioni giornaliere dell’orbita mensile della luna. All’interno di questa si inseriscono i segni dello zodiaco solare, il resto delle stelle fisse e i pianeti. Sono descritti ogni singolo astro o costellazione che possono essere presi come riferimento per determinare la propria posizione in mare o la posizione del porto d’arrivo.

Quanto alla navigazione arabo-islamica, si dava importanza alla conoscenza delle maree, dei venti (in particolare dei monsoni), e della colorazione delle acque per individuare le correnti marine. Questa parte della teoria della navigazione va sotto il nome di “isharat”, cioè “segnali” visibili sull’orizzonte terrestre durante il giorno. Viene di seguito la “scienza delle relazioni” (majra), legata all’uso della bussola (al-ibra) come strumento per la navigazione quando le stelle non potevano essere utilizzate (ad esempio nelle notti con scarsa visibilità). Essi dividevano l’orizzonte in 32 porzioni, seguendo un sistema più raffinato di quello in uso nel Mediterraneo, dove le porzioni erano 16. A differenza dell’area mediterranea, i 32 “rombi” non portavano il nome dei venti ma delle stelle maggiori. 

La stella fondamentale per la loro navigazione era la stella polare, la cui altezza era facile da misurare di notte, specialmente a quelle basse latitudini. Come sappiamo questa misura fornisce una buona approssimazione della latitudine anche se, a causa della precessione dell’asse terrestre, non indica esattamente il Nord geografico. Gli Arabi avevano osservato che durante la notte la sua altezza non variava e le altre stelle ruotavano intorno a quel punto, il cui cerchio era il minore in quanto la stella era la più vicina al Nord. Navigando verso Sud, la stella poteva però non essere più visibile per cui la direzione veniva ricavata studiando il moto delle altre stelle descritte nell’opera di Ahmad bin Majid.

L’altezza della stella polare veniva misurata con il Kamal, in pratica una cordicella legata a un pezzo di legno quadrato. Il fondo del quadrato veniva allineato con l’orizzonte e la cima con la stella polare. La distanza misurata lungo la corda dava la latitudine. I navigatori avevano un aiuto ingegnoso: lungo la corda erano posizionati dei nodi che si riferivano a latitudini di interesse riferite alla posizione geografica delle città principali per i loro commerci. Uno strumento astronomico semplice ma tanto efficace, al punto che fu portato da Vasco de Gama  in Portogallo, venendo chiamato tábuas-da-índia, ed usato nei suoi viaggi atlantici dal navigatore Pedro Álvares Cabral. Il navigatore arabo, quando all’interno del Mare Arabico, procedeva verso oriente (o verso occidente) seguendo l’altezza della latitudine del porto. Un metodo pratico che veniva completato con un calcolo approssimativo delle distanze e dalla direzione della bussola. Ovviamente la determinazione della longitudine non poteva essere risolta in quanto non erano ancora stati inventati i cronometri, necessari per determinarla.

La loro conoscenza nautica e astronomica era legata a quella indiana. Gli Indiani avevano identificato un sistema geografico matematico di latitudine (aksha-amsa) e Longitudine (rekha-amsa). Il primo meridiano passava attraverso la città di Ujjaini, In pratica era un sistema geografico di riferimento simile a quello attuale che ha come riferimento la città di Greenwich.

In un trattato di cosmografia, l’Aryabhatiya (V secolo), gli Indiani identificavano una sfera terrena Khagola ed una sfera celeste, la Bhagola. Si trattava di un modello matematico semplificato della Terra su cui stabilire un sistema di coordinate per eseguire calcoli astronomici. Su questa sfera esisteva un punto, lungo l’equatore, che consentiva di poter osservare il movimento delle stelle. Ad esempio, l’Aryabhatta riportava che un navigatore in tale punto (chiamato Lanka) vedrebbe le stelle muoversi esattamente verso est-ovest. Nel testo il Polo Nord (Meru) è posto al centro della Terra e il Polo Sud (Naraka) al centro dell’Oceano. Per prima approssimazione, la maggior parte della terra si trova nell’emisfero nord e il sud è prevalentemente oceanico. Il Lanka di Aryabhatta era ovviamente un’astrazione matematica, un punto in cui due grandi cerchi si incontrano e non ha niente a che fare con lo Sri Lanka. Ma c’è qualcosa di più. Il meridiano passava per la città di Ujjaini come meridiano principale.

Perché questa scelta?  
Il piano dell’eclittica (il piano dell’orbita della Terra intorno al Sole) interseca la Terra a 23° 26’N di latitudine, in quello che chiamiamo Tropico del Cancro. Come sappiamo l’asse della rotazione terrestre non è perpendicolare al piano della sua orbita attorno al Sole. e provoca le stagioni nel clima della Terra per cui, al di sopra del Tropico del Cancro, il Sole non sarà mai direttamente sopra la testa (allo zenit). Al di sotto di questa latitudine, il Sole sarà invece allo zenit a mezzogiorno del giorno in cui la sua declinazione nord diventa uguale alla latitudine. All’equatore questo accade due volte all’anno ovvero agli equinozi. In particolare al Tropico del Cancro ciò accade nel solstizio d’estate (21 giugno) e Ujjaini … vi si trova molto vicino.

Quando l’Aryabhatiya venne conosciuto dagli Arabi, essi utilizzarono quindi Uijaini come Meridiano Primo. Interessante notare che nei loro traffici Kalcut era il punto in cui il primo meridiano incontra la costa dell’India, ed era esattamente alla metà della distanza di Ujjaini dal Lanka (11° 15’N), ed un’ottavo della distanza dal Polo. Curioso vero?

Ma come potevano i marinai arabi navigare oltre l’India verso Sumatra, fino alla Corea? Come avrebbero potuto navigare verso le isole nell’Oceano Indiano meridionale? Majid descrive l’abilità dei navigatori della dinastia Chola, una delle principali dinastie della zona tamil dell’India, che erano stati citati nel I secolo dal geografo Claudio Tolomeo. Questi marinai erano esperti nella navigazione nell’oceano orientale ben oltre Malacca. Maijd non ne descrive però i metodi di navigazione. Esistevano conoscenze cosmografiche ancora non note? O forse quegli audaci marinai, che navigavano nel mar cinese meridionale, utilizzavano i metodi impiegati dai polinesiani, mantenendo a mente la rotazione delle stelle e la direzione delle correnti oceaniche?

Come vedete la navigazione antica era tutt’altro che primitiva e ci riserva ancora molte sorprese.

Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 367 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

12 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share