If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Teseo Tesei, il gigante dell’Elba

livello elementare 
.

ARGOMENTO: PROTAGONISTI DEL MARE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: MEDITERRANEO
parole chiave: Teseo Tesei, isola d’Elba, Regia Marina italiana, X Mas, Maiali, siluri a lenta corsa, Malta

 

Quando si racconta la vita di giganti come Teseo Tesei si corre sempre il rischio di cadere nella banalità perché non esistono parole sufficienti per descriverli. Teseo Tesei fu abile marinaio, valente ufficiale su unità subacquee e di superficie, palombaro, ingegnere geniale ma anche tecnico esperto. Quello che colpisce è la sua profonda spiritualità maturata grazie ad una profonda cultura e grande umanità.

Teseo Tesei durante il corso palombari

Prima di cadere in combattimento nelle acque nemiche inglesi scrisse all’amico di sempre Piccagli: “Ricorda che lo spirito non muore con la morte. Solo la meschinità o il materialismo possono uccidere lo spirito

Teseo Tesei nasce a Marina di Campo il 3 gennaio del 1909 da Ulisse Tesei e Rosa Carassale, ultimo di otto figli. Il nonno Demetrio e poi il padre Ulisse, gestiscono una fiorente attività commerciale con il Sudamerica con una piccola flotta composta da Golette a gabbiola, Cutter e golette tradizionali, trasportando vino elbano oltre oceano. Questa attività costringe la famiglia Tesei a trasferirsi a Firenze ma, ogni estate, per sfuggire alle torridi e umide temperature del capoluogo, si trasferiscono a Marina di Campo, dove la famiglia possiede alcune proprietà. E’ proprio sulle sue spiagge che Teseo Tesei si avvicina al mare, in un attaccamento intimo, spesso in solitudine per sentirlo ancora più vicino. A soli sei anni muore la madre Rosa e dopo pochi anni, nel 1918, anche il padre Ulisse che, prima di morire, lo affida al Generale delle Armi Navali Fabio Mibelli.

Teseo Tesei in divisa da allievo I classe della Accademia Navale di Livorno da Teseo Tesei e gli assaltatori della Regia Marina di Gianni Bianchi – ediz. Locman

Dopo gli studi presso i Padri Scolopi di Firenze, Tesei nel 1925 entra all’Accademia Navale di Livorno a soli sedici anni. Tesei è al tempo un idealista i cui eroi sono Garibaldi, Galileo, Don Bosco, Livingston e Marie Curie che crede nella giustizia. Non accetta le sofferenze dei più deboli, spesso sfruttate da false demagogie solo per fini politici, e crede in uno Stato ideale che sappia garantire ordine, disciplina morale e moralità ma che consenta anche la libertà individuale, il bene più grande per l’Uomo.

In questa lotta tra due visioni antitetiche sceglie di combattere, anche fino all’estremo sacrificio, contro il malcostume, l’affarismo becero e la decadenza morale. Parole forti che scuotono ancora oggi le coscienze. Tesei è un gigante che scuote e rende liberi e questo, ad una società in cui l’ignavia e la superficialità di molti fa comodo per il puro interesse personale di pochi, lo rende un personale scomodo.

Gli anni all’accademia di Livorno furono duri ma estremamente formativi nel giovane elbano che si rivelò non solo un eccellente studente ma un giovane di grande coraggio, dotato di un’intelligenza brillante che lo differenziava dagli altri colleghi. In quegli anni nascono  quelle amicizie che segneranno la sua vita. L’idea di un mezzo offensivo condotto da uomini contro navi  nasce a seguito di una conferenza dell’eroe della I guerra mondiale Paolucci durante la I classe. Tesei incomincia a sognare un mezzo insidioso dotato di un motore elettrico in grado di navigare sott’acqua fino al nemico per poi affondarlo con delle cariche esplosive. Idea che condivide nelle serate sotto il brigantino che domina il piazzale dell’Accademia con i fraterni amici Stefanini, Birindelli, Piccagli e Toschi.

Terminata l’Accademia nel 1929, l’anno successivo viene nominato Tenente e nel 1931  destinato a Napoli alla Scuola di Ingegneria Navale e Meccanica dove si Laurea a pieni voti nel 1933. Nel periodo napoletano, legge i resoconti delle missioni artiche e idealizza la foratura della calotta polare con un sommergibile, una spedizione subacquea che sarà realizzata trentanni dopo dal sottomarino Nautilus.  Instancabile, sempre con gli attrezzi in mare, passa le sue licenze all’Elba, elbano fra gli elbani. Vive con modestia ed ha come compagni inseparabili il vento ed il mare. Presto una nuova passione lo attanaglia: immergersi sotto il mare.  Nel 1934 Tesei consegue il brevetto di Palombaro presso la Regia Scuola Palombari di S. Bartolomeo (La Spezia).

Nel 1936 viene destinato alla 1° Flottiglia Sommergibili della Spezia dove, insieme all’amico di sempre Elios Toschi progetta un ordigno bellico di nuovissima concezione, una torpedine semovente che possedeva le caratteristiche per un mezzo d’assalto subacqueo di nuova concezione. Si trattava di un’evoluzione della mignatta di Rossetti per trasportare i palombari sugli obiettivi in mare. Stava nascendo il siluro a lenta corsa (S.L.C.).  Il 10  settembre 1935, lo stesso giorno in cui la Home Fleet britannica entrava nel Mediterraneo, il capitano di fregata Catalano Gonzaga di Cirella, comandante del I gruppo sommergibili di La Spezia chiamò a rapporto tutti i suoi comandanti. Da tempo il suo gruppo stava sperimentando la fuoriuscita di palombari  muniti di un autorespiratore autonomo dai sommergibili e l’allenamento di palombari marciatori sul fondo che trasportavano un simulacro di bomba da attaccare alle carene nemiche.

Lo Stato Maggiore della Regia Marina ordinò che la loro attività e quella di Tesei e Toschi procedessero in pari tempo. Il primo esperimento in mare con il siluro a lenta corsa avvenne il 2 novembre del 1935 a La Spezia. I primi risultati furono eccellenti e fu dato ordine di costruirne un secondo prototipo.

A queste se ne aggiunsero altri quattro nell’aprile del 1936. Inutile dire che i primi prototipi furono costruiti con parti di siluro di scarto; c’era ancora molto poca fiducia in quegli strani mezzi cavalcati da folli che respiravano da autorespiratori normalmente impiegati per il salvataggio. Essi derivavano dal modello di respiratore ad ossigeno inglese Davis, poco amato da tutti per i continui malfunzionamenti. La Commissione che li testò espresse parere sfavorevole per il loro uso riscontrando la facilità di penetrazione di acqua nell’apparecchio per la scarsa tenuta del piegabaffi in caso di rilasciamento delle labbra dell’operatore intorno al boccaglio. Inoltre aveva una posizione troppo bassa rispetto al sacco della valvola di sovrappressione, cosa che permetteva si formassero all’interno pressioni positive pericolose.

Furono suggerite modifiche che portarono, nel luglio del 1936, alla consegna dei primi trenta ARO modello 49/bis.  A questi problemi lavorava il Comandante Angelo Belloni, in servizio alla Direzione dei corsi e alla consulenza tecnica della “Scuola Sommozzatori” istituita a Livorno. Questi, con l’aiuto di Tesei, portò l’autonomia dell’autorespiratore da venti minuti a qualche ora e soprattutto lo rese più affidabile.

Parallelamente erano stati studiati gli indumenti per proteggere i sommozzatori contro il freddo. Non era solo un problema di confort; la bassa temperatura andava a influenzare il maggiore consumo di ossigeno, aumentando la respirazione e generando uno stato di malessere generale. A quell’epoca i sommozzatori utilizzavano il completo di lana dei palombari con al di sopra la muta impermeabile studiata da Belloni. La tenuta era completata da un casco di tela foderata di pelliccia e da scarpe costruite per resistere all’acqua. 

Il siluro a lenta corsa di Tesei e Toschi fu dotato per la navigazione di una bussola Lazzarini che si dimostrò affidabile e stabile. Gli operatori furono dotati anche di un orologio a radiomir da polso che si dimostrò ottimo durante i test in mare.

I primi allenamenti in mare si svolsero a porto Santo Stefano ed a La Spezia. Fu infine designata la Bocca di Serchio, nella tenuta Salviati che, essendo appartata e confinante con la tenuta reale di San Rossore, offriva condizioni di segretezza adeguate per le sperimentazioni. Furono selezionati tredici ufficiali ma solo tre ultimarono il corso: il Tenente di vascello Carlo Alberto Teppati, il tenente del Genio navale Teseo Tesei e il Sottotenente di vascello Franco Costa. Come secondi piloti (chiamati in gergo “secondo uomo”) furono designati undici sottufficiali palombari. Le attività perdurarono fino all’agosto del 1936 quando, a seguito delle vittoriose operazioni in Africa orientale, lo sviluppo di questi mezzi fu accantonato. Nello stesso anno, 1936, Tesei viene imbarcato sul Regio Sommergibile Ialea e partecipa alla Guerra di Spagna. Tesei ne è il Direttore di Macchina, ricevendo due Croci di Guerra ed una Medaglia di Benemerenza per le azioni effettuate.

in piedi da sinistra Tesei, Toschi, il duca di Spoleto, Franzini, Birindelli in ginocchio i loro secondi uomini – presso la tenuta Salviati – da Teseo Tesei e gli assaltatori della Regia Marina di Gianni Bianchi – ediz. Locman

I venti di guerra incominciano a soffiare impetuosi e l’Italia entra in guerra. Teseo Tesei propone l’impiego di quell’arma insidiosa contro il preponderante naviglio nemico. Mancano però  gli investimenti per coprire le spese necessarie per effettuare i test ed i  collaudi di affidabilità, indispensabili per questa nuovissima arma subacquea. Gli inconvenienti sono all’ordine del giorno ed i sviluppatori sono costretti ad inventarsi modifiche continue. L’andamento della guerra accelera l’impiego del mezzo ed i primi risultati non sono esaltanti, legati principalmente alla poca affidabilità dei primi prototipi.

Durante la prima sfortunata missione per violare la base britannica di Alessandria d’Egitto, Tesei partecipa con gli altri suoi compagni al recupero dei marinai rimasti intrappolati nello scafo del sommergibile Iride, salvandone otto dopo lunghissime ore di ripetute immersioni. Viene promosso Maggiore ed insignito di medaglia d’argento al Valor Militare. I nuovi tentativi sugli obbiettivi di Alessandria e Gibilterra non danno i risultati sperati, ma servono a perfezionare ulteriormente quel mezzo subacqueo ingombrante e poco manovriero che, scherzosamente, viene chiamato maiale. L’impegno premia ed un primo risultato positivo si ha con l’attacco alla Baia di Suda; l’obiettivo principale degli assaltatori diviene quello di colpire al cuore la forza inglese nelle sue basi principali di Gibilterra e Malta.

Tesei, come sempre, ci mette il cuore e nel giugno del 1941 viene insignito della Medaglia d’Oro di 1° Cl. per ”Lavori Utili alla Regia Marina”. Ma Tesei non si accontenta; abile sommozzatore ricerca l’azione con lo spirito indomabile della sua terra che lo aveva accompagnato per tutta la sua vita. Riesce ad inserirsi nella pianificazione della missione Malta 2 (25 e il 26 luglio 1941) che prevede l’attacco combinato di due S.L.C., come apripista per i barchini esplosivi (MTM), mezzi di superficie carichi di esplosivi che vengono lanciati verso le navi nemiche. Tesei guiderà uno  dei due maiali insieme al suo secondo uomo, Alcide Pedretti. Il loro compito è di far saltare le reti metalliche poste sul viadotto S. Elmo per aprire l’accesso al porto dove sono ormeggiate le navi nemiche.

La sfortuna si accanisce: il primo mezzo condotto dal TV Costa va in avaria e Tesei e Pedretti proseguono da soli, raggiungono il ponte e spolettano al minimo per far esplodere la carica alle 0430, ora prevista di attacco da parte degli MTM.  Quello che avviene nei minuti successivi non lo sapremo mai. L’attacco inizia sotto il fuoco incrociato delle difese inglesi allertate dai sistemi radar. Intervengono anche gli aerei che mitragliano le acque per fermare i barchini. I barchini esplosivi cercano un varco inutilmente. L’MTM di Carabelli tenta l’impossibile e si lancia sulle ostruzioni senza abbandonare il mezzo fino all’urto. E’ notte e le nebbie artificiali  mascherano completamente la visione di cosa sta succedendo.

il secondo uomo di Teseo Tesei, il 2 Capo Alcide Pedretti che condivise la tragica fine con Tesei

La terribile esplosione causa il crollo della campata metallica e, ironia della sorte,  va ad ostruire definitivamente il transito dei barchini. Si scatena l’inferno e sotto il tremendo fuoco delle postazioni nemiche, quasi tutti gli assaltatori perderanno la vita. Il bilancio complessivo dell’azione fu di 15 morti, 18 prigionieri e la perdita di due MAS, due SLC, otto MTM e un MTL per la Regia Marina. L’attacco fu seguito anche da una battaglia aerea in cui due aerei italiani si batterono contro 30 aerei britannici prima di essere abbattuti. Dei diretti partecipanti all’incursione solo undici naufraghi del MAS 452, trasbordati sul MTSM che stavano rimorchiando, riuscirono a raggiungere l’Avviso Diana, che li aspettava al largo di Capo Passero, e raggiunsero Augusta. L’attacco alla base navale di Malta, nonostante il successo britannico, colpì duramente la cieca fiducia degli Inglesi nella loro inviolabilità.  Essa è ancora oggi la missione per la quale furono conferite il maggior numero di Medaglie d’oro al Valor militare (una ad un vivente e otto alla memoria). Il vicegovernatore di Malta, sir Edward Jackson, nell’ottobre 1941 scrisse sul Daily Mail: “Nel luglio scorso gli italiani hanno condotto un attacco con grande decisione per penetrare nel porto, impiegando MAS e “siluri umani” armati da “squadre suicide” (…). Questa impresa ha richiesto le più alte doti di coraggio personale.”

Ipotesi sulla sua morte
Joseph Caruana ipotizzò che Tesei e Pedretti furono uccisi da un colpo di cannone e vennero sbalzati dal loro mezzo che sprofondò sul fondo del mare dove venne ritrovato 25 anni dopo. Questa affermazione è in contrasto con altre testimonianze che  videro le ombre dei due assaltatori sotto il ponte prima di una grande esplosione. Qualunque sia la verità poco importa, Teseo Tesei e Alcide Pedretti morirono eroicamente in quella fatale alba del 26 luglio 1941. Per l’azione di Malta la Regia Marina conferirà a questi valorosi la Medaglia d’Oro al Valor Militare alla Memoria.

Una missione sfortunata che aprì però una strada alle missioni successive come l’operazione di Alessandria d’Egitto quando tre maiali causeranno l’affondamento di due grandi navi da battaglia inglesi, riscattando le tante perdite di valorosissimi uomini. I siluri umani, ideati da Teseo Tesei, condurranno con successo le loro missioni in numerosi porti nemici del Mediterraneo fino alla fine della guerra cambiando le regole della guerra in mare.  Ma questa è un’altra storia.

 

               

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 650 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share