If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

SS Marsala, il piroscafo dei due mondi di Andrea Alpini

livello elementare

 

ARGOMENTO: RELITTI
PERIODO: 
AREA: MEDITERRANEO, ISOLA GIANNUTRI
parole chiave: S.S. Marsala, relitto

il relitto del SS Marsala – foto Simone Nicolini

La nostra storia inizia a Glasgow, Scozia, nei cantieri navali Alexander Stephen & Son. Il 5 marzo 1882 avviene il varo dell’S.S. Marsala, “steam ship” adibita al trasporto persone oltre oceano. L’armatore è la compagnia tedesca Australia-Sloman Line A.G. che costituisce una flotta commerciale per l’Australia  e la Nuova Zelanda. L’S.S. Marsala è impiegata su questa rotta con scalo a Cape Town e destinazione Melbourne, Adelaide, Sidney o nelle principali città delle Indie Occidentali. Il piroscafo era adibito al trasporto di bestiame e merci refrigerate, grazie anche alla sua preziosa stiva prodiera in grado di ospitare fino a mille tonnellate di merci congelate.

L’equipaggio era costituito da 35 membri e poteva ospitare fino a 600 passeggeri emigranti in terza classe. Pochi anni dopo il varo, nel 1886, la nave passa alla compagnia Union Line che la impiega per le attraversate oceaniche verso New York. La flotta, tutta varata dal medesimo cantiere, è composta da imbarcazioni con un doppio sistema propulsivo misto: vapore e vela. Il vapore permette di navigare più velocemente, ma il carbone da stivare per le lunghe traversate è assai ingombrante; inoltre un guasto alla macchina significa restare in balia delle onde, dato che ancora non esiste la radio di bordo.

Il vento è lento ma sicuro e permette di continuare il viaggio in caso di avaria. L’S.S. Marsala è costruito sulla base del Sorrento (1881),  in seguito affondato in Spagna nei pressi di Capo Finisterre, il Catania I (1881) poi affondato nei pressi di New Orleans e l’Amalfi (1881) ribattezzato Ada dagli svedesi e poi affondato nel 1917 per siluramento da parte di un sottomarino tedesco. Anche il piroscafo Taormina (1884) è del tutto comparabile alla nostra nave.

Il Marsala aveva due alberi velici, di cui quello di trinchetto con tre pennoni per altrettante vele. La struttura della nave è mista, legno e ferro. La macchina a vapore è  tradizionale, per l’epoca, a triplice espansione con una sola elica propulsiva. Complessivamente il piroscafo aveva dimensioni di 97 metri di lunghezza per 11 metri di larghezza e circa 6 metri di altezza.

Il viaggio inaugurale Amburgo/New York è del 9 febbraio 1886 e continuerà a esercitare su questa rotta fino al 10 luglio 1897. Negli anni di servizio il Marsala compì complessivamente 34 attraversate transoceaniche portanti verso il Nuovo Mondo quasi 8.000 passeggeri. Tra il 1897 e il 1911 il Marsala cambia vocazione e da nave passeggeri diventa una nave merci oceanica, destino che continuerà anche nel passaggio di proprietà con la compagnia genovese Beraiso & Devoto, che la terrà nella propria flotta per due anni impiegandola però nel Mediterraneo. Negli ultimi mesi del 1911 il Marsala è requisito dalla Regia Marina italiana che lo impiega come nave ausiliaria per il trasporto di truppe e materiali nella guerra italo-turca verso le terre libiche e tunisine. Al termine del conflitto la nave torna agli armatori genovesi che la impiegano nuovamente per il trasporto commerciale.

Una tragica fine
Il mattino del 2 luglio 1913 l’S.S. Marsala è in navigazione da Sfax (Tunisia) verso Santa Liberata, ma sulla sua rotta incrocia la nave Campidano che, a causa della fitta nebbia, non lo avvista e lo sperona all’altezza della prua. Il piroscafo affonda in circa dieci minuti, giusto il tempo necessario per permettere a tutto l’equipaggio di mettersi in salvo. Il piroscafo S.S. Marsala da allora giace vicino alla costa di Giannutri su un fondale di -105 metri, tanti quanti sono gli anni che intercorrono a oggi con la data del suo inabissamento.

Nel Blu alla scoperta del SS Marsala
L’acqua è appena increspata quando arriviamo al largo dell’isola dove svolgeremo l’immersione. Il vento soffia teso e crea un’intensa corrente di superficie che infastidisce un po’ le operazioni di aggancio stage e soprattutto allunga il raggiungimento della linea di discesa. Attendo qualche minuto i membri del mio team, nel frattempo ne approfitto per normalizzare la respirazione e controllare i vari moschettoni. Chiudo il gruppo in discesa. A quota -30 metri mi accorgo che è già passato 1 minuto: sono leggermente in ritardo su quanto avevo stimato, purtroppo la corrente taglia l’acqua fino a questa profondità. Continuo a scendere e penso che, se in risalita sarà ancora presente, potrebbe rendere difficoltosa la decompressione nelle ultime lente tappe. A -60 metri la tonalità del blu cambia e con essa anche la temperatura che si abbassa bruscamente. Arrivo sul fondo con oltre 1 minuto di ritardo. Fisso la strobe e due stage alla linea, prendo il punto bussola. Murata a sinistra, cassero alla mia destra, poco oltre dei vani che scompaiono nella visibilità fioca, corrente assente. Attraversiamo come da pianificazione la coperta in senso trasversale, nel mentre accendo i fari e sotto i miei occhi compaiono tre aragoste di dimensione davvero ragguardevole.

sul relitto

Il ponte di coperta si trova a una profondità che oscilla tra i -96m e i -98m, metto la battagliola di dritta alla mia sinistra e procediamo verso poppa. Questo segmento del relitto è il meno esplorato, quello meno noto e descritto da chi già è sceso negli anni passati sull’SS Marsala. La ricerca storica e le comparazioni svolte nelle settimane precedenti con le “navi gemelle” varate dallo stesso cantiere si rivela assai utile, una volta sul fondo, per comprendere la conformazione della nave che sto osservando. La murata scorre pinneggiata dopo pinneggiata in modo lento. A centro nave compare un nugolo di argani proprio in prossimità di quello che fu il massiccio albero velico. Sono possenti, rigidi, e ancora si può percepire la trazione delle cime che avvolgevano per tendere le vele.

sul relitto

Una batteria di aperture cadenza il ponte, ciascuna conduce in luoghi meravigliosi sotto coperta. Il tek, che una era calpestato da marinai e migratori, oggi è pressoché scomparso totalmente, inghiottito dalla salsedine. Il legno ha lasciato un vuoto che permette di vedere chiaramente la struttura in ghisa della nave, tutte le travi organizzate secondo trama e ordito sono rivettate tra di loro. Il pensiero, seppur fugace, vola in Scozia, terra i cui uomini in kilt hanno forgiato il ferro di questa imbarcazione. Molta è la fauna che punteggia lo scafo, tra cui un granchio facchino che si fa carico di una spugna gialla sul proprio carapace per meglio mimetizzarsi.

sul relitto

Improvvisamente la nave si apre in due. La situazione potrebbe essere simile a quella prodiera, invece siamo esattamente al lato opposto. Il ponte di coperta si inarca a 90 gradi verso l’alto gettando su di noi un’ombra densa. Questo repentino cambiamento impone una revisione della navigazione e dei riferimenti tanto che non si scorge la continuità dello scafo. Tengo la sinistra, mi muovo cautamente all’esterno del Marsala. Un’apertura ampia e a forma di V rovesciata invita a entrare dentro la nave. Declino l’invito e proseguo verso alcuni pezzi di lamiera che ho intravisto. Stiamo approcciando quello che fu lo specchio di poppa, oggi completamente distrutto, deflagrato. Probabilmente inabissandosi la nave si è schiacciata in questa porzione e, per l’urto, distrutta.

sul relitto

Un pezzo di battagliola di forma circolare e con ancora il corrimano riposa sul fondale. La forma è ben riconoscibile e segue esattamente la forma della linea semicircolare della poppa. Sul fondo si trovano molti reperti che mi incuriosiscono. Purtroppo non posso soffermarmi più di qualche minuto. Vorrei esplorare altre parti più corpose della nave, ma mi trovo nel punto più lontano dalla linea di risalita, è quindi doveroso monitorare costantemente tempo e consumi anche perché tutta questa parte di relitto si trova alla batimetrica di -106 metri. Murata a sinistra, si inverte la direzione, inizia il ritorno. Alcune travi si ergono a mezz’acqua, la visibilità di 5/6 metri aiuta a riconoscere bene gli elementi che si osservano ma, al contempo, anche a celarne delle parti infittendone l’aura di mistero. Un piccolo argano e un moncone circolare cavo conducono il mio sguardo all’esterno della sagomo del relitto. Si vede ora nettamente una porzione di un paranco del cala scialuppa. D’improvviso appare la testa del grongo più grande che abbia mai visto. L’impatto è emotivamente forte anche perché grigio appare dal limo, nascosto all’ombra di due lamiere avvolte nel buio dei -100 metri. Lo fisso, lui fissa me.

sul relitto

Avrebbe potuto essere un incontro uscito dalla fantasia di Sergio Leone. Il grongo ha l’occhio sinistro completamente bianco, forse è stato ferito ma di certo è cieco da questo bulbo. L’altro occhio, di dimensioni più modeste è intonato al colore della sua “pelle”. Abbasso i fari per non infastidirlo troppo. Mi coglie sul fatto, rientra di 20/30 centimetri nella tana per caricarsi e poi esce come un siluro verso di me, mi attacca innocuamente, ha l’animo gentile dopo tutto. Si rintana e io proseguo tenendo il centro nave. Ho visto un’apertura molto interessante. Il profilo è rettangolare, un predellino in legno modanato corre lungo tutto il perimetro all’altezza di un passo dal piano di coperta. Getto lo sguardo all’interno e vi trovo le ultime marmitte delle caldaie; poco oltre, sul fondo a -103 metri si vede il grosso tubo che corre longitudinale allo scafo: si tratta del vano che porge l’albero di trasmissione.

sul relitto

Il mio compagno di team richiama la mia attenzione con la torcia. Ha trovato coricato su se stesso l’intero albero poppiero. Ha un diametro alla base di circa 80 cm, almeno così stimo a occhio proporzionandolo con l’attrezzatura che ho sott’acqua. Non molto distante si trova il moncone dove si innestava l’albero fino alla base dello scafo. L’impatto con il fondale lo ha spezzato di netto, lasciando le bordature ritorte come riccioli di burro. Mancano ormai 10 minuti di fondo. Lascio la murata di sinistra per esplorare il centro nave. La prima stiva in cui entro è la sala che accoglie i serbatoi caldaie i cui cilindri invadono lo spazio. Qui si passa dai -98 metri della coperta sino ai -104 metri dell’interno; in realtà si potrebbe scendere ulteriormente, ma il fondo è ricolmo di detriti e lamiere accartocciate. Ogni tanto si intravedono delle scalette e alcuni passi d’uomo. Chissà dove conducevano, attualmente la via è serrata.

Recupero quota, un paio di pinneggiate e mi porto nel vano quasi adiacente la plancia. Sotto i miei occhi si apre una stanza delle meraviglie. Ho solo 2 minuti per esplorarla, poi il tic tac del profondimetro batte i 30 minuti, anche questa volta. Due forni con quattro fuochi ciascuno, uno di fianco all’altro. Si vedono ancora gli invasi per il carbone caldo da mettere al di sotto del pentolame, mentre alla base di ciascun blocco una piccola porticina, al cui interno era riposta la carbonella utilizzata per mantenere in temperatura le cotture. Un piatto giace inclinato ricoperto di limo, poco oltre si vede il collo di una bottiglia o di un recipiente ceramico. L’incanto non finisce qui, 1m dopo, a destra, il lavatoio con ancora i paioli in rame riposti uno sopra l’altro. Sul pavimento, nella coltre limacciosa fanno capolino altre stoviglie.

Non tocco nulla, non mi sfiora nemmeno l’idea, lascio il paesaggio così come l’ho trovato, me lo gusto nella visibilità cristallina dei -102 metri. Una luce azzurra proviene dall’incrocio a T a destra delle cucine. Sarebbe bello continuare, ma è impossibile, anzi manca un minuto e mezzo alla risalita, non posso prolungare la mia visita. Lascio scorrere la linea sotto di me. I deep stop profondi iniziano placidamente a trasportarmi in un’atmosfera di concentrazione che sposta ora la mia attenzione dal relitto al monitoraggio delle mie sensazioni psicofisiche che mi accompagneranno lungo tutta la risalita.

sul relitto

Arrivo ai -66 metri e tre dentici enormi salgono dal blu notte che avvolge il Marsala. Due viaggiano in coppia, uno più esterno fa da sentinella. La pausa di silenzio tra un’inspirazione e una lenta espirazione mi mette per un attimo in sintonia con loro. Vedo che si scambiano degli sguardi, sono in caccia, hanno scambiato il mio luccichio per una preda. Quando sono abbastanza vicini per capire che non sarò il loro prossimo pasto, con un colpo caudale tornano negli abissi da cui erano emersi pochi secondi prima.

Giannutri compare ai miei occhi 3 ore e un minuto dopo l’inizio dell’immersione, esco accolto dagli sguardi luccicanti del mio team, una giornata memorabile. Inedita. Arrivederci alla prossima immersione.

Andrea “Murdock” Alpini
TDI Diving Instructor #26784
Trimix Ipossico & Advance Wreck Instructor
www.wreckdiving.it

 

 

 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 502 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share