If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Cristoforo Colombo e l’alleato “meteo” di Aaronne Colagrossi

livello elementare
.

ARGOMENTO: STORIA DELLA NAVIGAZIONE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: CARAIBI – OCEANO ATLANTICO
parole chiave: Colombo, Caraibi, meteo

Il tempo meteorologico fu per il grande navigatore genovese un prezioso alleato. Tutti noi sappiamo che lo scopo di Colombo era quello di raggiungere le “Indie” navigando verso ovest, sfruttando la sfericità della Terra. La perspicacia del navigatore italiano era davvero notevole, egli non poteva sapere, però, che in mezzo ci fosse il continente americano; senza questo le caravelle della spedizione spagnole sarebbero davvero potute giungere sino in Cina, attraversando idealmente il Pacifico (venti, cibo e malattie permettendo). Le stime della lunghezza del tragitto fatte da Colombo erano però inferiori rispetto alla reale distanza; comunque senza le Americhe tra “i piedi” le navi ce l’avrebbero potuta fare, considerando anche l’assenza di pirati e vari assaltatori di navi (che sarebbero arrivati nei decenni avvenire).

La Nina, la Pinta e la Santa Maria

Un viaggio storico
La spedizione di Colombo partì da Palos, in Spagna, il 3 agosto 1492; le tre navi che la componevano erano la Niña, la Pinta e la Santa Maria. I vascelli fecero una prima tappa alle Canarie, un arcipelago spagnolo al largo delle coste nordafricane; l’arrivo a Gran Canaria avvenne l’11 agosto e la spedizione decise di rimanervi un mese, per fare le riparazioni necessarie prima della traversata. Il 6 settembre le navi guidate da Colombo ripartirono e fecero una brevissima sosta all’isola della Gomera, per rifornirsi di acqua e viveri (la Pinta aveva subito un’avaria grave al timone). Dopo 36 giorni di desolazione sul grande oceano Atlantico, la spedizione raggiunse una piccola isola delle Bahamas, approdando nel Nuovo Mondo: era il 12 ottobre 1492 e la storia dell’umanità sarebbe cambiata radicalmente da quel momento in poi. Cristoforo Colombo battezzò l’isola “San Salvador”. Tutti i dettagli della spedizione in mare sono giunti a noi attraverso i diari dello stesso Colombo e dei piloti delle tre caravelle.

I diari di Colombo sono una fonte preziosa
La traversata non ebbe particolari note negative, anzi, fu abbastanza tranquilla: i venti non soffiarono mai troppo forte, il mare non fu mai troppo mosso e le correnti favorirono in larga parte la navigazione verso i settori occidentali.

Le linee rappresentano i quattro viaggi di Colombo

Eppure è ormai ben noto che le rotte che dall’Europa portano in Nord America, nei mesi autunnali sono oggi, come anche allora, irte di pericoli: ogni anno una decina tra uragani e cicloni tropicali si formano al largo delle coste africane occidentali, per attraversare l’Atlantico centrale, acquisendo potenza, per arrivare lungo le coste americane dove portano morte e devastazione. Tutto ciò anche grazie ai potenti venti Alisei. Le conseguenze di un uragano o di un ciclone tropicale sono sconvolgenti: onde di vari metri, venti di eccezionale forza e pioggia torrenziale. Insomma condizioni meteo marine davvero pericolose. Immaginate cosa sarebbe successo se Colombo avesse incontrato queste condizioni nella sua prima traversata, magari le cose non sarebbero andate come le conosciamo dai libri di storia.

Fortuna o saggezza?
Anche considerando il fatto che il numero medio di tempeste tropicali che ogni anno raggiungono i Caraibi sia aumentato negli ultimi secoli, si può affermare che la spedizione del navigatore genovese sia stata a dir poco fortunata. Ma si tratta solo di pura fortuna o Colombo era un abile marinaio, attento ai segni del tempo?

Alcuni “celebri” uragani che hanno devastato i Caraibi, da notare i mesi e i giorni.

Seguirono altre traversate da e verso l’Europa, tutte con esito positivo. Eccetto una: il quarto viaggio di ritorno. Nei pressi di Haiti gran parte della flotta spagnola fu distrutta da una tempesta tropicale. Stando a un compagno di viaggio di Colombo, questi consigliava di ritardare la partenza proprio per motivi meteorologici. Esaminando la prima traversata di Colombo si intuiscono alcune sue abilità. Il genovese doveva infatti essere a conoscenza degli Alisei a latitudini medio basse, che lo avrebbero spinto verso ovest, e probabilmente sapeva che a latitudini medio alte i venti erano invece contrari, cosa che gli avrebbe garantito il ritorno. Gli Alisei spirano anche nella fascia delle Canarie; pianificare la partenza dalle Canarie è stata quindi una scelta ragionata, egli sapeva che non poteva prendere il largo direttamente dalle coste del Portogallo.

il grande navigatore Cristoforo Colombo

Colombo fu un grande comandante
Dopo la breve sosta all’isola di Gomera, le caravelle si mantennero tra i 25 e i 30 gradi di latitudine nord, lievemente al di sopra della zona dove (generalmente) si formano le tempeste tropicali. In sostanza il navigatore genovese aveva pianificato una rotta tangente all’anticiclone delle Azzorre, sul suo lato meridionale, dove gli Alisei sono più deboli, cosa che ha rallentato la spedizione, ma l’ha protetta da eventuali pericoli, tenendo le caravelle ben lontane da zone meteorologicamente a rischio.

Da moderne ricerche risulta che la rotta seguita da Colombo sia quella che consente di attraversare l’Atlantico con la più bassa probabilità di incontrare uragani e tempeste. Sempre secondo queste recenti ricerche, la probabilità di incappare in una tempesta nel settembre-ottobre del 1492, lungo quella traiettoria era di circa l’1%. Sembra che anche la lunga sosta alle Canarie, di quasi un mese, sia stata decisa da Colombo proprio per evitare gli uragani di fine agosto. Molti di questi aspetti sono confermati anche nel diario di bordo: durante la traversata il vento fu moderato, con frequenti bonacce e una sola giornata di vento forte. Sempre dai diari si evincono dati sul colore del mare, sulla presenza di uccelli marini e dal loro volo, dai banchi di pesci. Ogni giorno si effettuavano misure di velocità con il solcometro, una cordicella cui erano presenti dei nodi e un’asta di legno venivano lanciati in mare, e con una clessidra si misurava il tempo, da cui la velocità in nodi.

Colombo fu un attento osservatore
Certamente bisogna considerare una certa dose di fortuna nella spedizione di Cristoforo Colombo, è probabile che quell’anno l’anticiclone delle Azzorre protesse da tempeste tropicali più del solito quelle distese marine. Tuttavia dai dati in nostro possesso emerge che Cristoforo Colombo era un abile navigatore, un ottimo osservatore, un buon meteorologo e un comandante saggio. Se non avesse posseduto queste abilità non avrebbe raggiunto le coste del Nuovo Mondo.

Aaronne Colagrossi

Per i miei romanzi sul mare visita www.colagrossiromanzi.it

 

 

 

print
(Visited 134 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share