If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Acque torbide di Giorgio Caramanna

livello elementare
.

ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: SEMPRE
AREA: OVUNQUE
parole chiave: torbidità, tecnica

I subacquei sanno quanto è fastidioso immergersi in acque con scarsa visibilità. In certi casi, per motivi di lavoro o per un’improvviso cambiamento delle condizioni ambientali, essa può azzerarsi rendendo l’immersione un incubo. Fondali fangosi possono essere facilmente disturbati dai subacquei originando nubi di sedimenti. Nelle grotte e relitti anche il movimento dell’acqua dovuto alla risalita delle bolle può causare una improvvisa riduzione della visibilità a seguito del distacco delle particelle più sottili dei sedimenti che spesso ricoprono le pareti di tali ambienti. Un vero incubo per i fotografi e i video maker subacquei. Ma non solo; anche per tutti coloro che per piacere o per motivi di lavoro, devono effettuare immersioni sul fondo  o nel volume.  

Immergersi in condizioni di visibilità ridotta o addirittura nulla è estremamente impegnativo e stressante ed espone i subacquei ad una varietà di rischi quali rimanere intrappolati o perdere l’orientamento. Acque torbide possono inoltre essere indice della presenza di sostanze inquinanti, sia biologiche che chimiche, con ulteriori problemi per chi vi si immerge.

Imparare a pianificare e gestire in sicurezza immersioni in condizioni di visibilità ridotta richiede tempo, conoscenza ed esperienza. La configurazione dell’attrezzatura subacquea dovrebbe essere specifica con un profilo “pulito” riducendo il rischio di rimanere impigliati. Anche l’aspetto psicologico non è da sottovalutare, muoversi senza poter vedere è  spesso causa di stress che, se non controllato, potrebbe degenerare in panico.

I sensi che normalmente contribuiscono al nostro orientamento sono:
vista: gli occhi forniscono informazioni sulla nostra posizione rispetto all’ambiente circostante contribuendo fino al 90% del senso di orientamento;

sistema vestibolare. L’orecchio interno percepisce le accelerazioni che subiamo nelle tre dimensioni;

sistema somato-sensoriale, costituito da una serie di nervi che percepiscono il campo gravitazionale e forniscono ulteriori informazioni sulla nostra posizione, ad esempio se siamo seduti o in piedi.

Durante l’immersione sia il sistema vestibolare che quello somato-sensoriale hanno sensibilità ridotta e quindi il nostro senso di orientamento si basa, di fatto, solo sulla vista. Se la visibilità è ridotta è perciò molto facile rimanere disorientati. Un effetto che causa forte disorientamento è stato osservato dai piloti di elicotteri quando il flusso d’aria del rotore solleva una nuvola di polvere che circonda l’aeromobile. Il suo corrispettivo subacqueo è rappresentato dalle nuvole di plancton o di sedimento trasportate dalla corrente che possono determinare un sensazione di movimento contraria a quella reale. In casi estremi si può arrivare a perdere la cognizione del basso o dell’alto con ovvie gravi potenziali conseguenze.

Rischi associati
I rischi che si possono incorrere durante le immersioni con visibilità ridotta sono molti e richiedono diverse strategie di mitigazione. Il più grave è senza dubbio l’impigliamento. Il restare intrappolati in acque torbide è infatti uno dei rischi maggiori e può essere causato da vecchi cavi e reti abbandonate che si trasformano in trappole mortali. Il subacqueo, per mitigare questo rischio, deve sempre muoversi con cautela, mantenere l’attrezzatura il più possibile vicina al corpo, ad esempio assicurando l’erogatore attorno al collo con un apposito legaccio elastico. Inoltre deve dotarsi di sistemi per il taglio ben posizionati e raggiungibili in caso di emergenza. Ad esempio un taglierino per le lenze da pesca, delle forbici per tagliare cimette sottili ed un buon coltello per le cime più spesse. Tali sistemi vanno posizionati in parti facilmente raggiungibili come l’avambraccio ed il petto evitando la “classica” posizione del coltello lungo il polpaccio-

Un fattore molto importante da considerare è quello della comunicazione; in condizioni di visibilità ridotta il tradizionale sistema di comunicazione con segnali manuali è di limitata se non nulla utilità. In condizioni di bassa visibilità i subacquei potrebbero considerare l’uso di una cimetta di collegamento (buddy line) tra di loro per eventuali comunicazioni. Ad esempio un tiro per richiamare l’attenzione, due per segnalare che tutto procede, tre per segnalare un problema o un pericolo. I codici con la cima possono essere diversi e devono essere sempre concordati in precedenza tra i due subacquei. Per comunicazioni più complesse è necessario utilizzare sistemi acustici di comunicazione che consentano ai subacquei di parlare tra di loro e, eventualmente, con la superficie.

Ultimo ma non meno importante,  le procedure di sicurezza/emergenza devono essere sempre concordate a priori. I subacquei devono essere in grado di operare sulla propria attrezzatura e su quella del compagno procedendo semplicemente a tatto. Aprire e chiudere la rubinetteria, rimuovere il sistema di zavorra, azionare i comandi del GAV sono operazioni semplici se svolte in acque con buona visibilità ma necessitano un addestramento specifico in condizioni di visibilità nulla. Queste devono includere la perdita di contatto reciproco. Statisticamente la probabilità di ritrovarsi sott’acqua in caso di perdita reciproca è quasi nulla dopo il primo minuto. Nel caso, è prudenziale risalire in superficie in modo controllato, eventualmente utilizzando un pedagno e cima, e riunirsi con il compagno in superficie. Anche questa procedura di emergenza va concordata prima dell’immersione.

In sintesi, per gestire in modo sicuro le immersioni con visibilità ridotta occorre tempo e pratica. Una serie di esercizi possono essere effettuati per allenarsi in un ambiente controllato. Un sistema molto valido, per acquisire confidenza con situazioni di visibilità nulla, è quello di usare una maschera oscurata, ad esempio coprendo il vetro con del nastro adesivo nero. Quindi si incomincia ad operare sulla propria attrezzatura, identificandone le diverse parti al buio, facendo piccoli esercizi e seguendo poi un percorso prestabilito. Il subacqueo acquisisce quindi una padronanza delle procedure in condizioni estreme che potrà essere utile in situazioni reali. Questo tipo di addestramento non è scevro di pericoli e, per garantire l’incolumità, il subacqueo in addestramento deve essere accompagnato da un subacqueo di supporto pronto ad intervenire in caso di necessità.

In ogni caso l’immersione in visibilità ridotta o nulla non è per tutti; se un subacqueo prova disagio ad immergersi in tali condizioni in nessun modo deve sentirsi obbligato a farlo perché in una situazione di reale emergenza il suo comportamento potrebbe divenire imprevedibile mettendo a repentaglio la propria incolumità e quella dei compagni di immersione.

Come abbiamo sottolineato tante volte: la sicurezza è prioritaria su qualsiasi attività.

 

Giorgio Caramanna 
Geologo oceanografo – Geoaqua Consulting
è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua Consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Nel 2018 ha ricevuto il Tridente d’oro dell’Accademia Internazionale di Scienze e Tecniche Subacquee. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 242 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

9 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share