If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

L’uso del remo nelle corvette del Settecento di Emiliano Beri

.
livello elementare

 

ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVIII SECOLO
AREA: MEDITERRANEO
parole chiave: corvette, remi, battaglie navali, Mediterraneo

 

1716. Corvetta veneziana – ex voto, Santuario della Madonna dello Scarpello, Bocche di Cattaro Una corvetta particolare per la tipologia classica della corvetta trasmessaci dalla letteratura navale, ossia un veliero leggero a tre alberi armato a nave. La caratteristica del veliero leggero la ritroviamo, ma qui abbiamo un due alberi con armo a brigantino e doppia propulsione, remi e vele.

Le corvette veneziane del XVIII secolo
Nei primi decenni del Settecento un piccolo numero di corvette (o “crovette”), solitamente non più di tre, faceva parte della squadra veneziana del Capitano del Golfo. La squadra si occupava essenzialmente di polizia marittima nel Mar Adriatico, con un’area operativa che andava dalla linea Zara-Ancona a Corfù, e con l’isola di Lesina come base principale.

fregata a remi veneziana (progetto di Antonio Nadale) – Biblioteca Universitaria di Padova

La squadra era formata da poche unità, con punte massime, nel corso di Seicento, di sei sette galee (solitamente non tutte operative, anzi spesso le galee in crociera erano due o tre) e galeotte e barche armate come unità leggere, che operavano solitamente di conserva alle galee, a formare anche squadriglie come sotto unità della squadra.

Una figura degna di nota del XVIII secolo veneziano fu l’ammiraglio (capitano do mar) Angelo Emo.  All’età di 20 anni entrò nella marina veneziana, in qualità di ufficiale patrizio, a bordo dei velieri della cosiddetta Armada Grossa e, già nel 1760, gli venne affidato il comando di una nave da settantaquattro cannoni, col compito di scortare il delegato Francesco Grimani a Corfù. Una carriera brillante che lo vide stimato dai suoi equipaggi ma criticato dai politici. 
La sua non comune visione lo portò a proporre una profonda riforma della marina veneziana su modello di quella britannica. L’ammiraglio Angelo Emo, rendendosi conto delle debolezze e inefficienze che gravavano sull’antica potenza navale, ricercò una maggiore professionalizzazione del personale imbarcato attraverso una migliore selezione del personale nel reclutamento (anche con l’aumento delle paghe dei marinai) e l’introduzione di chiare norme di disciplina e di avanzamento delle carriere. I suoi sforzi riuscirono solo in parte scontrandosi con una catena di comando poco recettiva che privilegiava l’anzianità di servizio sopra ogni altra cosa e, Angelo Emo, già ammiraglio prima dei sessant’anni, era un’eccezione sopportata (per il suo valore) ma non sostenuta dal Senato. Morì nel 1792 al comando delle sue navi nelle acque di Malta e venne seppellito nella chiesa di san Biagio, La Valletta, con grandi onori dai suoi equipaggi. Pochi anni dopo, nel 1797, ebbe fine la marina veneziana a seguito della caduta della Repubblica di Venezia dovuta alle truppe di Napoleone. I Francesi,  dopo aver incendiato l’Arsenale, catturarono o affondarono tutte le 184 navi presenti e licenziarono tutti i dipendenti dell’Arsenale. La grande marineria veneziana aveva fine.   Nota della Redazione

fregata a remi veneziana – Progetto Alessandro Nadale – Biblioteca universitaria di Padova

fregata a remi veneziana – Progetto Alessandro Nadale – Biblioteca universitaria di Padova

fregata a remi veneziana – Progetto Alessandro Nadale – Biblioteca universitaria di Padova – notare le coppie di boccaporti inframezzati a quelli dei cannoni per i remi

Nel Settecento la squadra si arricchisce di un’altra tipologia di unità, le corvette, legni armati a brigantino e dotati, come le altre unità della squadra, di remi. Il remo era elemento essenziale nella guerriglia marittima mediterranea correlate alla corsa e alla controcorsa (polizia marittima). Sulla scia della storiografia navale oceanistica, principalmente britannica, la manovra al remo nei secoli dell’età moderna era considerata  retaggio del passato e simbolo dell’arretratezza e del declino del Mediterraneo, sotto il profilo economico-marittimo e navale (cioè militare).

fregata a remi veneziana – i boccaporti per i remi sono inframmezzati a quelli dei cannoni 

Non é così
La prospettiva oceanistica, che vede nel veliero oceanico l’unica forma di modernità nautica e guarda agli oceani come unici protagonisti della modernità navale, non è applicabile al Mediterraneo a scatola chiusa; va messa in relazione con l’ambiente meteo marino mediterraneo e con gli ambiti operativi in cui agivano le forza navali mediterranee. Il Mediterraneo non è in declino in età moderna, anzi i traffici marittimi al suo interno crescono. Ma non è questo il momento di parlarne. Quello che qui ci interessa è capire quale era l’ambiente e quali erano le condizioni operative in cui agivano le flotte mediterranee.

la Capitana di Tripoli (1709) catturata dalla squadra navale di Malta (museo navale di Malta). Era un vascello a due ponti con doppia propulsione vela – remo

Un ambiente caratterizzato da:
– presenza di una guerriglia marittima (corsa e controcorsa) che scandiva la quotidianità mediterranea nella buona stagione (la stagione in cui principalmente si navigava);

– una buona stagione caratterizzata da frequenti calme e dal ricorrere della bonaccia;

– un mare stretto fra terre in cui si navigava principalmente sotto costa, e quindi in spazi ancora più stretti.

Per navigare sotto costa, in spazi stretti, durante la stagione delle calme e delle bonacce, in caccia dei bastimenti corsari che predavano i mercantili, il remo era quindi elemento fondamentale.

Non era un sintomo di arretratezza ma una necessità imprescindibile. Non è un caso se le marine nordiche, frequentando il Mediterraneo, a partire dal tardo Seicento, adatteranno i loro velieri alle necessità imposte dall’ambiente, munendoli di remi.

HMS Charles Galley, fregata galera inglese da 32 cannoni varata nel 1676 appositamente per operare nel Mediterraneo contro i corsari barbareschi Van de Velde il Giovane, National Maritime Museum

Dal tardo Cinquecento si moltiplicano nelle fonti i casi di galeoni, navi e fregate inglesi, olandesi e francesi munite di remi. Le navi tonde, i velieri, se volevano far la corsa, fare la contro corsa, o anche semplicemente sfuggire alla caccia dei corsari, non potevano fare a meno del remo.

 

Emiliano Beri
Professore aggregato – RTDb Università di Genova
Docente di storia militare e storia sociale M-STO/02 

 

 

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 231 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

5 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share