If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Clima, avanti con Parigi!

livello elementare
.

ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: OGGI
AREA: OVUNQUE
parole chiave: modello energetico, sviluppo sostenibile, Parigi, cambiamenti climatici

Come affrontare una delle maggiori minacce per l’Umanità e partire con un nuovo modello energetico?

In attesa di conoscere se la posizione degli Stati Uniti d’America, rispetto all’applicazione degli accordi internazionali per contrastare i cambiamenti climatici, si adatterà alla situazione globale, si avverte una percezione di speranza e di ottimismo. Così come il Protocollo di Kyoto ha trovato applicazione (indipendentemente dal sostegno dell’Amministrazione americana) si ritiene che anche gli Accordi di Parigi possano progredire senza il sostegno del Governo statunitense che dovrà necessariamente rispondere alla richiesta da parte degli Stati, delle grandi città, e delle aziende di interventi ecocompatibili. Una spina nel fianco per Trump che aveva fatto del negazionismo estremo la sua bandiera in campagna elettorale. Il dissenso interno sta aumentando, anche da parte repubblicana, basti guardare il consenso per quanto proposto nell’Accordo di Parigi, divenuto maggioritario in praticamente TUTTI gli Stati USA. 

Di fatto, qualunque siano le cause (naturali o indotte dall’Uomo), le emissioni di gas serra sembra stiano aumentando più rapidamente del previsto e gli effetti si stiano palesando prima di quanto si potesse supporre pochi anni fa. Questo a fronte di un innalzamento delle temperature minore di quanto calcolato. Un meccanismo che non abbiamo ancora capito e coinvolge ricerche da parte degli scienziati di tutto il mondo. Di fatto, il riscaldamento globale avrà effetti catastrofici sulla nostra vita di ogni giorno. Il più evidente è l’innalzamento del livello del mare (già visibile in alcune parti del Pianeta). L’incremento delle ondate di calore e dei periodi di intensa siccità, alluvioni devastanti, e l’aumento per numero e intensità delle tempeste e degli uragani stanno mettendo a dura prova le capacità di risposta dei Paesi.

Questi fenomeni nelle prossime decadi avranno un impatto su milioni di persone, con effetti ancora maggiori su chi vive nelle zone più vulnerabili e povere del mondo. Essi danneggeranno la produzione alimentare e minacceranno la sopravvivenza di specie di importanza vitale per la nostra sopravvivenza, nonché gli habitat e gli ecosistemi.
Nonostante nella comunità scientifica ci sia un consenso pressoché unanime sul fatto che il cambiamento climatico sia in atto e che esso derivi particolarmente dalle emissioni di gas serra derivanti dalle attività antropiche, i governi mondiali e le aziende stanno rispondendo con colpevole lentezza, come se il cambiamento climatico non rischiasse di mandare a pezzi le fondamenta della civilizzazione umana e dell’economia.

Nei prossimi trent’anni, anche se tutti i Paesi soddisfacessero gli impegni di mitigazione finora assunti, il mondo continuerebbe a confrontarsi, con un aumento medio della temperatura globale stimato di almeno 4 °C rispetto alla temperatura media dell’epoca preindustriale. Visto l’andamento appare evidente che gli impegni assunti sinora non siano stati sufficienti. Ma c’è un ma. Le previsioni degli aumenti delle temperature sono apparse aberranti rispetto a quanto calcolato dieci fa. Sembra quasi che l’aumento sia inferiore allo stimato dandoci quindi una speranza di riuscire a mitigare questi effetti. 

Sebbene questo non traspaia nell’articolo originale, dal quale sono stati presi spunti per la redazione del nostro post, gli scienziati stanno scoprendo meccanismi nuovi che potrebbero in parte giustificare ciò che sta avvenendo in una visione geologica e temporale diversa. In altre parole, l’Uomo ha solo un effetto fortemente catalizzante su ciò che sta accadendo, che trova le sue radici in un ciclo molto più complesso che vede gli Oceani ed il Sole in primo piano.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 45 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

3 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share