If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Squali Mako, animali nomadi o stanziali? Implicazioni per la pesca


.
livello elementare

.
ARGOMENTO: BIOLOGIA ED ECOLOGIA MARINA
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: Mako, squali, comportamento, ecologia
.

Gli ingiustamente definiti “terribili“ squali Mako stanno modificando i loro comportamenti pelagici spostandosi sotto costa? Prima di cercare di dare una risposta a questa non facile domanda conosciamo questo splendido squalo.

Il suo nome, “Mako” deriva dalla lingua Maori, che significa semplicemente squalo. Nel 1809, Costantin Rafinesque diede al brevifin mako il nome scientifico Isurus oxyrinchus (isurus significa “la stessa coda”, oxyrinchus significa “muso a punta”).

Il mako è uno squalo di grandi dimensioni in cui un esemplare adulto può misurare mediamente 3,2 m di lunghezza, arrivando a pesare da 60-135 kg.

La specie è sessualmente dimorfica, con femmine tipicamente più grandi dei maschi. La definizione media delle dimensioni e del peso deriva soprattutto dagli esemplari pescati nella pesca sportiva e commerciale. Sono stati segnalati esemplari di grandi dimensioni, con alcune femmine grandi e mature che superano una lunghezza di 3,8 metri e un peso di 570 kg. Un esemplare catturato al largo della costa italiana pesava addirittura 1.000 kg con una lunghezza di 4 metri. Il più grande in assoluto fu pescato a Marmaris, Turchia, alla fine degli anni ’50, con una dimensione stimata tra i 5,7 ed i 6 metri, rendendolo il più grande esemplare conosciuto della specie.

Lo squalo mako a pinna corta è di forma cilindrica, con una coda allungata verticalmente. Possiede una brillante colorazione blu metallizzato sul dorso e un colore bianco ventralmente. La linea di demarcazione tra il blu e il bianco sul corpo è distinta. La parte inferiore del muso e l’area intorno alla bocca sono bianche. Gli esemplari più grandi tendono a possedere colorazioni più scure.

Il mako giovanile differisce in quanto ha una netta macchia nerastra sulla punta del muso. Lo squalo mako longfin assomiglia molto allo squalo mako a pinne corte ma ha pinne pettorali più grandi, colorazione scura piuttosto che pallida intorno alla bocca e occhi più grandi. La presenza di una sola keel laterale sulla coda e la mancanza di cuspidi laterali sui denti distinguono il mako dagli squali smeriglio, squali strettamente correlati che appartengono al genere Lamna.

Presenza
Mentre il Mako shortfin vive in tutto il mondo, sia in acque temperate che tropicali, il Mako longfin è presente in Atlantico nella corrente del Golfo e nelle acque più calde al largo delle coste della Nuova Zelanda e del Maine. Nell’Atlantico occidentale, può essere trovato dall’Argentina e dal Golfo del Messico alla Browns Bank al largo della Nuova Scozia. La loro presenza è legata a quella dei pesci spada di cui si nutrono.

È una specie pelagica che può essere trovata dalla superficie fino a 150 m di profondità, normalmente lontano da terra, che sembra si avvicini solo occasionalmente alla costa, attorno alle isole o alle insenature. Uno dei pochi squali endotermici conosciuti, si trova raramente in acque più fredde di 15 ° C. Come gli altri squali lamnidi, lo squalo mako a pinna corta ha un sistema circolatorio di scambio termico che consente allo squalo di essere più caldo di 4-7 ° C rispetto all’acqua circostante. Questo sistema consente loro di mantenere un livello di attività stabile e molto elevato, conferendogli un vantaggio rispetto alle prede a sangue freddo avendo di fatto una velocità relativamente più elevata.

I Mako Shortfin possono percorrere lunghe distanze per cercare prede o femmine per accoppiarsi. Nel dicembre 1998, una femmina taggata fuori dalla California fu catturata nel Pacifico centrale da una nave di ricerca giapponese. Aveva percorso più di 1.725 miglia.


.
Lo squalo mako si nutre principalmente di cefalopodi e pesci ossei, compresi sgombri, tonni e pesce spada, ma può anche mangiare altri squali, focene, tartarughe marine e uccelli marini. La loro tecnica di caccia consiste nel puntare sulle prede verticalmente dal basso o dall’alto, dilaniandole i fianchi e le pinne. Non sono scontri incruenti.

A Ganzirri e all’Isola di Lipari, Sicilia, sono stati rinvenuti esemplari di mako a pinne corte con ferite causate dai pesce spada che nella lotta li avevano uccisi. I mako Shortfin consumano il 3% del loro peso ogni giorno e impiegano circa 1,5-2 giorni per digerire un pasto di dimensioni medie. Gli esemplari adulti hanno denti interni considerevolmente più larghi e più piatti del mako giovanili, La loro alta velocità,  valutata intorno ai 25 nodi, gli consente di catturare efficacemente delfini, pesci spada ed altri squali.  Inoltre, possono saltare fuori dall’acqua ad altezze di circa 9 metri.

Un ultimo accenno alla sua pericolosità per l’Uomo. Le statistiche dell’ISAF (International Shark Attack File) registrano nove attacchi mako shortfin contro esseri umani tra il 1580 e il 2017, di cui solo uno fatale. In realtà questa specie generalmente non attacca gli umani e non sembra nemmeno considerarli come prede. Gli attacchi furono infatti provocati da molestie verso lo squalo quando catturato con una lenza. I subacquei che hanno incontrato il mako a pinna corta hanno riferito che, prima di un attacco, lo squalo effettua uno schema a figura otto e poi si avvicina con le fauci aperte.

Predatori o predati?
Gli squali pelagici sono vulnerabili allo sfruttamento eccessivo a causa dei loro bassi tassi di riproduzione, generalmente bassi tassi di crescita contro alti tassi di cattura nelle attività di pesca del tonno in tutto il mondo. Gli squali pelagici migrano spesso su lunghe distanze, ma possono anche verificarsi avvicinamenti vicino alla riva, rendendo difficile classificare il loro comportamento sul continuum dal nomade oceanico al residente costiero. Ciò ha importanti implicazioni per la gestione della pesca, che deve essere mirata su una scala spaziale appropriata. I tagging convenzionali indicano che gli squali mako shortfin si spostano ampiamente intorno all’oceano Pacifico sud occidentale, ma ci sono poche informazioni sul loro uso dell’habitat o sulla mobilità nella regione. L’importanza di meglio comprenderne il comportamento ha quindi un aspetto economico per la gestione delle attività ittiche. La domanda che ci si pone è se questo squalo stia mantenendo il suo comportamento nomade o si stia spostando in aree costiere con maggiori disponibilità d prede.

Uno studio recente sta cercando di comprendere questo apparente cambiamento di abitudini. Gli scienziati hanno marcato elettronicamente degli esemplari di Mako, principalmente giovanili, nella Nuova Zelanda per studiare il loro habitat e la scala spaziale e temporale dei loro movimenti.

I primi risultati mostrano un comportamento inizialmente residente, focalizzato nelle acque costiere e oceaniche intorno alla Nuova Zelanda e lungo le creste oceaniche che corrono a nord verso le isole tropicali delle Figi, Vanuatu e Nuova Caledonia. Gli squali sembrano cambiare regolarmente le loro abitudini comportamentali, da residenti a nomadi, ma i loro periodi di residenza a volte durano per diversi mesi. Sorprendentemente gli squali sembrano aver trascorso la maggior parte del tempo nella Zona Economica Esclusiva della Nuova Zelanda (in media per il 77%, con cinque squali per il 90% del tempo), presumibilmente a causa dell’alta produttività ittica costiera e del facile accesso ad aree con presenza abbondante di prede. Un cambiamento comportamentale importante.

In sintesi questi primi risultati mostrano una modifica del loro comportamento adattandosi da animali nomadi  a stanziali in aree costiere, e suggeriscono che l’aumento della mortalità ittica dovrebbe essere gestita a livello locale e regionale per salvaguardare gli interessi della pesca.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE
print
(Visited 526 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

16 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share