If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Al limite del possibile: Ocean Infinity ed il ritrovamento del ARA San Juan

livello elementare


ARGOMENTO: STORIA NAVALE

PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: sottomarino, marina argentina, Ocean Infinity, ritrovamento San Juan

 

L’ARA San Juan, il sommergibile argentino scomparso negli abissi nel 2017, fu finalmente trovato nel 2018 in un canyon sottomarino a più di 900 metri di profondità dal Seabed Constructor, una nave della OCEAN INFINITY



Cronaca di un dramma

Il sommergibile, appartenente alla classe TR-1700, stava rientrando da una missione di routine a Ushuaia, all’estremità meridionale del Sud America, verso la sua base a Mar del Plata, circa 240 miglia a sud di Buenos Aires. Il San Juan era uno dei tre sommergibili della flotta argentina, costruito nel 1983 dalla tedesca Thyssen Nordseewerke ma che aveva subito un refit di sette anni tra il 2007 e il 2014 per prolungare la sua vita di altri 30 anni.

Il sommergibile diesel elettrico era considerato uno dei più veloci mezzi subacquei a propulsione diesel del mondo. L’ARA Saint Juan era dotato di sei tubi lanciasiluri da 533 millimetri a prua e poteva navigare fino a una profondità massima di 980 piedi.

Il giorno in cui scomparve, prima di interrompere le comunicazioni, il San Juan riferì che vi era stata una falla d’acqua che aveva provocato un incendio delle batterie. Il sottomarino fece un’ultima comunicazione, riferendo che stava comunque procedendo in rotta. Poi … la Marina argentina perse il contatto.Alle 10:31 ora locale, una stazione di monitoraggio registrò un “evento impulsivo” subacqueo in una posizione stimata latitudine: -46,12 gradi – longitudine: -59,69. Nonostante un’intensa opera di ricerca da parte delle forze della Marina argentina, con il supporto della Marina degli Stati Uniti, i resti del sottomarino non furono però mai ritrovati. Le speranze della Marina argentina risiedeva nel fatto che, sebbene la sua resistenza a scafo fosse dichiarata intorno ai 300 metri, il battello era teoricamente in grado di sopportare profondità fino a circa 600 metri ovvero al doppio della loro profondità di prova. Una fatto che alimentò la speranza dei familiari per molti mesi. 

Il ritrovamento
La ricerca continuò, affidata alla OCEAN INFINITY, una delle maggiori compagnie mondiali di ricerca oceanografica. Finalmente il 17 novembre 2018, fonti della Marina argentina, comunicarono il ritrovamento del relitto del San Juan.

Il battello fu scoperto dai ricercatori in un canyon alla profondità di 920 metri, circa 600 km a est di Comodoro Rivadavia nell’Oceano Atlantico. OCEAN INFINITY rivelò che aveva scoperto diversi contatti sonar nell’area poi identificati come formazioni geologiche naturali, stranamente assomiglianti al San Juan, sia nella forma che nelle dimensioni. La nave a cui era stata affidata la ricerca, la Seabed Constructor, nel corso delle identificazione dei contatti inviò i suoi veicoli AUV HUGIN per indagare i contatti e, alla fine, i loro sforzi furono premiati. Il veicolo subacqueo riportò in superficie oltre 60.000 foto del sommergibile, una conferma del drammatico evento per i familiari che continuavano a vivere nel dubbio sulle sue sorti.

Operazioni ai limiti del possibile
OCEAN INFINITY
è una delle società oceanografiche tecnologicamente più avanzate al mondo, che impiega per le sue ricerche diversi tipi di sonar e di droni subacquei per l’analisi delle morfologie del fondo marino. I loro AUV sono in grado di operare in acque profonde da 5 a 6.000 metri, coprendo rapidamente vaste aree abissali. Come abbiamo raccontato in altri articoli, questi mezzi (AUV) non sono collegati alla nave ospite durante le operazioni ed operano in maniera autonoma una volta ricevuti i dati di pianificazione via software. Gli strumenti in dotazione alle sue navi comprendono sonar a scansione laterale, videocamere ad alta definizione HD, ecoscandagli multibeam e sonar ad apertura sintetica. OCEAN INFINITY è in grado di dispiegare nello stesso tempo più mezzi subacquei ed attrezzature di sollevamento di oggetti dal fondo in grado di recuperare fino a 45 tonnellate di carico utile da 6000 metri di profondità.

I sei AUV in dotazione alla Compagnia sono degli HUGIN di costruzione norvegese, Questi mezzi furono sviluppati negli anni ’80 sulla base di prototipo per scopi militari e civili. Nei primi anni ’90 il progetto HUGIN fu avviato come cooperazione tra Stato, il Norwegian Defense Research Establishment (FFI), Norsk Undervannsintervensjon (NUI) e KONGSBERG. Ne furono realizzate varie versioni che differivano principalmente per la quota massima operativa (da 3000, 4500 a 6.000 metri di profondità). 

Un fattore innovativo è la capacità di far operare più veicoli simultaneamente in modo da ispezionare vaste aree del fondo marino, in modo rapido e con una altissima precisione. Nello schema sottostante le caratteristiche degli AUV HUGIN.

HUGIN AUV
Carico utile – sensori
Side Scan Sonar – EdgeTech 2205
Ecoscandaglio a più raggi – Kongsberg Maritime EM 2040
Profiler sotto-Bottom – EdgeTech 2-16 kHz
Videocamera HD – Telecamera Cat Still Ocean a colori
Sensore di conduttività / temperatura / profondità – SAIV
Magnetometro autocompensante – Geofisica del fondo marino
Sensore di torbidità – FLNU (RT) D
Sensore laser a metano e catetere
Lunghezza 6,2 metri peso – 1,850 kg
Posizionamento acustico HiPAP 502
Endurance 60 ore a 3,6 kn con
Funzionamento SSS / SBP / MBES
Applicazioni commerciali
Mappatura ad alta definizione e velocità dei fondali marini (mapping e imaging)
Ispezioni geofisiche di fondali e strutture sommerse
Survey oceanografiche
Monitoraggio ambientale
Ricerche di relitti
Applicazioni nel campo della Difesa
Contromisure mine – MCM
Rapid environmental assessment – REA
Intelligence, surveillance e reconnaissance – ISR

OCEAN INFINITY ha recentemente firmato un accordo di ricerca e sviluppo con il Comando per la meteorologia e l’oceanografia navale degli Stati Uniti (NMOC), con sede presso il Centro Spaziale di Stennis, MS. Nel corso dei prossimi cinque anni la collaborazione tra la Compagnia e il NMOC si concentrerà sull’ottimizzazione delle tecnologie in acque profonde, propedeutica alla prossima sfida negli abissi, lo sfruttamento delle risorse profonde abissali.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 470 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. Fernando Cerutti Fernando Cerutti
    21/04/2020    

    Un paio di puntualizzazioni.
    1 – A quanto pare non fu una falla che provocò l’ingresso di acqua che poi mandò in corto le batterie: l’acqua entrò dallo snorkel a causa delle pessime condizioni meteorologiche (onde di 6-8m) in cui il sottomarino stava cercando di ricaricare le batterie. In tali condizioni non è infrequente che il sistema di chiusura dello snorkel (simile concettualmente a quello delle maschere da sub usate per i bambini, con il tubo che entra nella maschera e il galleggiante che lo tappa) non riesca a tapparsi bene, magari anche in conseguenza di ondate e forti rollate, in quantità tale da superare la capacità di esaurimento della pompa posta nel pozzetto dello snorkel stesso.
    2- Fu valutato che l’evento impulsivo (corrispondente all’implosione del sottomarino) ebbe una durata inferiore a quella necessaria al riconoscimento cognitivo dell’evento da parte della mente umana: diciamo che presumibilmente i membri dell’equipaggio non soffrirono fisicamente, in quel momento. Una piccola consolazione nella tragicità dell’evento.

    • 25/04/2020    

      ammiraglio, grazie dell’aggiornamento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share