If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Misteriosa struttura subacquea ritrovata sul fondo della Galilea

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE

PERIODO: IV – III millennio a. C.
AREA: ISRAELE
parole chiave: archeologia
.

Il nome Galilea, terra biblica delimitata ad Oriente dal fiume Giordano che forma il lago di Tiberiade, detto anche lago di Genezaret, deriva dall’ebraico הגליל (galil), che significa “circolo”. La Bibbia narra che vi si insediarono numerose tribù di Israele ma gli insediamenti nella regione erano molto più antichi.

I monumenti preistorici in pietra di Gilgal Refaim, il tumulo di Jethro e, non ultima, una misteriosa struttura circolare, ritrovata nel mare della Galilea, passarono inosservati per secoli nelle regioni contese del Golan e della Galilea, e gli archeologi non hanno ancora idea di chi li abbia costruiti e, soprattutto, il perché. L’età delle strutture è ancora più enigmatica ed alcuni mettono la stima tra i 3.000 e 12.000 anni, rendendoli più antichi della piramide di Giza e Stonehenge in Gran Bretagna.

il tumulo di Jethro, Jethro Cairn

Nel 2014 fu ritrovato un monumento in pietra a forma di mezzaluna più grande di un campo da calcio nel Nord di Israele. Circa 150 metri di lunghezza e sette metri di altezza, il monumento, detto Jethro Cairn‘ o il tumulo di Jethro può essere osservato dalle immagini satellitari. 

Bet Yerah, casa del dio della Luna

Non lontano, una città dell’età del bronzo chiamata Bet Yerah, che significa in ebraico la “casa del dio della luna“. Ma la scoperta più intrigante è avvenuta a tredici chilometri a sud-est del monumento, questa volta sotto il livello del mare. Gli scienziati scoprirono questo grande ammasso di sassi per caso, nel 2003, usando un sonar per ispezionare il fondo del lago, ma hanno pubblicato la loro scoperta solo nel 2013. La struttura è composta da rocce di basalto, disposte a forma di cono. Misura settanta metri alla base della struttura ed è alto circa nove metri su un fondale di dieci metri. Da una prima stima la struttura potrebbe pesare circa 60.000 tonnellate. Per capirci ha il doppio delle dimensioni dell’antico cerchio di pietre di Stonehenge in Inghilterra.

Shmuel Marco

Tra i ricercatori del sito, il dottor Shmuel Marco, professore presso il Dipartimento di Scienze Geofisiche atmosferiche e planetarie dell’università di Tel Aviv, ritiene che potrebbe essere stato costruito sott’acqua come vivaio di pesci. L’opinione degli archeologi è che invece sia più probabile che sia stato costruito sulla terraferma e successivamente, a causa dell’innalzamento delle acque del lago (forse a causa di un evento sismico) sia rimasto sommerso. “L’acqua è molto torbida“, dice Marco, “… durante le immersioni, ho potuto vedere solo circa mezzo metro e mezzo davanti a me, rendendo difficile scavare una struttura così grande … “.

Gli archeologi, senza reperti sine qua non, ritengono che l’età della struttura sia difficile da stabilire. I calcoli sulla datazione del sito, basati sulla stima che l’accumulo medio di sabbia nella regione varia da uno a quattro millimetri per anno, portano la stima della costruzione indietro nel tempo di migliaia di anni or sono. Il sito stesso si trova vicino ad un’antico ramo del fiume Giordano, in un’area che ebbe importanza economica nella zona sin dall’età del bronzo. Considerando vari dettagli contestuali, i ricercatori sospettano che il tumulo possa essere stato costruito tra il IV e il III millennio a. C. Le loro scoperte sono state pubblicate in un recente numero dell’International Journal of Nautical Archaeology (Yitzhak Paz et al, “A Submerged Monumental Structure in the Sea of Galilee, Israel” in the International Journal of Nautical Archaeology – Volume 42, Issue 1, pages 189–193, March 2013).

 

Il dottor Dane Nadel, archeologo dell’Università di Haifa, che ha collaborato al sito e guidato diversi importanti scavi preistorici in Galilea, ha affermato che il sito presenta delle similarità con dei luoghi di sepoltura della regione. Si tratta di una struttura così grande che ha davvero qualcosa di insolito: potrebbe essere stata una grande struttura cerimoniale, o una rampa. Uno dei primi esempi di divinazione dei nuclei umani che incominciavano ad aggregarsi dando stanzialità alle loro comunità.

Un tempio per chi? Per quali Dei?

Nadel ha lavorato sul sito di Ohalo II, vicino al mare di Galilea. Un luogo sommerso per 23.000 anni prima che un calo del livello dell’acqua rendesse più facile lo scavo. Ohalo II è un sito importantissimo perché uno dei siti preistorici meglio conservati al mondo. Lo scavo è famoso per due scoperte straordinarie: vi sono state ritrovate le più antiche capanne conosciute e le prove della prima coltivazione di frutta e piante su piccola scala, effettuata circa 11.000 anni prima di quello che si ritiene sia il periodo di inizio dell’agricoltura.

Gli oltre 150000 chicchi di cereali ritrovati durante gli scavi si sono conservati in condizioni anaerobiche sotto il limo, un fatto estremamente raro a causa della loro rapida decomposizione. In sintesi, in quel luogo si praticava qualche forma di agricoltura per cui doveva essersi costituita una prima forma di stanzialità per gli antichi cacciatori–raccoglitori che, probabilmente, vi si si fermarono, attratti dalla ricchezza di fauna e flora lungo le rive.

Erano gli stessi Uomini che, in seguito, costruirono quella grande struttura in riva al lago che poi fu sommersa dall’innalzamento del lago?

Nella maggior parte dei siti, sei fortunato a trovare cinque o dieci semi. A Ohalo ne abbiamo trovati 150.000. Abbiamo imparato molto sulla dieta (degli abitanti), su cosa mangiavano, su quali animali stavano cacciando.” ha riferito Nadel. Di fatto questa è una nuova prova che le civiltà nacquero intorno alle acque dei mari interni ed esterni. Ciò di cui gli archeologi sono certi è che il monumento era probabilmente di grande importanza per le persone che lo costruirono. Doveva essere quindi una società in qualche modo organizzata, in grado di organizzare la costruzione di una struttura così grande, in grado di trasportare delle rocce di grandi dimensioni fino al sito. Una struttura costruita per essere durevole in una società che viveva in capanne facilmente corruttibili da parte delle condizioni meteorologiche.

I ricercatori subacquei hanno studiato la struttura rivelando che è costituita da massi di basalto lunghi fino a 1 metro. Le rocce sono ammucchiate sopra ciascuna formando ciò che sembra essere un tumulo. In questa immagine una freccia indica un pesce da 4 pollici (10 cm) accanto alla struttura. Foto di Shmuel Marco

Una conferma sembra venire anche dal fatto che, nella valutazione geologica della zona, è emerso che l’affioramento di basalto più vicino si trovi a poche centinaia di metri dal sito. Il trasporto delle pietre, a volte larghe due metri e del peso anche di 90 chilogrammi, fa pensare che dietro quella costruzione doveva esserci stata una mente organizzativa ovvero un capo villaggio. Sicuramente il trasporto di così tante pietre non doveva essere stato facile, considerando il livello di tecnologia disponibile. 

Nasceva così l’embrione di una futura civiltà, in riva ad un grande lago interno, dove gli uomini, sotto lo sguardo del dio Sin che nella notte si specchiava nelle torbide acque, incominciavano a sognare e a crescere.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 384 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

15 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share