If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Scoperto in Mar Nero un relitto intatto di una nave del IV secolo avanti Cristo

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA

PERIODO: IV SECOLO a.C.
AREA: MAR  NERO
parole chiave: relitti

 

.
Negli ultimi anni il professor John Adams dell’Università di Southampton, Gran Bretagna, ha guidato con successo una spedizione internazionale che comprende oceanografi ed archeologi subacquei britannici, bulgari, svedesi, statunitensi e greci, nell’ambito di un ambizioso progetto di archeologia marittima in Mar Nero (Black Sea Maritime Archaeology Project o MAP). L’ultima loro scoperta potrebbe essere definita la scoperta del secolo.

Il professor Jonathan (Jon)  Adams è un professore di archeologia presso l’Università di Southampton,  specialista in archeologia marittima e subacquea nelle zone costiere e nello  sviluppo dell’archeologia delle acque profonde.

I ricercatori hanno trascorso ben tre anni a scandagliare le profondità del Mar Nero,  utilizzando moderni sonar ad alta frequenza, precedentemente utilizzati nelle esplorazioni offshore per mappare acusticamente il fondale marino per la la ricerca di nuovi giacimenti di petrolio e gas. Una ricerca capillare su più di 700 miglia quadrate che ha rivelato i segreti di un mare ancora sconosciuto. Il progetto MAP, di cui abbiamo parlato in un precedente articolo, ha portato alla luce oltre 60 relitti, tra cui resti di navi mercantili romane, medievali e di pirati cosacchi del XVII secolo. Tra i tanti relitti, alla fine del 2017 le ricerche si sono concentrate sui resti di una nave greca antica, scoperta a circa 50 miglia al largo della città bulgara di Burgas. Il relitto, come un fantasma, emergeva dal sedimento di limo mostrando le sue strutture ancora intonse. La straordinarietà del ritrovamento è che la sua struttura non è di fatto stata compromessa dall’ambiente, nonostante gli oltre due millenni passati sul fondo del mare. Dopo tre anni di ricerche, quest’ultimo ritrovamento, avvenuto ad una profondità di oltre duemila metri, corona le speranze degli archeologi di ritrovare “una nave sopravvissuta intatta dal mondo classico”.

Da un lato la presenza di relitti è giustificata dal fatto che il Mar Nero fu sin dall’antichità crocevia di intensi traffici commerciali collegando i porti orientali, terminal della via della seta (silk road), con quelli occidentali e mediterranei. Tempeste e pirati furono minacce ricorrenti per i primi mercanti che si spingevano su navi di poco più di 20 metri su quell’insidioso mare. I suoi fondali riservano quindi molte sorprese ed il nuovo ritrovamento è una testimonianza straordinaria della navigazione nei tempi antichi di cui ancora non conosciamo le modalità.

il Mar Nero fu crocevia di intensi traffici commerciali collegando i porti orientali, terminal della via della seta (silk road), con quelli occidentali e mediterranei. I suoi fondali riservano molte sorprese

I ricercatori ritengono che la forma della nave sia estremamente simile alla rappresentazione della nave greca di Ulisse (Odisseo), rappresentata sul vaso Siren conservato nel British Museum. Il pregevole vaso rappresenta Odisseo, eroe dell’epopea di Omero, legato all’albero della sua nave e circondato dalle sirene, mostri con il corpo metà uccello e metà donna,  che cercano di attirare con i loro canti ammaliatori i marinai sulle rocce. La rassomiglianza è incredibile e conferma l’epoca dei questo vascello. Il pregevole vaso rappresenta Odisseo, eroe dell’epopea di Omero, legato all’albero della sua nave e circondato dalle Sirene, mostri con il corpo metà uccello e metà donna, che cercano di attirare con i loro canti ammaliatori i marinai sulle rocce. Se osservate il disegno della nave sul vaso e le foto del relitto la somiglianza è incredibile e conferma l’epoca dei questo vascello.


Un relitto intonso che è resistito ai millenni
Un campione dello scafo della nave è stato raccolto dagli studiosi tramite un ROV. Sottoposto al test del carbonio 14 ha rivelato una datazione del relitto intorno al IV secolo avanti Cristo, rendendolo di fatto il più antico relitto ritrovato intatto al mondo. La sua eccezionale conservazione è dovuta alle particolari condizioni del Mar Nero che presenta un ambiente profondo anossico (privo di ossigeno).  Dal punto di vista oceanografico il Mar Nero presenta infatti uno strato profondo privo di ossigeno al di sotto di quello superficiale.

Per quale ragione?
Circa 12.000 anni fa si concluse l’ultima grande Era glaciale. A quell’epoca il Mar Nero era in realtà un grande lago senza contatto con il Mediterraneo. Con l’aumentare delle temperature ed il conseguente scioglimento dei ghiacci si ebbe l’innalzamento del livello dei mari e, forse per un crollo strutturale dovuto ad un importante sisma, l’acqua salata del Mediterraneo iniziò a riversarvisi a cascata dallo stretto del Bosforo.

Secondo la teoria di due geologi americani, Reimann e Pitman, intorno al 5600 a.C. il Mar Nero era un lago d’acqua dolce (vedi immagine del lago originale a lato), ma a causa di un forte cataclisma si aprì un varco tra il Mediterraneo e la piana intorno al lago. Il livello del mare crebbe di circa 120 metri ed è possibile che l’evento fu catastrofico, immaginiamolo simile ad un’esondazione dovuta alla rottura di una grande diga. Un’ipotesi suggestiva che alcuni studiosi assimilano al ricordo del diluvio universale biblico.

E’ stato calcolato che con un tasso di inondazione di circa 45 milioni di litri al minuto, sarebbero stati necessari approssimativamente 40 giorni per riempire il bacino portando il livello del mare a quello attuale. Considerando che molti popoli vivevano lungo le sponde antiche di quel grande lago fu sicuramente una catastrofe colossale. Le prove del cataclisma sono state ritrovate da Robert Ballard  che,  nell’estate del 2000, durante la  ricerca di antiche navi sul fondo del Mar Nero, trovò i resti di un antico villaggio a circa cento cinquanta metri di profondità, risalente a migliaia di anni fa. Di fatto il nascente Mar Nero si ritrovò ad essere quindi rifornito sia dall’acqua dolce dei grandi fiumi, come il Danubio e il Dnieper, sia da quella salata mediterranea. Ciò diede luogo alla creazione di  due strati d’acqua separati a causa della differente densità delle acque: un livello superiore ricco d’ossigeno e con meno sale, ed uno inferiore più salato e privo di ossigeno.

Questo processo non è mutato nel tempo e, al di sotto di tale interfaccia (tecnicamente viene chiamato picnoclino), si è formato un ambiente senza vita, privo di ossigeno, generatosi dalla mancanza del necessario afflusso di acque ossigenate. Questo comporta che in Mar Nero nulla può sopravvivere oltre i 150 metri di profondità, nemmeno quei batteri responsabili del degrado del legno che portano alla marcescenza gli scafi delle navi. Un indubbio vantaggio per le ricerche degli archeologi marini che hanno così una possibilità quasi unica di ritrovare manufatti antichi in condizioni praticamente invariate anche a distanza di millenni.
.

Grazie a questo ambiente decisamente unico, questa antica nave ha conservato perfettamente la sua struttura originale. Il relitto giace, conservando la sua bellezza antica, adagiato su un lato, mostrando ancora l’albero ed i timoni perfettamente conservati.

Un relitto straordinario
Si tratta di una scoperta importantissima e non solo per gli archeologi: il relitto potrebbe rivelarci nuove informazioni anche sulle soluzioni tecnologiche adottate dagli antichi marinai e sulle frequentatissime rotte commerciali del Mar Nero che univano l’Oriente con le coste europee e il Mediterraneo. Gli archeologi ritengono infatti che le merci trasportate possano essere ancora conservate nella stiva. Considerando che Burgas era all’epoca un hub marittimo di scambio, la nave poteva forse trasportare grano, oro, vino, olio o forse metalli preziosi dalle tante colonie che si affacciavano sulle sponde del mar Nero. Certo la profondità è molto elevata ed ulteriori ricerche non saranno facili ma lo stato di conservazione del relitto dovrebbe essere un incentivo per i finanziatori per elargire ulteriori fondi per il proseguo delle ricerche. 

Una nave, che sopravvive intatta, proveniente dal mondo classico, situata in oltre due chilometri di acqua, è qualcosa che non avrei mai creduto possibile, ha affermato il professor Jon Adams dell’Università di Southampton, “… Questo cambierà la nostra comprensione della costruzione navale e della navigazione nel mondo antico”…“. 

Naturalmente la ricerca continua.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 1.150 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

1 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share