If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il posizionamento in mare: concetti di base – parte I di Andrea Mucedola


.

livello elementare
.
ARGOMENTO: CARTOGRAFIA E NAVIGAZIONE
PERIODO: NA
AREA: DIDATTICA
parole chiave: Terra

 

La forma del pianeta ed i sistemi di riferimento per poterci navigare
Iniziamo una serie di articoli sul posizionamento in mare. Oggigiorno tra GPS sui telefonini e sistemi automatici per terra e per mare diamo spesso tutto per scontato. In realtà per meglio utilizzare questi strumenti sarebbe necessario avere un infarinatura di come tutto nacque. Ho usato il passato remoto non a caso perché tutto iniziò molto tempo fa.

gebco_grid_atlantic_fs

forma pittorica

Non spaventatevi, tratterò i vari argomenti con estrema semplicità tralasciando noiose equazioni matematiche e digressioni che servirebbero solo a confondervi le idee. Avanzeremo piano piano per comprendere le basi della cartografia e del posizionamento, elementi necessari per poter navigare.

Una magnifica non sfera azzurra
Nelle illustrazioni degli atlanti geografici la forma della Terra ci viene sempre mostrata come una bellissima sfera blu che sembra avvolgere le terre emerse. In realtà, la vera forma geometrica del nostro pianeta è molto diversa da quella raffigurata e si avvicina maggiormente a quella di una strana … patata.

Un problema non semplice per cui, sin dall’antichità, la rappresentazione sferica del nostro pianeta fu una semplificazione per meglio calcolare matematicamente distanze ed angoli. La forma reale della Terra fu scoperta solo in tempi relativamente recenti, ovvero nella seconda metà del XX secolo, quando attraverso le misure gravito-metriche evidenziarono zone con maggiore o minore gravità. Queste differenze sostanziali e non compatibili con un modello sferico portarono i geologi a ricercare delle soluzioni intermedie, ovvero dei sistemi geometricamente più regolari e matematicamente descrivibili.

il geoide

Facciamo un passo indietro: nei primi anni della navigazione, i marinai rapportavano le loro posizioni su dei piani tangenti in alcuni punti della sfera. In pratica il globo veniva suddiviso in paralleli e meridiani misurati da diversi meridiani e paralleli di riferimento e venivano poi misurate delle coordinate sferiche. Fu determinato un parallelo fondamentale (il più grande) che venne chiamato Equatore (posto ad ugual distanza dai poli) che divideva il globo in due parti uguali (emisferi): quello Nord fu chiamato emisfero boreale mentre quello meridionale emisfero australe. Partendo dall’Equatore vennero ipotizzati infiniti archi, paralleli allo stesso, sia verso il Polo Nord sia verso il Polo Sud, che con molta fantasia vennero chiamati PARALLELI.

Ovviamente per poter determinare una posizione in un sistema di coordinate sferico doveva essere definita una seconda coordinata. Fu così che furono designati dei MERIDIANI di riferimento, transitante da Nord verso Sud e passante da isole o città importanti per i cartografi. Inutile dire che la conoscenza geografica dava un potere enorme sia dal punto di vista politico che economico. Il meridiano di riferimento adottato internazionalmente è quello di Greenwich.

Perché fu scelto proprio Greenwich? 
Durante la conferenza internazionale di Washington del 1884 si introdusse il sistema dei fusi orari, scegliendo come primo fuso quello di Greenwich. Prima di allora orari e misure geografiche non erano uguali per tutti. 

In campo nautico veniva spesso usato il meridiano di Ferro (Isole Canarie) dalla maggior parte delle marine dell’Europa continentale. Veniva definito per convenzione come il meridiano 20°a ovest di Parigi (17° 39′ 46″ a ovest di Greenwich). Di fatto ogni Paese aveva la sua ora basata soprattutto sull’osservazione del Sole. Durante la conferenza venne deciso di creare 12 fusi orari ad est e 12 ad ovest. Il Meridiano di Greenwich divenne così il meridiano zero da dove misurare la longitudine. L’importanza di Londra (il potere marittimo britannico ebbe il suo peso) e dell’osservatorio di Greenwich, fondato da Carlo II  nel 1675, fecero propendere la scelta dei delegati su quella specifica località per risolvere l’antico problema della determinazione della longitudine in mare. Dall’intersezione di un meridiano e di un parallelo possiamo identificare un punto univoco sulla sfera. Se poi diamo un valore in gradi, primi e secondi ai paralleli ed ai meridiani il gioco è fatto. Questi valori sono delle vere e proprie coordinate sferiche che sono chiamate latitudine e longitudine. Per definizione, la latitudine è la distanza angolare dall’equatore a il parallelo passante per il punto mentre la longitudine è la distanza angolare tra il meridiano passante sul punto e il meridiano di riferimento di Greenwich. Tutti i punti posti sui meridiani a destra del meridiano di Greenwich hanno longitudine EST mentre quelli a sinistra OVEST. I punti posti su paralleli a Nord dell’equatore hanno latitudine NORD mentre quelli a Sud ovviamente hanno latitudine SUD. Sembra tutto facile vero?

Curiosità
OVEST deriva dal tedesco west che discende dallo svedese vester e dal gotico vasi. Vasi deriva probabilmente dalla stessa radice sanscrita vas-ati (“notte”) da cui discende il latino ves-per (“sera”) per andare a indicare il punto in cui tramonta il Sole. EST deriverebbe invece dal greco eos che significa appunto aurora cioè dove sorge il Sole.

In realtà, con l’aumentare delle conoscenze geografiche ci si accorse che, essendo la forma della Terra irregolare, gli errori generati nella rappresentazione sferica potevano essere significativi. Si arrivò quindi ad identificare sul geoide un ellissoide di riferimento, tangente a determinate aree del globo. Il problema era (ed è) che allontanandosi dal punto di tangenza dell’ellissoide gli errori di misura aumentano. Questo comportò quindi la necessità di creare più ellissoidi di riferimento, applicabili in diversi punti di contatto, per poter definire con maggior precisione punti distanti fra loro.

Riassumendo:
Per poter determinare delle coordinate è necessario fare delle approssimazioni. Per completezza ci si riferisce a queste particolari superfici di riferimento (non spaventatevi e andate avanti) :

la superficie dinamica reale o geoidica
, coincidente con il livello assunto dai mari, se non sottoposti all’azione dei venti, delle maree e delle correnti, prolungato al di sotto dei continenti e tenente conto del campo effettivo della gravità terrestre;

la superficie dinamica teorica o sferoidica, basata su un campo gravitazionale terrestre teorico, che considera il nostro pianeta omogeneo e con densità uniforme;

la superficie geometrica, non corrispondente alla realtà fisica ma perfettamente adatta per lo sviluppo cartografico.

elissoide

Queste tre superfici, non potendo essere descritte con un’unica espressione matematica, come abbiamo visto, portarono alla definizione di particolari ellissoidi di opportune dimensioni. Con la dimensione o forma dell’ellissoide vanno intese le misure del semiasse maggiore, di quello minore ed il suo orientamento. Nella cartografia, sia nautica che terrestre, la Terra viene quindi riferita a ellissoidi di rotazione, la cui forma è data dalla grandezza dei loro semiassi (maggiore e minore) e dal loro schiacciamento, valori determinati entrambi da delicate operazioni di alta geodesia. L’orientamento dell’ellissoide viene invece riferito ed ottenuto identificando sul geoide un punto P0, posto in una località centrale rispetto all’area dei rilievi. In pratica, per cercare di ottenere la massima precisione locale, ogni area del mondo adotta un ellissoide centrato in un punto significativo per quell’area (Datum), così da approssimare al meglio i contorni geografici.

Riassumendo : Per definire univocamente punti della superficie terrestre e calcolarne la posizione è quindi necessario adottare un “sistema di riferimento”, detto Datum, definito da un particolare ellissoide tangente in un dato punto del geoide. 

Dopo numerosi tentativi l’Unione Geodetica e Geofisica Internazionale (U.G.G.I.), ostacolati da ovvi motivi politici decise di assumere nel 1924 come Ellissoide Internazionale quello calcolato da Hayford nel 1909 che allora, meglio di ogni altro, si adattava alle esigenze geografiche del momento. Il geoide fu caratterizzato dai seguenti valori:

semiasse maggiore                     a = 6.378.388 metri
semiasse minore                         b = 6.356.912 metri
schiacciamento                            s = 1/297
perimetro dell’equatore           p = 40.076.592 metri
lunghezza del 1′ di equatore   m = 1.855,4 metri

Oltre all’ellissoide di Hayford, vennero identificati altri ellissoidi, di interesse locale, sui quali furono costruite estese reti geodetiche:

Ellissoide di Delambre 1810: Francia.
Ellissoide di Everest 1830: India Britannica.
Ellissoide di Bessel 1841: Paesi Europei – Cina – Korea – Giappone.
Ellissoide di Clarke 1866: Nord e Centro America – Groenlandia.
Ellissoide di Clarke modificato 1880: Francia – Inghilterra – Spagna – Africa.
Ellissoide Internazionale 1924 : Europa – Sud America.
Ellissoide di Krasovskiy 1942: U.R.S.S. e Paesi limitrofi.

Nazioni contigue, con rilievi basati sullo stesso ellissoide, ma riferiti a Datum diversi, hanno delle differenze sensibili nella misura delle coordinate geografiche. La soluzione che fu adottata dall’U.G.G.I. fu quindi quella di definire un numero limitato di grandi sistemi di riferimento, comuni ad interi continenti, a cui ridurre le reti geodetiche nazionali in modo da facilitare la correlazione geografica fra Stati contigui.

Postdam – Datum

Al termine della seconda guerra mondiale fu adottato in Europa un unico sistema di riferimento allo scopo di correlare fra loro il gran numero di sistemi di riferimento esistenti e quindi la cartografia dei differenti stati del vecchio continente. Il sistema fu chiamato EUROPEAN DATUM 1950Il sistema, indicato con la sigla ED 50, adottò come superficie di riferimento l’Ellissoide Internazionale 1924 (Hayford) e come centro di emanazione della rete geodetica l’osservatorio astronomico di Potsdam (Germania), identificato con le seguenti coordinate astronomiche:

Latitudine    : 52°22’53,954” Nord

Longitudine : 13°04’01,153” Est

Per mantenere la possibilità di correlare differenti sistemi, l’ED 50 fu correlato con le reti di triangolazione dell’Asia e dell’Africa e, attraverso comuni stazioni di rilievo,  anche con il sistema di riferimento russo (PULKOVA 42) e quello indiano (INDIAN DATUM)

Negli anni ’60 le necessità di navigazione di precisione legate ai primi lanci spaziali comportarono lo studio di un sistema di riferimento geodetico da utilizzarsi su scala globale. Questo studio portò alla realizzazione di nuovi ellissoidi, denominati World Geodetic System (WGS), che tengono conto sia dei dati provenienti dai tradizionali rilievi astro-geodetici sia delle sempre più accurate misure gravimetriche ottenute dalle osservazioni delle perturbazioni dei moti orbitali dei satelliti artificiali.

Arriviamo  al 1984, quando l’evoluzione dei sistemi globali portò alla creazione del WGS 84 al quale si riferiscono tutte le coordinate oggigiorno fornite dalla maggior parte dei sistemi satellitari GPS, compresi quelli dei nostri smartphone.

Per ora ci fermiamo qui, siamo solo all’inizio del nostro viaggio e nei prossimi articoli approfondiremo l’argomento.

fine I parte

Andrea Mucedola

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 333 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

6 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share