If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Le anfore Dressel di Ivan Lucherini

livello elementare
.
ARGOMENTO: ARCHEOLOGIA DELLE ACQUE
PERIODO: NA
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Dressel
.

photo credit Mario Arena – GUE – relitto Panarea III, a Panarea

Una delle esigenze fondamentali per chi vuole occuparsi di archeologia subacquea è quella di saper riconoscere abbastanza agevolmente, sfruttando il rinvenimento di frammenti anche piccoli, l’appartenenza di questi al tipo ceramico a cui in origine era associato. In questo contributo vogliamo iniziare una veloce excursus sui principali tipi di anfore utilizzate in antichità nei trasporti commerciali marittimi. Iniziamo con la Dressel 20.

DR20-prof-fL’anfora Dressel 20 era un contenitore di notevoli dimensioni con un corpo globulare, un collo corto e ampio, anse a bastone e un piccolo puntale alla base. Era originaria della penisola iberica, in particolare della regione del Guadalquivir, e venne utilizzata fra il I e il III secolo dopo Cristo.

Queste anfore pesavano circa trenta chilogrammi e avevano una capacità di settanta chilogrammi. La loro altezza oscillava tra i 70 e gli 80 centimetri ed il loro diametro era di circa 60 centimetri. E’ importante sottolineare che questa tipologia attesta il commercio dell’olio d’oliva spagnolo nel bacino occidentale del Mediterraneo nei primi tre secoli dell’impero. Di fatto, nessun dato archeologico riporta notizie di questo contenitore negli scavi effettuati nel bacino orientale. Così come nessun frammento di quest’anfora è stato trovato negli scavi dell’Agorà di Atene.

Tramite la lettura dei dati archeologici, si ritiene che la diffusione di questo contenitore fu capillare in tutti i siti occidentali per i primi due secoli della nostra era per poi concentrarsi nella sola Roma durante il III secolo. In molti scavi archeologici si sono raccolti numerose attestazioni che ci tramandano le notizie sulle famiglie che si occupavano di queste produzioni, sui porti di partenza, sul prodotto trasportato, appunto l’olio di oliva. Le attestazioni di cui trattiamo sono prevalentemente bolli su frammenti ceramici che erano impressi sull’impasto ceramico prima della cottura quando la forma, dopo essere stata formata al tornio e assemblata, presentava una consistenza come il cuoio. I bolli potevano indicare il nome del proprietario della figlina (si pronuncia con la “gli” di glicine) ovvero la fornace che aveva preparato il contenitore, spesso vicino al luogo di produzione e conservazione del prodotto trasportato, il nome del proprietario del latifondo o dei navicularii che si occupavano del trasporto.

Dressel 1 to 6: wine amphoras Dressel 1: Roman wine amphora, 129 B.C. to 13 A.D. Dressel 2: Roman wine amphora, 16 B.C. to 29 A.D. Dressel 3: Roman wine amphora, 28 to 146 A.D. Dressel 4: Roman wine amphora, 4 B.C. to 24 A.D. Dressel 5: Roman wine amphora, 12 B.C.. – holotype Dressel 6: Roman wine amphora, 36 A.D.- holotype Dressel

I tituli picti invece erano scritte dipinte sull’anfora già cotta ed erano utilizzati per identificarne il contenuto, il luogo di partenza o di destinazione, il nome dello schiavo che aveva preparato il carico, una sorta di etichetta ante litteram. All’inizio del III secolo dopo Cristo le esigenze di controllo del consenso dei cittadini inducono il sistema imperiale a implementare in maniera significativa il costume introdotto dall’imperatore Antonino Pio nel II secolo dopo Cristo con le distribuzioni di olio e vino alla popolazione.

holotype Dressel 7,8,9,10,11: betic amphoras for salted fish (Hispanic) Dressel 8: 1st front century J.C. Dressel 12: betic amphora for salted fish (Andalusia) Dressel 13,14,15: betic amphoras for salted fish

Le evidenze archeologiche consentono di affermare che la massa critica della produzione di questi contenitori e del prodotto trasportato de facto furono concentrate solo sulla città eterna. Nello stesso periodo le epigrafi, i testi scritti sulle stesse anfore, tramite tituli picti o bolli, testimoniano la presenza costante dello Stato nei rapporti commerciali correnti fra la provincia della Betica (la parte meridionale della penisola iberica) e Roma. 

dressel 23

dressel 23

Il flusso di tali contenitori oleari si ridusse fino a concludersi alla fine del III secolo dopo Cristo, prima affiancato e quindi rimpiazzato dal contenitore Dressel 23, più piccolo e maneggevole. Per completezza esiste una tipologia che non era originaria della zona del Guadalquivir. Si tratta della tipologia “Similes” o “Parva Tarraconense” prodotta nella zona della Tarracona e Barcellona. Erano leggermente più piccole delle anfore Dressel 20 della Betica.

Possiamo affermare questo poiché sono stati ritrovati esemplari integri alti fino a 60/65 cm per un diametro di circa 45 cm.

La presenza di Dressel 20 del tipo parvae tarraconense è stata rilevata anche fuori dalle zone di produzione originarie.DRESSEL
Nel relitto romano di Port-Vendres II, in associazione con altri contenitori della medesima forma, ma di dimensioni normali sono stati rinvenuti frammenti di tali contenitori. Questa tuttavia non consente, al momento, di associare le due produzioni in commerci contigui e paralleli. Per finire una curiosità: circa l’80% dei cocci, che hanno nel tempo contribuito alla costruzione del monte artificiale del Testaccio a Roma, una delle prime discariche romane, è costituito proprio da frammenti di anfore Dressel 20.

 

 Ivan Lucherini  archeologo professionista

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

articolo pubblicato su Scuba Zone n°9 giugno 2013

 

 

print
(Visited 968 times, 1 visits today)
Share

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share