If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Dove è finito il tesoro del Dmitri Donkoi? Ritrovata la nave russa scomparsa al termine della battaglia di Tsushima di Andrea Mucedola

livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XX SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: guerra russo giapponese

 

Dmitri Donkoi

Cosa c’è di vero sul relitto del Dmitrii Donskoi e su un enorme tesoro del valore di miliardi di dollari che forse era custodito a bordo? 

Tsushima, sangue nel Pacifico
Ci furono scontri navali che segnarono la storia dell’Umanità. Uno fu la battaglia di Tsushima, uno stretto a metà strada tra l’isola giapponese di Kyūshū e la penisola Coreana. Tutto iniziò quando lo zar Nicola II decise di inviare l’intera Flotta del Baltico, cinquanta navi da guerra di base a Kronstadt, nei pressi di San Pietroburgo, per unirsi al resto della flotta del Pacifico ed ingaggiare in battaglia i Giapponesi.

Dopo un lungo viaggio, il comandante della flotta russa, l’ammiraglio Rožestvenskij, scelse la via minore ovvero attraverso lo stretto di Tsushima, sia per accorciare i tempi sia per poter sfruttare le fitte nebbie che in quella stagione coprivano quella zona di mare. L’ammiraglio giapponese Togo, che si trovava nella base di Pusan (Corea), comprese che i Russi sarebbero transitati attraverso l’arcipelago di Tsushima e predispose il suo piano di attacco. La flotta russa, dopo aver navigato in oscuramento per l’intera notte e nelle nebbie dell’alba successiva, era quasi riuscita a superare il blocco dei pattugliatori nipponici quando, al levarsi della nebbia, due navi ospedale russe furono scoperte dalla squadra di incrociatori giapponesi. Nulla valse l’intervento delle corazzate russe. Le due linee di corazzate si portarono a circa 6000 metri e cominciarono a sparare con i potenti cannoni. La flotta giapponese era più addestrata al combattimento e fu in grado di colpire le unità navali russe con grande precisione e maggiore frequenza. La superiorità nipponica era anche legata al tipo di munizionamento progettato per esplodere a contatto contro le infrastrutture delle navi.

Inoltre,  i Russi procedevano ad una velocità massima di otto nodi, a causa delle carene sporche, mentre la flotta nipponica poteva invece raggiungere i sedici nodi. Inutile dire che in poco tempo la linea russa si spezzò. Tra di esse vi era anche un vecchio incrociatore, il Dimitri Donskoy, comandato dal capitano Ivan Lebedev, che combatté fino allo stremo contro sei incrociatori nipponici. Sopravvisse al fuoco nemico fino al giorno successivo quando, a causa degli ingenti danni, decise di autoaffondarsi.

Durante la battaglia di Tsushima, l’intera Flotta Russa del Baltico fu persa, mentre i giapponesi persero solo tre torpediniere.

La nave del tesoro
Perché oggi raccontiamo la storia dell’incrociatore Dimitri Donskoy? Tutto nasce da una leggenda che favoleggia che la nave, al momento dell’affondamento, trasportasse il tesoro della flotta russa, miliardi di dollari in oro che dovevano raggiungere Vladivostok ma scomparvero in mare. Vale la pena di raccontare la sua storia. 

La nave, costruita a San Pietroburgo e consegnata nell’agosto del 1883, era stata inizialmente progettata per un uso mercantile. Come molte navi dell’epoca aveva una duplice  propulsione, a vela ed a vapore. Convertita ad uso militare, trascorse la maggior parte della sua carriera operativa nel Mar Mediterraneo fino a quando fu comandata ad unirsi al Secondo Squadrone del Pacifico della Russia imperiale nel mar Baltico.

Come tante navi russe nello scontro di Tsushima, il Dmitrii Donskoi nonostante le sue condizioni di vetustà, si comportò eroicamente, rispondendo al fuoco giapponese e riuscendo alla fine a sfuggire alla forza navale di Togo. Dopo il disimpegno, aveva tentato di dirigersi verso il porto russo di Vladivostok ma, a causa dei gravissimi danni e dell’impossibilità di proseguire, il capitano della nave aveva deciso di ancorarsi al largo dell’isola di Ulleungdo per sbarcare a terra i sopravvissuti. Il mattino seguente, il 29 maggio 1905, viste le condizioni della nave aveva dato l’ordine estremo di autoaffondarla al largo, per non farla cadere in mano nemica.

I membri dell’equipaggio furono presto fatti prigionieri dalle forze da sbarco giapponesi e lo stesso capitano Lebedev, gravemente ferito, morì. Dopo poco tempo si sparse la voce che il Dmitrii Donskoi stava trasportando l’intera riserva d’oro del secondo squadrone russo del Pacifico, un enorme tesoro del valore di miliardi di dollari. Sarà vero o si tratterà di uno dei tanti miti del mare? Secondo le fonti russe odierne, il tesoro forse non è mai esistito ma … i cercatori di tesori non mollano.

Il ritrovamento
Dopo oltre un secolo, il relitto del Dmitrii Donskoi è stato ritrovato a circa 480 metri di profondità, ad un miglio dall’isola sudcoreana di Ulleungdo. Una compagnia coreana di salvataggio marittimo, la Shinil Group di Seul, da anni impegnata nella sua ricerca, ha affermato che la nave potrebbe contenere ancora 200 tonnellate di oro per un valore vicino ai 134 miliardi di dollari attuali. La nave è stata scoperta ed identificata da uno dei sommergibili della compagnia che, alla fine, ha potuto fotografarne il nome scritto a poppa in caratteri cirillici. 

Vero o falso?
Nel 2000, il Daily Independent aveva riportato che una compagnia sudcoreana, il Korea Ocean Research and Development Institute, aveva scoperto il naufragio del Dmitrii Donskoi. In realtà nulla fu recuperato e la società fallì. Nel 2003 fu la volta dell’Istituto di Ocean Science and Technology della Corea del Sud che disse di aver scoperto il suo relitto, comprovandolo nel 2007 con delle foto.  Del carico d’oro del valore di 125 miliardi di dollari, che sarebbe stata la più grande scoperta marittima di tutti i tempi, nessuna traccia.

immagine di fantasia .. esisterà davvero il tesoro russo?

Nel luglio 2018, il Gruppo Shinil, una società di cacciatori di tesori della Corea del Sud, ha annunciato di aver trovato Dmitrii Donskoi ad un miglio dall’isola sudcoreana di Ulleungdo. Secondo il piano del gruppo, una società di recupero cinese avrebbe tentato di recuperare 5.500 scatole di lingotti d’oro e 200 tonnellate di monete d’oro, per un valore complessivo di circa 133 miliardi di dollari USA, dal relitto. In caso di ritrovamento metà dell’oro sarebbe stata restituita alla Russia. In realtà la Shimil sembra non abbia richiesto i permessi necessari e un rappresentante del Museo Navale  Centrale di San Pietroburgo ha dichiarato che non vi erano prove a sostegno della rivendicazione dell’oro. Di fatto, a seguito della notizia del ritrovamento, la reazione russa è stata immediata: “È fuori discussione che [la nave da guerra] avesse barre d’oro nella sua stiva, perché era pratica della Russia mandare oro in Estremo Oriente su vagoni ferroviari speciali“, ha riferito Sergei Klimovsky, segretario scientifico del museo navale centrale di San Pietroburgo. In realtà questo potrebbe essere vero in quanto, nel 1993, sommozzatori giapponesi scoprirono il relitto dell’ammiraglio Nakhimov nelle stesse acque del Dmitri Donskoi, ma non vi trovarono preziosi ne tanto meno oro.

Di fatto sembra che questa volta il Shinil Group abbia trovato il luogo preciso del relitto con l’aiuto del suo team di esperti della Corea del Sud, Cina, Gran Bretagna e Canada. Nelle profondità degli abissi è stato finalmente ritrovato ed identificato il relitto dell’incrociatore. Le riprese foto-video della compagnia mostrano immagini che confermano, senza ombre di dubbio, la sua identità, gli ingenti danni subiti, la sua ancora, i cannoni e le infrastrutture di coperta ormai colonizzate, nonostante la grande profondità, dalla vita marina. Ma, il 26 luglio 2019, il gruppo ha cambiato il suo nome in Shinil Marine Technology e ha ritirato pubblicamente le sue pretese sul relitto, dopo aver rastrellato  fondi per circa 53 milioni di dollari. Una nuova truffa colossale? 

Forse la scoperta che gli abissi in realtà non conservano nessun tesoro e. quindi, una rocambolesca fuga con il malloppo. La domanda resta apeta: il Dmitrii Donskoi contiene veramente un favoloso tesoro? La ricerca continua ma forse la scoperta di questa vecchia nave, che aveva combattuto come una vecchia leonessa sotto un fuoco impari, vale più di quell’oro.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 324 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share