If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Immergersi nei sinkhole, il Pozzo del Merro di Giorgio Caramanna

livello elementare
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA

PERIODO: ODIERNO
AREA: ITALIA, LAZIO
parole chiave: sink hole, Pozzo del Merro, Pippo Cappellano, Giorgio Caramanna

ROV e sub dei VVF in azione nel Pozzo del Merro

Il termine “sinkhole” si potrebbe tradurre come “voragine da sprofondamento” ed è associato ad una tipologia di cavità che si aprono prevalentemente in rocce calcaree. In alcuni casi invece lo sprofondamento avviene in terreni non calcarei e, in questo caso, è quasi invariabilmente associato alla risalita di acque dal sottosuolo che rimuovono parte della copertura sedimentaria originando una cavità a pianta sub-circolare e con sezione cilindrica o ad imbuto. Le dimensioni sono variabili e, in alcuni casi, possono essere impressionanti.

cenote messicano

Quando il sinkhole intercetta la falda acquifera viene rapidamente allagato costituendo un punto di contatto tra l’ambiente esterno e la zona freatica, in pratica si trasforma in un lago alimentato dalle acque ipogee. I sinkhole sono spesso collegati tra loro da un sistema di gallerie allagate come accade in diverse aree della Florida (USA) e del Messico. Varie teorie sono state proposte circa l’origine dei sinkhole: la maggioranza di queste voragini è allineata lungo linee di discontinuità geologica come faglie e fratture profonde che favoriscono la circolazione delle acque e facilitano sia i fenomeni di dissoluzione chimica che di erosione meccanica. In diversi casi l’attività sismica ha contribuito ad innescare il fenomeno di sprofondamento.

Big Pit, Mexico

La presenza di fluidi mineralizzati profondi chimicamente aggressivi, per la presenza di composti acidi come elevate concentrazioni di CO2 o composti dello zolfo, esalta la dissoluzione delle parti carbonatiche dei terreni. Tutti questi fenomeni contribuiscono, da soli od in correlazione tra loro, alla formazione dei sinkholes. Un particolare tipo di erosione carsica è quella definita come “iper-carsismo geotermico”; in questo caso il materiale calcareo è eroso dalla risalita di fluidi profondi caldi ed aggressivi originatesi dalla fase senile di attività vulcanica. Alcuni tra i sinkhole più profondi del pianeta sono proprio legati a questo tipo di erosione.

speleosub in un sinkhole

I sinkhole sono delle “finestre” aperte sulla falda idrica profonda e come tali possono essere usati dai ricercatori per acquisire informazioni sull’idrogeologia locale che non sarebbero altrimenti disponibili. Le variazioni del livello piezometrico, in funzione della piovosità, sono un prezioso indizio per individuare i tempi di ricarica dell’acquifero e della sua potenzialità in termini di risorsa e riserva idrica. Da un punto di vista biologico i sinkhole allagati sono degli habitat isolati spesso colonizzati da specie endemiche. In generale la catena trofica è limitata e gli organismi presenti sono ridotti in numero, varietà e dimensioni. Se da una parte l’isolamento dei sinkhole protegge le specie presenti dalla pressione evolutiva comune in areali più aperti le limitate disponibilità trofiche e gli spazi ridotti rendono l’equilibrio dell’ecosistema critico. Immergersi in un sinkhole è un’esperienza unica ma al contempo richiede specifiche tecniche ed attrezzature perché l’ambiente è completamente diverso da quello marino o di un semplice lago. Molto spesso dopo pochi metri la visibilità si riduce, cavità secondarie e gallerie possono trasformarsi in un labirinto nel quale è facile perdersi. Una solida preparazione speleo-subacquea è assolutamente necessaria unita al corretto uso di attrezzature e configurazioni specifiche.

il Pozzo del Merro

Il Pozzo del Merro
Per trovare uno dei sinkhole più profondi del mondo non occorre recarsi in paesi esotici, basta guidare per pochi chilometri verso le colline del pre-appennino romano. Il Pozzo del Merro è una spettacolare cavità carsica che si apre nei Monti Cornicolani ad est di Roma. Inserito in un’area protetta gestita dalla Regione Lazio, le attività al suo interno sono strettamente regolamentate al fine di proteggerne il delicato equilibrio ecologico. Le sorprese maggiori a livello faunistico si trovano soprattutto nella parte sommersa: a circa 70 metri dalla superficie sono stati ritrovati vari esemplari di crostacei anfipodi, uno dei quali risultò essere una specie ancora non conosciuta, descritta nel 2005 da Valentina Iannilli e da Augusto Vigna Taglianti come Niphargus cornicolanus.

Niphargus cornicolanus, un crostaceo ritrovato all’interno della cavità

Esplorazioni
Le prime esplorazioni del pozzo risalgono agli anni ’40 e furono condotte dal prof. Aldo Giacomo Segre che nel 1948 ne pubblicò una sua dettagliata descrizione. In seguito, tra la fine degli anni 1990 e i primi anni 2000, fu esplorato da Giorgio Caramanna e Riccardo Malatesta che riuscirono a raggiungere la profondità di 100 metri mediante tecniche speleo-subacquee e con l’ausilio di mezzi filoguidati (ROV).

Nel marzo del 2002, il ROV “PROMETEO”, arrivò fino a 392 metri di profondità senza riuscire ad individuare il fondo con assoluta certezza. La parte allagata raggiunge quasi quattrocento metri di profondità mentre la sezione asciutta sprofonda per circa settanta metri sotto il piano campagna. Lo studio della voragine fu possibile grazie ad una sinergia tra le Università di Roma “Sapienza”, “Tor Vergata” e “Roma Tre” ed il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco. Questi ultimi fornirono il supporto logistico e tecnologico, tra l’altro mettendo a disposizione il loro ROV, mezzo filoguidato essenziale senza il quale sarebbe stato assolutamente impossibile proseguire nella ricerca.

visione dall’alto del Merro


Tra i risultati di maggior rilievo vi fu la scoperta e classificazione di una nuova specie di crostaceo, Niphargus cornicolanus, endemica del Merro, e la conferma che la falda basale che affiora nel sinkhole è la stessa che alimenta le sorgenti sulfuree delle Acque Albule, alcuni chilometri più a sud nella Piana di Tivoli. In particolare, negli anni ’70, a seguito di un tentativo di prelievo dell’acqua da parte della Azienda Comunale Elettricità e Acque di Roma (ACEA) si scoprì che nel momento in cui l’acqua veniva estratta dalla cavità del Merro, il livello di un secondo pozzo situato tra la Tiburtina e Guidonia Montecelio diminuiva, deducendo che, per il noto principio dei vasi comunicanti, tra i due pozzi potesse esistere una correlazione. L’accesso al pozzo è tuttora interdetto per motivi di sicurezza, a causa dell’elevato rischio di crollo delle rocce e per la fragilità del suo ecosistema dal punto di vista scientifico.  

Descrizione
Le grandi dimensioni del Pozzo del Merro (al suo interno potrebbe inserirsi la Torre Eiffel) non sono casuali ma legate al fatto che questo sinkhole è frutto della forma più estrema di carsismo,  quello geotermico. In particolare l’acqua della falda profonda arricchita da apporti locali di fluidi geotermici profondi, chimicamente aggressivi, va a corrodere il substrato calcareo dal fondo e ne innesca la dissoluzione.

In questo caso l’origine dei fluidi aggressivi e profondi è legata alla presenza del grande vulcano albano la cui attività passata è anche all’origine dei depositi piroclastici che formarono i famosi sette colli di Roma. Questo fenomeno di “iper-carsismo geotermico” presenta la formazione di articolati sistemi carsici attivi che sono ancora da esplorare. Una struttura di grande interesse che meriterebbe ulteriori studi e ricerche grazie alla disponibilità sul mercato di nuovi mezzi subacquei autonomi che potrebbero consentire l’esplorazione di questa cavità ancora più in profondità.

 

Giorgio Caramanna
Geo Aqua Consulting
geologo appassionato di mare e immersioni con la passione per le attività di ricerca scientifica. Il dottor Caramanna è qualificato come Advanced European Scientific Diver e IDSA Commercial Diver e membro dell’American Academy of Underwater Sciences (USA) e dell’International Academy of Underwater Sciences and Techniques.
Nel 2015 ha fondato geoaquaconsulting.com per condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico e sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. Durante la sua carriera di ricercatore, ho effettuato studi ambientali che vanno dalla genesi delle sinkhole alla valutazione del rischio vulcanico, applicando un approccio multidisciplinare con soluzioni innovative. Attualmente è consulente del Woods Hole Oceanographic Institution (Cape Cod, MA, USA) nel campo delle immersioni scientifiche e del supporto tecnico subacqueo e sta lavorando sulle procedure di valutazione del rischio per i subacquei professionisti e sui fattori umani nelle immersioni. Non ultimo è stato insignito nel 2018 del Tridente d’oro dell’Accademia di Ustica.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

 

print
(Visited 1.296 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share