If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Geologia: Cenotes, trovato il collegamento tra due grandi sistemi di cavità sommerse in Messico

livello elementare 
.
ARGOMENTO: GEOLOGIA
PERIODO: na
AREA: MESSICO
parole chiave: Cenotes

Tulum, un’antica e bellissima città Maya a sud di Playa del Carmen, è diventata negli ultimi anni una delle destinazioni tra le più ambite per le immersioni in grotta. Il merito va a numerosi pionieri internazionali che circa cinquanta anni fa scoprirono la bellezza di questi straordinari ecosistemi ed incominciarono un capillare lavoro di studio delle cavità sottomarine. Tra questi voglio ricordare Bil Phillips, scomparso nel novembre 2017, a cui va il merito di aver creato un primo database con mappe dettagliate di questi sistemi sotterranei, uno strumento prezioso per comprendere e proteggere l’area.

Canadese di origine, Bil Phillips era nato e cresciuto a North Vancouver, British Columbia. Prima di diventare noto come uno dei più prolifici esploratori di grotte nella storia, era stato un abile batterista professionista ed un meticoloso artigiano. Durante una vacanza scoprì il Messico e le sue bellezze subacquee. I cenotes erano ancora poco conosciuti ed il passo fu breve. Bil divenne un abile educatore, influenzando gli standard nell’addestramento e nella sicurezza delle immersioni in grotta di generazioni di subacquei. Durante la sua vita scrisse numerosi articoli sull’immersione tecnica e, grazie alla sua fama, assunse ruoli di leadership in diverse agenzie e associazioni subacquee, tra cui la IANDT.  La sua eredità culturale ha permesso scoperte geologiche importantissime per meglio comprendere i cenotes ed il loro ecosistema.  

Ma cosa sono i cenote?
La parola cenote deriva dalla parola maya “D’zonot” e si riferisce a qualsiasi camera sotterranea che contiene acqua permanente. I cenotes possono avere diverse forme o dimensioni, possono apparire come laghetti,  pozzi verticali, crepe su substrati rocciosi o lagune da sogno  nel mezzo della giungla. Storicamente i cenotes erano l’unica fonte d’acqua nella giungla per i Maya ed erano considerati entrate sacre al loro “mondo sotterraneo”, o “Xibalba” , dove vivevano gli dei e i loro spiriti dopo la morte.  Essi conservano testimonianze della frequentazione sia con resti fossili di camelidi, giaguari, mammut, bradipi e cavalli sia di esseri umani. In particolare, prove con il carbone 14 di uno scheletro ritrovato al loro interno collocherebbero la frequentazione della grotta a circa 10.000 anni fa. Altre ossa furono localizzate e lo scheletro fu successivamente identificato come quello di una femmina adolescente ora chiamata Naia. La loro esplorazione si deve all’impegno di ricercatori subacquei che, in questi ultimi quarant’anni, hanno esplorato questi complessi sistemi di grotte.

Ma come si formarono questi sistemi?
Divenuti in questi ultimi anni il sogno proibito di molti subacquei, i cenote sono delle doline naturali che, a causa di una combinazione di eventi geologici e cambiamenti climatici, si crearono a seguito del crollo dei soffitti delle caverne. Tutto ebbe origine milioni di anni fa quando la penisola dello Yucatan era una gigantesca barriera corallina situata sotto diversi metri di acqua oceanica.

Durante l’ultima era glaciale, il livello degli oceani diminuì portando la scogliera in superficie. Il corallo morì e la vegetazione incominciò a crescere sulla piattaforma calcarea. Nell’entroterra di Tulum si ritrovano ancora molti fossili che testimoniano il suo periodo marino. Le cavità sotterranee si erano in realtà formate a seguito della graduale lenta dissoluzione del calcare corallino sottostante; essendo altamente poroso, le infiltrazioni delle copiose piogge, caratterizzate da un PH leggermente acido, sciolsero il calcare alcalino creando le prime cavità.

Si formarono quindi nel tempo questi sistemi di gallerie, all’interno delle quali si possono osservare formazioni geologiche spettacolari di stalattiti e stalagmiti. Esse sono destinate ad unirsi creando delle vere proprie colonne che aggiungeranno ancora più fascino a queste grotte. Quando l’era glaciale giunse al termine, ovvero circa 18.000 anni fa, il clima del pianeta si riscaldò, i ghiacciai si ritirarono e, secondo il principio dei vasi comunicanti,  le caverne si allagarono con l’innalzamento del livello marino. Queste cavità sono ora in gran parte allagate e gli scienziati concordano sul fatto che l’acqua abbia raggiunto il livello attuale circa 1.000 anni fa.

La scoperta
Ma veniamo a questa straordinaria scoperta avvenuta a gennaio 2018, dopo dieci mesi di ricerche. L’Underwater Exploration Group del Great Maya Aquifer Project (GAM) ha trovato finalmente una connessione tra due dei più estesi sistemi di caverne allagate della Terra: Sac Actun e Dos Ojos, entrambi localizzati nei pressi di Tulum, nella regione di Quintana Roo, Mexico.  

Ma non si tratta solo di una meraviglia geologica. “Questa immensa caverna rappresenta il più importante sito archeologico sommerso al mondo, dal momento che ha più di un centinaio di contesti archeologici, tra cui testimonianze dei  primi coloni d’America, così come di fauna estinta e, ovviamente, la cultura  Maya “, dice Guillermo de Anda, un esploratore del National Geographic e direttore della GAM.

Questa fase del progetto è iniziata nel marzo del 2017 grazie alla ricerca condotta dall’allora direttore della GAM, Robert Schmittner con un team di subacquei specializzati nelle esplorazioni delle grotte. In realtà Schmittner cercava questa connessione da 14 anni, aggiungendo nuove gallerie alle mappe di questo misterioso labirinto d’acqua. Fino ad ora, il sistema Ox Be’l, della  lunghezza di 167 miglia localizzato a sud di Tulum, era considerato il più lungo mentre quello di Sac Actun, situato a nord est di Tulum, era  al secondo posto con circa 163 miglia. Il terzo della lista era il sistema di Koal Baal, con 57 miglia mentre il quarto, oggetto della scoperta, chiamato dei Dos Ojos raggiunge i 52 miglia. Dopo le ultime esplorazioni quest’ultimo è risultato collegato al Sistema Sac Actun.

Secondo le regole della speleologia, quando due sistemi sotterranei sono collegati, la grotta più grande assorbe il più piccolo, quindi il nome di quest’ultimo scompare. Questo significa che l’insieme delle cavità di Sac Actun e Dos Ojos ha preso il nome di Sac Actun raggiungendo la lunghezza di ben 215 miglia.

Ci si domanda se questi sistemi furono abitati in antichità. Nel marzo 2008, tre membri del team di immersione Proyecto Espeleológico de Tulum e Global Underwater Explorers, Alex Alvarez, Franco Attolini e Alberto Nava, hanno esplorato una sezione del sistema Aktun Hu, noto come il pozzo Hoyo Negro. Ad una profondità di 57 metri gli esploratori hanno localizzato i resti di un mastodonte di 43 metri, un teschio umano che potrebbe essere la più antica prova di insediamento umano nello Yucatan  fino ad oggi.

La ricerca geologica non si ferma. Il prossimo obiettivo è quello di cercare la via di collegamento del Sac Actun con gli altri tre sistemi, che sono molto vicini tra loro. Si tratta d un progetto ambizioso che, secondo i dati del Quintana Roo Speleological Survey, include 358 sistemi di grotte sommerse nel nord dello stato, con quasi 870 miglia di passaggi allagati di acqua dolce al di sotto della giungla.

Come risultato di questa ricerca, GAM ha mappato un altro importante sistema con una lunghezza di 11 miglia, fino ad ora chiamato “madre di tutti i cenotes“. Ha una profondità massima di 65 piedi (circa 21 metri) e si trova a nord del Sac Actun. Si tratta di un sistema individuale, ma il team di esploratori ritiene che potrebbe esistere un collegamento con il  Sac Actun.

Un’altra caratteristica che rende preziosa questa scoperta è che l’ecosistema nei cenotes presenta una grande biodiversità grazie alla grande riserva di acqua dolce che diede vita a questa regione dello Yucatan. La fase successiva di questo ambizioso progetto comprenderà un’analisi della qualità dell’acqua del Sistema Sac Actun, nonché uno studio della biodiversità e della sua conservazione. Ovviamente  sarà continuata la mappatura e la mappatura dettagliata dei contesti archeologici sommersi. Ci torneremo.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 671 times, 3 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share