If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Squalo limone, questo … conosciuto

livello elementare
.
ARGOMENTO: BIOLOGIA MARINA
PERIODO: na
AREA: na
parole chiave: squalo limone

 

Oggi parliamo di uno squalo tra i più conosciuti, lo squalo limone, Negaprion brevirostris, forse il più noto e scientificamente ricercato di tutti gli squali. Lo squalo limone adulto può raggiungere una lunghezza di circa 3,5 metri e quasi 200 chilogrammi di peso. È chiamato limone per la sua pigmentazione, caratterizzata da un insolito e brillante color giallo. Questa colorazione gialla gli consente un perfetto mimetismo quando nuota sul fondale sabbioso del suo habitat costiero.

Conosciamolo meglio
Lo squalo limone possiede una testa appiattita con un muso corto e largo. Le due pinne dorsali hanno dimensioni simili. Sulla sua testa ha degli elettro recettori, chiamati ampolle di Lorenzini (scoperte e descritte da Stefano Lorenzini nel 1678), che consentono di rilevare gli impulsi elettrici emessi da potenziali prede anche in condizioni di non visibilità.

Esse sono poste nella parte anteriore della testa e formano una rete di canali costituite da piccole sacche con celle piene di gel elettro-conduttivo da cui si dipartono dei piccoli tubi che si aprono sulla superficie della pelle mediante dei pori. Comune in molti Elasmobranchi, come squali e razze, riescono a rilevare la differenza di potenziale elettrico tra l’estremità del poro e la base delle cellule elettro-ricettive. E’ stato misurato che la soglia di sensibilità di alcuni squali può essere anche di soli 5 nV/cm. Inoltre, si ritiene che attraverso le ampolle questi animali siano in grado di percepire il campo magnetico terrestre e possano essere impiegate anche per l’orientamento durante le migrazioni.

Distribuzione geografica
Presenti in molti mari del mondo, sono stati ritrovati lungo la costa nord orientale degli Stati Uniti al Brasile meridionale. Vivono anche al largo della costa dell’Africa occidentale nell’Atlantico sud-orientale. Inoltre, gli squali di limone sono stati trovati nel Pacifico orientale, dal sud della Bassa California all’Ecuador. Sembra che prediliga le acque poco profonde subtropicali delle barriere coralline, delle mangrovie, ma anche le baie chiuse e le foci dei fiumi; squali di limone sono stati trovati anche in mare aperto fino ad una profondità di 92 metri, principalmente durante le loro migrazioni. Come sappiamo gli animali decidono l’uso del loro habitat valutando le condizioni biotiche dell’ambiente in cui vivono, indicatori preziosi di buoni siti di caccia raccolta sicuri dagli altri predatori, e la temperatura dell’acqua che ne influenza la crescita e il metabolismo.

Gli squali limone scelgono i loro habitat in acque calde e basse con fondo roccioso o sabbioso con acqua calda per mantenere i loro livelli metabolici in maniera ottimale. Evitano le zone fangose e paludose ​dove è più difficile trovare prede, e tendono a vivere  vicino alle mangrovie di acque poco profonde, che sono spesso le aree di vivaio di diverse specie di pesci e sono caratterizzate da abbondanza di prede. Gli squali limone adulti sembra si spostino in acque più alte a seguito della lor crescita e della conseguente diminuzione del rischio di predazione. Gli squali di limone si sono dimostrati una specie modello ideale per sfidare la convinzione che tutti gli squali siano predatori opportunisti a causa della loro tendenza a utilizzare le aree di nursery per un lungo periodo di tempo.  Si nutrono di notte e sono principalmente piscivori ma possono nutrirsi di crostacei ed altri organismi bentonici. È stata anche documentata la predazione intraspecifica, o cannibalismo, degli squali di limone giovanile da parte di esemplari maggiori.

Gli squali di limone si nutrono selettivamente di specie più lente e più facilmente catturabili come il pesce pappagallo, che usano il camuffamento piuttosto che la fuga e sono quindi più vulnerabili.  Curioso il fatto che tra più prede simili sembrano prediligere quelle di dimensioni medie. Nell’attacco piuttosto che rotolare sui lati per strappare a pezzi le prede, si avvicinano alla loro vittima con velocità frenando improvvisamente con le pinne pettorali prima del contatto. Lo squalo si protende quindi in avanti più volte fino a quando non ha una buona presa della preda nella sua mascella e procede a scuotere la testa da un lato all’altro fino a quando non strappa un pezzo di carne. Una frenesia alimentare, o un grande sciame di altri squali, si forma quando gli individui avvertono il sangue e fluidi corporei rilasciati dalla preda. E’ stato provato che suoni emessi dalle prede in difficoltà attirano i gruppi di squali, suggerendo che usano il rilevamento acustico per la predazione.

Comportamento sociale
Gli squali limone si ritrovano in gruppi basati su dimensioni dissimili. Sono stati ipotizzati meccanismi di aggregazione legati all’età dei componenti del branco. Un’ipotesi per questa scoperta è che i giovani squali limone si associno con gli individui più grandi per raccogliere informazioni sull’habitat che li circonda, ovvero sulla presenza di possibili predatori e prede appetibili.  

Il cervello di uno squalo limone, paragonabile in massa relativa a quello di un mammifero o di un uccello, suggerisce la possibilità che abbia la capacità di apprendere dalle interazioni sociali, cooperare con altri individui stabilendo gerarchie di dominanza e legami sociali duraturi. Questi squali si riuniscono per la riproduzione in appositi “campi” di accoppiamento. Le femmine dopo la gestazione danno alla luce i loro piccoli nelle acque superficiali. Gli squali limone sono infatti vivipari, il che significa che la madre trasferisce direttamente i nutrienti ai suoi piccoli attraverso la placenta e i giovani nascono vivi. Gli esemplari giovani sono come cuccioli e tendono a rimanere nella zona di nursery per diversi anni prima di avventurarsi in acque più profonde. 

un grande squalo limone mostra la sua dentatura

La fecondazione è interna e si verifica dopo che uno squalo maschio limone ha preso la femmina, inserendole l’organo copulatore. Gli squali limone femmine hanno la capacità di conservare lo sperma in una ghiandola per diversi mesi. Diversi studi suggeriscono che la poliandria negli squali limone femminile si è adattata per convenienza, piuttosto che per benefici genetici indiretti alla prole. Questo tipo di poliandria è infatti perseguita per evitare molestie da parte dei maschi. Le femmine hanno un ciclo riproduttivo biennale, che richiede un anno per la gestazione e un altro anno per il processo di produzione delle cellule uovo femminili e la vitellogenesi. Gli squali limone raggiungono la maturità sessuale intorno ai 12-16 anni ed hanno una bassa fecondità.

Relazione con gli Umani
Questa specie di squalo è tra le più conosciute grazie al lavoro di Samuel Gruber dell’Università di Miami, che li ha studiati sia in campo che in laboratorio sin dal 1967. La popolazione di squali limone che vive attorno alle isole di Bimini, nelle Bahamas occidentali, è probabilmente la più studiate tra tutte le popolazioni di squali al mondo.

A partire dal 2007, questa popolazione è purtroppo in forte declino e potrebbe scomparire del tutto a causa della distruzione delle mangrovie (il loro habitat giovanile) e la pesca commerciale e ricreativa. Esiste la preoccupazione che la pesca eccessiva abbia già portato il declino delle loro popolazioni nell’Atlantico nord occidentale e nell’Oceano Pacifico orientale. Il suo stato di conservazione è considerato ” Near Threatened ” nella lista rossa dell’Unione internazionale per la conservazione della natura (IUCN). A questo proposito, non ci sono piani o programmi specifici per la sua conservazione, ma ha una certa protezione dal Piano d’azione internazionale delle Nazioni Unite per la conservazione e la gestione degli squali.

E per l’Uomo? Questi bellissimi squali, nonostante le notevoli dimensioni, non rappresentano una grande minaccia per l’Uomo, sono conosciuti solo dieci attacchi di cui nessuno mortale. Come spesso accade siamo noi Umani gli animali più pericolosi.

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 428 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

25 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share