If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

I Corsari ottomani e la richiesta di soccorso al Sultano (1564) di Gabriele Campagnano

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE

PERIODO: XVI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO – MALTA
parole chiave: assedio, Ottomani, Ospitalieri

 

Corsari Ottomani hanno suscitato terrore e sgomento negli abitanti delle coste europee per diversi secoli. L’apogeo di questi razziatori e guerrieri del Mediterraneo si realizza nel XVI secolo, ma, ancora all’inizio del XIX secolo, ogni anno migliaia di schiavi, così detti “bianchi”, finiscono nei mercati ottomani, arabi e indiani. In Sea-wolves of the Mediterranean: the grand period of the Moslem corsairs, scritto da Edward Hamilton Currey, più di un secolo fa (1913), troviamo la narrazione di un episodio abbastanza conosciuto in ambito storiografico, ma poco in quello della divulgazione.

Mathurin d’Aux de Lescout, detto Mathurin Romegas

Nel 1551 gli Ottomani hanno strappato Tripoli dalle mani dei Cavalieri di Malta. Tuttavia, negli anni successivi, questi ultimi continuano ad assaltare le navi corsare ottomane (oltre a quelle mercantili) creando gravi danni sia all’apparato militare turco che ai commerci delle nazioni islamiche. Oltre al Gran Maestro la Valette, che diverrà tale solo nel 1557, a colpire i Turchi sono soprattutto il Cavaliere Mathurin d’Aux de Lescout, detto Mathurin Romegas, e il Generale delle Galee Gozon de Melac. Nelle mani dei Cavalieri cadono diverse fortezze nordafricane molto frequentate dai corsari, tra cui la Goletta, Città d’Africa e Penon de Velez (1564). Sono quindi proprio i Corsari, convinti che le forze cristiane avrebbero preso nel giro di pochi anni tutte le basi nordafricane, a interpellare direttamente il Sultano.

La Spagna controlla ancora cinque plazas de soberania (piazze di sovranità) in Marocco, due delle quali sono città, Ceuta e Melilla, e tre piccole isole vicino alla costa. Si tratta di territori conquistati dalla Spagna entro la metà del XVI secolo, nell’ambito degli scontri con i corsari barbareschi. Cento anni prima, quindi, dell’ascesa al potere della dinastia alawide in Marocco.

Solimano, uno dei sovrani ottomani più capaci nelle cose di guerra, accoglie le suppliche dei corsari e promette che l’arsenale di Costantinopoli preparerà una grande flotta per aggredire i Cavalieri e radere al suolo la loro base di Malta. A dare un forte impulso ai preparativi sono anche altri eventi. Poco dopo la conquista di Peñón de Vélez de la Gomera, Romegas, al comando di sette galee dell’Ordine, sta navigando nelle acque intorno a Zante e Cefalonia, quando avvista un grande galeone ottomano.  A comandarlo c’è il rais Bairan-Ogli che dispone di 20 cannoni e oltre 200 Giannizzeri (oltre ad altri soldati) per proteggere le merci trasportate. La nave è, infatti, proprietà di Kustir-Aga, l’eunuco più importante del Serraglio, e sta portando le merci fatte acquistare per alcune delle donne più in vista dell’Harem.

ottomani
Una porzione dell’eccezionale mappa di Rigobert Bonne e Guilleme Raynal (1780). Come è facile notare, Malta si trova proprio a ridosso della costa nordafricana ed è fondamentale (come accadrà anche nella II Guerra Mondiale) per controllare il passaggio tra Mediterraneo occidentale e orientale.

Dragut

Romegas accetta il rischio e si getta all’attacco. È una battaglia furiosa, che costa la vita a più di 100 cristiani e 200 ottomani. Ma la nave, alla fine, è sua. Quando la notizia raggiunge la capitale ottomana, Kustir-Aga e mezzo harem si prostrano, in lacrime, chiedendogli di sterminare quei barbari corsari cristiani, i Cavalieri di Malta. Solimano si trova, quindi, ad essere sollecitato dagli ufficiali, dalle mogli e dagli imam ad agire immediatamente. Uno dei suoi migliori comandanti, Dragut sottolinea però come i Cavalieri siano molto più pericolosi ora che nel 1522, quando furono espulsi da Rodi. L’isola di Malta, dominata ora dai Cavalieri, è infatti vicina alla Sicilia, quindi può ricevere aiuti più facilmente e, soprattutto, si trova proprio nel mezzo del Mediterraneo, sulla rotta verso occidente seguita dalle navi ottomane (corsare e non). Alla fine, il Sultano organizza un incontro con i suoi ufficiali migliori. Tutti si dicono d’accordo ad attaccare, eccezion fatta per Uccialì, che in quel momento rappresenta Dragut. A sua detta, i tempi non sono ancora maturi per un attacco alla fortezza dei Cavalieri. Dice, inoltre, che i primi obiettivi della flotta ottomana dovrebbero essere la riconquista di Goletta e Penon de Velez e l’attacco i Mori di Tunisi (che sono alleati con la Spagna e acerrimi nemici degli Ottomani). A perorare la causa di Uccialì (e quindi di Dragut) c’è un vecchio guerriero, Mohammed, cresciuto a corte. L’imperativo, per lui, è “non attacchiamo i Cavalieri sul loro terreno preferito“.

Jean de la Valette

Ad ogni modo, come potrete immaginare, Solimano dà l’ordine di affrettare i preparativi. Quarantatre anni prima, era stato proprio il giovane Solimano a guidare l’Assedio di Rodi del 1522 ed a cacciare i Cavalieri dall’isola, quella volta difesa dal Gran Maestro Lisleadamo e da Pregeant de Bidoux. Ma nel 1522, sugli spalti di Rodi, c’era anche un coetaneo di Solimano, Jean de La Valette, ora Gran Maestro. A capo della flotta formata per assediare i Cavalieri c’è Pialì Pasha, mentre per le forze di terra ricade sul veterano Mustafà Pasha, comandante sessantacinquenne noto per la sua crudeltà nei confronti dei nemici catturati.

È il 1565, il Grande Assedio sta per iniziare. Restate con noi. Il dottor Campagnano tornerà presto con una serie di articoli per raccontarcelo.

articolo pubblicato originariamente su http://zweilawyer.com

Gabriele Campagnano

Diamo il benvenuto al dottor Gabriele Campagnano, prolifico divulgatore di storia ma non solo. Dopo duecentocinquanta articoli specialistici e tre libri, tra cui “I Padroni dell’Acciaio”, non si è ancora stancato di scrivere. È convinto che recuperare i testi antichi, arricchirli e renderli fruibili al lettore odierno sarà sempre più parte integrante del mestiere dello storico; le attuali tecnologie informatiche gli mettono a disposizione migliaia di testi che attendono solo un paziente lavoro di restauro. Lavorando su diverse fonti, specie ottocentesche, ha riportato alla luce la storia di alcuni personaggi storici di eccezionale interesse, quali Pier Gerlofs Donia e Pregent de Bideoux. Scrive regolarmente per la rivista Medioevo Misterioso e altre pubblicazioni. Il ricco sito, dal quale sono stati tratti i suoi articoli, è http://zweilawyer.com

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 122 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share