If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Un manifesto per la Dignità della Subacquea Italiana, verso una legislazione sempre più consapevole

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: ODIERNO
AREA: ITALIA
parole chiave: professionalizzazione, manifesto per la subacquea

Da tempo se ne parlava ed è ora giunto il momento di agire tutti insieme, al di là degli interessi personali di categoria, per una regolamentazione di tutti i settori della subacquea italiana, attraverso una legge quadro che garantisca a tutto il comparto dei lavoratori della Subacquea, nel rispetto delle proprie diversità e specificità, un filo comune.

Un manifesto per il futuro
In tempi di necessaria innovazione si sente il bisogno di alleggerire l’intrigato impianto legislativo e sburocratizzare il Paese. In special modo quei settori produttivi, erroneamente considerati privi di interesse economico, sociale e pubblico, che presentano una regolamentazione legislativa e normativa complessa, disarticolata se non talvolta contraddittoria che non porta vantaggi concreti al nostro Paese.

Tra i vari settori quello subacqueo soffre da sempre della mancanza di chiarezza nella disciplina delle attività degli operatori che, a diverso livello, vi lavorano. Il manifesto ha lo scopo di sollecitare il Governo affinché anche l’Italia sia dotata al più presto di una Legge per la Disciplina delle Attività Subacquee nelle sue varie compagini e applicazioni professionali che si realizzano nel campo lavorativo subacqueo ed iperbarico, portuale, ricreativo turistico, scientifico subacqueo, documentaristico, militare e di controllo del territorio. Espressioni diverse del lavoro subacqueo che contribuiscono al progresso economico del nostro Paese. Questi settori vantano un retaggio storico di prima grandezza, riconosciuto a livello mondiale, di utenti sportivi e ricreativi che sviluppano un indotto di molti milioni di euro fra industrie produttrici di attrezzature, nautica, turismo locale ed internazionale.

Questi danno vita, inoltre, a sodalizi ed organizzazioni, agenzie didattiche, volontariato molto attivi sul fronte degli interventi in caso di calamità che contano decine di migliaia di aderenti. Grazie alla loro produttività essi sviluppano un indotto di molti milioni di euro dando lavoro. Quello forse più impattante dal punto di vista numerico è quello ricreativo turistico con i quasi 550 mila praticanti per un valore di circa 300 milioni di euro. Fra di essi esistono infatti professionisti responsabili della formazione di base e della guida turistica che, per poter esercitare la loro professione, necessitano di un supporto industriale importante.

Ma al di là degli aspetti economici e lavorativi, esistono anche degli aspetti sociali. Decine di migliaia di praticanti sono particolarmente attivi nel campo del volontariato, intervenendo a fianco delle forze dello Stato negli interventi di emergenza in caso di calamità e nella citizen science, talvolta operando ai limiti della legittimità per poter portare a termine la loro azione meritoria. Continuando questa necessaria analisi, abbiamo il settore lavorativo portuale, offshore ed iperbarico, (fra le quali aziende costruttrici di impianti iperbarici di primaria importanza mondiale) che comprende centinaia di aziende, impegnate in operazioni di costruzioni, manutenzione, demolizione di opere delle strutture sommerse lungo gli 8000 km di costa, nei campi petroliferi offshore e nelle acque portuali. Si tratta di eccellenze a livello internazionale che abbiamo visto impegnate nelle maggiori emergenze marittime ed in lavori in aree critiche sia dal punto di vista geopolitico, che ambientale, climatico. Il loro apporto economico al Paese è importante, coinvolge più settori produttivi,dalla cantieristica navale, la robotica, l’elettronica, la meccanica, la logistica, la ricerca di nuovi materiali e tecnologie per la operatività a grandi profondità marine.

Il progresso di un Paese non può esistere senza la ricerca. Il comparto scientifico, sebbene numericamente inferiore, è di prima grandezza con soggetti come CNR, ENEA, ICRAM, ISPRA, la Scuola Superiore Sant’Anna di Pisa, Università, Sovraintendenze che per lo svolgimento delle loro funzioni, necessitano di personale altamente qualificato. Personale che, vogliamo sottolinearlo, abbiamo visto immergersi in tutti i mari del mondo persino nelle fredde acque antartiche. Non dimentichiamo poi l’importante contributo della ricerca scientifica per la conservazione, documentazione video fotografica ed il recupero di manufatti e reperti archeologici dei nostri mari, veri scrigni di storia e cultura. Un’opportunità che non possiamo e dobbiamo trascurare

Il settore medico subacqueo, storicamente eccellenza italiana, ha sviluppato conoscenze significative nella terapia iperbarica e nella diagnosi, che comprendono la cura degli incidenti professionali subacquei ma anche la cura di patologie quali le cancrene, l’osteoporosi, le fratture complesse, la cura di ferite difficili, etc. In questo eccelle a livello internazionale la SIMSI, Società Italiana Medicina Subacquea ed Iperbarica, di cui è presidente il dott. Pasquale Longobardi, figura di riferimento per tutto il mondo medico italiano e non solo Italiano. Non tutti sanno che grazie a questi medici decine di migliaia di pazienti vengono trattati ogni anno.

Non ultime le Istituzioni militari, come il Com.Sub.In. della Marina Militare (uno dei fiori  all’occhiello delle nostre Forze Armate), che contribuiscono alla sicurezza delle attività lavorative in mare in operazioni complesse come la  bonifica degli ordigni nelle acque, ed i Corpi dello Stato come Vigili del Fuoco, Polizia, Carabinieri, Guardia di Finanza, Capitanerie di Porto che con i loro reparti subacquei assicurano la presenza dello Stato ed il rispetto delle leggi, nonché interventi per il salvataggio di vite umane. Ad esse si unisce il contributo degli Enti ed Istituti dello Stato per il monitoraggio e la tutela dell’ambiente marino e fluviale che impegnano centinaia di uomini e mezzi lungo le coste italiane.

In estrema sintesi, un intero mondo che ogni giorno popola il mare con competenza e professionalità per il benessere del nostro Paese e che necessita l’attenzione delle Istituzioni per ottenere finalmente una legge quadro.

Purtroppo l’Italia è l’unico Paese europeo che non possiede ancora una legge nazionale onnicomprensiva per la regolamentazione della sicurezza nelle Attività Subacquee. Ove esistenti, vi sono norme locali o regionali  che,  in mancanza di un riferimento legislativo nazionale, possono essere in contrasto con quelle delle vicine giurisdizioni. Questa mancanza di un unico filo conduttore talvolta ha causato incidenti mortali che si sarebbero potuti talvolta evitare. La necessità di definire univocamente concetti base, assicuranti il diritto alla sicurezza dei lavoratori, è quindi fattore inderogabile. Dal 1970 ad oggi sono una decina i progetti di legge vanamente presentati da più parti politiche. Purtroppo non si è mai riusciti a portare a termine l’iter legislativo demandando la soluzione alla legislazione successiva. Una legge quadro nazionale è quindi considerata necessaria per dare dignità al settore subacqueo e a tutti i lavoratori che, a diverso livello, vi operano.

I firmatari del presente manifesto  chiedono pertanto che il Governo si adoperi con forte determinazione affinché anche l’Italia sia dotata al più presto di una Legge per la Disciplina delle Attività Subacquee dando, nel rispetto dei ruoli, mansioni e competenze nei diversi comparti, chiarezza di ruoli alle aziende, alle organizzazioni, associazioni, agenzie e agli operatori subacquei, al pari di quanto già avviene negli altri Paesi europei.

Per aderire alla sottoscrizione del manifesto per la Dignità della Subacquea Italiana è sufficiente inviare una email a info@assoimpresesub.it con oggetto Adesione al manifesto. In caso di organizzazione, associazione, ente, organismo si prega di allegare un logo rappresentativo in formato .jpg, indirizzo web qualora esistente), ed il nominativo del rappresentante legale.

       

      

Per scaricare il manifesto segui questo LINK

Questa iniziativa 
è stata lanciata dalla Associazione Imprese Subacquee Italiane AISI),  un’associazione che rappresenta il mondo delle imprese che eseguono lavori ed opere subacquee per conto terzi. 

L’associazione AISI, fondata nel 2000,  rappresenta oggi le aziende e gli operatori subacquei più evoluti sotto il profilo dell’organizzazione aziendale, che ispirano la loro attività alla sicurezza ed alla valorizzazione delle risorse umane secondo le più avanzate tecnologie e buone prassi che si rifanno a standard internazionali e alla Norma UNI 11366.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 359 times, 1 visits today)
Share

2 commenti

  1. vincenzo de vita vincenzo de vita
    27/07/2018    

    tutto bello, ho letto con attenzione, l’artico, per il passato hanno tentato di fare una legge per le attività ricreative, a tutto oggi, non se ne fatto niente, auguriamoci che il messaggio arrivi forte e chiaro al nostro governo, per la subacquea professionale ots, se non vado errato ce una legge regione sicilia che dovrebbe diventare nazionale e stata curata da cedifop e da vari senatori a roma, comunque qualcosa si sta muovendo auguriamoci, che si possa avere anche in italia le basi per questa legge.

    • 28/07/2018    

      dobbiamo sperare che tutti i comparti della subacquea ricevano finalmente la giusta attenzione 🙂 Ci vuole l’impegno di tutti per un cambio epocale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

4 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share