If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Ritrovate le navi di Ribault con il loro tesoro. Una sentenza storica ne attribuisce la proprietà alla Francia

 livello elementare

.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO
parole chiave: tesoro, Ribault

 

A volte le cose cambiano. Processi di anni hanno spesso dato ragione ai cacciatori di tesori togliendo agli antichi proprietari il diritto sui beni contenuti nei relitti. Questo non è avvenuto nel caso che scopriremo oggi, a seguito del quale è nato un precedente legale importante per tutti i cercatori di tesori. Questo farebbe sperare per il recupero di tanti tesori che sono stati in passato venduti all’asta, disperdendo artefatti che appartengono alla storia dell’Umanità.

Tutto incominciò con la scoperta nel 2016 da parte della Global Marine Exploration Inc. dei resti di un naufragio del XVI secolo. Nel suo interno furono ritrovati oggetti del valore di milioni di dollari. A chi appartenevano di diritto? 

Jean Ribault
Secondo l’analisi storica, avvalorata dal tribunale, i resti appartenevano alle navi di  Jean Ribault, un ufficiale della marina francese del XVI secolo, navigatore e celebre colonizzatore di quello che sarebbe diventato il sud-est degli Stati Uniti.

Jean Ribault

La sua storia vale la pena di essere raccontata. Jean Ribault nacque nella città di Dieppe, in Normandia, nell’anno 1520. Entrò nella marina francese sotto il comando del grande ammiraglio degli Ugonotti Gaspard de Coligny che, nel 1562, lo prescelse per condurre una spedizione per fondare una colonia francese nel Nuovo Mondo. Lasciando la Francia il 18 febbraio con una flotta di 150 coloni, Ribault attraversò l’Oceano Atlantico ed esplorò la foce del fiume St. Johns nella moderna Jacksonville, in Florida. Lo chiamò “May River” (dal nome del mese in cui lo trovò) e vi eresse una colonna di pietra che rivendicava il territorio sotto il dominio francese. La flotta di Ribault proseguì poi verso nord, consentendo ai cartografi di tracciare nuove  coste e fiumi. Alla fine arrivarono al Port Royal Sound nell’attuale South Carolina, e Ribault scelse di stabilire un avamposto sull’isola Parris, una delle isole al largo della costa, costruendo un piccolo forte, che chiamò Charlesfort in onore del re francese Carlo IX. Ribault vi lasciò 27 uomini sotto il comando di Albert de la Pierria  e rientrò in Francia.

Una mappa di straordinaria rarità e importanza, una delle prime e più influenti mappe del sudest americano mai pubblicata. Fu disegnata dall’artista francese Jacques Le Moyne de Morgues c. 1565 e pubblicato da Theodore de Bry nel 1591, questa magnifica mappa descrive la penisola della Florida e la costa della Carolina da Cuba alle Bahamas, alla “bandiera di Prom Terra” o, come è noto oggi, a Cape Lookout vicino a Beaufort, nella Carolina del Nord.

L’intenzione di Ribault era di far provvista di forniture per Charlesfort e di ritornare entro la fine dell’anno con dei rinforzi. Quando arrivò a Le Havre, scoprì però che in Francia erano scoppiate le guerre di religione, tra una maggioranza cattolica romana e gli ugonotti protestanti. Ribault diede manforte agli Ugonotti a Dieppe ma fu costretto a fuggire in Inghilterra quando la città cadde. Mentre era in Inghilterra, riuscì ad ottenere un’udienza con la regina Elisabetta I per proporre un piano di colonizzazione in America. Tuttavia, nonostante un primo cordiale benvenuto, gli Inglesi si insospettirono e Ribault fu arrestato e detenuto nella Torre di Londra come spia. Durante la sua permanenza in Inghilterra, Ribault scrisse un resoconto del viaggio, che sopravvive solo nella sua traduzione inglese.  Finalmente l’accordo di Pace di Amboise del 1563 permise a Coligny di pianificare un nuovo viaggio nel Nord America.

René Goulaine de Laudonnière

Nel frattempo, Ribaut era stato sostituto da René Goulaine de Laudonnière, suo ex sottoposto. Durante questo periodo vi era stato un ammutinamento a Charlesfort a causa della pesante e forse inumana disciplina imposta dal capitano Albert de la Pierria. Alla fine lo stesso fu deposto e ucciso in Florida il 12 ottobre 1565 ed un incendio distrusse la maggior parte delle scarse riserve della colonia. I sopravvissuti cercarono di rientrare in Francia ma solo pochi raggiunsero le coste inglesi. Laudonnière alla fine salpò il 22 aprile 1564 e arrivò in Florida due mesi dopo.  Il piano per Ribault fu di seguirlo nella primavera del 1565 con rinforzi e rifornimenti freschi. Quando Charlesfort fu abbandonata, la spedizione decise di fondare una nuova colonia sulle rive del fiume St. Johns, nei pressi dell’attuale Jacksonville, Florida. Battezzarono il nuovo insediamento Fort Caroline. A causa del conflitto religioso in Europa, Ribault, che doveva ripartire nel 1965, dovette posporre la sua partenza. La colonia subì un ammutinamento e alcuni soldati divennero pirati, attaccando le navi spagnole nei Caraibi. La situazione fu esacerbata da uno scontro con gli Utina, una tribù indiana di Timucua che risaliva il fiume a sud.

Il ritorno di Ribault
Jean Ribault finalmente organizzò la sua flotta nell’estate del 1565, partendo dalla Francia con 800 nuovi coloni e cinque navi. Arrivò in Florida il 28 agosto, nel momento in cui Laudonnière si preparava a salpare verso casa. Ribault sollevò dall’incarico Laudonnière come governatore e assunse il comando di Fort Caroline.

gli indigeni mostrano a Laudonniere la colonna posata da Ribault

Nel frattempo, gli Spagnoli si prepararono per cacciare i francesi da Fort Caroline. All’inizio di settembre Pedro Menéndez de Avilés, appena nominato Adelantado della Florida, attaccò le navi di Ribault all’ancora al largo del fiume May. Dopo una breve schermaglia navale le navi francesi riuscirono a fuggire. Menendez si ritirò nella successiva insenatura più a sud, sbarcò con i suoi uomini il 7 settembre ed occupò l’insediamento di Sant’Augustin.

Pedro Menéndez de Avilés

Prima che tutte le attrezzature ed i rifornimenti potessero essere scaricati, Menéndez mandò la sua nave ammiraglia San Pelayo a Hispaniola, poiché troppo grande per entrare nella Baia. Menéndez si aspettava un attacco da Jean Ribault che infatti attaccò poche ore più tardi, cercando di catturare lo spagnolo che era a bordo di una nave più piccola al largo. Questi riuscì, non senza pericolo, ad attraversare il banco di sabbia alla foce dell’ingresso e raggiunse il porto. Essendo i galeoni francesi troppo grandi per attraversare l’insenatura, Ribault si diresse con tre galeoni verso sud per inseguire il San Pelayo. A questo punto avvenne l’irreparabile. L’11 settembre si scatenò un forte uragano che portò le navi di Jean Ribault più a sud, fino alla loro affondamento, probabilmente nei pressi di Canaveral. I sopravvissuti riuscirono a raggiungere la costa ma furono barbaramente uccisi dagli Spagnoli. 

Il massacro
Durante l’uragano Menéndez ordinò ai suoi fanti di marciare quaranta miglia a nord verso Fort Caroline, e gli Spagnoli il 20 settembre catturarono l’insediamento francese. Inutile dire che per i cattolicissimi Spagnoli, quel pericoloso nido di pirati ed eretici sul territorio spagnolo doveva essere eradicato. Fu una mattanza: di fatto solo circa 60 tra donne e bambini furono risparmiati. René Laudonnière e altri quaranta fuggirono dall’ira degli Spagnoli e ritornarono in Europa per raccontare le loro storie.  Complessivamente, Ribault e oltre 350 dei suoi ufficiali e uomini persero la vita nei due massacri.

Matanzas

Questo tragico evento porta ancora oggi il nome di “Matanzas” termine spagnolo per “massacri”. Menéndez aveva eseguito i suoi ordini per annientare l’incursione francese ovvero di eradicare questi Francesi miscredenti dal nuovo mondo. Nel 1568 un nobile francese divenuto pirata, Dominique de Gourgues, vendicò Ribault attaccando  Fort Caroline, mettendo a morte tutti i suoi prigionieri. 

La Trinite, nave ammiraglia di Jean Ribault

Il ritrovamento ed il suo seguito in tribunale
La società di salvataggio marino della Florida Global Marine Enterprises (GME) aveva localizzato tre cannoni in bronzo ornato del relitto – ognuno del valore di oltre un milione di dollari US ed un monumento in marmo ora considerato di “inestimabile” valore al largo di Cape Canaveral a maggio e giugno 2016.  In tribunale, il GME aveva sostenuto che i predoni spagnoli avevano saccheggiato i cannoni e il monumento della prima colonia francese a Fort Caroline in Florida nel 1565 e, nel momento dell’affondamento, si trovavano a bordo di una nave spagnola probabilmente diretta verso Cuba. La corte decretò però che in mancanza di altre prove essi potevano essere stati trasportati sull’ammiraglia di Ribault, La Trinité, che affondò durante la tempesta al largo della Florida nel 1565. 

Per quanto sopra, secondo l’alta corte statunitense, tutti gli artefatti del relitto appartengono di diritto ancora alla Francia. Oltre ai tre cannoni di bronzo e al monumento recante lo stemma del re di Francia, i sommozzatori del Global Marine Exploration avevano trovato diciannove cannoni di ferro, dodici ancore ed altri oggetti sepolti sotto circa tre metri di sabbia. La Francia, appoggiata dallo stato della Florida, aveva sostenuto in tribunale che il relitto. forse La Trinité,  era protetto da un diritto sovrano, riconosciuto dalla legge degli Stati Uniti, che impediva il salvataggio non autorizzato di navi da guerra. La corte alla fine le ha dato ragione. 

Va sottolineato che questa sentenza consentirà il proseguo dello scavo del relitto da parte dello Stato della Florida in collaborazione con gli archeologi francesi. Una sentenza che farà sicuramente discutere fra i cercatori di tesori e gli archeologi ufficiali, di fatto creando un precedente interessante sull’attribuzione delle scoperte e sull’usufrutto dei valori ritrovati.  

 

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print
(Visited 359 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share