If you save the Ocean You save the Planet

Eventi

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Computer, sicurezza e pianificazione – parte I – di Luca Cicali

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: na
AREA: DIDATTICA
parole chiave: computer subacquei, modelli, pianificazione

Il computer subacqueo è ormai diventato uno strumento insostituibile nell’immersione sportiva; in particolare nelle immersioni entro curva di sicurezza ha definitivamente soppiantato le tabelle decompressive.  La sua affermazione è stata facile e rapida: le tabelle infatti obbligano sempre a considerare l’immersione come se fosse condotta interamente alla massima profondità raggiunta, e quindi risultano molto penalizzanti per qualunque profilo multi livello, di gran lunga il più praticato in immersioni “turistiche”.  Ultimamente i computer subacquei hanno subito una certa evoluzione tecnologica: non tanto sugli algoritmi utilizzati quanto sull’utilizzo di display sempre più grandi e accattivanti, alcuni dei quali a colori. Inoltre, anche ormai in modelli piuttosto a buon mercato, sono comparse funzioni molto importanti, come la possibilità di effettuare immersioni multi-miscela, utilizzando sia miscele nitrox che trimix.  Accanto ad esse sono però anche comparse funzioni che ritengo “distrattive” rispetto alla gestione operativa dell’immersione, come ad esempio l’accesso a dati diagnostici di tipo numerico e grafico, relativi all’immersione in corso, o anche ad immersioni precedenti.

Alcuni ritengono che il pieno sfruttamento del tempo disponibile entro curva, che è reso possibile dall’uso del computer subacqueo, sia un fattore che riduce la sicurezza rispetto all’uso delle tabelle.    In linea teorica questo è vero, infatti l’uso delle tabelle aggiunge indirettamente un margine di sicurezza, proprio perché esse trattano tutte le immersioni come “quadre”, anche quando il profilo è ben diverso.   Ma questo margine di sicurezza “improprio” viene pagato (e con gli interessi) da un inconveniente di segno opposto: l’errore umano, che è sempre in agguato malgrado l’utilizzo delle tabelle sia relativamente semplice.   Tutti i test comparativi relativi ad incidenti embolici, effettuati su un elevato numero di immersioni con uso di  tabelle o computer subacqueo, fanno pendere nettamente l’ago della bilancia a favore del computer.   Evidentemente usando le tabelle l’impatto dell’errore umano sul tasso di indicenti è tale da superare il vantaggio legato alla approssimazione del profilo quadro. 

La diffusione del computer è ormai tale che è persino diventato difficile trovare qualcuno che ricordi ancora come si utilizzano le tabelle per immersioni entro curva.  Si impara ad utilizzarle durante le poche immersioni dei corsi di primo livello, senza poi quasi mai proseguirne l’uso.    C’è un aspetto negativo in questo abbandono totale delle tabelle: la perdita graduale dalle capacità di pianificazione operativa di una immersione. Le immersioni ricreative entro curva di sicurezza vengono infatti condotte spesso senza alcuna reale pianificazione, utilizzando come unica linea guida quella di iniziare la risalita uno o due minuti prima delle fine del tempo di non decompressione, oppure quando si raggiunge un certo livello minimo di gas residuo nelle bombole. Il verificarsi di uno dei due eventi determina l’inizio della risalita la quale, non prevedendo soste decompressive ma un’unica sosta di sicurezza, comporta consumi contenuti e facilmente prevedibili.   L’immersione può quindi essere condotta mantenendo semplicemente sotto controllo la pressione delle bombole e il tempo che manca all’inizio della decompressione.  

Le immersioni che comportano una fase di decompressione devono invece essere pianificate con cura per disporre di una scorta di miscela respiratoria adeguata, ed eseguite rispettando fedelmente il piano prestabilito.   Infatti, una volta superato il limite “no-deco”, il fabbisogno di aria per la risalita non è più una quantità standard, stabilita solo in base alla profondità dalla quale raggiungere la superficie, ma dipende dall’intero profilo di decompressione, che a sua volta è determinato dalla   profondità massima raggiunta e dal tempo di fondo. L’attività di pianificazione viene effettuata utilizzando tabelle decompressive oppure un personal computer, sul quale sia installato un applicativo software di pianificazione di immersioni.  Qualunque sia la modalità seguita, il profilo di immersione che ne scaturisce definisce la quota e la durata di tutte le tappe decompressive da effettuare in base alla massima profondità e al tempo di fondo programmati.  Questi dati vengono annotati su una lavagnetta o un notes subacqueo e utilizzati successivamente in immersione.  


La necessità di pianificare in anticipo, e di eseguire fedelmente il piano prestabilito, sembra limitare l’utilizzo di un computer subacqueo per immersioni con decompressione, essendo questo strumento più adatto ad una gestione dell’immersione di tipo “real-time”, tipica delle immersioni entro curva.   Infatti un computer subacqueo “ragiona” secondo un proprio modello decompressivo specifico, che può essere più o meno vicino a quello (software o tabelle) utilizzato in fase di pianificazione, il che crea un disallineamento tra quanto prescrive la pianificazione basata su tabelle e quanto il computer richiede di fare durante l’immersione. Malgrado ciò, anche per le immersioni con decompressione, specialmente se prevedono il cambio di miscela, il computer subacqueo è diventato un punto di riferimento fondamentale.  Ciò si è  reso possibile realizzando una pianificazione conforme con quanto il computer indicherà in immersione, ovvero utilizzando un programma di pianificazione che impieghi lo stesso algoritmo decompressivo implementato nel computer subacqueo, e sia configurabile in modo identico ad esso. Si tratta quindi di un vero e proprio simulatore di immersione che consente di ottenere piena uniformità tra la pianificazione ottenuta e il monitoraggio da parte del computer durante l’immersione, con il vantaggio di poter gestire in tempo reale qualunque occasionale disallineamento rispetto al piano prestabilito.

Questa versatilità operativa, offerta dal computer subacqueo, è ovviamente un vantaggio determinante rispetto all’uso di tabelle, profondimetro e timer, che può essere sfruttata pienamente solo disponendo di un vero e proprio applicativo di simulazione di immersione basato sul computer subacqueo che utilizziamo, il che significa stesso algoritmo e stesse modalità di configurazione di parametri dell’immersione.     

A presto … nel prossimo articolo continueremo a parlare di computer, sicurezza e pianificazione.

Luca Cicali

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 383 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

8 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share