If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Nidi di plastica

livello elementare
.
ARGOMENTO: EMERGENZE AMBIENTALI
PERIODO: ODIERNO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: plastica

Le sule sono uccelli pelagici diffusi in tutte le coste atlantiche: di recente sono tornati a popolare anche le coste mediterranee, in particolare il Sud della Francia e la costa tirrenica del Nord Italia. Da alcuni anni, tuttavia, è stato notato che il materiale utilizzato per la costruzione dei loro nidi è prevalentemente di origine antropogenica e, soprattutto, ricco di plastiche. Un aspetto che mette a rischio la sopravvivenza dei piccoli e, conseguentemente, dell’intera specie. Il dato deriva dall’osservazione di due siti di nidificazione – in Italia a Portovenere (Sp) e in Francia a Carry-le-Rouet, a 30 Km da Marsiglia – effettuata da un team di ricerca italo-francese, al quale ha preso parte l’Istituto di scienze marine (Ismar) del Cnr di Lerici (La Spezia), in collaborazione con il Centro ricerca Enea di Santa Teresa (Sp).

I nidi delle coppie prese in esame presentano già di per sé una caratteristica particolare: anziché essere costruiti su scogliere, come fa la maggior parte delle sule atlantiche, sono realizzati su strutture artificiali come moli, pontili galleggianti e barche”, rileva la ricercatrice Silvia Merlino del Cnr-Ismar. “Abbiamo quindi confrontato il materiale usato per la nidificazione e visto che ciò che i due nidi hanno in comune è la grande quantità di oggetti di plastica, in prevalenza detriti marini antropogenici. I materiali antropogenici sono risultati dannosi al punto di provocare la morte di alcuni giovani esemplari (in gergo ornitologico pulli) o di ritardare l’involo, cioè il momento dell’abbandono del nido. Ma effetti negativi sono stati riscontrati anche sugli adulti, come ad esempio oggetti di plastica impigliati nel becco degli esemplari studiati”.

Le plastiche rinvenute sono state ulteriormente analizzate tramite tecniche di spettroscopia, grazie alla collaborazione dei ricercatori del centro ricerche Enea Casaccia di Roma, e il nido di Portovenere è risultato contenere un’alta percentuale di frammenti di polipropilene (Pp) e polietilene (Pe) provenienti da reti di mitilicoltura, residuo di un’attività economica tipica di tutto il golfo spezino. Il nido francese presenta invece numerosi frammenti di vetroresina e una più ampia varietà di oggetti in plastica, con presenza anche di nylon e poliestere.

Monitoraggi effettuati nell’area di Portovenere dal 2013 al 2016 mostrano che la percentuale di plastica sulle spiagge intorno al sito di nidificazione è molto alta, circa il 75-80% di tutti i materiali trovati; di questi, circa il 15% è costituito da retine della mitilicoltura”, aggiunge la ricercatrice. “Nella costruzione del nido, le sule sembrano preferire oggetti di materiale plastico a quelli naturali forse proprio per la loro abbondanza e facile reperibilità, ma questo fenomeno comporta rischi sempre maggiori per la sopravvivenza dell’intera popolazione, già di per sé esigua, che ha colonizzato le nostre coste. Una maggior attenzione alle politiche locali di smaltimento rifiuti potrebbe senz’altro contribuire a migliorare la situazione”.

Allo studio hanno collaborato Lega italiana protezione uccelli (Lipu), Ligue pour la protection des oiseaux (Lpo-Paca, region Provence-Alpes-Côte-d’Azur, Francia) e alcuni ricercatori dell’Istituto statale per la prevenzione e la ricerca ambientale (Ispra) di Ozzano Taro (Bo). Oltre a monitorare negli ultimi anni le coppie di sule durante la loro nidificazione, il team ha tentato di favorire la ricollocazione dei nidi dagli ambienti portuali a scogliere prossime ai siti scelti dagli uccelli stessi, senza esito. Anche questa insolita abitudine sembra difficile da eliminare negli uccelli.

Francesca Gorini

articolo pubblicato su Almanacco della Scienza

Fonte: Silvia Merlino, Istituto di scienze marine – sede secondaria di Lerici (La Spezia), tel. 0187/1788902, email silvia.merlino@sp.ismar.cnr.it

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 41 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

13 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share