If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Il jacket: tecnico o ricreativo? parte II di Luca Cicali

livello elementare
.
ARGOMENTO: DIDATTICA
PERIODO: ODIERNO
AREA: SUBACQUEA
parole chiave: GAV, jacket

 

Parliamo ora del sacco
Abbiamo detto che il jacket standard-ricreativo ha una camera d’aria che si sviluppa intorno al torace.  Questo fatto, oltre a limitarne il volume, comporta una certa sensazione di impaccio e costrizione quando esso viene gonfiato. E’ un effetto che si manifesta in particolare quando ci si sostiene in superficie.  Il jacket “tecnico” ha invece un sacco vero e proprio che ha approssimativamente una forma ad anello o a ferro di cavallo, ed è ancorato con fibbie e cinghiaggi ad una piastra di acciaio inox.  

Il sacco è libero di espandersi verso l’esterno, e anche quando è gonfio fino alla massima estensione non esercita alcuna pressione sul torace, permettendo di nuotare liberamente e respirare senza alcuna costrizione.   Specialmente in manovre di emergenza e dovendo normalmente gestire l’ingombro di bombole ed altri accessori, non avvertire alcuna costrizione nella zona toracica è molto importante, e contribuisce a mantenere una respirazione lenta, profonda e regolare.  L’espansione verso l’esterno, che di fatto avvolge le bombole anche nel caso che sci si stia immergendo con un mono, garantisce un miglior trim in immersione, favorendo senza sforzo apparente l’assetto orizzontale. La forma del sacco permette inoltre di disporre lungo tutta la sua lunghezza dei robusti elastici, che assicurano una rapida contrazione quando si agisce sul comando di sgonfiamento del corrugato.   Tuttavia alcuni considerano negativamente la presenza di questi anelli elastici perché ritengono che possano condizionare l’omogeneità di gonfiaggio, facilitino lo svuotamento in caso di foratura e ostacolino il gonfiaggio a bocca.  Malgrado si tratti di un evento altamente improbabile il sacco può lacerarsi facendo velocemente perdere al jacket la spinta verso l’alto.  Per fronteggiare l’inconveniente sarebbe necessario disporre di un doppio sacco, e naturalmente doppio corrugato, che purtroppo ha l’inconveniente di essere più ingombrante e più complicato da gestire, oltre che più costoso. Per l’uso con la stagna, la ridondanza è garantita dalla muta stessa, che in caso di emergenza può costituire un valido supporto al galleggiamento.  

Pertanto la regola dovrebbe essere di utilizzare sempre la stagna se si impiega un jacket mono-sacco.  

Struttura
Il fascione ventrale del jacket è equipaggiato con fibbia in acciaio, e su di esso sono fissate delle tasche che si chiudono sia con velcro che con fastex, capaci e funzionali, meno ingombranti e più pratiche dei tasconi con chiusura lampo dei jacket ricreativi, che quando sono gonfi diventano impraticabili.   Esse inoltre, anche quando contengono accessori piuttosto voluminosi, non interferiscono con il sacco o ne riducono la facilità di gonfiaggio.   Alcune di queste tasche hanno una apertura verso il basso, essendo destinate ad ospitare zavorra, per poterla scaricare prontamente in caso di necessità.   In prossimità della fibbia centrale c’è il collegamento con la fascia inguinale, che contribuisce alla stabilità complessiva del jacket.   I comandi del corrugato sono generalmente di metallo cromato, offrono maggiore affidabilità, durata e precisione.  

Mentre i jacket standard hanno uno schienalino semirigido in materiale plastico imbottito che permette l’alloggiamento di uno e talvolta due cinghie di serraggio di un mono-bombola, il cuore del jacket tecnico è una placca in acciaio inox, sulla quale sono ancorati spallacci, sacco e fascia ventrale, e che viene saldamente avvitata con appositi  bulloni di serraggio ai fascioni di acciaio del bi-bombola, rendendo jacket e bi-bombola perfettamente solidali tra di loro.   Tramite una placca metallica aggiuntiva, sempre in acciaio inox, oppure in altri modelli tramite una apposita predisposizione, è possibile montare il mono-bombola, stavolta ricorrendo a cinghiaggi che si ancorano su apposite asole.   Naturalmente lo schienale in acciaio ha un certo peso, che consente tuttavia di ridurre corrispondentemente la zavorra necessaria con jacket standard.    Generalmente la stessa struttura metallica consente di applicare sacchi di volume diverso, permettendo in tal modo di adattare il jacket a diverse esigenze di spinta di galleggiamento semplicemente sostituendo il sacco.   I materiali utilizzati sono di maggiore robustezza rispetto ai jacket standard, in particolare cordura 1000 denari o kevlar, quest’ultimo capace di assicurare una resistenza alla trazione persino superiore a quella dell’acciaio di pari spessore.  Anche il numero di anelli a D è generalmente maggiore.  Essi sono spesso riposizionabili e rialzati all’estremità libera in modo da essere agevolmente sollevati anche con i guanti.  


Conclusioni

Tutto quanto detto rende evidente che tra jacket “ricreativi” e “tecnici” le differenze non sono da poco, e un jacket tecnico andrebbe considerato utile per immersioni ricreative entro curva di sicurezza e irrinunciabile per immersioni impegnative. 

Le caratteristiche principali da valutare nel giudizio di qualità sono:

  • il volume del sacco,
  • intercambiabilità del sacco,
  • mono o doppio sacco,
  • intercambiabilità della placca di acciaio,
  • grado di regolabilità di cinturone e spallacci,
  • robustezza dei materiali impiegati,
  • numero e posizionamento delle valvole di sovra-pressione comandabili a mano, (generalmente tre due nella parte bassa del sacco, su lati opposti, e una in alto, sul lato destro);
  • numero e mobilità degli anelli a D,
  • modalità di fissaggio di mono e bi-bombola,
  • numero e disposizione delle tasche a disposizione,
  • presenza di alloggiamenti accessori per micro-attrezzature, etc.

Unica controindicazione, come già accennato, il prezzo … 

Luca Cicali

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

print

(Visited 2.270 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

19 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share