If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

La guerra navale nel Mediterraneo e nelle Fiandre nel XVI secolo: il perché del successo della galea – parte II di Emiliano Beri

.
livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO e OCEANO ATLANTICO
parole chiave: galee

La galea era quindi uno strumento bellico più flessibile ed efficace della nave nel teatro mediterraneo
Se guardiamo alla battaglia di Lepanto [fig. 6] vediamo la galea sfruttare al meglio le sue caratteristiche.

Lepanto
A nord Mehemet Soraq e Agostino Barbarigo manovrarono sotto costa, tra secche e bassifondi, in spazi strettissimi, prendendosi vicendevolmente sul fianco (e la spunterà il Barbarigo). A sud, con Ulugh Alì, cercò di aggirare il fianco scoperto della flotta della Lega; Giovanni Andrea Doria manovrò in parallelo per impedirglielo; Ulugh Alì invertì la rotta per gettarsi nel varco aperto nello schieramento cristiano, lasciando parte della sua squadra ad impegnare il Doria per fissarne la posizione. Questi, disimpegnatosi, lo inseguì. Ci troviamo di fronte ad una serie di manovre e contromanovre, di complesse evoluzioni, eseguite in uno spazio di mare relativamente limitato a livello di squadre fino a 50-60 bastimenti. Il tutto indipendentemente dalla condizione del vento, sfruttando vele e remi a seconda della continenza, senza alcuna dipendenza dalla direzione e dalla forza del vento.

La galea era, quindi, tra Cinquecento e primo Seicento, quella che oggi viene definita una Capital Ship, la Capital Ship del Mediterraneo.
Ma il suo impiego non era limitato al solo Mediterraneo. Troviamo galee e galeotte portoghesi nell’Oceano Indiano e nel Mar Rosso, galee nordiche nel Baltico, galee spagnole nel Golfo di Biscaglia (durante le guerre di religione francesi), a Manila (comandate dal un genovese, Raggio Doria) e anche nelle Fiandre. È sulle Fiandre che mi soffermerò brevemente per concludere. Perché qui entra in gioco un altro genovese, Federico Spinola, fratello minore e socio del più celebre Ambrogio.

Federico Spinola nacque a Genova nel 1571 e studiò all’Università di Salamanca in preparazione di una futura carriera ecclesiastica. Il destino fu diverso e prese invece servizio nell’esercito delle Fiandre sotto Alessandro Farnese, duca di Parma. Nel 1598 si recò a Madrid con la proposta di costruire una flotta di galee nelle Fiandre che potesse essere utilizzata per lanciare un’invasione dell’Inghilterra.  L’approvazione fu concessa e uno squadrone di sei galee fu posto sotto il suo comando, che salpò per Sluis nel 1599, dove creo’  la sua base operativa. Altre otto galee salparono dalla Spagna sotto il suo comando nel 1602, per rinforzare lo squadrone di Sluis, ma solo quattro di queste arrivarono in porto. Due furono perse durante il viaggio nella Battaglia di Sesimbra e altri due durante la Battaglia dei Mari Stretti (1602). Il 26 maggio dell’anno seguente Spinola morì nella battaglia di Sluis (1603), portando a termine il suo disegno di adottare la guerra navale del Mediterraneo nelle acque settentrionali.  Questo ritratto fu dipinto da Federico Barocci nel 1595.

È un personaggio singolare Federico. La madre, Polissena Grimaldi, lo aveva indirizzato alla vita ecclesiastica. Federico dopo (o durante) gli studi all’Università di Salamanca decise di indirizzare il suo futuro altrove, ossia nella carriera militare. A 19 anni, nel 1590, dopo una breve esperienza a bordo delle galee della stuolo genovese si arruolò nell’Armata spagnola della Fiandre, maturando esperienza sotto la guida di Alessandro Farnese, il comandante dell’Armata. Servì come soldato ma sempre con un occhio sul mare. Osservò il teatro marittimo, riflettendo su uno dei cardini del fallimento dell’Invincibile Armada nel 1588: il blocco imposto dai navigli leggeri olandesi ai porti fiamminghi, dai quali avrebbero dovuto salpare i bastimenti con a bordo l’Armata del Farnese per attraversare la Manica sotto la protezione dell’Armada. Ma l’Armada era senza galee, era senza una base (ossia senza un porto) e i suoi galeoni e le sue navi non potevano operare sui bassifondi fiamminghi contro i legni leggeri olandesi, per togliere il blocco. Sulla base di queste riflessioni Federico nel 1594 propose all’arciduca Ernesto d’Austria, governatore dei Paesi Bassi spagnoli (il Farnese era morto nel 1592), un piano ambizioso: utilizzare galee nelle Fiandre contro il traffico olandese e inglese. Le galee avrebbero dovuto sfruttare il vantaggio della propulsione remica per attaccare le navi inglesi e olandesi in bonaccia, muovendosi agilmente sui bassi fondali.  Non solo, le galee avrebbero potuto sfruttare il loro basso pescaggio e la propulsione remica anche per compiere incursioni in territorio olandese lontano dalla linea del fronte di guerra terrestre, risalendo le foci dei fiumi e i canali, al fine di terrorizzare la popolazione. 

Arciduca Ernest d’Austria, secondogenito dell’imperatore Massimiliano II e di Maria di Spagna

Ma c’era ancora dell’altro nella testa di Federico. Una volta indeboliti gli olandesi, una flotta di galee avrebbe dovuto proteggere il passaggio dell’Armata della Fiandre in Inghilterra, con obiettivo di conquistare una città, fortificarla e farne il centro d’operazioni per la progressiva conquista del regno di Elisabetta I. Là dove i galeoni e la naos dell’Armada del 1588 avevano fallito le galee, più adatte al particolare teatro operativo e alle operazioni anfibie, potevano riuscire. L’arciduca Ernesto rimase entusiasta del piano ed inviò Federico a Madrid per presentarlo a Filippo II. La sconfitta dell’Armada però bruciava ancora troppo; Filippo non ne volle sapere di tentare di nuovo la sorte contro l’Inghilterra. Federico dovette attendere la morte del re (1598) per proporre il progetto al suo successore. Nel frattempo si occupò anche di Mediterraneo, appoggiando il progetto del fratello Ambrogio di prendere in asiento le 20 galee della squadra spagnola di Napoli (progetto naufragato a causa dell’ostilità del Viceré di Napoli, e forse anche di Giovanni Andrea Doria, che era in contrastato con Ambrogio e mal avrebbe visto un suo antagonista al comando di una delle squadre spagnole poste sotto il suo comando).

Ma torniamo alle Fiandre e all’Inghilterra. Nel 1599 Federico ottenne l’incarico di armare una squadra di galee per le Fiandre, in via sperimentale, per verificare la giustezza delle sue teorie sul fatto che la galea potesse farsi valere nel teatro di guerra fiammingo. La sperimentazione andò più che bene; Federico molestò con efficacia il traffico anglo-olandese a partire dalla sua base, il porto di Sluis. Lo fece con tanta efficacia che, a partire dall’anno successivo gli olandesi, per contrastarne l’azione, iniziarono a varare galeotte: la miglior dimostrazione dell’efficacia di un sistema d’arma è la sua diffusione tra le file de nemico. Così fu per la galea. Federico tornò a Madrid nel 1601: il periodo di sperimentazione era finito a aveva dato esito positivo; si poteva passare all’attuazione del piano di invasione contro l’Inghilterra. Il piano divenne un affare di famiglia, perché c’era bisogno di un esercito, di un corpo di truppa che rinforzasse l’Armata della Fiandre, e di un generale che reclutasse ed organizzasse il nuovo corpo, e che prendesse il comando dell’Armata nell’attacco contro l’Inghilterra. Federico coinvolse suo fratello, Ambrogio. I due reclutarono 11.000 uomini; ci misero soldi propri, prestando alla Corona fino a 800.000 ducati, per finanziare le forze di terra e la squadra di galee. Federico cercò nuove galee da unire a quelle che aveva lasciato nella Fiandre. Tra l’altro entrò di nuovo in contrasto con Giovanni Andrea Doria perché trattò l’acquisto di quattro unità della Squadra di Genova, di proprietà di un altro Ambrogio Spinola, un suo parente. Carlo Doria, figlio di Giovanni Andrea, comandava la squadra. A padre e figlio il fatto che Federico si prendesse quattro galee della loro squadra non andava giù. Carlo raggiunse Madrid per protestare, bloccando la transazione.

fig. 7

Federico dovette guardare altrove, ed ottenne delle galee portoghesi. Come andò a finire la questione? Sappiamo bene che Ambrogio Spinola non invase mai l’Inghilterra. Quando Federico (via mare) e Ambrogio (via terra) raggiungessero le Fiandre, nel 1603 (nonostante il tentativo olandese di intercettare la flotta di Federico nel passo di Calais [fig. 7 e 8]), l’Armata spagnola era impegnata da due anni nell’assedio di Ostenda. I due fratelli considerarono la conquista della città quale condizione preliminare per procedere poi all’azione oltre la Manica. Ma due episodi fecero accantonare il piano: la morte di Elisabetta I, nel marzo del 1603 – a cui seguì una relativa distensione dei rapporti tra Spagna e Inghilterra – e quella di Federico (26 maggio 1603) durante un’operazione navale collegata all’assedio (la squadra di galea veniva utilizzata per bloccare il porto di Ostenda).

fig. 8

Ambrogio non varcò mai la Manica, ma l’esperienza di Federico e delle sue galee non rimase una parentesi priva di conseguenze. Gli spagnoli e gli olandesi continuarono ad usare bastimenti mediterranei nelle Fiandre, galee e fregate (queste ultime erano bastimenti leggeri di servizio alle galee, utilizzati anche come legni corsari, solitamente di conserva con le galee); e a Dunkerque, porto dei Paesi Bassi spagnoli, dall’ibridazione delle fregate mediterranei con i galeoni nacquero le “fregate a galeone”, ossia quelle fregate armate a nave che si affermarono come bastimenti da guerra leggeri (rispetto alla nave di linea) nei due secoli successivi.

.

emiliano beriProf. Emiliano Beri
NavLab – Laboratorio di Storia marittima e navale
CEPOC – Centro interuniversitario di studi “Le Polizie e il Controllo del Territorio” 
DAFiSt – Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Università degli studi di Genova Via Balbi 6 – 16126 Genova
Emiliano.Beri@unige.it

.

testo tratto dalla relazione presentata al convegno internazionale “Navi genovesi nel Secolo dei Genova”, Archivio di Stato di Genova, 6 aprile 2018

.

PAGINA PRINCIPALE
.

PARTE I
print
(Visited 284 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share