If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

Finanza, commercio e guerra: gli affari dei Genovesi dal Quattrocento alla Rivoluzione Francese di Emiliano Beri

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XV  – XVIII SECOLO
AREA: MAR MEDITERRANEO
parole chiave: Repubblica di Genova

Introduzione
Per questa conferenza ho scelto un titolo che, come avrete notato, travalica i limiti cronologici del secolo d’oro. Perché l’ho fatto? Perché per capire il secolo d’oro bisogna guardare anche a ciò che è successo prima e a ciò che succederà dopo.

In particolare bisogna guardare anche ai due secoli che nella narrazione tradizionale sulla storia di Genova sono sempre stati considerati di decadenza:

– il Quattrocento, secolo di decadenza della Repubblica marinara medievale dopo i fasti dei tre-quattro secoli precedenti; una decadenza determinata dalla sconfitta contro Venezia nella guerra di Chioggia (1372-1380);

– il Settecento, un secolo di decadenza dopo i fasti del lungo secolo d’oro; una decadenza in questo caso provocata dalla crisi della Spagna e dalle sue bancarotte, perché i fasti del secolo d’oro erano legati alla conversione di Genova da città marittima e commerciale a città di banchieri al servizio della Spagna. Una conversione come sappiamo avvenuta nel Cinquecento.

Ma non basta una visione cronologicamente ampia per capire il secolo d’oro. Abbiamo bisogno anche di qualcos’altro, ossia di un punto visuale dal solito ovvero non dobbiamo concentrarci solo sulla storia di Genova, intesa come storia della città e della Repubblica, ma dobbiamo sulla storia dei Genovesi che, tra il XV ed il  XVIII secolo, sono un soggetto particolare solo in parte legato a Genova e alla sua Repubblica.

I Genovesi sono un soggetto internazionale, che fa affari a livello europeo e a livello globale
Genova e la sua Repubblica hanno un ruolo fondamentale negli affari dei Genovesi, e lo vedremo, ma la storia di questi affari travalica i confini della città e della Repubblica, ha un orizzonte molto più ampio, un orizzonte che sfugge se questa storia viene raccontata guardando solo a Genova e alla sua Repubblica. Oggi, quindi, vi parlerò in primo luogo della storia degli affari dei Genovesi. Questa storia negli ultimi è stata oggetto di un numero sempre crescente di ricerche, ed è grazie a queste ricerche (in parte ancora inedite, in parte pubblicate solo all’estero) e ad alcuni lavori datati (ma evidentemente poco considerati, come quelli di Heers sul Quattrocento e di Felloni sul Settecento) se oggi vi posso presentare un quadro diverso da quello tradizionale solitamente proposto dai manuali. È un quadro, quello che vi proporrò, nel quale si fa fatica a trovare momenti di crisi e fasi di decadenza nel quale le frasi canoniche “la decadenza inizia dal…” tendono a scomparire perché perdono di senso e di significato, e cedono il posto ad una dinamica di lungo periodo decisamente più lineare.


I Traffici nel Quattrocento

Partiamo da una di queste frasi canoniche: “Genova decade a partire dalla fine della guerra di Chioggia (1380) perché perde lo scontro con Venezia per il controllo del commercio nel Levante”. Non è assolutamente vero. Dopo il 1380 i Genovesi sono presenti nel Levante come e forse più di prima. Neanche l’espansione ottomana li mette fuori gioco, perché gli Ottomani hanno bisogno dei Genovesi per smerciare i prodotti che arrivano dall’Oriente attraverso le vie carovaniere asiatiche. Genova perde (e perderà) le colonie (Caffa nel Quattrocento, Chio solo nel 1566) ma i Genovesi mantengono la loro presenza, la loro presenza non dipende dall’esistenza di colonie, i porti sono empori aperti in cui i Genovesi operano come prima.

I Genovesi quindi continuano ad operare nel Levante mediterraneo, nonostante la vittoria veneziana. Ma non solo; se allarghiamo lo sguardo troviamo i genovesi impegnati a commerciare per mare e per terra in tutta Europa. Li troviamo nell’Italia tirrenica, a Marsiglia; nei regni di Napoli e di Sicilia; a Londra e nelle Fiandre; in Spagna e in Portogallo, in Nord Africa, addirittura in Polonia. Commerciano di tutto, sia merci pregiate (spezie, seta, metalli preziosi) sia quelle povere (grano, sale, allume, mastice, gualdo, legname, vino, carta, lana ecc.). E le merci povere sono importanti come quelle pregiate. Anche i traffici di merci povere, infatti, sono ottimi affari, rendono molto.

Navi e cantieri
Per guadagnare con le merci povere ci vogliono però grandi navi, perché le quantità di merci trasportate devono essere ingenti. Ed è proprio nel Quattrocento che la flotta mercantile genovese è caratterizzata da un tendenza al gigantismo. È l’epoca di quelle grandi navi che comunemente vengono chiamate caracche, ma che in realtà si chiamano naves o navi. Sono bastimenti enormi per l’epoca, la gente si accalca sui moli a guardali quando arrivano in un porto. Vanno bene sia per il commercio che per la guerra. Quelli genovesi sono i più grandi dell’epoca, e la flotta genovese è quella che ne ha il maggior numero.

Si tratta di navi costruite sulle spiagge della Liguria (soprattutto del medio Ponente, tra Sampierdarena e Savona), e sono navi di ottima qualità; in Liguria si fanno ottime navi quindi, e non solo nel Quattrocento, ma per tutti i tre secoli successivi. Non è vero che i genovesi, ossia i liguri, perdono, in età moderna, la capacità di fare ottime navi. Non è vero che dopo il Medioevo non si tengono al passo nella tecnologia della costruzione dei grandi velieri. Tutt’altro, nel Cinquecento, nel Seicento e nel Settecento in Liguria si varano navi, galeoni (prima) e vascelli (poi) di ottima qualità. Vi racconto un aneddoto. A metà Seicento quando Genova vuole dotarsi di una squadra di vascelli da guerra in servizio permanente ne acquista quattro in Olanda, perché costano di meno e i tempi di consegna dei cantieri olandesi sono inferiori a quelli dei cantieri liguri. Quando i vascelli arrivano però si capisce perché: sono navi pessime se comparate con quelle varate dai cantieri liguri. Gli olandesi puntano sul basso costo e la rapidità di costruzione; i genovesi cercano invece la qualità, e i vascelli successivi, non a caso, saranno commissionati a cantieri liguri. I maestri d’ascia liguri girano per l’Appennino scegliendo gli alberi uno ad uno. I tempi di costruzione sono quasi biblici, i costi elevatissimi, ma il prodotto finale è eccezionale

Strumenti finanziari
Abbiamo quindi un quadro molto ricco e vivace per il Quattrocento, con i Genovesi protagonisti del commercio europeo. Ma il sistema economico genovese non è fatto di solo commercio. Il commercio ha alle spalle un sistema finanziario sviluppato e moderno, fatto di immensi capitali e degli strumenti per mobilitarli. Sappiamo che i genovesi sono stati grandi banchieri a partire dal Cinquecento, ma la loro competenza finanziaria non è nata dal nulla. Nel Quattrocento (ma anche prima) i traffici genovesi hanno bisogno di investimenti, di credito e di denaro, cioè di denaro coniato. Il denaro coniato cartaceo, la cartamoneta, per come lo conosciamo oggi però non esiste, esiste solo denaro coniato in metallo; metallo prezioso soprattutto, oro e argento. Il problema però è la quantità. Il metallo prezioso è poco; e questo rappresenta una strozzatura per gli affari. Ma i genovesi hanno necessità di trafficare, e se il denaro non c’è bisogna crearlo. Come? Utilizzando tutta una serie di strumenti che permettano di fare transazioni di denaro senza spostare materialmente le monete di metallo. Questi strumenti sono l’assegno, la girata e la lettera di cambio.

Sono tutti pezzi di carta, ma pezzi di carta che permettono di effettuare transazioni, anche a distanza, senza muovere le monete. Anche la Casa di San Giorgio va inserita fra questi strumenti. Perché è vero che nasce nel 1407 come istituto di gestione del debito pubblico e di emissione di titoli di debilito pubblico, i “luoghi” (l’equivalente dei nostri bot e btp). Ma già nel 1408 la Casa apre un banco di deposito e credito. Chi aveva denari depositati ed investiti in San Giorgio poteva effettuare transazioni semplicemente attraverso una scrittura di trasferimento di una partita da un conto ad un altro, senza muovere monete. Il Banco di San Giorgio sconta anche i titoli di credito; è, in sostanza, una Banca di Stato, la prima in Europa, perché nasce 200 anni prima della Banca d’Inghilterra.

Nel momento del passaggio tra Quattrocento e Cinquecento l’ambiente economico genovese era quindi quanto mai vitale e, cosa più importante, era molto particolare. Perché? Perché aveva in sé tutte quelle caratteristiche che sono proprie del moderno capitalismo finanziario e commerciale. I genovesi avevano capitali immensi, rare competenze nella finanza, esperienza nei traffici marittimi (ivi comprese le assicurazioni). In più avevano anche competenza ed esperienza nella guerra sul mare (a partire dalla costruzione delle galee, nella loro gestione e nel come utilizzarle in battaglia; per secoli non avevano fatto altro che combattere sul mare).

Il sodalizio con la Spagna: alcune riflessioni
I Genovesi erano quindi gente rara, che nel Cinquecento inizia a fare gola alle nuove potenze europee emergenti, la Francia e la Spagna-Impero, perché queste hanno bisogno di soldi e di gente capace negli affari per finanziare le loro guerre. Tutte e due cercano di tirare i genovesi dalla propria parte; la spunta la Spagna, con Carlo V, che si accorda con Andrea Doria (1528), l’uomo che in quel momento rappresenta il patriziato genovese. Da questo momento i genovesi mettono i propri capitali e le proprie competenze nella guerra navale al servizio della Spagna. Bisogna però riflettere sul valore di questa frase, ossia sul significato che ne diamo: i Genovesi sono “al servizio della Spagna”?

Vi spiego cosa intendo. La Spagna usa i capitali e le galee genovesi, e le usa per la fare la propria politica di potenza. Ma anche i Genovesi ci guadagnano, infatti il legame con la Spagna è un’opportunità non da poco.

I Genovesi ci guadagnano, prestando capitali alla Corona spagnola e affittandogli le galee; ma non solo: sfruttano la politica di potenza spagnola per i propri interessi, anzi, arrivano in buona parte a determinarla. La Spagna dipende così tanto dai capitali genovesi che non può fare a meno di assecondare gli interessi dei genovesi. Andrea Doria e Giovanni Andrea Doria figurano tra i così detti “costruttori di strategie” di Carlo V e del figlio, Filippo II, e naturalmente elaborano, suggeriscono ed impongono strategie che corrispondono anche e soprattutto agli interessi dei genovesi. Anche le così dette “bancarotte spagnole” sono gestite dai Genovesi. Non sono affatto bancarotte; sono sospensioni temporanee dei pagamenti decise dalla cupola dei banchieri genovesi residenti a Madrid. Questi si riuniscono, prendono atto della potenziale insolvenza della Corona, stabiliscono un piano di rientro spalmato su più anni e lo presentano al re, che non può fare altro di accettarlo. In questo modo non ci perdono nulla e incrementano il loro controllo sulle finanze regie. Ma c’è di più. Quando gli Spagnoli gestiscono male una guerra (e quindi i capitali che questa assorbe) ecco che a guidare la macchina bellica spagnola ci finiscono dei Genovesi: è il caso della guerra di Fiandra, contro gli Olandesi. L’armata di terra spagnola viene affidata ad Ambrogio Spinola e la flotta a suo fratello, Federico. Non è un caso che siano due Spinola. Perché gli Spinola sono tra le famiglie protagoniste dei prestiti alla Spagna. È la cupola dei banchieri che vuole di due Spinola nelle Fiandre, per gestire direttamente una guerra che si sta rivelando militarmente ed economicamente disastrosa.

C’è ancora un altro elemento che da la misura di quanto l’ago nella bilancia del rapporto Spagna-Genovesi sia inclinato dalla parte di questi ultimi. Quando Andrea Doria si accorda con Carlo V ottiene, per contratto (con relativa clausola), che il nuovo stato genovese, che lui e i patrizi che lo sostengono hanno in mente, resti indipendente, non venga annesso alla Spagna. Questo nuovo stato è la Repubblica di Genova (finalmente Repubblica, non più Comune); nasce nel 1528. È uno stato che sarà, nella sostanza, il baricentro dell’Impero spagnolo per quasi due secoli. E lo sarà non solo dal punto di vista finanziario, ma anche, per quanto riguarda il Mediterraneo, dal punto di vista geo strategico, perché l’Impero spagnolo nel Mediterraneo è formato da territori divisi da mare, e l’asse di comunicazione principale utilizzato dagli Spagnoli per raggiungere Milano, Napoli e Palermo passa da Genova. Gli Spagnoli ci provano ad annettere Genova. Accade dopo la congiura dei Fieschi del 1547. Carlo V invia suo figlio, il futuro Filippo II, a trattare con Andrea Doria e col suo braccio destro, un grande banchiere, Adamo Centurione. Ma Andrea e Adamo non ci sentono. Ribadiscono che Genova sta e starà con la Spagna, ma a modo suo, e presentano a Filippo un piano di riforma della Repubblica in senso autoritario. Glielo offrono a mo’ di garanzia, ma in realtà il piano è fatto in primo luogo nel loro interesse.

Perché i Genovesi ci tengono tanto ad avere uno stato indipendente?
La spiegazione va cercata sempre negli affari, negli interessi economici. L’indipendenza, infatti, garantisce libertà di movimento negli affari.

Gli affari dei genovesi tra Cinque e Seicento: alcuni esempi
Essere legati alla Spagna è un’opportunità, perché è la maggiore potenza del momento e sta costruendo un impero mondiale. Ma se Genova venisse annessa e la Spagna andasse in crisi? Genova, da annessa, la seguirebbe. Non solo. Se Genova venisse annessa i Genovesi potrebbero fare affari con i nemici della Spagna? Certamente no. La strategia dei Genovesi è quindi chiara: leghiamoci alla Spagna, ma teniamoci uno stato tutto nostro, che ci garantisca la possibilità di sganciarci dalla Spagna se sarà necessario e ci dia la possibilità di fare affari anche con i soggetti che alla Spagna non vanno molto a genio.

Un esempio? L’affare del corallo. Il corallo è un ottimo esempio sia della portata globale che hanno gli interessi genovesi, anche grazie alle opportunità offerte dal legame con la Spagna, sia dei vantaggi dell’indipendenza di Genova e della libertà di movimento che ne deriva. Il corallo rosso mediterraneo è prezioso, perché ha una valenza speciale in età moderna: è l’unica merce europea, insieme all’argento, che ha mercato in Cina. Per accedere al mercato delle spezie e dei manufatti cinesi non c’è alternativa: servono argento o corallo. I genovesi controllano il mercato del corallo: sia perché la sua pesca è un’attività specializzata che fanno solo i liguri (prima del Ponente, poi, nel XVIII secolo, del Levante) e i napoletani; sia perché hanno il controllo delle aree dove viene pescato; Corsica (genovese), Sardegna (spagnola) e Tabarca (isola tunisina, concessa dal sovrano di Tunisi alla famiglia genovese dei Lomellini). 

Il corallo, una volta pescato, come arriva in Cina? Le vie sono due, ed entrambe portano a Goa, colonia portoghese in India. La prima, attiva tra Cinquecento e Seicento, parte da Alessandria d’Egitto, e raggiunge Goa attraverso Mar Rosso e Aden. La seconda, attiva tra tardo Seicento e primo Settecento, parte da Lisbona: è la rotta marittima portoghese Lisbona-Goa, che circumnaviga l’Africa. Ora, il Portogallo è spagnolo dal 1580 al 1640, dopo il 1640 il Portogallo e la Spagna sono concorrenti e nemici. Ma questo non impedisce ai Genovesi, indipendenti, di fare affari coi Portoghesi. I rapporti con i Portoghesi precedono il 1640 e lo seguono, lo stato di guerra con la Spagna non influisce minimamente.

Nella seconda metà del Seicento troviamo, ad esempio, Genovesi a Lisbona impegnati nel commercio col Brasile e con l’Angola portoghese (lo vedremo meglio a breve). Goa è quindi, tra tardo Seicento e inizio Settecento, il terminale del traffico del corallo genovese gestito da due fratelli Fieschi. Ed è anche la base di partenza del traffico di ritorno: perché questi due Fieschi fanno muovere il corallo tra il Mediterraneo e Goa e i diamanti di Golconda (India) e le spezie di Ceylon, insieme a prodotti cinesi, da Goa al Mediterraneo.

Giannizzero XV secolo

Nel caso di Alessandria d’Egitto il valore dell’indipendenza genovese e della libertà di movimento che ne deriva è ancora più evidente. Alessandria è un porto dell’Impero ottomano, nemico giurato della Spagna. Come fanno i Genovesi ad accedere la porto di Alessandria? Semplice, si mettono in società con dei Francesi (di Marsiglia), altri nemici della Spagna, ma amici degli Ottomani. Essere in società coi Francesi permette quindi l’accesso ad Alessandria, ma non solo, ha anche un secondo vantaggio: garantisce l’immunità delle imbarcazioni utilizzate dai Genovesi di fronte ai corsari ottomani e barbareschi. Gestiscono l’affare la famiglia Di Negro: sono loro ad entrare in società coi Marsigliesi, ad usufruire dei salvacondotti francesi da mostrare ai corsari: tutto fatto in barba alla Spagna.

Il governo genovese favorisce in ogni modo la loro attività, concedendo degli sgravi fiscali, il diritto di armare navi da guerra, di utilizzare i cavalleggeri e le torri della Corsica e di costruire, se necessario, anche nuovi torri (lo faranno, finanziandole di tasca propria). I Di Negro chiedono anche di poter tenere un giannizzero sull’ammiraglia della flotta di coralline (che conta, a seconda dell’anno, tra le 150 e le 200 unità), cioè un soldato scelto ottomano che possa mostrare i salvacondotti francesi ai corsari barbareschi. È l’unica concessione che il governo genovese rifiuta: avere un giannizzero a bordo di una nave genovese è troppo, anche per la flessibilità pragmatica dei Genovesi.

scudo famiglia Lomellini

Il corallo è solo un esempio
Nel Seicento i Genovesi fanno altri ottimi affari sfruttando la loro posizione autonoma rispetto la Spagna, e sfruttando al contempo il legame con la Spagna. Commerciano, come ho già accennato, col Brasile, colonia portoghese, e nello stesso momento commerciano anche con le colonie spagnole in America. E anche in questo caso, ve l’ho già detto, il 1640 non è un problema. Quando i Portoghesi si ribellano alla Spagna gli affari coi Genovesi continuano: Genovesi e Portoghesi si accordano.

I Genovesi stanno tranquillamente a Lisbona come a Madrid, la rivalità tra Spagna e Portogallo non li riguarda. Nella seconda metà del Seicento troviamo i Genovesi anche nell’Africa equatoriale portoghese (a Luanda, in Angola), per la gestione, ottenuta in monopolio, della tratta schiavile verso le colonie americane della Spagna. In questo momento i Genovesi (compagnia Lomellini-Grillo) controllano il commercio triangolare Europa-Africa-America e usano navi liguri per muoversi nell’Atlantico.

Sempre in questo momento anche la Flotta spagnola della Indie, quella che porta l’argento americano in Spagna, è fatta soprattutto di navi genovesi, sia nella componente mercantile che in quella militare (la componente militare è formata da una squadra di vascelli genovesi, con bandiera spagnola naturalmente, comandata da Ippolito Centurione). Ma per vendere schiavi nelle colonie spagnole i Genovesi si accordano anche con i nemici degli Spagnoli: non solo con i Portoghesi (per acquistare schiavi a Luanda) ma anche con Inglesi e Olandesi (la WIC, Compagnia olandese delle Indie Occidentali) – storici nemici degli Spagnoli – per usufruire di altre fonti di approvvigionamento di schiavi, per avere accesso ai porti inglesi e olandesi nelle Antille e per non avere rogne con i corsari/pirati Inglesi e Olandesi, che non disdegnano mai di predare qualche nave spagnola, anche in tempi di tregua o di pace.

L’argento americano
I soggetti che fanno soldi con tutti questi e con altri affari (abbiamo anche mercanti di cannoni, di pelli, sete e molto altro) sono gli stessi che prestano capitali alla Spagna, sono i classici banchieri genovesi. Soggetti che, quindi, non sono solo banchieri, diversificano gli affari e gli investimenti, guadagnando su più fronti. Prima vi ho citato l’argento, come unica merce spendibile in Cina insieme al corallo. L’argento è un altro dei grandi affari genovesi. È argento spagnolo, viene estratto in Messico e in Perù, ma una gran parte resta spagnolo per poco, perché la Spagna è perennemente indebitata coi genovesi e i genovesi ricevono in pagamento di interessi e crediti tonnellate di argento. Stiamo parlando di quantità immense di denaro: nelle fiere di cambio (appuntamento trimestrali in cui vengono trattati debiti e crediti, come nella attuali camere di compensazione bancarie) i banchieri genovesi nel primo Seicento muovono capitali per 100 milioni di scudi d’oro annui. Si tratta di una cifra pari alla somma dei bilanci di stato di Spagna, Francia, Inghilterra e stati italiani messi assieme.

Forse avrete sentito qualche volta quella frase che identifica Genova come tomba dell’oro americano
C’è un doppio errore in questa frase. Il primo è di traduzione: la frase, di Francisco de Quevedo, è sul “dinero”, e va tradotto come argento. Il secondo è dell’autore. Quevedo quando scrive questa frase non sa probabilmente che l’argento, una volta arrivato a Genova, viene investito in una pluralità di affari. L’argento viaggia, lungo tanti percorsi diversi. I genovesi lo usano per finanziare tutti gli affari di cui abbiamo parlato finora, e altri ancora, ad esempio l’acquisto di seta siciliana, a Messina e Palermo, o l’acquisto di feudi e titoli nobiliari nel Regno di Napoli. Uno dei percorsi più interessanti dell’argento genovese è quello che raggiunge Londra. Nell’anno 1600 gli inglesi fondano la Compagnia della Indie Orientali per commerciare con India e Cina; hanno quindi bisogno di argento, perché abbiamo detto che per commerciare con l’Oriente serve l’argento. Si rivolgono quindi a chi ha argento, e nessuno in Europa in quel momento ha così tanto argento come i Genovesi. I Genovesi glielo vendono, facendolo transitare attraverso la Spagna fino ai porti delle Asturie e della Galizia; in barba agli spagnoli, perché gli inglesi sono nemici degli spagnoli. Ma come fanno i Genovesi a farlo arrivare nei porti asturiani e galiziani, visto che gli Spagnoli, naturalmente, non vogliono? Usano le casse dell’Inquisizione che godono dell’immunità, ossia non possono essere controllate dalle autorità statali spagnole. I genovesi sono ben introdotti nell’Inquisizione spagnola: in quegli anni Agostino Spinola, figlio di Ambrogio, è arcivescovo di Siviglia, membro del Consiglio di Stato della Corona ed è legato all’Inquisitore generale Pacheco. Così le casse dell’Inquisizione diventano il vettore per fare affari con gli, eretici, Inglesi.

La grande truffa del Seicento
Un altro percorso interessante compiuto dall’argento è quello che lo porta, per pochi anni, nella seconda metà del Seicento, nell’Impero ottomano, tramite Smirne. I Genovesi hanno tanto argento e gli Ottomani apprezzano molto l’argento e hanno molto da vendere (merci orientali, pelli soprattutto). D’altro lato gli Ottomani apprezzano l’argento soprattutto in una forma, una moneta francese, il luigino; e hanno una debolezza, non se ne capiscono molto di monete, non sanno riconoscere quelle false. I Francesi sfruttano questa debolezza e cominciano a usare come mezzo di pagamento luigini adulterati.

I Genovesi fiutano l’affare, intavolano trattative con gli Ottomani (perché fino a quel momento erano in guerra), stipulano un accordo e cominciano a mandare navi a Smirne, cariche di luigini adulterati. I patrizi genovesi coniano luigini nelle zecche dei loro feudi nell’Appennino e nel Basso Piemonte, così non devono rendere conto alla Repubblica di quello che fanno. Il luigino originale ha 8/12 di argento. I Genovesi iniziano a coniarli con 7/12, poi con 6, poi con 5, 4 e 3/12… arrivano fino a 2/12. A 2/12 ecco che qualcuno se ne accorge: sono gli inglesi, che commerciano con gli Ottomani e ricevono in pagamento delle loro merci tonnellate di questi luigini falsi. Quando gli Inglesi si scaldano, perché questa speculazione danneggia i loro affari, il Sultano interviene e il traffico cessa. Ma è durato abbastanza per far guadagnare ai Durazzo e ai loro soci cifre enormi.

L’altra faccia della medaglia è quella dei danni provocati all’economia ottomana: la Grande Truffa la devasta, provocando un’inflazione di dimensioni tali da essere considerata oggi come fattore centrale nella crisi dell’Impero, crisi che si concretizza, non a caso, proprio alla fine del Seicento.

Il Settecento
Nel Seicento, quindi, i Genovesi sono più attivi e più ricchi che mai. E nel Settecento? È questo il secolo della crisi dei Genovesi? La Spagna nel Settecento cessa di essere una grande potenza; e Genova, la segue nel declino? La risposta è no. Il declino spagnolo inizia dopo il 1659. I banchieri genovesi se ne rendono conto e cominciano a sganciarsi dalla barca che affonda. Iniziano a prestare sempre meno soldi alla Spagna e cercano altri investimenti, più sicuri, sempre nel debito pubblico. Nella seconda metà del Seicento ecco capitali investiti nel debito pubblico dello Stato della Chiesa e alla Repubblica di Venezia. Poi nel Settecento i Genovesi diversificano ancora di più, e investono nel debito pubblico sostanzialmente di ogni stato europeo: Francia, Austria, principati tedeschi, Svezia, Danimarca, Gran Bretagna, Regni di Napoli e Sicilia, Granducato di Toscana, Regno di Sardegna, Russia e ancora la Spagna (contribuendo anche, dopo la guerra di Successione spagnola e l’ascesa dei Borbone, a ricostruirne la flotta, sotto direzione di Stefano De Mari e con navi anche genovesi). Si tratta di investimenti per milioni e milioni di lire genovesi, ancora cifre enormi quindi, garantite dal gettito delle tasse dei debitori. In Russia, ad esempio, i prestiti alla zarina Caterina la Grande sono garantiti dal gettito della tassa sul consumo di vodka. Un investimento sicuro in Russia non poteva che incardinarsi sul consumo della bevanda tradizionale. Nel Settecento i Genovesi continuano anche a commerciare, soprattutto nel Mediterraneo, che nel Settecento è un teatro molto più vitale di quanto si pensi. Normalmente si pensa che il Mediterraneo decada dopo il Cinquecento. Di sicuro non è più il centro nel mondo, ma continua ad essere vitale, e nel Settecento l’intensità dei traffici al suo interno sembra crescere (ma questo è un tema ancora da studiare). Fuori dal Mediterraneo troviamo ancora genovesi nell’America Latina. Se nell’Ottocento l’emigrazione ligure prenderà la via del Sud America un motivo c’è. I Genovesi qui sono presenti da secoli, forse fin dal Cinquecento, poi sicuramente nel Seicento, e ancora nel Settecento e nell’Ottocento: è una presenza persistente.

Nel Settecento, quindi, i Genovesi sono ancora attivi negli affari, e sono ancora ricchissimi. Nel 1787 un Durazzo lascia, alla morte, un patrimonio di 17 milioni di lire. È più del triplo del bilancio dello stato genovese (5 milioni); è una cifra quasi pari allo stanziamento straordinario stabilito dalla Francia rivoluzionaria per salvare la patria in pericolo nel 1793 (20 milioni di franchi). Si tratta di una cifra enorme; ed è solo un esempio di quale fosse ancora la ricchezza dei Genovesi.

Conclusioni
Un brutto colpo i Genovesi lo ricevono proprio dalla Rivoluzione francese, che azzera i crediti vantati verso il regno di Francia. Ma ancora alla fine del Settecento e nei primi decenni dell’Ottocento i Genovesi sembrano avere cifre enormi da investire. Nel 1797 gli Stati Uniti si rivolgono ad un Durazzo per avere un prestito, ma l’affare sfuma perché gli gli Stati Uniti non sono considerati del tutto “affidabili”. Le informazioni raccolte dal console genovese negli States fanno optare il Durazzo per condizioni che gli americani non accettano.

Quindi, tirando le somme, quando si concretizza la decadenza dei genovesi? Nell’Ottocento? Può darsi, ma è un secolo ancora da studiare in gran parte. È vero che nel Settecento i Genovesi non hanno più una posizione predominante nella finanza mondiale. Ora non sono i più ricchi del mondo come nel Secolo d’oro (1528-1684), non perché siano decaduti, ma perché altri li hanno affiancati e superati: i Britannici e gli Olandesi soprattutto.

Quindi se vogliamo usare il termine decadenza lo dobbiamo fare al massimo in senso relativo, non assoluto, come perdita di predominio, non come reale impoverimento. È lo stato genovese, la Repubblica, a vivere una fase di crisi nel Settecento, ma non i Genovesi, il discorso per i Genovesi appare del tutto differente.

emiliano beriProf. Emiliano Beri
NavLab – Laboratorio di Storia marittima e navale
CEPOC – Centro interuniversitario di studi “Le Polizie e il Controllo del Territorio” 
DAFiSt – Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Università degli studi di Genova Via Balbi 6 – 16126 Genova
Emiliano.Beri@unige.it

Testo della conferenza tenuta da Emiliano Beri il 23 gennaio 2018 nell’ambito del ciclo di incontri “Genova nel secolo d’oro (1528-1684)” (curato dall’Associazione Genovapiedi e da Giacomo Montanari)

PAGINA PRINCIPALE

 

print

(Visited 535 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

2 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
marine militari
Marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share