If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

La guerra navale nel Mediterraneo e nelle Fiandre nel XVI secolo: il perché del successo della galea – parte I di Emiliano Beri

livello elementare
.
ARGOMENTO: STORIA NAVALE
PERIODO: XVI SECOLO
AREA: OCEANO ATLANTICO E MAR MEDITERRANEO
parole chiave: galea
.

Fig. 1. C. De Grassi, Veduta di Genova nel 1481 – Galata Museo del Mare di Genova

Per guardare al contributo genovese alla guerra sul mare nel Cinquecento non può si prescindere dallo studio del connubio navale, finanziario e commerciale tra la Genova e la Spagna asburgica. Si tratta di un connubio che ha un preciso punto di partenza: l’accordo del 1528 tra Carlo V, re di Spagna e Imperatore dal Sacro Romano Impero, e Andrea Doria, ammiraglio, proprietario di galee (dodici in quel momento) e nuova figura di riferimento di riferimento del patriziato genovese (accordo che è conservato in questo Archivio). Carlo V in quel momento era in guerra in Italia contro la Francia e nel Mediterraneo contro l’Impero ottomano (e, tra l’altro, meno di un decennio dopo, nel 1536, Francia e Ottomani si coalizzeranno contro di lui). Carlo aveva bisogno di capitali, aveva bisogno anche di un collegamento marittimo con Milano e con l’Italia meridionale, aveva bisogno di know-how marittimo e navale.

Genova aveva capitali in abbondanza e si trovava nella posizione chiave per collegare la Spagna con Milano e con Napoli e Palermo (lungo l’asse più a nord, quello più distante dalle basi dei corsari nordafricani – non a caso la rotta spagnola del Mediterraneo occidentale sarà incardinata proprio su Genova; rimando al lavoro di A. Pacini, «Desde Rosas a Gaeta», Milano 2013). Genova aveva anche, naturalmente, il know-how marittimo e navale. Un know-how plurisecolare che, tra l’altro, già nel Medioevo i genovesi avevano messo al servizio di diversi sovrani europei (Impero, Francia, Castiglia e Portogallo). I genovesi sapevano come costruire galee e navi, come gestirle dal punto di vista materiale e finanziario, come condurle nelle operazioni navali e in battaglia. Combattevano sul mare da secoli, per Genova e per altri.

Fig. 2  G. Vigne, Veduta di Genova, (inizio XVI secolo), Museo Navale di Genova-Pegli

Genova aveva quindi tutto ciò che Carlo V cercava
Non solo: i genovesi vedevano nella Spagna l’opportunità di fare affari sia con la monarchia che si stava affermando coma la maggiore potenza europea del momento, sia di fare affari sotto l’egida della maggiore potenza europea del momento (sfruttando la sua politica di potenza, le sue colonie e la sua bandiera), mantenendo però l’indipendenza per avere quei margini di manovra (ossia fare affari anche coi nemici della Spagna) e di sganciamento che un’annessione avrebbe precluso. Ora concentrerò la mia breve riflessione proprio sul know-how navale, perché al navale ispano-genovese sono collegate alcune problematiche.

Fig. 3. L Calvi, Assedio alla fortezza bassa di Corone, 1532, Galata Museo del Mare di Genova

Il navale genovese, ossia l’arte di far la guerra sul mare, nel Quattrocento era evoluto all’insegna del binomio nave e galea. La comparsa della nave nella guerra sul mare, ossia come unità inserita nelle flotte da battaglia, è una novità quattrocentesca. Le flotte da battaglia genovesi del Duecento e del Trecento erano formate da galee. Ma nella battaglia di Bonifacio (1421) e in quella di Ponza (1435) già le navi sono protagoniste, o quantomeno co-protagoniste. E nel corso del Quattrocento e del Primo Cinquecento le testimonianze di flotte miste non mancano. Ne vediamo alcuni esempio qui: la flotta che ha soccorso Otranto nel 1482 (o riunita per soccorre Otranto l’anno precedente) [fig. 1]; la flotta genovese che affronta quella francese di Luigi XII (primo Cinquecento) [fig. 2]; la flotta di Andrea Doria impegnata nella presa della fortezza di Corone (1532) [fig. 3].

Sappiamo che la storiografia navale – mi riferisco in primo luogo a quella anglosassone e nordica, con alcuni italiani che le sono andati dietro – guarda allo sviluppo della nave in età moderna come al futuro, alla modernità navale, perché solo la nave permetterà lo sviluppo della potenza di fuoco. La galea invece viene guardata come un retaggio del passato, un bastimento anacronistico per l’età moderna, come anacronistiche sono le realtà che continuano a farvi ricorso. Sappiamo che Lepanto (1571) viene spesso presentata come l’ultima battaglia tra galee, quasi che sia un atto di chiusura di un’epoca passata che finalmente lascia il posto alla modernità fatta di navi irte di cannoni.

Fig. 4 la flotta della lega Santa a Messina 1571 

Ma se andiamo ad osservare la flotta della Lega Santa che combatté a Lepanto vediamo galee, galeazze e navi [fig. 4].

Le domande che ci poniamo sono:
Come mai le navi a Lepanto vennero relegate ad un ruolo esclusivamente logistico?
Cosa era successo tra il primo Cinquecento e Lepanto, tra Corone (1532) e Lepanto (1571)?

Il momento chiave va individuato nella battaglia della Prevesa (28 settembre 1538). Alla Prevesa la mancata vittoria della flotta della Lega ispano-veneziana (in forte superiorità numerica rispetto a quella ottomana), fu attribuita da Andrea Doria, ammiraglio della flotta, alla difficoltà nel coordinare l’azione di galee e navi. Le navi potevano si essere riempite di cannoni a guisa di castelli galleggianti, ma peccavano di manovrabilità in battaglia, soprattutto negli spazi stretti, sotto costa, in assenza di vento o con vento contrario. Condizioni frequenti nel Mediterraneo, dove si navigava quasi sempre sotto costa, si combatteva sempre sotto costa, e si navigava nella buona stagione, quando le calme non mancavano.

Dopo la battaglia navale di Prevesa Andrea Doria dirà basta con l’impiego di navi e galee in battaglia; solo galee, niente navi. Non è un caso se nel prosieguo delle operazioni navali della guerra mediterranea del Cinquecento , fino a Lepanto e oltre, le squadre da battaglia saranno formate da galee, con le navi relegate a compiti di trasporto. Solo nel corso del Seicento le qualità nautiche della nave miglioreranno al punto da reintrodurla, nella forma del galeone-vascello e della fregata, nella guerra navale mediterranea (nella guerra di Candia 1645-1669, ad esempio, il binomio vascello-galea darà la fortuna della flotta veneziana, determinando la sua superiorità su quella ottomana).

Ma anche nel Seicento, e ancora nel Settecento, la galea non sparirà, perché per determinati compiti operativi continuerà ad essere fondamentale, in forza della sua manovrabilità, del pescaggio ridotto e della propulsione remica. Per la guerra di corsa, le operazioni di polizia marittima e le operazioni anfibie continuerà ad essere fondamentale, perché in possesso di caratteristiche che vascelli e fregate non avevano. La propulsione remica, soprattutto, era così tanto importante, nel teatro mediterraneo (ma non solo), per i compiti operativi di cui ho appena detto, da essere applicata alla stragrande maggioranza dei bastimenti destinati a questi compiti, ivi comprese le navi, nella forma della nave-galera e della fregata-galera, che si affermano nel Seicento e sono ancora diffuse nel Settecento (le utilizzarono, fra gli altri, gli inglesi, gli olandesi e i francesi. Alcuni esempio, uno inglese del Seicento e due veneziani del settecento, sono proposti nella fig. 5 sottostante).

Ma torniamo al Cinquecento
La galea che sfruttava il vento ogni volta che poteva, e utilizzava i remi quando il vento non era favorevole o quando gli spazi di manovra erano troppo stretti per affidarsi al vento. Aveva un cannone di corsia che era superiore per calibro e gittata ai pezzi imbarcati sulle navi. Non solo, fino all’introduzione delle batterie a pelo d’acqua, quando serrava la distanza con una nave, restava defilata rispetto al tiro dei suoi cannoni. Era quindi uno strumento bellico più flessibile ed efficace della nave nel teatro mediterraneo.

 

emiliano beriProf. Emiliano Beri
NavLab – Laboratorio di Storia marittima e navale
CEPOC – Centro interuniversitario di studi “Le Polizie e il Controllo del Territorio” 
DAFiSt – Dipartimento di Antichità, Filosofia e Storia Università degli studi di Genova Via Balbi 6 – 16126 Genova
Emiliano.Beri@unige.it

testo tratto dalla relazione presentata al convegno internazionale “Navi genovesi nel Secolo dei Genova”, Archivio di Stato di Genova, 6 aprile 2018

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 504 times, 1 visits today)
Share

1 commento

  1. 08/05/2018    

    complimenti emiliano. anzi complimentissimi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

17 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share