If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

South Cina Karts Plain Project – da SIMSI

livello elementare
.
ARGOMENTO: SUBACQUEA
PERIODO: XXI SECOLO
AREA: OCEANO PACIFICO
parole chiave: esplorazione, Cina

 


Il “South Cina Karts Plain Project” è un importante progetto dedicato all’esplorazione di uno dei paesaggi carsici tropicali più spettacolari del mondo situato nel sud della Cina, più precisamente nella regione autonoma del Guangxi.

SIMSI ha intervistato Simone Nicolini, guida ambientale e subacquea, appassionato di fotografia e biologia marina e proprietario, insieme a Stefania Mensa, dell’Argentario Divers di Porto Ercole. Si occupa dell’aspetto tecnico del diving, dell’organizzazione delle immersioni tecniche e dei corsi. La curiosità lo ha portato a specializzarsi in vari settori della subacquea tecnica, in particolare nell’esplorazione di relitti, pareti e secche. Simone ha preso parte al progetto e si è occupato di condurre le immersioni di esplorazione nelle nuove grotte ed effettuare le riprese video.

Quale è stato il tuo primo contatto con il mondo dei sub, ti sei appassionato a questo mondo fin da bambino o è stato un percorso che hai intrapreso da adulto?

Tutta colpa di un amico di mio padre! Si chiama Walter, è una persona molto attiva, appassionato subacqueo, amante del mare, della pesca, della vela e di tutti gli sport all’aria aperta. Fin da piccolo mi portava sempre con lui facendomi partecipare a tutte le sue attività all’aria aperta fin quando una sera, dopocena, ha iniziato a proiettare le fotografie subacquee che scattava in giro per il mondo: Maldive, Mar Rosso, Borneo e Sugologone, una risorgenza che si trova in Sardegna che sin da piccolo ha sempre attirato la mia curiosità. Quelle immagini proiettate quella sera mi segnarono il cuore e da allora ho deciso di dedicare la mia vita all’esplorazione del mare. 

Sappiamo che ami l’esplorazione dei siti (subacquei) profondi e meno frequentati. Fra le tante spedizioni ce n’è una che ricordi in particolare per le emozioni che ti ha fatto provare?
In realtà quando esplori un sito sconosciuto è sempre molto adrenalinico … sia che si trovi a due miglia dal porto “di casa” sia che si trovi dal altra parte del mondo! Uno dei momenti più emozionanti che ho vissuto è stato proprio nel corso dell’esplorazione di un relitto nelle nostre acque, precisamente all’altezza di Montalto di Castro. Da anni avevo il punto della nave segnato sul GPS di bordo. L’avevo preso consultando il famoso libro di Fusco “Il fondo del Mare” che riportava un bastimento affondato proprio davanti alla spiaggia di Corneto.  Corneto oggi non esiste più, si chiama Tarquinia, il nome è stato cambiato nel 1922 dopo la grande guerra. I pescatori locali lo chiamano il vapore Romeo, lo chiamano così e non so perché … magari Romeo è il nome del capo-pesca che l’ha trovato per primo perdendoci le reti! Il tratto di mare tra Montalto e Tarquinia è conosciuto dai subacquei come un tratto di mare insidioso, con acque spesso torbide e forti correnti. Non a caso per anni abbiamo evitato di andarci, ma questa volta è diverso, scatta una molla, l’istinto dice di andare a vedere cosa si nasconde in quel punto.

Approfittiamo di una splendida giornata di mare calmo e decidiamo di andare a fare un giro di perlustrazione con Marco Donato e Massimiliano (il Presi). Passiamo sul punto e l’ecoscandaglio delinea immediatamente una sagoma scura che dal fondo alza quasi 30 metri, siamo eccitatissimi … facciamo ampi giri per capire meglio le dimensioni e l’orientamento del relitto dopodiché lanciamo il pedagno. Ci tuffiamo, rapido check e giù, il silenzio del mare rotto solamente dal rumore sordo di un peschereccio che sta navigando qualche centinaia di metri più a nord. Discesa stupenda, densa di emozioni: tutte le gradazioni di blu racchiuse in 5 minuti, dall’azzurro del cielo al blu cobalto e più i metri scorrono più tutto diventa intenso e scuro. Ad un certo punto si materializzano davanti a noi nuvole di anthias, ci siamo, siamo vicini! La discesa prosegue fino a quando ci troviamo davanti uno spettacolo surreale. La nave è avvolta da un manto di nebbia, ed emerge imponente la prua che si staglia verso la superficie inclinata di 45°, l’inclinazione è tale che all’altezza del bompresso mancano 20 metri per arrivare sul fondo! Sembra la sagoma di un veliero fantasma.

Il bompresso è ancora integro e le ancore sono ancora al loro posto. Un guizzo improvviso rivela la presenza di due pesci luna che, disturbati dai lampi dei flash decidono di spostarsi di qualche metro. Torniamo ad ammirare la nave concentrando l’attenzione sull’attaccatura del bompresso in modo da scorgere particolari utili per il riconoscimento della nave. A prua la zona degli argani è coperta da cavi e reti perse da pescatori. Magari sono gli attrezzi da pesca persi proprio dal famoso Romeo. Ci dirigiamo verso la coperta della nave, il ponte probabilmente era in ferro e legno, si distinguono bene i bagli e i locali sotto la prua. Riconosciamo i locali dove venivano riposti lanterne e fanali di via, ci affacciamo e li troviamo infatti ancora intatti al loro posto. Ci fermiamo per qualche scatto dopodiché decidiamo di esplorare il resto della nave ma nello scendere, avvicinandoci verso il fondale la visibilità cala drasticamente e optiamo per risalire, oramai il tempo pianificato è scaduto ed è ora di risalire.  Caro MisterX ci vediamo alla prossima puntata!

Come descriveresti i paesaggi carsici tropicali agli occhi di una persona che non li ha mai visti e cosa ti ha colpito di più di questo territorio che pochi conoscono?

Penso che questa foto valga più di mille parole.

South China Karts Plain Project 2019, foto di Marco Bossi

Cos’è il South Cina Karts Plain Project e quale è il suo scopo?
La zona sud occidentale della Cina, più precisamente nella regione del Guangxi è presente una vasta area carsica circondata da innumerevoli corsi d’acqua. Dal punto di vista geologico da sempre questa zona offre fantastiche scoperte e nuove emozioni. E’ talmente vasta, impervia e inesplorata che è molto facile imbattersi in una cavità o in una grotta non conosciuta o non catalogata. La particolarità dell’area è che le grotte subacquee si trovano prevalentemente lungo i fiumi. Non sono facili da scoprire, a meno che tu non cerchi le lavandaie dei villaggi; loro conoscono il fiume a menadito e sanno dove sono le zone dove l’acqua è più pulita.

Spesso questo significa che nei pressi c’è una sorgente d’acqua fresca e sta a chi la trova capire se si sviluppa una grotta subacquea oppure no! Lo scopo di questo progetto è quello di scoprire nuove grotte subacquee, esplorarle e metterle in sicurezza, che vuol dire farne un rilievo topografico e posizionare all’interno della grotta una sagola fissa completa di segnaletica direzionale che possa essere utilizzata per agevolare l’ingresso e la progressione per i subacquei che verranno successivamente ad esplorare la grotta. Questo lavoro è molto utile per la comunità subacquea locale, perché mette a loro disposizione i rilievi delle grotte e una sagola guida che li aiuterà nel proseguimento delle future esplorazioni.

un ringraziamento a Pasquale Longobardi, SIMSI 

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 59 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 42 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

11 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share