If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Vivere sul fondo di Giorgio Caramanna

Uomini sul fondo
Tutti ricordano quando, nel 1969, Neil Armstrong e Buzz Aldrin,  per la prima volta nella storia dell’Umanità, misero piede sulla Luna. Una grande impresa per la conquista dello spazio che aveva seguito un’altrettanto incredibile sfida incominciata sette anni prima negli abissi.

Eravamo nel 1962 quando il ventinovenne Robert Stenuit aveva dimostrato che l’Uomo poteva vivere sott’acqua rimanendo per 24 ore alla profondità di circa 60 metri all’interno di un habitat decisamente spartano, un cilindro metallico lungo 3.3 metri e del diametro di soli 90 centimetri. Questa struttura era stata progettata dal geniale e versatile Edwin Link già noto per aver realizzato il primo simulatore di volo. Era l’inizio del sogno di conquistare le profondità marine e di viverci per prolungati periodi di tempo. La miscela respiratoria scelta per Stenuit durante la permanenza sul fondo era composta dal 97% di elio e dal 3% di ossigeno. Queste percentuali garantivano assenza di narcosi d’azoto e limitavano la potenziale tossicità di respirare ossigeno ad alte pressioni parziali.

Una rappresentazione artistica delle strutture di “Precontinente II”

Un anno dopo, nel 1963, fu il mitico Jacques-Yves Cousteau  a cimentarsi nella realizzazione di un vero e proprio habitat sommerso. Nel Mediterraneo, lungo la costa, francese  e nelle calde acque del Mar Rosso vengono calati gli habitat della missione PRECONTINENTE programmata in 3 fasi. Dopo i primi esperimenti, nella seconda fase, in un’ambientazione degna di un film di fantascienza, un gruppo di “acquanauti” mangia, dorme e lavora per trenta giorni consecutivi alla profondità di 30 metri.

A differenza dello spartano “cilindro di Link” gli acquanauti di PRECONTINENTE II sono ospitati in una struttura con ambienti multipli dalla forma simile ad una stella di mare con tanto di garage per un piccolo sottomarino. 

Il documentario della spedizione “Il mondo senza sole”  vincerà un Oscar nel 1965. L’ultimo atto di PRECONTINENTE vede sei acquanauti vivere per  tre settimane a 110 metri di profondità al largo di Cap Ferrat. Durante la permanenza i subacquei riescono anche ad effettuare la simulazione di una manutenzione su un ipotetico pozzo petrolifero sul fondo.  E’ la prova definitiva che l’Uomo può lavorare efficacemente sott’acqua. 

Sempre negli anni ’60 la Marina Militare Statunitense finanzia il progetto “Man in the sea” con gli habitat “Sealab”. Durante Sealab II 15 acquanauti si alterneranno per una permanenza di 45 giorni alla profondità di 60 metri al largo delle coste della California. Sealab purtroppo termina bruscamente a seguito della morte di un acquanauta durante le prime fasi di Sealab III deposto alla profondità di 186 metri. 

Sealab II

Nel 1969 la Nasa, la Marina Militare Statunitense, il Ministero degli Interni Statunitense e la compagnia “General Electric” creano una partnership per studiare gli effetti sul comportamento umano della permanenza in ambienti ostili e per sviluppare ulteriormente l’uso delle miscele respiratorie subacquee. Il progetto “TEKTITE”  si articola in due fasi con la permanenza sul fondo alla profondità di 13 metri di gruppi di scienziati ospitati in un habitat costituito da due cilindri verticali lunghi circa 5 metri e del diametro di circa tre metri collegati tra loro ancorati sui fondali delle Isole Vergini. In totale 50 acquanauti si alterneranno nell’occupare l’habitat.

Durante la prima fase quattro scienziati rimarranno per due mesi sul fondo compiendo ricerche in campo geologico, biologico e biomedico. Nella seconda fase del progetto un  gruppo di sole donne, tra loro la famosa ricercatrice Sylvia Earle, viene selezionato per una serie di studi comportamentali. I risultati della ricerca forniranno importanti dati per capire meglio gli effetti dell’isolamento sugli equipaggi di missioni a lunga permanenza come, ad esempio, la stazione spaziale.

Hydrolab sul fondo

Nel 1968 un nuovo habitat “Hydro-Lab”, costruito dalla “Perry Ocenographics”, viene deposto alla profondità di circa 40 metri lungo la costa delle Isole Vergini. Costituito da un cilindro orizzontale lungo 5 metri e del diametro di 2,5 metri ospiterà centinaia di ricercatori e acquanauti che si alterneranno negli studi marini durante gli oltre dieci anni di vita del progetto. Nel giugno 1970 sei acquanauti stabiliscono un nuovo record di profondità passando sei giorni in un habitat a 160 metri nelle chiare acque delle isole Hawaii durante il progetto “AEGIR ”, dal nome del dio del mare norvegese. 

Robert Stenuit nel claustrofobico “cilindro di Link”

Dal fondo del mare verso lo spazio
Oggi esiste un solo habitat funzionante usato per scopi scientifici, “AQUARIUS” posato al largo della Florida ed usato dalla NASA come parte dell’addestramento degli astronauti che passano periodi di tre settimane alla profondità di circa 20 metri all’interno di una struttura cilindrica con uno spazio utile di circa 40 metri quadri, paragonabile a quello del modulo abitativo della stazione spaziale internazionale. Tra le attività principali ci sono le simulazioni delle “passeggiate spaziali” ed il montaggio di strutture meccaniche sul fondo. Negli anni una lunga serie di habitat subacquei hanno occupato il fondo dei mari per periodi più o meno lunghi sia per scopi scientifici che per finalità commerciali. Sono stati fatti molti passi dal claustrofobico cilindro di Link ad oggi, tuttavia il sogno di vivere permanentemente sul fondo del mare rimane confinato ai racconti di fantascienza. 

Forse in futuro le mutate condizioni ambientali, la necessità di trovare nuove risorse energetiche e nuove fonti di cibo, o semplicemente il desiderio di esplorare gli ancora sconosciuti abissi degli oceani stimoleranno nuove installazioni di habitat subacquei permanenti, con la speranza che questo renda l’Umanità più attenta e rispettosa dell’ambiente marino.

PAGINA PRINCIPALE - HOME PAGE

Giorgio Caramanna
geologo oceanografo

Giorgio Caramanna è un geologo italiano specializzato in idrogeologia e geochimica, con oltre quindici anni di esperienza come subacqueo scientifico in una varietà di ambienti e attività di ricerca. Svolge anche il ruolo di delegato nel Comitato europeo di immersioni subacquee. Ha lavorato come ricercatore presso molte istituzioni internazionali e ha esperienza multidisciplinare in diverse università. Ha fondato nel 2015 GeoAqua consulting con il desiderio di condividere la sua esperienza di ricercatore e subacqueo scientifico con il desiderio di sensibilizzare l’opinione pubblica sui principali problemi ambientali. È autore di oltre cinquanta articoli ed è revisore per riviste internazionali. Giorgio Caramanna, dal 2015, è anche collaboratore ed inviato dagli Stati Uniti di Ocean4future. Per maggiori dettagli sulle sue attività seguire il link.

 

print

(Visited 153 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

7 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share