If you save the Ocean You save the Planet

NO PLASTIC AT SEA

NO PLASTIC AT SEA

Petizione OCEAN4FUTURE

Titolo : Impariamo a ridurre le plastiche in mare

Salve a tutti- Noi crediamo che l'educazione ambientale in tutte le scuole di ogni ordine e grado sia un processo irrinunciabile. Crediamo che l'esempio valga più di mille parole. Siamo arrivati a oltre 4000 firme ma continuiamo con la speranza che la classe politica comprenda l'emergenza in cui siamo, speriamo con maggiore coscienza
seguite il LINK per firmare la petizione

Ultimi articoli

  Address: OCEAN4FUTURE

su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Guerra al narcotraffico in mare di Andrea Mucedola

livello elementare
.

ARGOMENTO: SICUREZZA MARITTIMA
PERIODO: ODIERNO
AREA: OVUNQUE
parole chiave: narcotraffico, criminalità organizzata, le vie della droga, Direzione Centrale per i Servizi Anti Droga

 

Cattura un semi-sommergibile carico di cocaina nell’Oceano Pacifico orientale nel 2009. LEDET 106 ha recuperato sei tonnellate di cocaina e arrestato quattro trafficanti di droga durante la missione. Courtesy Photo Marine Corps Recruit Depot, San Diego

Esistono guerre che non sono alla luce del sole, combattute da uomini e donne a rischio della loro vita per salvaguardare il nostro futuro. Negli ultimi trentanni il contrasto al contrabbando di stupefacenti in mare è diventato una priorità a livello mondiale che vede coinvolte da un lato le forze di polizia e militari dall’altro la criminalità organizzata in una lotta impari e senza esclusione di colpi. Scopriamo le attività in mare di questi eroi senza volto, le loro attività in campo nazionaleper contrastare i narcotrafficanti, sempre più dotati di mezzi sofisticati ed avanzati.

le vie della droga – da Limes

Le attività in campo nazionale
Al fine di ottimizzare la lotta al narcotraffico internazionale, nel 1991, in Italia fu istituita, con il decreto interministeriale 15 giugno 1991, la Direzione Centrale per i Servizi Anti Droga, composta da personale interforze, della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri e della Guardia di Finanza, nonché da personale dell’Amministrazione Civile dell’Interno. Le operazioni in mare sono coordinate con l’impiego dei mezzi delle forze dell’ordine, della Guardia di Finanza e, in certe occasioni, con il concorso del personale del Corpo delle Capitanerie di Porto che può legittimamente svolgere dette funzioni solo “entro determinati ambiti“ .

L’attività di prevenzione e repressione dei traffici contro la diffusione delle sostanze stupefacenti, si avvale anche del “sistema operativo integrato” del Corpo della Guardia di Finanza, che assolve l’importante compito di vigilanza in mare mediante la propria componente aeronavale. Il traffico di sostanze stupefacenti viene contrastato tramite attività investigative poste in essere dai Reparti Speciali, in primis lo S.C.I.C.O., dalle Sezioni G.O.A. dei Nuclei di polizia tributaria e dagli altri Reparti territoriali. Si tratta di una guerra senza frontiera in cui le forze di polizia, eroi silenziosi che vigilano sulla nostra sicurezza, operano contro un nemico occulto con radici transnazionali. L’azione di intercettazione dei traffici illeciti di droga si muove in stretta sinergia con le analoghe attività degli altri Stati, in particolare quelli europei e confinanti, con i quali si conducono investigazioni congiunte. Grazie agli accordi di cooperazione, le unità aeronavali della Guardia di finanza si spingono alla ricerca di natanti sospetti fino nell’Oceano Atlantico, attuando operazioni di polizia internazionali in una lotta ad alto rischio che riguarda la sicurezza e il benessere di tutti noi.

Una Joint task force contro un pericolo presente
In campo internazionale, nella apparentemente sonnolenta Key West, ultima cittadina delle Keys della Florida, ha sede il comando operativo della Interagency Task Force South, una task force multi-service e multi-agenzia con il compito di condurre operazioni marittime contro il traffico illecito di droghe con i mezzi aeronavali disponibili.

Tutto iniziò nell’ottobre 1989 quando il Dipartimento della Difesa statunitense (US DOD) attivò un’organizzazione complessa di rilevamento e monitoraggio dei traffici aerei e marittimi responsabili di introdurre narcotici negli Stati Uniti dai Paesi del Sud America. Furono istituiti tre comandi inter agenzia: la Joint Task Force FOUR (CJTF-4) a Key West, Forida, la  Joint Task Force FIVE di Alameda, Caifornia e la Joint Task Force 6 a El Paso, Texas per dirigere le operazioni  di sorveglianza anti-droga nelle aree di confine tra Atlantico, Caraibi, Pacifico e Messico. A seguito della direttiva presidenziale di Bill Clinton (nr 14 del 3 ottobre 1993) l’organizzazione venne sviluppata prevedendo un nuovo piano di comando e controllo delle forze. Il 7 aprile 1994, Lee Brown, direttore dell’ufficio per la politica nazionale antidroga, firmò il piano che portò alla costituzione di tre task force nazionali inter-agenziarie (JIATF East a Key West, Florida; JIATF South a Panama e JIATF West ad Alameda, in California).

A causa dell’aumento della minaccia caraibica, il 1 giugno 1997, il Comandante in Capo U.S. Southern Command allargò la sua area di responsabilità, includendo i Caraibi e le acque al confine con il Sud America, ed assumendo il comando e il controllo del JIATF East. Inoltre, in conformità al trattato del Canale di Panama del 1979 ed alla necessità di completare il ritiro militare a Panama entro la fine del 1999, fu deciso di riunire JIATF South e JIATF East in un’unica organizzazione. Il trasferimento della missione JIATF Sud nel JIATF fu completato il 1 maggio 1999. Furono cosi attivati dei Task Group ad hoc per il controllo delle risorse statunitensi ed alleate (francesi ed olandesi) sotto il comando e controllo operativo dello JIATF South.

La cooperazione internazionale fu garantita dalla presenza di Liaison Officer di quindici Paesi, tra cui Brasile, Canada, Chile, Colombia, Repubblica Dominicana, Ecuador, El Salvador, Francia, Honduras, Messico, Olanda, Panama, Perù, Spagna, Trinidad and Tobago e Gran Bretagna

operazione antidroga MAOC N

Parallelamente, dall’altra parte dell’oceano Atlantico, fu attivato  il 1 aprile 2006 il Centro di analisi e operazioni marittime (MAOC N), con sede a Lisbona, un’agenzia internazionale istituita per coordinare le azioni contro il narcotraffico da parte di diversi stati dell’Unione europea. L’accordo che ha stabilito il MAOC N afferma che il Centro deve fornire un forum per la cooperazione multilaterale per sopprimere il traffico illecito di droga via mare e via aerea. Le nazioni attualmente partecipanti alla coalizione sono Portogallo, Italia, Spagna, Regno Unito, Irlanda, Francia e Paesi Bassi. Il Centro si propone di sfruttare le notizie di Intelligence per ottimizzare l’impiego delle forze militari e/o di polizia più idonee a rispondere alle situazioni che si presentano.

La sua area di operazioni è l’Atlantico orientale, dal Capo di Buona Speranza nell’Africa australe al Mare norvegese. Il quartier generale di Lisbona è composto da funzionari di collegamento nazionali che rappresentano le autorità di polizia, doganali, militari e marittime delle nazioni europee partecipanti, e da un osservatore permanente degli Stati Uniti della Joint Interagency Task Force South (JIATF-S). Nei suoi primi sei mesi il MAOC portò a termine una ventina di operazioni, con dieci  sequestri per un totale di oltre 10 tonnellate di cocaina. In un’operazione nel giugno 2007, 840 chilogrammi di cocaina furono sequestrati a bordo di una nave battente bandiera brasiliana intercettata dalla marina francese. 

HMS abborda lo yacht Tortuga

Il 3 settembre 2010 la polizia britannica, con il concorso del HMS Gloucester della Royal Navy, recuperò circa 30 chili di cocaina che erano stati nascosti all’interno del timone dello yacht “Tortuga”. La Joint Task Force irlandese sull’interdizione della droga ha cooperato con MAOC e SOCA nell’operazione Sea Bight che ha intercettato una cospicua partita di cocaina al largo delle coste irlandesi. In sintesi, nei suoi primi quattro  anni di attività, MAOC (N) ha sostenuto il sequestro di oltre cinquanta tonnellate di cocaina e oltre quaranta tonnellate di cannabis.

Queste due organizzazioni, poste da una parte all’altra dell’Atlantico, sono in prima linea in questa guerra senza fine contro un nemico che, come vedremo, dispone di mezzi tecnologicamente avanzati.

Aree di operazioni

La lotta al narcotraffico in mare nell’Oceano  Atlantico si svolge su oltre sei milioni di miglia quadrate di mare; per capirci, un’area più grande delle dimensioni degli Stati Uniti, dove i contrabbandieri appartenenti a potenti organizzazioni criminali con connessioni internazionali, trasportano il loro carico di morte destinato allo spaccio principalmente ai mercati illeciti dei paesi occidentali utilizzando, come vedremo, mezzi sempre più sofisticati. In questi  ultimi anni, dopo la marijuana, la cocaina è diventata la seconda droga illegale più utilizzata negli Stati Uniti. Questo commercio di morte ha creato un’emergenza sociale che va a minare lo sviluppo civile delle società ed alimenta, in un ciclo perverso, attività criminali e terroristiche in tutto il mondo. Purtroppo ogni anno milioni di dollari di cocaina entrano in Europa, e la maggior parte arrivano per mare provenienti dall’altra parte dell’Oceano Atlantico. Sebbene alcune Marine militari e le forze di polizia abbiano il potere di fermare i trafficanti in quelle zone geografiche di produzione primaria, la ricerca ed individuazione dei siti non è semplice; spesso si tratta di trovare un ago in un pagliaio o, meglio, in una giungla

Nel 2009, la guardia costiera americana sequestrò 160 tonnellate di cocaina ai trafficanti che utilizzavano una varietà di mezzi diversi: da pescherecci a barche a vela da diporto, da piccole e veloci imbarcazioni, chiamate “go fasts“, a mezzi simili ai sommergibili. Per meglio comprendere il problema dobbiamo pensare che non si tratta di contrastare dei piccoli gruppi criminali. I contrabbandieri sono ben organizzati e strutturati in formazioni paramilitari. Per i trasporto della droga, essi impiegano navi logistiche di appoggio e di rifornimento che comunicano tra loro tramite trasmissioni radio cifrate. In particolare hanno il vantaggio non trascurabile di poter acquistare, grazie alle ingenti somme di denaro in loro possesso, quello che vogliono sul mercato. Non solo mezzi terrestri ma anche mezzi subacquei e di superficie sempre più sofisticati. Tra di essi i mezzi definiti semi-sommergibili; mezzi di  superficie con capacità di navigare a pelo dell’acqua, che prendono spunto dalle più moderne tecnologie militari stealth per ridurre al minimo la loro superficie radar equivalente e quindi rendersi più difficilmente scopribili dai pattugliatori delle forze dell’ordine.

Il problema non è concentrato nell’America centrale. Il traffico di stupefacenti avviene anche negli altri oceani dove task force aeronavali, come il CTF 150, di base in Bahrain, operano con compiti di polizia dell’alto mare. Il 24 gennaio 2018, la Combined Task Force 150, parte delle Combined Maritime Forces (CMF), hanno permesso nell’Oceano Indiano il sequestro di834 sacchi di eroina del peso di 915 chilogrammi.

Questa è la quarta confisca di farmaci negli ultimi mesi (n.d.r. del 2018) da parte del CTF 150. il Comando navale è attualmente sotto leadership australiana con uno staff australiano e canadese. L’area dell’Oceano Indiano è purtroppo attraversata da importanti vie della droga provenienti dall’Iran e dal Pakistan. Una minaccia globale contro un nemico senza scrupoli e in possesso di grandi disponibilità che va ad alimentare le casse di organizzazioni criminali e terroristiche. 

Una lotta senza fine
Il male antico della droga continua a viaggiare per mare, sfruttando le rotte oceaniche. Le forze dell’ordine e le marine militari sono in prima linea in quella che possiamo definire una guerra mondiale al narcotraffico. Operazioni importanti sono state e vengono condotte da ambedue le sponde del Atlantico e dell’Indiano in una guerra senza fine che può essere vinta solo con una stretta collaborazione internazionale. La repressione deve essere accompagnata da un’azione educativa al fine di preservare le nuove e vecchie generazioni da falsi miti che non danno libertà ma solo nuove schiavitù.

 

PAGINA PRINCIPALE

print

(Visited 405 times, 1 visits today)
Share

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Legenda

Legenda

livello elementare articoli per tutti

livello medio articoli che richiedono conoscenze avanzate

livello difficile articoli specialistici

Translate:

Traduzione

La traduzione dei testi è fornita da Google translator in 37 lingue diverse. Non si assumono responsabilità sulla qualità della stessa

La riproduzione, anche parziale, a fini di lucro e la pubblicazione e qualunque altro utilizzo del presente articolo e delle immagini contenute è sempre soggetta ad autorizzazione da parte dell’autore che può essere contattato tramite

infoocean4future@gmail.com


If You Save the Ocean
You Save Your Future

OCEAN4FUTURE

Salve a tutti. Permettimi di presentare in breve questo sito. OCEAN4FUTURE è un portale, non giornalistico, che pubblica articoli e post di professionisti e accademici che hanno aderito ad un progetto molto ambizioso: condividere la cultura del mare in tutte le sue forme per farne comprendere la sua importanza.

Affrontiamo ogni giorno tematiche diverse che vanno dalla storia alle scienze, dalla letteratura alle arti.
Gli articoli e post pubblicati rappresentano l’opinione dei nostri autori e autrici (non necessariamente quella della nostra redazione), sempre nel pieno rispetto della libertà di opinione di tutti.
La redazione, al momento della ricezione degli stessi, si riserva di NON pubblicare eventuale materiale ritenuto da un punto di vista qualitativo non adeguato e/o non in linea per gli scopi del portale. Grazie di continuare a seguirci e condividere i nostri articoli sulla rete.

Andrea Mucedola
Direttore OCEAN4FUTURE

Chi c'é online

10 visitatori online

Ricerca multipla

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Filter by Categories
Archeologia
Associazioni per la cultura del mare
Astronomia e Astrofisica
Biologia
Cartografia e nautica
Chi siamo
Conoscere il mare
Didattica
disclaimer
Ecologia
Emergenze ambientali
Fotografia
Geologia
geopolitica
Gli uomini dei record
I protagonisti del mare
Il mondo della vela
L'immersione scientifica
La pesca
La pirateria
La subacquea ricreativa
Lavoro subacqueo - OTS
Le plastiche
Malacologia
Marina mercantile
Marine militari
marine militari
Materiali
Medicina subacquea
Meteorologia e stato del mare
Normative
Ocean for future
OCEANO
Oceanografia
per conoscerci
Pesca non compatibile
Programmi
Prove
Recensioni
Relitti Subacquei
Reportage
SAVE THE OCEAN BY OCEANDIVER campaign 4th edition
Scienze del mare
Sicurezza marittima
Storia della subacquea
Storia Navale
subacquea
Subacquei militari
Sviluppi della scienza
Sviluppo compatibile
Tecnica
Uncategorized
Uomini di mare
Video

For English readers

 


Do you like what you read and see on our site? OCEAN4FUTURE is a free blog, totally  independent, followed by million of people every year. Although mostly written in Italian Language,  ALL posts may be read in English, and other 36 languages.


We consistently publish Ocean news and perspectives from around the World that you may don’t get anywhere else, and we want to be able to provide you an unfattered reading.

Support us sharing our post links with your friends and, please consider a one-time donation in any amount you choose using one of the donation link in the portal.

Thanks  and stay with us.

OCEAN4FUTURE

 i nodi fondamentali

I nodi fanno parte della cultura dei marinai ... su Amazon puoi trovare molti libri sul mare e sulla sua cultura :) clicca sull'immagine ed entra in un nuovo mondo :)

Follow me on Twitter – Seguimi su Twitter

Tutela della privacy – Quello che dovete sapere

Share